PROGRAMMA 2021

  • Sort Portfolio:
  • All
  • Art & Experimental Film
  • Cinema Privato. Luca Ferro
  • Home Movie Day. Ferrania
  • Maya Deren. Amateur is a Lover
  • Patrizia Vicinelli
  • Péter Forgács. Hidden Histories
  • Recycled Cinema
  • Super8
  • Verso il centenario del Pathè Baby
array(53) {
  ["type"]=>
  string(8) "standard"
  ["masonry_space"]=>
  string(2) "no"
  ["pinterest_space"]=>
  string(2) "no"
  ["hover_type"]=>
  string(13) "default_hover"
  ["pinterest_hover_type"]=>
  string(0) ""
  ["portfolio_loading_type"]=>
  string(0) ""
  ["parallax_item_speed"]=>
  string(3) "0.3"
  ["parallax_item_offset"]=>
  string(1) "0"
  ["box_border"]=>
  string(0) ""
  ["box_background_color"]=>
  string(0) ""
  ["box_border_color"]=>
  string(0) ""
  ["box_border_width"]=>
  string(0) ""
  ["columns"]=>
  string(1) "3"
  ["image_size"]=>
  string(9) "landscape"
  ["order_by"]=>
  string(8) "post__in"
  ["order"]=>
  string(3) "ASC"
  ["number"]=>
  string(2) "-1"
  ["filter"]=>
  string(3) "yes"
  ["filter_position"]=>
  string(3) "top"
  ["filter_order_by"]=>
  string(4) "name"
  ["disable_filter_title"]=>
  string(2) "no"
  ["filter_title_text"]=>
  string(0) ""
  ["filter_align"]=>
  string(12) "center_align"
  ["disable_link"]=>
  string(2) "no"
  ["lightbox"]=>
  string(2) "no"
  ["show_like"]=>
  string(2) "no"
  ["category"]=>
  string(0) ""
  ["selected_projects"]=>
  string(216) "775,692,712,781,783,787,789,793,795,797,800,802,804,809,818,820,830,849,886,757,931,933,935,937,939,941,943,945,948,950,1017,1020,1023,1025,1030,1033,954,957,1036,1040,1044,1046,1049,1042,1101,770,1113,1126,1135,1131"
  ["show_load_more"]=>
  string(2) "no"
  ["title_tag"]=>
  string(2) "h4"
  ["title_font_size"]=>
  string(0) ""
  ["text_align"]=>
  string(0) ""
  ["row_height"]=>
  string(0) ""
  ["justify_last_row"]=>
  string(9) "nojustify"
  ["justify_threshold"]=>
  float(0.75)
  ["edition"]=>
  string(13) "edizione-2021"
  ["thisObject"]=>
  object(Stockholm\Shortcodes\PortfolioList\PortfolioList)#6811 (1) {
    ["base":"Stockholm\Shortcodes\PortfolioList\PortfolioList":private]=>
    string(14) "portfolio_list"
  }
  ["portfolio_qode_like"]=>
  string(3) "off"
  ["portfolio_list_hide_category"]=>
  bool(false)
  ["portfolio_filter_class"]=>
  string(17) "without_separator"
  ["filter_title"]=>
  string(15) "Sort Portfolio:"
  ["_type_class"]=>
  string(9) " standard"
  ["_portfolio_space_class"]=>
  string(39) "portfolio_with_space portfolio_standard"
  ["_portfolio_masonry_with_space_class"]=>
  string(0) ""
  ["_portfolio_masonry_class"]=>
  string(0) ""
  ["_loading_class"]=>
  string(0) ""
  ["filter_position_class"]=>
  array(1) {
    [0]=>
    string(24) "qode-filter-position-top"
  }
  ["thumb_size_class"]=>
  string(25) "portfolio_landscape_image"
  ["portfolio_box_style"]=>
  string(0) ""
  ["portfolio_description_class"]=>
  string(0) ""
  ["query_results"]=>
  object(WP_Query)#16718 (51) {
    ["query"]=>
    array(7) {
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["post_type"]=>
      string(14) "portfolio_page"
      ["orderby"]=>
      string(8) "post__in"
      ["order"]=>
      string(3) "ASC"
      ["posts_per_page"]=>
      string(2) "-1"
      ["paged"]=>
      int(1)
      ["post__in"]=>
      array(50) {
        [0]=>
        string(3) "775"
        [1]=>
        string(3) "692"
        [2]=>
        string(3) "712"
        [3]=>
        string(3) "781"
        [4]=>
        string(3) "783"
        [5]=>
        string(3) "787"
        [6]=>
        string(3) "789"
        [7]=>
        string(3) "793"
        [8]=>
        string(3) "795"
        [9]=>
        string(3) "797"
        [10]=>
        string(3) "800"
        [11]=>
        string(3) "802"
        [12]=>
        string(3) "804"
        [13]=>
        string(3) "809"
        [14]=>
        string(3) "818"
        [15]=>
        string(3) "820"
        [16]=>
        string(3) "830"
        [17]=>
        string(3) "849"
        [18]=>
        string(3) "886"
        [19]=>
        string(3) "757"
        [20]=>
        string(3) "931"
        [21]=>
        string(3) "933"
        [22]=>
        string(3) "935"
        [23]=>
        string(3) "937"
        [24]=>
        string(3) "939"
        [25]=>
        string(3) "941"
        [26]=>
        string(3) "943"
        [27]=>
        string(3) "945"
        [28]=>
        string(3) "948"
        [29]=>
        string(3) "950"
        [30]=>
        string(4) "1017"
        [31]=>
        string(4) "1020"
        [32]=>
        string(4) "1023"
        [33]=>
        string(4) "1025"
        [34]=>
        string(4) "1030"
        [35]=>
        string(4) "1033"
        [36]=>
        string(3) "954"
        [37]=>
        string(3) "957"
        [38]=>
        string(4) "1036"
        [39]=>
        string(4) "1040"
        [40]=>
        string(4) "1044"
        [41]=>
        string(4) "1046"
        [42]=>
        string(4) "1049"
        [43]=>
        string(4) "1042"
        [44]=>
        string(4) "1101"
        [45]=>
        string(3) "770"
        [46]=>
        string(4) "1113"
        [47]=>
        string(4) "1126"
        [48]=>
        string(4) "1135"
        [49]=>
        string(4) "1131"
      }
    }
    ["query_vars"]=>
    array(68) {
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["post_type"]=>
      string(14) "portfolio_page"
      ["orderby"]=>
      string(8) "post__in"
      ["order"]=>
      string(0) ""
      ["posts_per_page"]=>
      int(-1)
      ["paged"]=>
      int(1)
      ["post__in"]=>
      array(50) {
        [0]=>
        int(775)
        [1]=>
        int(692)
        [2]=>
        int(712)
        [3]=>
        int(781)
        [4]=>
        int(783)
        [5]=>
        int(787)
        [6]=>
        int(789)
        [7]=>
        int(793)
        [8]=>
        int(795)
        [9]=>
        int(797)
        [10]=>
        int(800)
        [11]=>
        int(802)
        [12]=>
        int(804)
        [13]=>
        int(809)
        [14]=>
        int(818)
        [15]=>
        int(820)
        [16]=>
        int(830)
        [17]=>
        int(849)
        [18]=>
        int(886)
        [19]=>
        int(757)
        [20]=>
        int(931)
        [21]=>
        int(933)
        [22]=>
        int(935)
        [23]=>
        int(937)
        [24]=>
        int(939)
        [25]=>
        int(941)
        [26]=>
        int(943)
        [27]=>
        int(945)
        [28]=>
        int(948)
        [29]=>
        int(950)
        [30]=>
        int(1017)
        [31]=>
        int(1020)
        [32]=>
        int(1023)
        [33]=>
        int(1025)
        [34]=>
        int(1030)
        [35]=>
        int(1033)
        [36]=>
        int(954)
        [37]=>
        int(957)
        [38]=>
        int(1036)
        [39]=>
        int(1040)
        [40]=>
        int(1044)
        [41]=>
        int(1046)
        [42]=>
        int(1049)
        [43]=>
        int(1042)
        [44]=>
        int(1101)
        [45]=>
        int(770)
        [46]=>
        int(1113)
        [47]=>
        int(1126)
        [48]=>
        int(1135)
        [49]=>
        int(1131)
      }
      ["error"]=>
      string(0) ""
      ["m"]=>
      string(0) ""
      ["p"]=>
      int(0)
      ["post_parent"]=>
      string(0) ""
      ["subpost"]=>
      string(0) ""
      ["subpost_id"]=>
      string(0) ""
      ["attachment"]=>
      string(0) ""
      ["attachment_id"]=>
      int(0)
      ["name"]=>
      string(0) ""
      ["pagename"]=>
      string(0) ""
      ["page_id"]=>
      int(0)
      ["second"]=>
      string(0) ""
      ["minute"]=>
      string(0) ""
      ["hour"]=>
      string(0) ""
      ["day"]=>
      int(0)
      ["monthnum"]=>
      int(0)
      ["year"]=>
      int(0)
      ["w"]=>
      int(0)
      ["category_name"]=>
      string(0) ""
      ["tag"]=>
      string(0) ""
      ["cat"]=>
      string(0) ""
      ["tag_id"]=>
      string(0) ""
      ["author"]=>
      string(0) ""
      ["author_name"]=>
      string(0) ""
      ["feed"]=>
      string(0) ""
      ["tb"]=>
      string(0) ""
      ["meta_key"]=>
      string(0) ""
      ["meta_value"]=>
      string(0) ""
      ["preview"]=>
      string(0) ""
      ["s"]=>
      string(0) ""
      ["sentence"]=>
      string(0) ""
      ["title"]=>
      string(0) ""
      ["fields"]=>
      string(0) ""
      ["menu_order"]=>
      string(0) ""
      ["embed"]=>
      string(0) ""
      ["category__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["category__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["category__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["post__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_name__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag_slug__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag_slug__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_parent__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_parent__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["author__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["author__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tax_query"]=>
      array(1) {
        [0]=>
        array(4) {
          ["taxonomy"]=>
          string(8) "language"
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
          ["terms"]=>
          int(39)
          ["operator"]=>
          string(2) "IN"
        }
      }
      ["update_post_term_cache"]=>
      bool(true)
      ["ignore_sticky_posts"]=>
      bool(false)
      ["suppress_filters"]=>
      bool(false)
      ["cache_results"]=>
      bool(true)
      ["lazy_load_term_meta"]=>
      bool(true)
      ["update_post_meta_cache"]=>
      bool(true)
      ["nopaging"]=>
      bool(true)
      ["comments_per_page"]=>
      string(2) "50"
      ["no_found_rows"]=>
      bool(false)
      ["taxonomy"]=>
      string(8) "language"
      ["term_id"]=>
      int(39)
    }
    ["tax_query"]=>
    object(WP_Tax_Query)#16720 (6) {
      ["queries"]=>
      array(1) {
        [0]=>
        array(5) {
          ["taxonomy"]=>
          string(8) "language"
          ["terms"]=>
          array(1) {
            [0]=>
            int(39)
          }
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
          ["operator"]=>
          string(2) "IN"
          ["include_children"]=>
          bool(true)
        }
      }
      ["relation"]=>
      string(3) "AND"
      ["table_aliases":protected]=>
      array(1) {
        [0]=>
        string(21) "aa_term_relationships"
      }
      ["queried_terms"]=>
      array(1) {
        ["language"]=>
        array(2) {
          ["terms"]=>
          array(1) {
            [0]=>
            int(39)
          }
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
        }
      }
      ["primary_table"]=>
      string(8) "aa_posts"
      ["primary_id_column"]=>
      string(2) "ID"
    }
    ["meta_query"]=>
    object(WP_Meta_Query)#16719 (9) {
      ["queries"]=>
      array(0) {
      }
      ["relation"]=>
      NULL
      ["meta_table"]=>
      NULL
      ["meta_id_column"]=>
      NULL
      ["primary_table"]=>
      NULL
      ["primary_id_column"]=>
      NULL
      ["table_aliases":protected]=>
      array(0) {
      }
      ["clauses":protected]=>
      array(0) {
      }
      ["has_or_relation":protected]=>
      bool(false)
    }
    ["date_query"]=>
    bool(false)
    ["request"]=>
    string(774) "SELECT   aa_posts.* FROM aa_posts  LEFT JOIN aa_term_relationships ON (aa_posts.ID = aa_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND aa_posts.ID IN (775,692,712,781,783,787,789,793,795,797,800,802,804,809,818,820,830,849,886,757,931,933,935,937,939,941,943,945,948,950,1017,1020,1023,1025,1030,1033,954,957,1036,1040,1044,1046,1049,1042,1101,770,1113,1126,1135,1131) AND ( 
  aa_term_relationships.term_taxonomy_id IN (39)
) AND aa_posts.post_type = 'portfolio_page' AND ((aa_posts.post_status = 'publish')) GROUP BY aa_posts.ID ORDER BY FIELD(aa_posts.ID,775,692,712,781,783,787,789,793,795,797,800,802,804,809,818,820,830,849,886,757,931,933,935,937,939,941,943,945,948,950,1017,1020,1023,1025,1030,1033,954,957,1036,1040,1044,1046,1049,1042,1101,770,1113,1126,1135,1131) "
    ["posts"]=>
    array(50) {
      [0]=>
      object(WP_Post)#16667 (24) {
        ["ID"]=>
        int(775)
        ["post_author"]=>
        string(1) "1"
        ["post_date"]=>
        string(19) "2021-09-03 11:04:24"
        ["post_date_gmt"]=>
        string(19) "2021-09-03 09:04:24"
        ["post_content"]=>
        string(2963) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Dal 1° al 30 Settembre | Bologna [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Patrizia Vicinelli sui muri di Bologna, tra le vite che si succedono - senza tregua - per le strade della sua città.
Dal 1° al 30 settembre la poesia di Patrizia Vicinelli risuonerà anche negli spazi urbani della città grazie all’affissione di poster di CHEAP in 19 bacheche sparse nelle strade di Bologna saranno visibili manifesti con parole e immagini tratte dai testi dell’autrice nello spirito di una poesia in transito che celebra l’epica e l’etica della viandanza cara alla poeta.   All'interno del progetto Patrizia Vicinelli – In Transito (a cura di Giulia Simi, Università di Sassari).[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]STRADA MAGGIORE GRANDE Soltanto l'amore soltanto l'amore da ogni paura ti libererà Patrizia Vicinelli, Cenerentola (1978)   SAN VITALE un desiderio di felicità La forza d'ottener la libertà. Patrizia Vicinelli, Cenerentola (1977-78)   VIA D'AZEGLIO Non c’è arrivo non c’è sosta non c’è partenza, ma il succedersi senza tregua Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   VIA CA' SELVATICA La memoria è la trama dell'universo / La memoria è il trauma dell'universo Patrizia Vicinelli, diario (1969-70)   VIA SANT'APOLLONIA Durante la costa dei millenni Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   NAZARIO SAURO La coincidenza dell'essere Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   VIA SANT'ISAIA Hai sparso sorriso e io sono virgola Patrizia Vicinelli, La premessa è (1964)   BACHECA VIA DELL'ABBADIA Patrizia Vicinelli, Apotheosys of schizoid woman (1969-70)     Ogni bacheca è provvista di QR Code. Scansionandolo accederai alla selezione d'archivio online di Archivio Aperto dedicata a Patrizia Vicinelli.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(55) "Patrizia Vicinelli
Poster Art
CHEAP FESTIVAL" ["post_excerpt"]=> string(121) "La poesia di Patrizia Vicinelli per le strade di Bologna. Un progetto di Poster Art in collaborazione con Cheap Festival." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(44) "patrizia-vicinelli-poster-art-cheap-festival" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-28 16:48:27" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-28 14:48:27" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=775" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [1]=> object(WP_Post)#16666 (24) { ["ID"]=> int(692) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-08-01 18:28:31" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-08-01 16:28:31" ["post_content"]=> string(5643) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
"Non c’è arrivo non c’è sosta non c’è partenza, ma il succedersi senza tregua"
Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere    Poeta, performer, artista, filmmaker sperimentale bolognese: a trent’anni dalla sua scomparsa, Archivio Aperto celebra la poesia di Patrizia Vicinelli (1943-1991) con Patrizia Vicinelli - In transito, un progetto composito curato da Giulia Simi dedicato alla ri-scoperta della sua figura, tra eventi, proiezioni, letture ed esposizioni.   Evento di apertura della XIV edizione di Archivio Aperto, Patrizia Vicinelli - In transito avrà inizio giovedì 2 settembre al Teatro Comunale di Bologna quando le sue immagini, la sua voce e le sue parole incontreranno dal vivo la tromba di Paolo Fresu, uno dei più noti jazzisti a livello internazionale. Una sonorizzazione inedita durante la quale sarà visibile, per la prima volta a colori, l’opera Apotheosys of schizoid woman, una plaquette di poesia visuale realizzata tra il 1969 e il 1970 durante l'esilio della poetessa in Marocco e pubblicata nel 1979 in bianco e nero sulla rivista d’avanguardia «Tau/ma», fondata e diretta da Mario Diacono e Claudio Parmiggiani. La plaquette riemerge grazie a uno scavo d’archivio che ha portato alla luce 27 diapositive realizzate con il compagno Gianni Castagnoli e si espande nella sua ricchezza poliedrica di segni e materie: il tratto grafico, il collage, il prelievo da quotidiani, le riviste, i telegrammi, le scatole di medicinali convivono con le fotografie di famiglia e il pensiero di Vicinelli.    Alla plaquette si intrecceranno immagini inedite provenienti dagli archivi filmici di Home Movies – una pellicola Super8 degli anni Settanta e un estratto della video performance Non sempre ricordano (1987), entrambi girati da Castagnoli – e le fotografie di Alberto Grifi, custodite dall’omonima associazione. Non è la prima volta che le parole di Vicinelli e la tromba di Fresu si incontrano: i due, realizzarono nel 1989 lo spettacolo Majakovskij il Tredicesimo apostolo, un concerto per voci e tromba poi pubblicato in CD dall’etichetta Cramps Records, oggi introvabile.     La prenotazione allo spettacolo è obbligatoria e i posti sono limitati. Puoi acquistare il tuo biglietto nei circuiti Vivaticket a questo link. La vendita dal vivo avverrà solo il 2 settembre, direttamente al Teatro Comunale di Bologna, a partire dalle ore 18. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
  Patrizia Vicinelli – In transito   Un progetto di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia Nell’ambito di Archivio Aperto 2021 e di Bologna Estate 2021, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna - Destinazione Turistica.   Con il sostegno di Comune di Bologna, Regione Emilia Romagna, MiC. In collaborazione con Comunicamente, Kiné, Cheap, Associazione Alberto Grifi, Patto per la Lettura, Inosservanza – Archivio Zeta, Istituto Parri. Con il contributo di Unipol, Coop Fond, Lavoropiù.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(67) "Opening Archivio Aperto 2021
Patrizia Vicinelli – In transito" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(30) "patrizia-vicinelli-in-transito" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-30 17:25:55" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 15:25:55" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=692" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [2]=> object(WP_Post)#16665 (24) { ["ID"]=> int(712) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-08-26 15:02:03" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-08-26 13:02:03" ["post_content"]=> string(2546) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Venerdì 3 Settembre, 17:30 | Biblioteca Stabat Mater
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Ci ha raggiunto l’ora di cambiare le parti. Trasgressiva e magmatica: la poesia di Patrizia Vicinelli
  Nella sala Stabat Mater, all'interno della Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna, Niva Lorenzini, docente di poesia italiana del Novecento e tra le maggiori studiose dell’opera di Vicinelli, darà vita a una lecture che ricostruisce e analizza l’opera rivoluzionaria della poeta.   Nelle pagine di Patrizia Vicinelli si riversa un materiale che pulsa e esplode oltre i margini della pagina, sconfinando verso una gestualità e un'oralità sottoposte a ritmo di morte e rinascita, in trasformazione incessante. – Niva Lorenzini, prefazione al volume Patrizia Vicinelli: Non sempre ricordano. Poesia, prosa, performance (a cura di Cecilia Bello Minciacchi, Le Lettere, 2009).     Niva Lorenzini è docente di poesia italiana del Novecento e tra le maggiori studiose dell'opera di Patrizia Vicinelli, a cui ha dedicato numerose pubblicazioni. Direttrice del corso di laurea DAMS dell'Università di Bologna nel triennio 2004-2007 e direttrice del Dipartimento di Italianistica dal 2008 al 2011, ha tenuto lezioni e conferenze presso numerose università straniere. E' nei comitati direttivi dell'Istituto Gramsci di Bologna e dell'Associazione degli Italianisti (ADI). Fa parte della redazione di numerose riviste, tra cui «Il verri». Tra le sue pubblicazioni, La poesia: tecniche di ascolto. Ungaretti, Rosselli, Sereni, Zanzotto, Sanguineti, Porta (Manni, 2003); Dire il silenzio: la poesia di Andrea Zanzotto (Carocci, 2014); La poesia italiana del Novecento (Il Mulino, terza edizione 2018).  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(25) "Lecture di Niva Lorenzini" ["post_excerpt"]=> string(202) "Niva Lorenzini, docente di poesia italiana del Novecento e tra le maggiori studiose dell’opera di Vicinelli, darà vita a una lecture che ricostruisce e analizza l’opera rivoluzionaria della poeta. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "lecture-di-niva-lorenzini" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-20 09:46:46" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-20 07:46:46" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=712" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [3]=> object(WP_Post)#16664 (24) { ["ID"]=> int(781) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 10:22:30" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 08:22:30" ["post_content"]=> string(2325) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h00 - proiezione live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, Bo
Dal 16 settembre al 7 novembre | su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Meshes of the Afternoon è il mio punto di partenza [...] In un modo tale che non fu tanto scoprire un nuovo medium quanto arrivare finalmente a casa, in un mondo il cui vocabolario, sintassi, grammatica erano la mia lingua madre; che capivo e in cui pensavo.  
Girato in muto - la colonna sonora composta da Teiji Ito è stata aggiunta nel 1959 - Meshes of the Afternoon è un ansiogeno e surreale ritratto delle sfaccettature interiori di un individuo: associazioni nevrotiche, giochi di ombre e specchi esplorano come mai prima i fantasmi della psiche e dell’identità - sessualità compresa - femminile. Uno psicodramma poetico la cui narrazione centripeta si modella sui movimento degli alter ego della regista - in un continuo richiamo extra corporeo tra il sé e l’Altro - all’interno di uno spazio domestico soffocante. Un inseguimento ossessivo che termina con una liberazione, dalla quale emerge la sua esperienza soggettiva del mondo e il desiderio di rivendicazione del potere femminile.    
  La prenotazione per la serata dal vivo è gratuita ma obbligatoria: prenota il tuo posto all’interno dei circuiti Eventbrite. Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.   In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(23) "Meshes of the Afternoon" ["post_excerpt"]=> string(173) "Uno psicodramma poetico e surreale ritratto sulle sfaccettature dell'identità femminile: Meshes of the Afternoon è il primo film del cinema sperimentale americano moderno." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(23) "meshes-of-the-afternoon" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:42:02" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:42:02" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=781" ["menu_order"]=> int(4) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [4]=> object(WP_Post)#16663 (24) { ["ID"]=> int(783) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 10:16:18" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 08:16:18" ["post_content"]=> string(2604) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h00 – sonorizzazione live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre – versione originale | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Quello che faccio con i miei film..Io credo che siano i film di una donna, e penso che la loro specifica qualità temporale sia la qualità del tempo di una donna.  
At Land è una narrazione onirica in cui un personaggio femminile - interpretato dalla regista - si ritrova improvvisamente su una spiaggia per compiere un viaggio, un détour alla ricerca della propria identità, incontrando altre persone e diverse versioni di sé. Depositata in riva al mare dalle onde, i cui moti sono governati da leggi contrarie, Deren si alza per addentrarsi nel mondo terreno: alternando spazi anacronistici, il subconscio della protagonista si trova costretto a fare i conti con la miope visione maschile che domina la società e il sistema cinematografico dominante.     Il film nasce intenzionalmente senza audio. Lo presentiamo live alle Serre dei Giardini Margherita in una versione sonorizzata dalle musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) all'interno del progetto SOUND IN TRANSFIGURED TIME, in una libera ispirazione al mondo onirico e surreale di Maya Deren.    
  La prenotazione per la serata dal vivo è gratuita ma obbligatoria: prenota il tuo posto all'interno dei circuiti Eventbrite. Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.   In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(7) "At Land" ["post_excerpt"]=> string(144) "Una narrazione onirica in cui una donna - Maya Deren - si ritrova su una spiaggia, per compiere un viaggio alla ricerca della propria identità." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(7) "at-land" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:44:45" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:44:45" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=783" ["menu_order"]=> int(7) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [5]=> object(WP_Post)#16662 (24) { ["ID"]=> int(787) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 10:50:31" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 08:50:31" ["post_content"]=> string(2909) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h30 – sonorizzazione live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre – versione originale | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Sempre più ho iniziato a pensare di lavorare con il movimento formalizzato, stilizzato della danza, di portare il danzatore fuori dal teatro e di dargli il mondo come palcoscenico.
  A Study in Choreography for Camera segna, secondo la critica, la nascita del «coreocinema»: Maya Deren indaga e studia il rapporto diretto tra movimento - protagonista assoluto - spazio e macchina da presa insieme al ballerino e coreografo Talley Beatty, in un aspaziale e atemporale moto perpetuo reso da precise tecniche di ripresa e montaggio. La Bolex 16mm ruota di 360 gradi in “fraseggi” - così come li definisce Deren - divenendo essa stessa partner di Beatty e  la collaborazione tra regista e interprete è estremamente intensa:  in soli tre minuti i due hanno la capacità di liberare il corpo umano dai confini del reale, tra interno ed esterno, esplorando nuove possibilità di percezione.     
Il film nasce intenzionalmente senza audio. Lo presentiamo live alle Serre dei Giardini Margherita in una versione sonorizzata dalle musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) all’interno del progetto SOUND IN TRANSFIGURED TIME, in una libera ispirazione al mondo onirico e surreale di Maya Deren.    
  La prenotazione per la serata dal vivo è gratuita ma obbligatoria: prenota il tuo posto all’interno dei circuiti Eventbrite. Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.   In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(34) "A Study in Choreography for Camera" ["post_excerpt"]=> string(133) "Una danza aspaziale e atemporale tra il ballerino Talley Beatty e la cinepresa di Maya Deren, nel primo esperimento di coreocinema. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(34) "a-study-in-choreography-for-camera" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:45:20" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:45:20" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=787" ["menu_order"]=> int(8) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [6]=> object(WP_Post)#16661 (24) { ["ID"]=> int(789) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 10:58:19" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 08:58:19" ["post_content"]=> string(2355) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h30 – sonorizzazione live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre – versione originale | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La fluidità sperimentata in A Study in Choreography for Camera accresce in Ritual in Transfigured Time, quarto film di Maya Deren. L’illusione del moto costante non è più data dalla danza della cinepresa ma dal silenzioso inseguire e galleggiare di Rita Christiani (anch’essa ballerina) che da un rituale domestico passa a una scena di festa, una danza ipnotica seguita da una caduta perpetua nel mondo marino. Definito «trance-film» da Paul Adams Sitney, il film è orchestrato sui movimenti di interazione di Christiani con gli altri personaggi - Deren compresa - anch’essi ballerini, in «un rituale cinematografico che si ottiene non solo in termini spaziali, ma in termini di un Tempo creato dalla cinepresa».     Il film nasce intenzionalmente senza audio. Lo presentiamo live alle Serre dei Giardini Margherita in una versione sonorizzata dalle musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) all’interno del progetto SOUND IN TRANSFIGURED TIME, in una libera ispirazione al mondo onirico e surreale di Maya Deren.     In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "Ritual in Transfigured Time" ["post_excerpt"]=> string(155) "La cinepresa di Deren segue silenziosa l’avanzare fluttuante della ballerina Rita Christiani, in un rituale in cui tempo e spazio avanzano mutevolmente. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "ritual-in-transfigured-time" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:46:32" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:46:32" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=789" ["menu_order"]=> int(9) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [7]=> object(WP_Post)#16660 (24) { ["ID"]=> int(793) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 13:34:12" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 11:34:12" ["post_content"]=> string(2283) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Venerdì 17 settembre, 20h30 – live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Stan Brakhage lo ha definito uno dei film più personali di Maya Deren: «She is the camera, she’s moving, she’s breathing in relation to this dancer». In Meditation on Violence la cinepresa di Maya Deren trova la propria guida nel gesto performativo del boxeur cinese Chao Li Chi, in una performance che vede l’alternarsi degli allenamenti tradizionali delle scuole Wu-Tang e Shao-Lin. Una meditazione metafisica che si realizza attraverso la forma, intesa come un tutto, tra rallentamenti, fermi immagine e impercettibili reiterazioni. «Il massimo di un estremo diventa il suo opposto. Qui il massimo della violenza è la paralisi», spiega Deren: i concetti metafisici legati alla boxe cinese si materializzano con eleganza nel gesto stesso e nel suo farsi, mezzo privilegiato di espressione visiva.     In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Meditation on Violence" ["post_excerpt"]=> string(162) "Maya Deren segue il gesto performativo di un boxeur instaurando con il suo corpo e il suo movimento una riflessione visiva sull’espressione della violenza. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "meditation-on-violence" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:47:08" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:47:08" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=793" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [8]=> object(WP_Post)#16659 (24) { ["ID"]=> int(795) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 13:41:06" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 11:41:06" ["post_content"]=> string(2171) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Venerdì 17 settembre, 20h30 – live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text] The Very Eye of Night fu l’ultimo film che Maya Deren riuscì a portare a termine, nonché il più lungo e costoso della sua carriera: le riprese iniziarono nel 1952 ma il film fu completato solo 7 anni dopo. L’opera è una coreografia stilizzata, un «balletto celestiale» realizzato con gli allievi della Metropolitan Opera Ballet School di New York che ritrae la navigazione di individui cosmici danzare - nuotare, volare - nella notte.   Per rendere l’atmosfera notturna, Deren stampa tutto il film in negativo: «Se la terra è tonda e gira ciò che di giorno è abisso, di notte è cielo; e la vita del giorno e quella della notte sono una il negativo dell’altra». Musicato da Teiji Ito, The Very Eye of the Night è a tutti gli effetti una poesia visiva metafisica che, influenzata anche dalla cultura haitiana, abbraccia una nuova forma di sperimentalismo dalla quale emerge il primato dell’immaginazione.     In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Prenota il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(21) "The Very Eye of Night" ["post_excerpt"]=> string(174) "Una coreografia cinematografica del cosmo, un viaggio notturno che attraverso l’infinità esplora l’universo interiore dell’uomo nel momento in cui si addormenta. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(21) "the-very-eye-of-night" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:48:29" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:48:29" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=795" ["menu_order"]=> int(12) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [9]=> object(WP_Post)#16658 (24) { ["ID"]=> int(797) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 13:52:45" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 11:52:45" ["post_content"]=> string(2594) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 settembre al 7 novembre  | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]The Witch's Cradle fu girato alla Guggenheim Gallery durante la mostra surrealista "Art of this Century" e fu assemblato molto tempo dopo la morte della regista dal personale dell’Anthology Film Archives.   Fu realizzato nel 1943 in collaborazione con Marcel Duchamp, che compare insieme all’attrice e protagonista Pajorita Matta: esoterismo, mondo occulto e stregoneria si intrecciano tra loro, come lo spago che maneggia il pittore francese. La cinepresa è già coreografa e segue Matta, che forse interpreta il ruolo di una strega (o di una posseduta?) portare impresso sulla fronte un marchio con una scritta ripetibile all’infinito: «The end is the beginning is the end..», nell’evocazione di quell’atmosfera misteriosa e divinatoria che sarà timbro dei suoi futuri film.   La genesi del film trae sicuramente ispirazione dall'esperienza di Deren, da sempre affascinata dagli stati di alterazione della coscienza e interessata ai labirinti psichici. Nell'autunno del 1939 iniziò infatti a lavorare per lo scrittore statunitesnse William Seabrook, il quale le commissionò alcune ricerche sulla stregoneria. La loro collaborazione durò molto poco e si interruppe dopo un soggiorno presso la tenuta dello scrittore. Come racconta in una lettera, a Deren venne chiesto di sottoporsi ad alcune pratiche di presunto occultismo che la turbarono molto: tra queste, quella  di restare seduti a cavalcioni per ore sulla «witch's cradle» di Seabrook «una sorta di sedia medievale molto stretta in cui le apprendiste streghe dovevano restare sedute per poter essere in grado di cavalcare una scopa».     In collaborazione con Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "The Witch's Cradle" ["post_excerpt"]=> string(159) "Film incompiuto, con la partecipazione di Marcel Duchamp: esoterismo e mondo occulto si intrecciano tra loro, come i fili nelle mani dell’artista francese. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "the-witchs-cradle" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:49:25" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:49:25" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=797" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [10]=> object(WP_Post)#16657 (24) { ["ID"]=> int(800) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 14:04:02" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 12:04:02" ["post_content"]=> string(1554) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Tutte le sere, prima di andare a letto, intorno alle due, Maya Deren andava a passeggiare con i suoi gatti lungo il fiume Hudson. Anticipazione dei cat videos odierni, The Private Life of a Cat fu diretto con il marito Sasha Hammid ed è uno «studio intimo» sul parto della loro gatta Glamour Girl e sull’accudimento della sua quarta cucciolata nel loro appartamento newyorkese di Morton Street.   Girato interamente all’altezza dell’occhio del gatto, i primi piani escludono intenzionalmente ogni presenza umana e restituiscono un mondo felino autonomo, libero, capace di sopravvivere e generare vita senza l’ausilio di padroni o proprietari.      In collaborazione con Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(25) "The Private Life of a Cat" ["post_excerpt"]=> string(118) "Un ritratto da vicino dei comportamenti di un mondo felino incontaminato, attraverso la gatta di Deren, Glamour Girl. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "the-private-life-of-a-cat" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:50:01" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:50:01" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=800" ["menu_order"]=> int(6) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [11]=> object(WP_Post)#16656 (24) { ["ID"]=> int(802) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 14:18:34" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 12:18:34" ["post_content"]=> string(2008) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
 Non sono avida. Non cerco di impadronirmi della maggior parte dei tuoi giorni. Sono contenta se, in quelle rare occasioni la cui verità può essere affermata soltanto dalla poesia, tu forse ricorderai un'immagine, anche solamente l'aura dei miei film - Maya Deren  
Martina Kudláček percorre la biografia di Maya Deren attraverso la testimonianza delle persone che l’hanno conosciuta e hanno lavorato da vicino con lei. Da Jonas Mekas a Sasha Hammid, Katherine Dunham, Miriam Arsham, Graeme Ferguson, Marcia e Amos Vogel, Rita Christiani, Chao-Li Chi, Judith Malina e Stan Brakhage: sotto il loro sguardo viene delineato il ritratto ipnotico e intimo di «un mito moderno», capace di raffigurarne i lati più celati della sua personalità, necessarie per comprendere le complesse metamorfosi legate all’esperienza haitiana.     Martina Kudláček è nata a Vienna nel 1965. Ha studiato cinematografia, specializzandosi nel genere documentario, alla Film and Television Academy FAMU di Praga. Regista affermata, si occupa principalmente di ricerca e archiviazione. Nel 2004 ha ricevuto il Film Preservation Award dall'Anthology Film Archives di New York.   In collaborazione con SixPackFilm.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "In the Mirror of Maya Deren" ["post_excerpt"]=> string(168) "Un affascinante e ipnotico ritratto di Maya Deren attraverso la testimonianza delle persone che l’hanno conosciuta, incontrata e lavorato con lei. Online su MyMovies." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "in-the-mirror-of-maya-deren" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:50:36" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:50:36" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=802" ["menu_order"]=> int(14) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [12]=> object(WP_Post)#16655 (24) { ["ID"]=> int(804) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 14:38:46" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 12:38:46" ["post_content"]=> string(2083) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Invocation: Maya Deren è il primo lungometraggio dedicato alla vita e all’opera di Deren. Realizzato per la BBC nel 1988 dalla regista britannica Jo Ann Kaplan, il documentario biografico ne ripercorre la filmografia attraverso la narrazione dell’attrice Helen Mirren, le registrazioni originali di Deren e le interviste a Hella Hammid, Sasha Hammid, Amos e Marcia Vogel, Stan Brakhage, Jonas Mekas e Joseph Campbell. Un racconto corale che si intreccia alle sequenze dei suoi film: per ognuno di essi vengono ripercorse le intenzioni di Maya Deren, la genesi e i significati più profondi legati alle scelte narrative e registiche, tra simbologia e resistenza cinematografica, in un mosaico inedito di tutta la sua opera artistica.     Jo Ann Kaplan (1945-2016) fu originaria di New York ed ha studiato arte all'Hunter College di NY. Ha iniziato a fare film nel 1969. Ha vissuto e lavorato nel Regno Unito a partire dal 1974 dirigendo film e programmi televisivi sui più svariati soggetti (principalmente femminili) e in differenti formati, spaziando tra animazione, danza e film sperimentali, documentari e pittura. Ha insegnato montaggio alla National Film and Television School, al Royal College of Art, al Goldsmiths College Department of Media and Communications, e in altri college di arte nel Regno Unito.   In collaborazione con Women Make Movies.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Invocation: Maya Deren" ["post_excerpt"]=> string(159) "Il primo lungometraggio dedicato alla vita e all’opera di Maya Deren: un’invocazione alla madrina del cinema d’avanguardia americano. Online su MyMovies." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(21) "invocation-maya-deren" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:51:22" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:51:22" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=804" ["menu_order"]=> int(13) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [13]=> object(WP_Post)#16654 (24) { ["ID"]=> int(809) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 16:05:35" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 14:05:35" ["post_content"]=> string(4860) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Sabato 18 settembre, 20h30 – live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Divine Horsemen. The living God of Haiti esce postumo, nel 1977: montato da Teiji Ito e dalla moglie, racchiude in un’operazione artistica estremamente rischiosa e delicata, 50 minuti delle quattro ore di materiali girati da Maya Deren - l’Haitian Film Footage - durante i soggiorni haitiani, in particolare quelli del 1947 e del 1949.   Il progetto e l’ambizione haitiana di Deren ha origini lontane, radicate in maniere primitiva nella sua sensibilità e predisposizione alla scoperta, fascinazione verso il mondo dei riti e della tradizione haitiana, scosse fin dalla sua collaborazione con Katherine Dunham. Le prime intenzioni di Deren di compiere il viaggio caraibico risalgono al 1941 e trovano concretizzazione 5 anno dopo, quando nel 1946 conosce gli antropologi Gregory Bateson e Margaret Mead: in quel periodo, danno un forte impulso alla ricerca cinematografica in campo etnografico, convinti che il film sia un importante strumento di analisi antropologico.   Nel 1947 Maya Deren compie il primo viaggio con lo scopo di realizzare un film capace di porre in relazione l’aspetto ritualistico dei giochi infantili occidentali e i riti tradizionali haitiani. La volontà di filmare “la logica del voodoo” - in un progetto al confine tra il cinematografico e il metafisico - la porta ad un ridimensionamento del suo desiderio iniziale, in un progetto ben più grande che prenderà il già citato nome di Haitian Film Footage, il quale comprendeva anche l’idea pionieristica di fondare nell’isola caraibica un’industria cinematografica indipendente per film in 16mm. Vi tornerà altre tre volte, per un totale di 21 mesi (l’ultimo viaggio all’inizio del 1955) e nel 1953 ultima il ricco libro antropologico Divine Horsemen. The Living God of Haiti.   Durante questo lungo periodo, il vissuto antropologico di Derne si fa, quasi inevitabilmente, esperienza totale, in sintonia con le attitudini esplorative della regista accompagnata dalla sua profonda e quasi ossessiva volontà di comprendere a fondo i dettami di quella cultura - non a caso sarà la prima donna bianca ad essere iniziata alla religione voodoo e le verrà assegnato anche uno spirito guida, Erzulie, la divinità dell’amore - senza mai tradirla.   Deren segna una modalità filmica antropologica nuova, del tutto autoriale, che poteva realizzarsi solo attraverso di lei, in nome di un attraversamento fisico, di un corpo che viene sempre posto al centro: discostata quanto basta dalla teoria e dalla pratica scientifica, vicina con ogni senso in quella mitologica, quasi come se fosse lei stessa una divine horse-woman, passaggio (unico) e intimo portale tra il mondo haitiano e occidentale. Cattura principalmente le danze, le cerimonie di possessione, le feste (il Mardi Gras): disegna di volta in volta un ritmo e un’energia propria, fatto di ralenti - sugli spasmi dei corpi posseduti - e durate dilatate, sperimentando nuovamente sul tempo filmico e le possibilità motorie della sua Bolex.   La cinepresa è infatti mobile ed avanza circolarmente, totalmente immersa nella comunità: proprio questa immersione, quasi una devozione, è una delle cause - oltre a quella economica - che non hanno mai permesso alla regista di mettere la parola fine al suo progetto, nell’estrema difficoltà data dal come montare e presentare, eticamente e moralmente, tutto quel girato senza tradire mai le logiche spirituali della comunità haitiana di cui ormai faceva parte, in una piena consaevolezza del peso e responsabilità del proprio agire artistico.     In collaborazione con Light Cone e Re:Voir.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(43) "Divine Horsemen
The living God of Haiti" ["post_excerpt"]=> string(136) "Una ricerca intima e pionieristica sulla danza e i riti di possessione voodoo della cultura haitiana, montata postuma da Teiji Ito. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(39) "divine-horseman-the-living-god-of-haiti" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:51:42" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:51:42" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=809" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [14]=> object(WP_Post)#16653 (24) { ["ID"]=> int(818) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-07 17:04:56" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-07 15:04:56" ["post_content"]=> string(5742) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

AMATEUR IS A LOVER

Ritorno a Maya Deren e al cinema libero

  Filmmaker, teorica, attivista, danzatrice, antropologa, nella sua breve e intensa esistenza Maya Deren ha aperto strade e indicato vie prima di lei mai percorse. Considerata la madrina del cinema d’avanguardia americano, il suo lavoro è stato una fonte di ispirazione incredibile per diverse generazioni di artisti e la sua influenza è tuttora fortissima. Oggi più che mai è riconosciuta come filmmaker donna capace di affermarsi giovanissima in un mondo maschile, un’anticipatrice che sfugge alle definizioni e quindi scomoda.   Deren, figura gigantesca del Novecento di europea trapiantata in America tra le due guerre, oggi come ieri è punto di ritorno continuo e fonte di ispirazione inesauribile per produrre immagini, pensiero, arte. Per questa XIV edizione, Archivio Aperto omaggia il suo cinema con una sezione a lei dedicata, Amateur is a lover. Il titolo riprende appunto l'deologia di Maya Deren sulla libertà, sia artistica che fisica, di un cinema senza le costrizioni dell’industria e realizzato con una cinepresa leggera, il proprio corpo, i sensi, la mente.   Amateur is a Lover ripercorre la sua filmografia completa nella migliore edizione restaurata disponibile, con proiezioni live in pellicola e online su MyMovies: tra le opere, un lavoro incompiuto girato alla Guggenheim Gallery di New York, un “film di famiglia” con la gatta protagonista, un opera “postuma” realizzata con il girato dell'incredibile esperienza ad Haiti su danze e riti vudù, due documentari dedicati a vita e opere di Deren, un intervento musicale su tre delle sue pellicole concepite senza sonoro e una rilettura di un suo testo folgorante, attraverso le immagini d’archivio.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
MAYA DEREN IN 16MM - LIVE ALLE SERRE DEI GIARDINI MARGHERITA
  Giovedì 16 settembre, ore 20.00 - prenota il tuo biglietto | SERATA RINVIATA AL 17/09 CAUSA PIOGGIA Meshes of the Afternoon - 1943, 14' At Land - 1944, 14' | sonorizzazione live a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) A Study in Choreography for Camera - 1945, 3' | sonorizzazione live a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) Ritual in Transfigured Time - 1946, 14' | sonorizzazione live a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) Le sonorizzazioni live rientrano all'interno del progetto speciale Sound in Transfigured Time.   Venerdì 17 settembre, ore 20.00 - prenota il tuo biglietto Amateur is a Lover. Reading Amateur vs Professional  - 2021, 5' | selezione d'archivio a cura di Home Movies. Voce e suoni a cura di Francesca Bomo. Meditation on Violence - 1948, 12' The Very Eye of Night - 1958, 15'   Sabato 18 settembre, ore 20.00 - prenota il tuo biglietto Divine Horsemen. The living God of Haiti - 1947-54, 1977, 50' (v.o. con sottotitoli in italiano)  
 
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria per ogni serata. Puoi prenotare il tuo il tuo posto all'interno dei circuiti Eventbrite.  Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.     In collaborazione con Light Cone.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "Maya Deren in 16mm" ["post_excerpt"]=> string(159) "Amateur is a Lover è la sezione di Archivio Aperto 2021 dedicata al cinema di Maya Deren. Scopri le proiezioni live in 16mm alle Serre dei Giardini Margherita" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(15) "maya-deren-16mm" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-16 17:49:00" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-16 15:49:00" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=818" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [15]=> object(WP_Post)#16652 (24) { ["ID"]=> int(820) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-07 19:02:33" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-07 17:02:33" ["post_content"]=> string(8631) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Venerdì 17 settembre, 20h00 | Serre dei Giardini margherita, BO
Dal 22 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Amateur “means one who does something for the love of the thing rather than for economic reasons or necessity”
  Con Amateur Versus Professional (1959), breve mitico testo che ha influenzato generazioni di cineasti, Maya Deren propone un manifesto del cinema amatoriale, che unisce i toni politici e poetici a esortazioni e suggerimenti pratici. Giustapponendo le parole di Deren a immagini di film amatoriali - precedenti, coevi e successivi allo scritto e provenienti dal contesto italiano - questo piccolo video a cura di Home Movies è un tentativo anti didascalico di visualizzare le idee di Deren sulla libertà di fare cinema senza condizionamenti economici e mezzi tecnici pesanti e sull’uso della cinepresa come estensione del proprio corpo.  
  [/vc_column_text][vc_column_text]
Amateur Versus Professional Maya Deren
  «The major obstacle for amateur film-makers is their own sense of inferiority vis-a-vis professional productions. The very classification “amateur” has an apologetic ring. But that very word - from the Latin “amateur” - “lover” means one who does something for the love of the thing rather than for economic reasons or necessity. And this is the meaning from which the amateur film-maker should take his clue. Instead of envying the script and dialogue writers, the trained actors, the elaborate staff and sets, the enormous production budgets of the professional film, the amateur should make use of the one great advantage which all professionals envy him, namely, freedom - both artistic and physical.   Artistic freedom means that the amateur film-maker is never forced to sacrifice visual drama and beauty to a stream of words, words, words, words, to the relentless activity and explanations of a plot, or to the amateur production expected to return profit on a huge investment by holding the attention of a massive and motley audience for 90 minutes.   Like the amateur still-photographer, the amateur film-maker can devote himself to capturing the poetry and beauty of places and events and, since he is using a motion picture camera, he can explore the vast world of the beauty of movement. (One of the films winning Honorable Mention in the 1958 Creative Film Awards was ROUND AND SQUARE, a poetic, rhythmic treatment of the dancing lights of cars as they streamed down highways, under bridges, etc.) Instead of trying to invent a plot that moves, use the movement or wind, or water, children, people, elevators, balls, etc. as a poem might celebrate these. And use your freedom to experiment with visual ideas; your mistakes will not get you fired.    Physical freedom includes time freedom - a freedom from budget imposed deadlines. But above all, the amateur film-maker, with his small, light-weight equipment, has an inconspicuousness (for candid shooting) and a physical mobility which is well the envy of most professionals, burdened as they are by their many-ton monsters, cables and crews. Don’t forget that no tripod has yet been built which is as miraculously versatile in movement as the complex system of supports, joints, muscles, and nerves which is the human body, which, with a bit of practice, makes possible the enormous variety of camera angles and visual action. You have all this, and a brain too, in one neat, compact, mobile package. Cameras do not make films; film-makers make films. Improve your films not by adding more equipment and personnel but by using what you have to its fullest capacity.    The most important part of your equipment is yourself: your mobile body, your imaginative mind, and your freedom to use both. Make sure you do use them».  

---

  «L’ostacolo più grande per il filmmaker amatoriale è il suo stesso senso di inferiorità verso le produzioni professionali. La stessa classificazione di “amatoriale” ha un tono remissivo. Ma questa parola - dal latino “amator”, “amante” - indica qualcuno che fa qualcosa per amore verso la cosa, piuttosto che per motivi economici o per necessità. E questo è il significato da cui il filmmaker amatoriale dovrebbe trarre un indizio. Invece di invidiare gli sceneggiatori e i dialoghisti, gli attori formati, i set e le troupe elaborati, gli enormi budget di produzione dei film professionali, l’amatore dovrebbe sfruttare uno dei grandi vantaggi che tutti i professionisti gli invidiano, ovvero la libertà - sia artistica che corporea.     La libertà artistica vuol dire che il filmmaker amatoriale non è mai costretto a sacrificare la drammaticità e bellezza dell’immagine per un flusso di parole, parole, parole, parole, per l’incessante azione e spiegazione della trama, né per una produzione amatoriale da cui ci si aspetta, dopo un grosso investimento, un profitto, intrattenendo un pubblico vasto e variegato per 90 minuti.    Come il fotoamatore, il filmmaker amatoriale può dedicarsi a immortalare la poesia e la bellezza di luoghi ed eventi e, poiché utilizza una cinepresa, può esplorare il vasto mondo della bellezza del movimento. (Uno dei film a ottenere una Menzione d’Onore ai Creative Film Awards nel 1958 fu proprio ROUND AND SQUARE, un’operazione ritmica e poetica sulle luci danzante delle automobili mente scivolano lungo l’autostrada, sotto i ponti, etc.). Invece di provare a inventarsi una trama che progredisca, usate il movimento o il vento, o l’acqua, bambini, persone, ascensori, balli, etc. nel modo in cui una poesia potrebbe celebrarli. E usate la vostra libertà di sperimentare con idee visive; i vostri errori non vi faranno licenziare.   La libertà corporea include la libertà temporale - una libertà dalle scadenze comandate dal budget. Ma soprattutto il filmmaker amatoriale, con il suo equipaggiamento ridotto e leggero, ha una capacità di mimetizzarsi (per filmati spontanei) e una mobilità che fa invidia alla maggioranza dei professionisti, intralciati come sono dai loro pesantissimi mostri, dai cavi e dalla troupe. Non dimenticate che non è stato ancora costruito un treppiede così miracolosamente versatile nel movimento quanto lo è l’intricato sistema di supporti, giunture, muscoli e nervi del corpo umano, il quale, con un po’ di pratica, rende possibile un’enorme varietà di angoli di ripresa e azione visiva. Voi avete tutto questo, e un cervello, per di più, in un solo involucro mobile, compatto e ordinato. Non sono le cineprese a fare i film; i filmmaker fanno i film. Migliorate i vostri film non aggiungendo equipaggiamento e manodopera, ma usando ciò che avete al meglio delle vostre possibilità.   La parte più importante del vostro equipaggiamento siete voi: il vostro corpo semovente, la vostra mente immaginifica e la vostra libertà di usarli entrambi. Assicuratevi, allora, di usarli.»  
  La prenotazione per la serata dal vivo è gratuita ma obbligatoria: prenota il tuo posto all’interno dei circuiti Eventbrite. Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.   In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(59) "Amateur is a Lover
Reading Amateur Versus Professional" ["post_excerpt"]=> string(158) "Amateur Vs Professional, manifesto di Maya Deren del cinema amatoriale mondiale, letto da Francesca Bono sulle immagini amatoriali d'archivio di Home Movies. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(52) "amateur-is-the-lover-reading-amateur-vs-professional" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:43:43" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:43:43" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=820" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [16]=> object(WP_Post)#16651 (24) { ["ID"]=> int(830) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-08 16:13:52" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-08 14:13:52" ["post_content"]=> string(3474) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h00 | Serre dei Giardini margherita, B
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Tre film concepiti e lasciati senza sonoro da Maya Deren (At Land, 1944; A Study in Choreography for Camera, 1945; Ritual in Transfigured Time, 1946) offrono l’occasione per le due musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) di creare un dialogo con Deren attraverso synth, batteria e voce.
    Un progetto per Archivio Aperto nato per rispondere a una interrogativo per la curatela: quanto attenersi alla filologia e quanto spingersi verso il terreno della sperimentazione che Deren stessa ispira con la sua opera?   L’idea della scelta che abbiamo fatto dopo esserci confrontati con Pip Chodorov e Tavia Ito, è che una cosa non escluda l’altra - basta dichiararne le intenzioni - perchè anche se l’opera di Deren si rompesse come uno specchio in mille pezzi non finiremmo mai di specchiarci nei suoi frammenti.   E le intenzioni di Francesca Bono sono chiare: “Ho capito quasi subito cosa volevo realizzare, mi sono bastati pochi fotogrammi, ho immediatamente preso degli appunti sonori e pensato che la mia amica Vittoria Burattini sarebbe stata una perfetta "partner in crime" per creare un suono onirico e surreale. Abbiamo confidenza e c'è stima reciproca. Volevo cioè rendere omaggio a Deren, artista straordinaria che ha ispirato alcuni dei miei registi preferiti, insieme a un'altra musicista che ammiro e con cui condivido un certo tipo di poetica. Cercavo un sabba sensoriale, un'immersione nell'ossessivo. Volevo che fosse chiaro un messaggio: Donne che creano.”         Francesca Bono e Vittoria Burattini  
    La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti EventbritePer accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(26) "SOUND IN TRANSFIGURED TIME" ["post_excerpt"]=> string(177) "La sonorizzazione live di At Land, A Study in Choreography for Camera e Ritual in Transfigured Time a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume)." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "sound-in-transigured-time" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:42:46" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:42:46" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=830" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [17]=> object(WP_Post)#16650 (24) { ["ID"]=> int(849) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-09 08:17:12" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-09 06:17:12" ["post_content"]=> string(1828) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
immersa , tra il verde delle serre dei giardini margherita
su www.archivioaperto.it
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Un omaggio ai gatti filmati prima e dopo Maya.
  The private life of a cat è il punto di partenza di una selezione di gattini dall’Archivio di Home Movies, filmati tra gli anni Trenta e Ottanta. Siamo noi umani a illuderci di avere addomesticato il gatto o non è forse il gatto ad averci totalmente conquistato? Un omaggio alla grande passione felina di Maya Deren.   La selezione è stata presentata come installazione collaterale alle proiezioni in presenza alle Serre dei Giardini Margherita.   Dedicato a Maya, MagnifiCat.    
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(39) "Glamour Cats
Before and after Maya" ["post_excerpt"]=> string(103) "Un omaggio ai gatti filmati prima e dopo Maya, attraverso le immagini d'archivio feline di Home Movies." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(34) "glamour-cats-before-and-after-maya" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:52:19" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:52:19" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=849" ["menu_order"]=> int(15) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [18]=> object(WP_Post)#16649 (24) { ["ID"]=> int(886) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-13 17:56:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-13 15:56:49" ["post_content"]=> string(8927) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Maya Deren, nata Eleonora Derenkovskaya, in omaggio a Eleonora Duse, è nata il 29 aprile 1917 a Kiev nell'anno della rivoluzione bolscevica. La madre Marie Fiedler proveniva da una famiglia benestante, era una donna dallo spirito indipendente, intelligente, colta ed istruita (studiò al conservatorio). Il padre, Solomon Derenkovskaya era uno psichiatra: severo ed austero, con lui Eleonora ebbe sempre un rapporto conflittuale, di amore e odio. In Maya Deren emergono entrambi gli spiriti, a loro modo ribelli, di questi due genitori spesso ingombranti: la vitalità della madre e il rigore del padre.   Nel 1922, i pogrom, l'economia e la vicinanza politica di Solomon a Trotsky costringono la famiglia ebrea a fuggire dalla Russia. Si stabiliscono insieme allo zio paterno a Syracuse, New York, dove i Derenskovsky abbreviano il loro nome in Deren. In seguito a forti crisi tra Marie e Solomon, Deren si trasferisce con la madre a Ginevra per tre anni (nel 1930) dove frequenta la prestigiosa Ecole Internationale della Società delle Nazioni. Qui studia francese, tedesco e russo: durante questo periodo occupa di scrittura, in particolare sulle riviste studentesche dell’Ecole.   Nel 1933 torna negli Stati Uniti e nei sei anni successivi studia giornalismo e scienze politiche alla Syracuse University. E proprio in questo periodo che incontra Gregory Bardecke (allora studente e poi sindacalista) con il quale si sposa, appena diciottenne, nel 1935. In quello stesso anno i due si trasferiscono a New York, nel Greenwich Village. Nello stesso anno Maya diviene segretaria nazionale della Young People’s Socialist League, il dipartimento universitario del settore giovanile del Partito Socialista statunitense: seguirà un periodo di forte militanza politica all’interno della sinistra americana fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Nell'autunno del 1938 (anno in cui divorzia con Bardecke) si trasferisce allo Smith College, vicino a Boston: dalla politica passa alla poesia, in particolare quella simbolista francese, ma su di lei esercita anche una forte influenza lo studio di T.S. Eliot.   Terminati gli studi, Deren torna a New York, mantenendosi come assistente editoriale a una cerchia di scrittori statunitensi, tra i quali Max Eastman e William Seabrook. In questo periodo si dedica anche alla stesura di una detective story con la seconda moglie del padre (i genitori si separano pochi anni prima) dal titolo Double or Nothing. Sono anche gli anni della scoperta e dell'avvicinamento alla cultura ritualistica africana ed haitiana - anche se l’interesse per l’antropologia era già affiorato seguendo alcuni corsi all’università - con l’inizio del nuovo lavoro come segretaria e attiva assistente editoriale (una vera e propria manager) per la coreografa, ballerina, antropologa Katherine Dunham, pioniera della danza afroamericana. Proprio in quell’anno scrive Religious in Possession Dancing, uno studio antropologico sulla danza: il rapporto con Dunham influenzerà tutta la sua opera futura.   É con Dunham a Los Angeles quando incontra il regista ceco Alexander Hackenschmied, più tardi Hammid, che sposerà poco tempo dopo. Questo incontro sarà fondamentale per lo sviluppo della carriera cinematografica di Deren: con lui si applica per la prima volta alla fotografia e sperimenta la cinepresa realizzando nel 1943 il primo film con il nome Maya (“illusione”) Deren, Meshes of the Afternoon, realizzato con una Bolex 16mm di seconda mano acquistata a Hollywood per 300 dollari, con la piccola eredità lasciata da sua padre.   Nell’autunno dello stesso anno la coppia si trasferisce a New York, ancora nel Greenwich Village: anticonformista e anticipatrice nel look (con abiti ideati e cuciti da lei) e nei comportamenti, in quel periodo Deren scrive articoli e pubblica fotografie. La casa nel Village diventa ben presto luogo di ritrovo per alcuni artisti dell’epoca, da Stan Brakhage a Harrison Starr: lì mostrava anche i suoi film, in proiezioni private che in poco tempo attirano anche l’attenzione di centri e istituzioni culturali: da qui l’idea di impegnarsi in una diffusione regolare delle sue opere e non solo, di gettare le basi per la creazione di un circuito distributivo indipendente contro Hollywood (ce la farà, ispirando nel 1947 la creazione della Cinema 16 Film Society, di Amos e Marcia Vogel). Nel febbraio del 1946, alla Provincetown Playhouse del Greenwhich Village si svolge la proiezione pubblica dei primi tre film completati da Deren fino a quel momento (Meshes of the Afternoon, At Land, A study in Choreography for camera) con un grande successo di pubblico e il titolo simbolico Three Abandoned Films: «E così questi film sono stati portati ciascuno a una fine, per poter meglio essere abbandonati».   Nello stesso anno riceve la borsa di studio Creative Work in the Field of Motion Pictures della Guggenheim Foundation: è la prima cineasta donna a vincere il premio. Le sue fotografie e i suoi saggi, tra cui An Anagram of Ideas on Art, Form and Film, cominciano ad apparire nella stampa underground. Nel 1947 riceve anche il "Grand Prix International for 16mm Film, Experimental Class" al Festival di Cannes per Meshes of the Afternoon ed è la prima volta che questo premio viene assegnato agli Stati Uniti e a una regista donna. Deren continua a portare avanti, con la caparbietà e militanza che la contraddistinguono, il sostegno della circolazione delle opere indipendenti e sperimentali, in particolare attraverso raccolte fondi per aumentare le copie dei film, cosciente di tutti gli ostacoli economici. Scrive Deren in una domanda per borsa di studio: «Se ricevessi da qualche fonte anche una piccola assistenza, significherebbe più di un altro 16mm; servirebbe come motivo di speranza e di incoraggiamento per tutti quei silenziosi e latenti talenti cinematografici, dai quali dipende a lungo termine lo sviluppo del cinema».   Tra il 1947 e il 1955, Deren trascorre circa 21 mesi ad Haiti, filmando i rituali e la danza Vodou, che cambieranno per sempre la sua visione e approccio artistico e spirituale. Il materiale - circa quattro ore di girato costituenti l’Haitian Film Footage - rimane incompiuto e verrà montato postumo nel 1977. Sotto la tutela dell’antropologo Joseph Campbell, Deren scrive nel 1953 uno studio etnografico dettagliato e senza precedenti sulla religione Voodoo, intitolato Divine Horsemen: The Living Gods of Haiti. Nel 1953 Deren incontra per caso nel Greenwich il giovanissimo musicista giapponese Teijo Ito, con il quale si fidanza e si sposerà nove anni dopo: al momento dell'incontro, Deren gli propone di fare le musiche per quello che sarà il suo ultimo film, The Very Eye of the Night (nel 1959 comporrà anche la colonna sonora di Meshes).   Il 13 ottobre 1961, Maya Deren muore improvvisamente per un'emorragia cerebrale all'età di quarantaquattro anni. Lascia una colonia di gatti (circa venti) - saggi, articoli, due libri - e una visione cinematografica - umana, artistica - che ha continuato e continua ad influenzare i cineasti e le cineaste venute dopo di lei. Nel 1985, l'American Film Institute ha istituito il Maya Deren Award per onorare il contributo e l'importanza del suo lavoro nel sostegno dei film indipendenti. All’Anthology Film Archives di New York, un teatro - il Maya Deren Theatre - porta il suo nome. Il suo lavoro è studiato nelle più prestigiose scuole e università di cinema del mondo e non smette di raggiungere un pubblico sempre più vasto, sia grazie alle edizioni in DVD, alla diffusione online della sua opera, la pubblicazione dei suoi testi e degli studi su di essa (tra cui l’importante monografia italiana Sulle tracce di Maya Deren. Il cinema come progetto e avventura di Anita Trivelli, 2003, Lindau).   Un anno dopo la sua scomparsa, nell'anno di massima esplosione del New American Cinema (NAC), Jonas Mekas, Shirley Clarke, Stan Brakhage, Gregory Markopoulos, e altri fondano la Film-Makers’ Cooperative, cambiando per sempre il futuro del cinema indipendente e sperimentale americano: tutti loro avevano conosciuto Maya Deren, «Goddess of the spring, goddess of the NAC» (G. Markopoulos).[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(24) "Essential Deren. La vita" ["post_excerpt"]=> string(155) ""Sono come una vite che tenta di diffondersi nell’universo, perché amo ogni cosa, ma le radici sono affondate in un luogo dell’universo" - Maya Deren" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(23) "essential-deren-la-vita" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:54:56" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:54:56" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=886" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [19]=> object(WP_Post)#16648 (24) { ["ID"]=> int(757) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-08-31 16:57:41" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-08-31 14:57:41" ["post_content"]=> string(7093) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Mercoledì 22 Settembre, 17:30 | Biblioteca Stabat Mater
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Patrizia Vicinellii. Una fragile guerriera
Incontro con Daniela Rossi e Jonida Prifti
Introduce Giulia Simi, curatrice del progetto Patrizia Vicinelli – in transito.  
Passato e futuro delle parola poetica come parola che fonda una nuova realtà e nuove consapevolezze. La poeta – performer è l'emblema di una guerriera: a lei si deve una rinascita, una fondazione.
 
Disse che anche la poesia andava detta in un altro modo perché servisse ad altre schiere, e perché diventasse movimento attivo – Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)
  La voce più singolare e intensa tra i poeti legati alla neo-avanguardia è indubbiamente quella di Patrizia Vicinelli: in lei più forte che in altri è il legame tra le inquietudini e il dolore di una vita vissuta pericolosamente e conclusa tragicamente, e una ricerca poetica incandescente e tormentata. Non a caso nel suo poema epico  Non sempre ricordano –  scritto nel 1974 -75, ma pubblicato dieci anni dopo dalla casa Editrice Aelia Laelia e da ed. Le Lettere nel 2009 – vi è una esplicita presa di distanza da coloro che dimenticando non riescono ad entrare nella vita, perché non sapendo guardare al proprio passato, non riescono neppure a rientrare dentro di sé e quindi a conoscersi veramente. Con il potente slancio epico di Vicinelli, nella seconda metà del secolo scorso si inaugura un nuovo corso, maturo e consapevole, che nasce e si sviluppa all’ insegna del furore epico femminile, della poematicità orale, che ci riporta ai fondamenti dell’ essere stesso della poesia, alle sue stesse ragioni d’ essere, vitali ed esistenziali, a un coinvolgimento totale. Essendo la poesia delle donne un fenomeno nuovo nella storia della letteratura del 900, la poeta performer è l’ emblema di un guerriero, a lei si deve una rinascita, una fondazione. Usare la voce significa assumersi responsabilità della parola poetica come parola che fonda una nuova realtà. Queste caratteristiche di straordinaria intensità si colgono con grande nettezza nei dischi di poesia sonora, nelle poesie visive, nelle performances dei video che testimoniano la sua presenza in importanti Festival in Italia e in tutto il mondo. Patrizia cominciò giovanissima a partecipare all’attività poetica della neo-avanguardia proprio nel ’63, avvertendo il bisogno di dare voce poetica, sin da allora, ad una esistenza tesa e tormentata. Sino alla fine la poesia infatti ha segnato il suo viaggio esistenziale avventuroso e trasgressivo rispetto al perbenismo borghese e al quadro culturale tradizionale. Intessuta insieme di asprezza e amore, di tensione profonda e grande tenerezza, tutta la sua opera scandisce un racconto epico-poetico fatto di molti episodi, che disfano e poi intrecciano la trama della vita, la raccolgono e la dilatano in sequenze che sembrano non finire mai e tuttavia spesso si chiudono improvvisamente. È un io poetante – quello di Patrizia Vicinelli – che ci interroga sulla coraggiosa fragilità del Sé femminile, totalmente immerso nella realtà e quindi del tutto lontano da ogni possibile tentazione di estetismo e di compiacenza stilistica. Lei stessa però, recensendo il mio Festival di Parma dell’86, dichiara che «nessun poeta ha il diritto di leggere da solo» e quindi lega strettamente il proprio itinerario poetico alla ricerca e al confronto con quella di altri poeti, a lei più affini sul piano della sperimentazione e della contaminazione tra i diversi generi artistici. Vicinelli era infatti assai sensibile e attenta agli umori e ai gusti del suo pubblico: in questo rapporto emergono infatti le sue grandi doti di attrice, che realizza con la voce e con tutto il corpo un ritmo incalzante, che spesso si dilata nell’urlo fragoroso e nell’invettiva bruciante. – Daniela Rossi  
Daniela Rossi dal 1980 si occupa di poesia dal vivo; ha fondato il circolo di poesia Malombra a Parma e tra gi anni '80 e il 2010 ha organizzato eventi e Festival di Poesia internazionali (Di Versi In Versi, Parmapoesia, Parole Migranti - Bolzanopoesia, Lirici a Lerici, ecc…) e collaborato ai Festival internazionali di poesia di Milano, Roma, Firenze, Napoli, Venezia, Parigi, ecc. Nel 1983 ha fondato, con gli amici scrittori e poeti Carlo Bordini, Giorgio Messori, Beppe Sebaste e altri, la casa editrice Aelia Laelia, pubblicando tra gli altri le poete Amelia Rosselli e Patrizia Vicinelli. Nel 2008 e 2009 ha curato, per la collana Fuoriformato di Andrea Cortellessa, nelle antologie The Complete Films. Prosa poesia e performance di Corrado Costa (Le Lettere) e Non sempre ricordano di Patrizia Vicinelli, i DVD allegati, dai materiali del suo archivio video Di Versi In Versi. Nel 2010 ha pubblicato con Campanotto editore La repubblica dei poeti, sugli anni del Mulino di Bazzano e la neoavanguardia. Dal 2008 cura per il Museo Uomo Ambiente di Bazzano (PR) l’ archivio video di poesia La Repubblica dei Poeti e gli eventi ad esso legati.   Jonida Prifti, poeta/performer, nata a Berat (Albania) nel 1982, è emigrata in Italia (Roma) nel 2001. Ha pubblicato vari libri di poesia e saggi critici tra cui Non voglio partorire un corpo di plastica (Alfabeta2, 2010), Ajenk (Transeuropa2011), il saggio Patrizia Vicinelli. La poesia e l’azione (Onyx, 2014), Rivestrane (Selva ed. 2017), Stazione degli occhi (Kurumuny ed. 2020). Nel 2008, ha fondato il duo di poesia sonora Acchiappashpirt con il musicista Stefano Di Trapani di cui contano una serie di pubblicazioni grafiche/sonore. Nutre altri due progetti femminili poetici/dadaisti/visionari: J A (con la musicista Eva Geist) e Alfabeti Barbarici (con l’esperta di culture arabe Donatella Della Ratta). Dal 2012 al 2015 è stata voce solista nella band Shesh. Dal 2016 al 2019 ha fatto parte del duo elettro pop Opa Opa insieme alla musicista serba Iva Stanisic.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(41) "Patrizia Vicinelli. Una fragile guerriera" ["post_excerpt"]=> string(108) "Un incontro con Daniela Rossi e Jonida Prifti sugli aspetti performativi della poesia di Patrizia Vicinelli." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(40) "patrizia-vicinelli-una-fragile-guerriera" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-20 09:46:48" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-20 07:46:48" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=757" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [20]=> object(WP_Post)#16647 (24) { ["ID"]=> int(931) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:19:52" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:19:52" ["post_content"]=> string(2635) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il diario cinematografico 8mm di una coppia, girato tra il 1936 e il 1966. Budapest è una città spettrale, dove ombre fantasmatiche si muovono in un paesaggio innevato, stretto nella morsa del gelo e del vento. Jenö è un banchiere che vive nei quartieri eleganti della città, insieme alla moglie Dusi e al loro cane di razza. Dal 1936 Jenö tiene un diario cinematografico con cui registra preferibilmente i momenti passati insieme alla moglie e ai suoceri, ma anche visioni della città e della sua vita mondana: l’ingresso di un grande albergo, la folla davanti al cinema, le vetture eleganti per le strade.   Jenö che, secondo Forgács “sarebbe potuto essere il miglior cameraman del suo tempo, se non avesse lavorato fino al 1945 come commesso alla General Mortgage Credit Bank”, gira lunghe panoramiche lungo il fiume, compone cartoline dei monumenti più importanti, fissa la bellezza dei ponti sul Danubio. Ma il lavoro di rielaborazione condotto da Forgács con l’ausilio delle musiche di Tibor Szemzö, ricolloca questi quadretti di piccole gioie private nella prospettiva più ampia di una memoria storica.   Il risultato è una struggente elegia funebre, l’inquietante danza di morte di una società prossima al disastro e di un paese su cui incombe l’incubo dell’occupazione nazista. Il grande protagonista del film è il cane di Dusi, focalizzatore dello sguardo della cinepresa e punto di riferimento affettivo della giovane coppia senza figli. La piccola tragedia della sua morte e la successiva cerimonia di sepoltura, costituiscono l’apice drammatico della vicenda e il disvelamento di un dolore sordo, che lavora sotto la superficie dell’immagine. Alla fine della guerra Jenö continua, imperturbabile, a filmare la routine della sua vita quotidiana e la nuova realtà di una città in rovina.   Il film costitusice il secondo episodio della serie Private Hungary, iniziata da Forgács alla fine degli anni Ottanta e continuata fino a oggi.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(14) "Dusi and Jenő" ["post_excerpt"]=> string(146) "Il diario privato di una coppia in una Budapest spettrale prima, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale, tra poesia e rievocazione storica. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(13) "dusi-and-jeno" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:43:21" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:43:21" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=931" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [21]=> object(WP_Post)#16646 (24) { ["ID"]=> int(933) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:29:20" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:29:20" ["post_content"]=> string(1260) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Everything we see could also be otherwise. Everything we can describe at all could also be otherwise. Pèter Forgács
  L’opera è composta da sette brevi video-saggi che riprendono alcuni paragrafi del Tractatus Logico Philosophicus di Ludwig Wittgenstein, pubblicato per la prima volta nel 1921, insieme ad altri testi del filosofo austriaco. Brevi sequenze, frammenti di film amatoriali che rappresentano un singolo momento, un gesto banale e quotidiano, costituiscono la materia che Forgács plasma per agganciare le teorie di Wittgenstein su logica, linguaggio, realtà e rappresentazione. Un film filosofico e una chiave di lettura del cinema d’archivio di Forgács. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Wittgenstein Tractatus" ["post_excerpt"]=> string(144) "Frammenti di film amatoriali rielaborati con i testi del filosofo: un’opera potente che riflette sul linguaggio, l’immagine e la parola. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "wittgenstein-tractatus" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:43:58" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:43:58" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=933" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [22]=> object(WP_Post)#16645 (24) { ["ID"]=> int(935) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:40:05" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:40:05" ["post_content"]=> string(2583) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Attraverso gli home movies in 8mm di György Pet, realizzati a partire dal 1938, Free Fall ripercorre i tempi che precedono la Shoah, ricostruendo le illusioni di una famiglia ebrea ungherese, erose passo dopo passo dall’oscuro avanzare della Storia.    György Petö, ebreo di estrazione altoborghese e di eccellenti frequentazioni, prende in mano la gestione della banca di famiglia alla morte del padre, nel 1936. Appassionato di musica e di barche, Petö acquista una cinepresa 8 mm alla fine degli anni trenta e diventa rapidamente un prolifico produttore di home movies, su cui fissa il suo amore per la fidanzata Eva Lengyel, le spedizioni in barca, le vacanze, gli anniversari, le amicizie (tra i suoi amici compare anche il grande direttore d’orchestra Ferenc Fricsay), il suo matrimonio nel 1941. Intanto, lentamente ma inesorabilmente, si installano le leggi antisemite: “La vita sociale, le cerimonie, l’amore, il divertimento, sono ritmati da una voce salmodiante che “canta” le leggi sempre più restrittive nei confronti del popolo di Israele, consegnandoci volti, sguardi e corpi caparbiamente ignari del vortice che li sta inghiottendo, di una tragedia incombente a cui suggello simbolico intervengono i versi solenni del poeta Janos Pilinsky” (Paolo Vecchi). Nonostante l’alleanza dell’Ungheria con la Germania nazista, la comunità ebraica ungherese rimane più o meno intatta fino alla primavera del 1944, anno in cui si interrompono le memorie cinematografiche di Petö. Forgács installa un’incessante andirivieni tra gli avvenimenti politici e quelli privati, immergendo entrambi nel flusso musicale malinconico e grave – il suono stridente e cristallino – di Tibor Szemzö.   Free Fall è parte della serie Private Hungary.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(9) "Free Fall" ["post_excerpt"]=> string(162) "Attraverso i film del rampollo di una famiglia ebrea ungherese assistiamo, tra le speranze e le disillusioni, all’avanzare della Storia e alla sua caduta. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(9) "free-fall" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:44:38" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:44:38" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=935" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [23]=> object(WP_Post)#16644 (24) { ["ID"]=> int(937) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:40:27" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:40:27" ["post_content"]=> string(1221) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text] La saga di quattro generazioni di una dinastia di pittrici ungheresi, a partire dalla metà del XIX secolo. Al centro dell’epopea familiare c'è la pittrice-filmmaker Mária Gánoczy, brillante artista ultra novantenne che ha cresciuto ben nove figli.   Picturesque Epochs è un viaggio nel tempo attraverso duecento anni di arte e storia ungherese, visti dall'occhio di chi dipinge. Forgács aggiunge alle immagini i commenti dello storico dell'arte Géza Perneczky. Questa storia monumentale e intima, fonde la pittura e il cinema, così come la vita privata e pubblica, attraverso la drammatica storia dell'Ungheria. È parte della serie Private Hungary.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(71) "Picturesque Epochs - The life of Mária Gánóczy painter and filmmaker" ["post_excerpt"]=> string(139) "Un viaggio nel tempo attraverso duecento anni di arte e storia ungherese, visti dall'occhio di quattro generazioni di pittrici. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(18) "picturesque-epochs" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:45:59" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:45:59" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=937" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [24]=> object(WP_Post)#16643 (24) { ["ID"]=> int(939) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:44:59" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:44:59" ["post_content"]=> string(2398) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]I Peeremboom sono una numerosa famiglia di ebrei olandesi; The Maelestrom – A Family Chronicle riutilizza e monta immagini tratte in prevalenza dalla loro collezione di home movie che documentano gli avvenimenti della loro vita famigliare dal 1933 al 1942: esattamente il giro di anni che vede la nascita e la crescita del nazismo in Europa. Nel 1940 i Paesi Bassi vengono invasi dalle truppe di Hitler; di tutti i membri della famiglia solo uno di loro sopravviverà alla deportazione e ai campi di concentramento. Parallelamente alla storia dei Peeremboom – che si filmano fino al giorno in cui sono costretti a lasciare la loro casa confiscata dai tedeschi – il montaggio alterna le memorie filmiche di Seyss-Inquart, commissario nazista per i territori occupati olandesi.   L’opposto destino delle due famiglie - una condannata allo sterminio, l’altra alla colpa dei carnefici - attribuisce una qualità diversa alle due serie di immagini, straordinariamente simili nel mostrare quadretti di serena vita quotidiana. Il materiale d’archivio, nel lavoro di Forgács, diventa in alcuni momenti squisitamente cinematografico: l’utilizzo dello stop-frame blocca l’immagine nel momento della sua perfezione, cogliendo l’attimo in cui l’inquadratura raggiunge la “giustezza” della composizione. In alcuni casi la presenza della gag innalza il filmino amatoriale alla qualità di un vero e proprio film; ma la consapevolezza di trovarsi davanti a uno dei più straordinari documenti storici sull’olocausto ebraico costringe lo sguardo dello spettatore a una distanza etica e alla inesausta riflessione su ciò che è impresso sulla pellicola.   Nel magistrale lavoro di Forgács la dimensione privata del racconto della Shoah è dirompente e inedita, ed emerge come mai era accaduto prima nel cinema, sia fiction che documentario. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(34) "The Maelstrom - A Family Chronicle" ["post_excerpt"]=> string(127) "La cronaca filmata di una famiglia ebrea olandese che inconsapevolmente finisce nel vortice della distruzione nazista. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(30) "the-maelstrom-a-family-chronic" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:47:06" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:47:06" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=939" ["menu_order"]=> int(4) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [25]=> object(WP_Post)#16642 (24) { ["ID"]=> int(941) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:48:43" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:48:43" ["post_content"]=> string(2615) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Corre l’anno 1938 e Hitler estende la sua influenza sulla Cecoslovacchia e l’Austria; il governo fantoccio cecoslovacco diventa rapidamente anti-ebraico e Aron Grünhut, presidente della comunità ebrea ortodossa di Bratislava, organizza la fuga di circa 900 ebrei su due navi: una di queste è la Queen Elisabeth. L’intero viaggio, che porta il suo carico di esiliati da Bratislava fino al Mar Nero seguendo il corso del Danubio, viene documentato dal capitano Nándor Andrásovits che tiene un suo “diario di bordo” con una cinepresa amatoriale.   Su un’altra nave, la Noemi Julia, i viaggiatori arriveranno alla meta finale: la Palestina. Intanto Hitler firma l’alleanza con Stalin; il patto tra le due nazioni prevede la cessione di una parte della Romania (la Bessarabia) all’Unione Sovietica. La popolazione tedesca che vive in quella regione deve essere rimpatriata in Germania e il comando nazista affitta la Queen Elisabeth per riportare i cittadini tedeschi in patria. Sul ponte della medesima nave si incrociano i destini di due popoli; il dramma di persone costrette a lasciare la loro terra per fare spazio alle ragioni della Storia.   Le immagini d’archivio recuperate e montate da Forgács, delineano un viaggio a metà strada tra l’esodo biblico e la spensieratezza di un’avventura imprevista. I volti, davanti alla cinepresa di Andrásovitz si aprono in un sorriso, incuriositi. I filmini fissano i momenti di spensieratezza: un matrimonio, le danze sul ponte, qualcuno che prende il sole, la bellezza delle ragazze. Sono invece le immagini del paesaggio a delineare un universo fatto d’acqua e di cielo, spazio del racconto mitico in cui rinnovare il cammino verso la terra promessa. Ed è la musica di Tibor Szemzö a fare un lavoro di scavo sulle immagini e a portare in superficie il sentimento della nostalgia e il dolore per la patria perduta. In The Danube Exodus l’esodo diventa la figura chiave per interpretare la storia del secondo conflitto mondiale e per leggere l’identità del popolo ebraico. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(17) "The Danube Exodus" ["post_excerpt"]=> string(462) "Storie di guerra: l’esodo, filmato dal capitano di una nave, di un gruppo ebrei del centro Europa lungo il Danubio verso il Mar Nero e il percorso opposto di contadini tedeschi rimpatriati in Germania dall’Unione Sovietica. Storie di guerra: l’esodo, filmato dal capitano di una nave, di un gruppo ebrei del centro Europa lungo il Danubio verso il Mar Nero e il percorso opposto di contadini tedeschi rimpatriati in Germania dall’Unione Sovietica. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "the-danube-exodus" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:47:27" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:47:27" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=941" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [26]=> object(WP_Post)#16641 (24) { ["ID"]=> int(943) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:53:51" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:53:51" ["post_content"]=> string(2620) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Grecia, 1940: le truppe italiane entrano ad Atene, seguite sei mesi dopo dall’esercito tedesco. L’occupazione straniera dà luogo a un movimento clandestino di resistenza greco che innesca una sanguinosa guerra civile. La tragedia della seconda guerra mondiale e gli effetti dell’occupazione nazi-fascista su territorio greco sarebbero stati privi di immagini se il signor Angelos Papanasstassiou, prima agente di cambio, poi imprenditore e infine consigliere comunale ad Atene, non avesse avuto la passione del film amatoriale.   Passione che coincise col coraggio, in un’ epoca in cui il semplice atto di fotografare era punibile con la morte. Mettendo a rischio la propria vita Angelos filma le atrocità naziste, l’orrore delle fosse comuni, i partigiani impiccati per strada, le esecuzioni di massa, la fame della popolazione, i corpi torturati dei sopravvissuti e quelli dei morti. Contemporaneamente, con la sua piccola cinepresa, documenta la sua vita famigliare: la nascita della figlia, il sorriso della moglie, le feste con gli amici. Alla fine della guerra Angelos consegna alle autorità i suoi “war-films”, che verranno poi utilizzati come prove dei crimini commessi dai nazisti durante il processo di Norimberga.   Forgács, dopo un capillare lavoro di ricerca, monta le riprese rubate alla guerra con quelle girate in famiglia, facendo collidere la grande storia con quella privata: con uno stridore agghiacciante vediamo i gerarchi nazisti posare 3622 davanti alle colonne del Partenone affiancate alla documentazione dei primi passi della figlia di Papanasstassiou. Nel film di Forgács l’occhio che guarda è un organo bifronte, che rovescia continuamente il suo statuto e il suo punto di vista: gli home-movies hanno la felicità come oggetto, il documento storico attesta la paura del corpo sociale. In questo modo la vita e la morte, la gioia e l’orrore stanno fermi, uno di fronte all’altro, si accerchiano in assedio; le immagini fanno battere il cuore del singolo e quello della storia.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(15) "Angelos’ Film" ["post_excerpt"]=> string(162) "La resistenza greca all’occupazione nazista nelle immagini di un patriota di Atene che filma di nascosto le atrocità sulla popolazione compiute dai tedeschi. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "angelos-film" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:48:02" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:48:02" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=943" ["menu_order"]=> int(6) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [27]=> object(WP_Post)#16640 (24) { ["ID"]=> int(945) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:54:48" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:54:48" ["post_content"]=> string(1562) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La Spagna degli anni Trenta e della Guerra Civile vista con gli occhi di due cineamatori. Il primo è Joan Salvans, figlio di un ricco industriale catalano, e filmaker di talento, che il 24 Luglio del 1936, sei giorni dopo lo scoppio della guerra civile, viene trovato morto insieme a suo padre, ucciso per mano di un militante anarchico. Il secondo è un altro giovane filmmaker, Ernesto Diaz Noriega, studente della media borghesia madrilena di simpatie repubblicane che viene arrestato e rinchiuso in carcere. Ernesto riesce a filmare la prigionia, il suo successivo rilascio e il ritorno a Madrid.   Forgács, attraverso le immagini di Joan ed Ernesto e altri materiali filmici in gran parte inediti, ripercorre il caos della Spagna di quegli anni dove le immagini del conflitto scorrono accanto ai matrimoni, alle nascite, alle scene di strada, le vedute di un paese diviso tra arretratezza e modernità. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(56) "El Perro Negro - Stories from the
Spanish Civil War" ["post_excerpt"]=> string(116) "Un affresco delle Spagna della Guerra Civile attraverso i film di cineamatori dai due fronti contrapposti. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(51) "el-perro-negro-stories-from-the-spanish-civil-war-2" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:48:53" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:48:53" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=945" ["menu_order"]=> int(7) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [28]=> object(WP_Post)#16639 (24) { ["ID"]=> int(948) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:55:13" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:55:13" ["post_content"]=> string(1505) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La storia di Lisl Goldarbeiter, la ragazza più bella del mondo. Cresciuta a Vienna in un ambiente familiare povero, fin da giovanissima vince concorsi e nel 1929 viene eletta all’unanimità Miss Universo, la prima e unica austriaca. Improvvisamente famosa in tutto il mondo, viaggia e riceve numerose offerte di lavoro, anche da Hollywood, tuttavia alla fine preferisce rimanere nel suo paese, sposandosi con un ricco viennese.   Suo cugino, Marci, da sempre perdutamente innamorato di lei, è un appassionato cineamatore che riprende lei e la sua famiglia. Con l’annessione dell’Austria da parte della Germania (1938) e la guerra, gli eventi precipitano drammaticamente. A resistere nel tempo  è l’amore romantico. Grazie alle immagini amatoriali di Marci Tenczer e al magistrale lavoro di Forgács, una storia bellissima può essere finalmente raccontata. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(58) "Miss Universe 1929
Lisl Goldarbeiter. A Queen in Wien" ["post_excerpt"]=> string(137) "La storia di una ragazza semplice che divenne Miss Universo e di suo cugino che non smise mai di filmarla, amandola in segreto. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(52) "miss-universe-1929-lisl-goldarbeiter-a-queen-in-wien" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:49:22" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:49:22" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=948" ["menu_order"]=> int(8) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [29]=> object(WP_Post)#16638 (24) { ["ID"]=> int(950) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:56:01" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:56:01" ["post_content"]=> string(1139) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il destino di centinaia di migliaia di uomini e donne ungheresi emigrati negli Stati Uniti tra il 1890 e il 1921. Per raccontare la loro storia, Forgács ha intessuto una grande epopea utilizzando archivi filmici pubblici e privati, tra cui immagini delle origini del cinema americano, rielaborandoli con fotografie e testimonianze orali. Questo documentario poetico rievoca i momenti difficili dell'arrivo, dell'integrazione e dell'assimilazione, che hanno posto le basi del futuro delle generazioni successive e del loro sogno americano, reale e illusorio allo stesso tempo.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(32) "Hunky Blues - The American Dream" ["post_excerpt"]=> string(173) "Il racconto corale dell’emigrazione ungherese negli Stati Uniti tra speranze, illusioni e opportunità, attraverso immagini d’archivio e testimonianze orali. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(30) "hunky-blues-the-american-dream" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:49:57" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:49:57" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=950" ["menu_order"]=> int(9) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [30]=> object(WP_Post)#16637 (24) { ["ID"]=> int(1017) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 15:15:53" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 13:15:53" ["post_content"]=> string(2558) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Tre blocchi di pellicole domestiche 8mm single8, girate a vent’anni di distanza l’una dall’altra e digitalmente riunite in un unico quadro, parlano, ora singolarmente - ora simultaneamente (in split screen) dell’evolversi dell’occhio cinematografico privato, dei supporti e delle tecniche amatoriali. Dell’eterno fluire delle generazioni, della prepotenza della memoria e delle fatali insidie della nostalgia. Le tre realizzazioni, sono arricchite del testo della lettera con la quale nel 1935, il padre di Luca Ferro, giovane ufficiale in Etiopia, stabilì il primo contatto con sua madre.  
Luca Ferro su Impressioni a distanza e il Cinema Privato
  «Considero questo lavoro come un'esemplificazione paradigmatica del fare Cinema Privato. Nel caso di Impressioni a distanza ho ripreso in mano una antica realizzazione (1976) e l'ho rielaborata utilizzando gli strumenti dell'editing digitale, riducendola rispetto alla durata iniziale e arricchendola del testo della lettera attraverso cui mio padre nel 1935, giovane ufficiale in Etiopia, stabilì il primo contatto con mia madre. Ho aggiunto anche una traccia musicale. Insomma ho messo in pratica quello di cui da sempre sono convinto: che il Cinema Privato accoglie quei rifacimenti, quelle varianti che il passare del tempo, a ragione o a torto, suggerisce, consentendo di riposizionare il proprio sguardo, di dare nuove connotazioni ad intuizioni e sentimenti precedenti. Trent’anni fa ero molto più radicale ed astratto; meno disponibile, rispetto ad oggi, agli incanti delle memorie e della nostalgia».   [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Impressioni a distanza" ["post_excerpt"]=> string(159) "di Luca Ferro - Partendo da attimi privati, tre racconti per immagini, distanti nel tempo e nello spazio, si uniscono per narrare una storia più ampia. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "impressioni-a-distanza" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:54:54" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:54:54" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1017" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [31]=> object(WP_Post)#16636 (24) { ["ID"]=> int(1020) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 19:38:30" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 17:38:30" ["post_content"]=> string(4815) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Le immagini che accompagnano Trascorrere con Laura sono state per la maggior parte riprese nella primavera del 1974: in una rielaborazione digitale del 2004, se ne sono aggiunte altre, sovraimpresse, alcune ricavate da pellicole appena precedenti, altre da quelle di qualche anno successive. In questa versione, nella parte finale, Luca Ferro ha aggiunto pochi fotogrammi, rivelatori delle due diverse espressioni del volto di Laura. Come un’opera in continuum che si modifica e accresce al variare delle esperienze della vita. Mutevole, come il sentimento verso chi si ama, quando si trascorre un’esistenza intera fianco a fianco. Dalla consapevolezza di questa mutevolezza, sorge la necessità di imprimere quegli attimi, a partire dalla prima esperienza di attesa, di nascita e di accudimento del loro primo figlio. Il tutto, ripreso nel suo naturale e inaspettato “trascorrere”.   Luca Ferro, il primo settembre 2021: «Oggi, 1 settembre 2021 ore 18:20 che inizio questo testo, sono esattamente 41 giorni 15 ore e cinque minuti che Laura non c'è più. Le immagini che accompagnano questa mia realizzazione sono state, per la maggior parte riprese nella primavera del 1974. Poi altre, in una rielaborazione digitale del 2004, si sono sovrimpresse, alcune ricavate da pellicole di poco precedenti, altre da quelle di qualche anno successive. Nella colonica adiacente alla fonte, che occupa il centro della scena, viveva all’epoca Laura, psicologa fresca di laurea, che avevo conosciuto l’anno precedente. Insieme, come testimoniato dai fotogrammi, stavamo affrontando la nostra prima esperienza di attesa, di nascita e di accudimento di un primo figlio. Le riprese al lavatoio-abbeveratoio non nascevano da uno specifico progetto ma piuttosto dalla suggestione di accostare al naturale fluire del ciclo dell’acqua quello della nostre esistenze: un divenire complesso ma di insita necessità, di giocosa e felice naturalezza.   Non avevamo ancora concluso i vent’anni, che altro dire! Il titolo “Trascorrere con Laura” derivò proprio da questa esperienza del “trascorrere” nella sua duplice accezione: di condividere “il tempo dei giorni” ma anche di un accordarsi al fluire della vita, di un abbandonarsi con fiducia ad un disegno superiore di cui ignoravamo gli “esiti” e che tuttavia istintivamente ci “urgeva”, non privo di ambivalenze, dentro. Poi, nel 2014 appunto, ho avvertito che le immagini di quel presente già inglobassero le conseguenze del precedente passato e le anticipazioni di un successivo futuro che si sarebbe rivelato sotto la duplice specie di “miracolo”, la nascita del figlio, e di tragedia, la morte in giovane età di un carissimo amico.   E dunque, con la consapevolezza della maturità e la convinzione che l’espressione audiovisiva privata debba accogliere quelle varianti dello sguardo che il filtro della memoria e dell’evolversi dei sentimenti ci impone, senza rinnegare o stabilire un’assurda gerarchia tra “realizzazioni” di epoche diverse, avevo provveduto ad adeguare il precedente lavoro alla mia nuova percezione. Finché, oggi 2021, nella circostanza di rendere, per la prima volta, quelle remote immagini disponibili per tutti, aggiungo pochi fotogrammi nella parte finale che rivelano come già allora due diverse espressioni del volto di Laura, fossero in grado di anticipare la “verità profonda” di una relazione vissuta, per cinque lunghi decenni nel segno di una ricorrente altalena emotiva e tuttavia contraddistinta da una solida, consapevole, reciproca, inesaurita “passione”. Spesso disperatamente felice o conflittualmente “innamorata”. Costante nella sua precarietà. Sempre ostinatamente impegnativa. Che può riassumersi in un unico aggettivo: intensa.»[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(21) "Trascorrere con Laura" ["post_excerpt"]=> string(169) "di Luca Ferro - Attimi di vita, impressi nel loro naturale e imprevedibile “trascorrere”: Luca Ferro filma la moglie Laura, a partire da quella primavera del 1974. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(21) "trascorrere-con-laura" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:55:33" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:55:33" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1020" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [32]=> object(WP_Post)#16635 (24) { ["ID"]=> int(1023) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:02:43" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:02:43" ["post_content"]=> string(4335) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Due cugini, rigorosamente fuori campo, con una videocamera digitale puntata su di un malfunzionante televisore registrano - commentandole - alcune immagini tratte da vecchi film 8mm della propria famiglia. Il risultato è una video-lettera, un esperimento metalinguistico realizzato su richiesta dell’amico Allaman, per essere inviata a suoi lontani parenti australiani mai conosciuti. Ne deriva un'involontaria ma incisiva esegesi sulla natura del cinema familiare, sullo straordinario intrecciarsi di memoria e presente.  
Luca Ferro, una riflessione su Coniglio, Leoni & circostanze varie
  «Non è forse un caso che per individuare la forma del mio lavoro sia dovuto ricorrere al termine inedito di Cinema Privato. Quando porto a termine un video spero sempre che possa risultare interessante per il maggior numero di persone e tuttavia sono assolutamente consapevole che per apprezzarlo  - ammesso che ne valga la pena -  lo spettatore deve concedersi/concedermi uno scialo di tempo di cui non tutti  - ammesso che lo desiderino - sono, in un qualsiasi frangente della loro esistenza, nella condizione di disporre. Dunque realisticamente non aspiro ad un pubblico ma tutt’al più ad un certo numero di spettatori , che più volentieri denominerei videolettori se questo termine non corresse il rischio d’ingenerare possibili fraintendimenti.  Videolettori in che senso? Provo a spiegarmi: questo video Coniglio, Leoni & circostanze varie ha una sua densità pienamente decifrabile solo in seguito ad una  pluralità di letture.  Ma posso io verosimilmente pretendere da chicchessia una tale disponibilità? Non credo proprio. Tutt’al più posso augurarmi che il mio lavoro, invece d’incrociare lo sguardo-panzer dello spettatore che macina unidirezionalmente i 25 frames al secondo,  incontri l’occhio démodé (o prémodé) di un  lettore/visore uso alla pausa riflessiva, col gusto a riconsiderare i segni pregressi alla luce di uno scarto del testo e che non esita, all’occorrenza, a interrompere il flusso d’immagini per riavviarlo a partire da un punto precedente».
Luca Ferro, considerazioni via mail dopo il telecinema effettuato da Home Movies
« (...) La copia è nuova perché una parte delle immagini di cui il video si compone sono frutto di un telecinema fatto a dovere e non della digitalizzazione di immagini da nastro VHS (a sua volta derivato da un pessimo tele cinema). Motivo per cui se nella versione precedente l’idea era già tutta presente e articolata in un suo dipanarsi  tra strati e piani capaci di sorprendere innanzitutto il suo autore (o come più appropriatamente  mi piace considerarmi: la sua levatrice) in questa versione, nuova in alcuni momenti anche per le immagini utilizzate, meglio spicca il contrasto materico tra la qualità 8mm delle sequenze a schermo pieno  e  la struttura narrativa di base (audio e visiva) piuttosto desolante sotto il profilo strettamente estetico ma ricca di suggestioni e di stimoli per ciò che s’intravede e s’intrasente». [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(35) "Coniglio, Leoni & circostanze varie" ["post_excerpt"]=> string(216) "di Luca Ferro - Il passato si confronta con il presente (e viceversa), riflettendosi nelle evoluzioni del supporto cinematografico, nella necessità di trasmettere un personale, quanto comune, vissuto famigliare. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(32) "coniglio-leoni-circostanze-varie" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:56:20" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:56:20" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1023" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [33]=> object(WP_Post)#16634 (24) { ["ID"]=> int(1025) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:04:55" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:04:55" ["post_content"]=> string(2909) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una ricerca familiare che abbraccia Monferrato e Canavese nei decenni a cavallo tra fine '800 e primi '900 e ruota attorno a Erminio Ferro, fondatore dello stabilimento omonimo in Cuorgné. Le storie degli avi, nella loro infinita singolarità, finiscono quasi sempre per assomigliarsi: recuperarle, o forse più verosimilmente, fornirsi di una ricostruzione in larga misura immaginaria può illuminare posteri, presenti e futuri, sul senso della loro vita ma soprattutto dare una giustificazione plausibile al nostro esistere. La cifra stilistica, necessariamente e deliberatamente a-professionale, s'inquadra nella logica e nella poetica del Cinema Privato di Luca Ferro.  
Luca Ferro, una riflessione su Inchiesta di famiglia
  «Non è l'alta qualità professionale dell'immagini e del suono che m'interessa, anzi per certi versi prediligo, una predilezione in parte obbligata dai miei limiti e tuttavia reale, l'imperfezione e quella che mi piace individuare come l' a-professionalità (cosa un po' diversa dall' amatorialità di stampo brakhagiano).   Non è solo un trucco per fare di necessità virtù. Col tempo mi sono reso conto che è anche un valore aggiunto, voglio dire che può essere anche considerato come valore aggiunto. In particolare quando la rinuncia alla levigatezza ed ai livelli fondamentali che definiscono la professionalità concorrono a dare rilievo all'immediatezza della pratica video-cinematografica, nel senso letterale di far cadere i tradizionali filtri che (mediando) occultano la realtà della relazione tra filmante e filmato (nella doppia valenza di persona filmata e di materiale prodotto), restituendo così all'opera,  specie in circostanze come questa dove il coinvolgimento personale è massimo, una rappresentazione anche autoetnografica e dunque per certi versi “autentica”, nei limiti in cui possiamo utilizzare tale aggettivo rispetto alle manipolazioni connaturate alla pratica audiovisiva.»[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(21) "Inchiesta di famiglia" ["post_excerpt"]=> string(176) "di Luca Ferro - Un viaggio audiovisivo alla scoperta delle radici della propria famiglia, tra scontro e sovrapposizione, in un intreccio tra immaginario e testimonianza vera. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(21) "inchiesta-di-famiglia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:53:55" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:53:55" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1025" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [34]=> object(WP_Post)#16633 (24) { ["ID"]=> int(1030) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:24:14" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:24:14" ["post_content"]=> string(1670) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online sul sito di archivio aperto - contenuto extra
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Per l’esuberanza  appannavano i cristalli dell’auto in primavera. Hai presente? Allora.. Quando l’autunno apparteneva ad un altro pianeta.     Il volto di Laura, in un attimo di complicità fugace ed eterna.     
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(13) "Hai presente?" ["post_excerpt"]=> string(80) "di Luca Ferro - Contenuto extra. Il volto di Laura, in pochi attimi resi eterni." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "hai-presente" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:52:04" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:52:04" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1030" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [35]=> object(WP_Post)#16632 (24) { ["ID"]=> int(1033) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:45:44" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:45:44" ["post_content"]=> string(1464) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 9 al 27 ottobre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Presentato la prima volta alla Galleria Milano in occasione dell’inaugurazione della mostra Falce e martello nel 1973, Comitati Politici - Testimonianze sulle lotte operaie in Italia nella primavera del '71 è un film in 16mm è realizzato da Enzo Mari con il gruppo di lavoro degli allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia. La pellicola raccoglie le esclusive testimonianze dei rappresentanti dei sindacati, degli impiegati e degli operai delle fabbriche Minganti, Sasib, Comi Rhodiatoce, Châtillon e del Petrolchimico di Porto Marghera.    Restauro a cura di Home Movies. In collaborazione con Galleria Milano.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(17) "Comitati politici" ["post_excerpt"]=> string(227) "di Enzo Mari - Realizzato nel 1971, Comitati politici raccoglie alcune esclusive testimonianze dei rappresentanti dei sindacati, degli impiegati e degli operai delle fabbriche dell'epoca. In collaborazione con Galleria Milano " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "comitati-politici" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-11-02 16:36:54" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-11-02 15:36:54" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1033" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [36]=> object(WP_Post)#16631 (24) { ["ID"]=> int(954) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-29 19:22:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-29 17:22:49" ["post_content"]=> string(2949) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
11 ottobre, ore 21.00  | Auditorium DAMSLab - Piazzetta P. P. Pasolini 5b, Bologna
incontro e proiezione con Péter Forgács
  [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Considerato un maestro del found footage film e pioniere nell’archiviazione e rielaborazione dei film amatoriali, Péter Forgács sarà a Bologna l'11 ottobre per presentare in anteprima italiana gli ultimi due film della serie Private Hungary: Kemény György e Venom – A Diva in Exile    Kemény György | 68', 2017, Ungheria L'appassionante ritratto dell’artista pop ungherese György Kemény, molto conosciuto nel suo paese per i poster, le copertine degli album, la grafica e le pubblicità “sociale”. Kemény è anche scultore e autore di installazioni moderne e di performance. Come con altri protagonisti dei suoi film, Forgács ci propone un attraversamento del Novecento e delle “storie nascoste” del secolo, con la vita dell’ottantenne Kemény, in questo caso raccontata da lui in prima persona. Racconto contrappuntato delle riprese private e da un ricchissimo materiale iconografico, contestualizzato à la Forgács. È il capitolo XIX della serie Private Hungary, la grande opera in progress che Forgács ha iniziato nel 1988.   Venom – A Diva in Exile | 29’, 2018, Ungheria Venom – A Diva in Exile è basato sull'omonimo racconto della scrittrice Zsófia Bán, sulla travagliata storia della cantante e star del cinema ungherese Katalin Karády. Diva nell’era di Horthy fu accusata di spionaggio durante la guerra, imprigionata, torturata e bandita alla radio e nei teatri nel suo paese d'origine. Dopo il suo rilascio, si prodigò per salvare numerose famiglie ebree, mentre la scomparsa dell’uomo a cui era legata, prima arrestato dai nazisti e poi dai sovietici, la gettò nella disperazione. Con il cuore spezzato, emarginata e bandita nel nuovo regime comunista, andò in esilio nel 1951, trascorrendo quindici anni a San Paolo, in Brasile, per non recitare mai più in un film o sul palco. Poi visse a New York fino alla sua morte (1990).   In collaborazione con Dams50.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(58) "Hidden Histories. Proiezione live
con Péter Forgács" ["post_excerpt"]=> string(203) "Incontro e proiezione con Péter Forgács - A Bologna l'11 ottobre la presentazione in anteprima italiana degli ultimi due film della serie Private Hungary: Kemény György e Venom – A Diva in Exile. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(50) "hidden-histories-proiezione-live-con-peter-forgacs" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-06 10:58:21" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-06 08:58:21" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=954" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [37]=> object(WP_Post)#16630 (24) { ["ID"]=> int(957) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 09:30:07" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 07:30:07" ["post_content"]=> string(2537) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Tuesday, 12 October - 3.30 PM  | Sala Refettorio, Istituto Storico Parri - Bologna
live and online 
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]An afternoon with Péter Forgács to deepen with him his more than thirty years of artistic work of recontextualizing private footage for his films and installations. How did this artistic path originate and how does a private archive lend itself to reflection on memory? How to interrogate these images today? How to transfigure them from a private and intimate dimension to a public and collective dimension? Which alternate history is possible? To what extent can the filmmaker himself consider himself in a certain way an anthropologist or a historian? Forgács will be asked to answer these questions and to talk about films and installations of such great impact.   HOW TO PARTECIPATE The workshop will be held in English and will take place through a hybrid modality:
  • in-person, in the Refettorio room of the Istituto Storico Parri - Bologna
  • online, in a virtual room
  The in-person course has a maximum of 25 participants - Green Pass is required. The online course is worldwide and open to all: it will be reserved for a maximum of 25 participants too. You will receive a link to the virtural room 48h before the workshop.   Sign up to the workshop here.   The workshop is free. Registration is necessary for both modes - deadline Sunday, 10 October. For further information write to info@homemovies.it   In collaboration with Istituto Storico Parri.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(59) "Between Private and Public
Workshop by Péter Forgács" ["post_excerpt"]=> string(33) "A workshop with Péter Forgács " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(52) "between-private-and-public-workshop-by-peter-forgacs" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-30 13:46:10" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 11:46:10" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=957" ["menu_order"]=> int(12) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [38]=> object(WP_Post)#16629 (24) { ["ID"]=> int(1036) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:49:50" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:49:50" ["post_content"]=> string(2472) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 ottobre  al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Ferrania è un luogo, una fabbrica, un marchio riconosciuto in tutto il mondo che, per decenni, ha fatto la storia della fotografia e del cinema in Italia. Ma Ferrania oggi è un territorio desolato, in cui vivono numerosi ex lavoratori dello stabilimento, in cerca di una nuova direzione.   La storia della Ferrania, la fabbrica delle pellicole impiantata in un piccolo borgo dell’entroterra ligure, ha compiuto cento anni. È al tempo stesso la storia di un enorme stabilimento, di una società, di un marchio, di un territorio: un’intera vallata coinvolta nella chimica del fotosensibile, generazioni di uomini e donne che, al buio, hanno creato rullini fotografici, pellicole cinematografiche, radiografie, lastre per la stampa. Una fabbrica tecnologicamente avanzata, racchiusa dentro palazzi di gusto liberty, circondata dai villaggi operai, attraversata dal fiume Bormida e lambita dalla ferrovia, immersa fra i boschi dell’Adelasia.   Dall’installazione nella frazione di Ferrania di una fabbrica di esplosivi nel 1915, passando per il fascismo, la lunga fase contrassegnata dalla dirigenza dell’Ingegner Luigi Schiatti, l’acquisizione da parte degli americani della 3M, le lotte sindacali, le speculazioni e gli errori, si arriva fino allo scenario di abbandono, quasi lunare, dove si muovono i protagonisti del film e dove, nonostante tutto, ci sono attività imprenditoriali che cercano di rinascere.   Una produzione Kiné. In associazione con Gargàgnanfilm.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(19) "Fantasmi a Ferrania" ["post_excerpt"]=> string(209) "di Diego Scarponi - Ferrania è un luogo, una fabbrica, un marchio riconosciuto in tutto il mondo che, per decenni, ha fatto la storia della fotografia e del cinema in Italia: cosa è rimasto oggi di Ferrania?" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(8) "ferrania" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:39:36" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:39:36" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1036" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [39]=> object(WP_Post)#16628 (24) { ["ID"]=> int(1040) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 22:12:30" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 20:12:30" ["post_content"]=> string(1591) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 17 al 27 ottobre | online su MyMovies
DISPONIBILE SOLO IN EUROPA
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Mario Lorenzini era un operaio, un escursionista, un cacciatore e un membro della comunità Walser piemontese della Valsesia. Negli anni ‘70 compra una cinepresa super8 e inizia a filmare la realtà che lo circonda. Attraverso la sua lente vediamo le stagioni passare a Priami, il suo piccolo paese al confine tra Svizzera e Italia.   Mentre con la sua macchina da presa, Lorenzini esplora la sua comunità, nel film emerge un secondo punto di vista che ci dà l’interpretazione del suo mondo, della sua vita e della sua idea di cinema. La sua relazione con la mascolinità e la mancata relazione con il mondo femminile è spesso sottolineata, generando un conflitto tra le aspettative della sua comunità e la realtà di non poterle esaudire.  [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(15) "Le grand viveur" ["post_excerpt"]=> string(202) "di Perla Sardella - Attraverso le immagini dell’archivio Superottimisti, Perla Sardella rievoca la visione di Mario Lorenzini: operaio, escursionista, inconsapevole documentarista della sua comunità." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(15) "le-grand-viveur" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-08 09:53:50" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-08 07:53:50" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1040" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [40]=> object(WP_Post)#16627 (24) { ["ID"]=> int(1044) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 22:33:00" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 20:33:00" ["post_content"]=> string(1381) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 17 al 27 ottobre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una lunga telefonata d’amore tra la regista e il suo ragazzo rivela le difficoltà della loro relazione, lunghe pause fra una frase e l’altra denotano una forte incomprensione reciproca. La tendenza a portare avanti relazioni tossiche è forse frutto di un esempio dato dalla famiglia? La regista cerca una risposta.   Attraverso l’archivio privato dei genitori, e le conversazioni con la mamma e la nonna si compie un viaggio, che sembra però tornare sempre al punto di partenza. Come in un limbo la regista e i suoi genitori sembrano non trovare una meta e la vita sembra non cambiare mai.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "Castelli di sabbia" ["post_excerpt"]=> string(215) "di Lilian Sassanelli - Stati d’animo passati e presenti emergono e si sovrappongono nelle immagini dell’archivio privato dei genitori della regista, tra relazioni che ripercorrono gli stessi inspiegabili passi. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(18) "castelli-di-sabbia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-08 09:39:51" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-08 07:39:51" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1044" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [41]=> object(WP_Post)#16626 (24) { ["ID"]=> int(1046) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 22:43:35" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 20:43:35" ["post_content"]=> string(2076) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 17 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
disponibile solo in italia
proiezione live + incontro con regista domenica 17 ottobre | anteprima mondiale
ore 18h30, chiostro dell'ex chiesa di san mattia, via sant'isaia 20
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Miraggi di pianura è un un road movie girato lungo la trasversale della via Emilia. Protagonisti del film sono i monumenti che svettano sulle rotatorie posizionate lungo le arterie stradali della pianura padana, dei miraggi a 360 gradi che appaiono davanti agli occhi stanchi degli automobilisti che si trovano ad attraversare un paesaggio industrializzato  senza soluzione di continuità. Queste opere sono una sorta di periferico, ingenuo e sorprendente drive in dell’arte in cui le auto sono per giunta in movimento e dunque il loro tempo di visione è breve, talvolta brevissimo. A seconda dell'uscita che si deve prendere, possono assumere persino il carattere del sogno e ci chiediamo increduli: ho visto davvero quello che ho visto?   Realizzato in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Bologna e Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "Miraggi di pianura" ["post_excerpt"]=> string(242) "di Maurizio Finotto - La Via Emilia si trasforma e diventa un museo a cielo aperto: installazioni nascoste - eppur architettonicamente imponenti - ci invitano a cambiare prospettiva, a ripensare viaggi che credevamo di conoscere a memoria. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(18) "miraggi-di-pianura" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:56:50" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:56:50" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1046" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [42]=> object(WP_Post)#16625 (24) { ["ID"]=> int(1049) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-06 11:44:10" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-06 09:44:10" ["post_content"]=> string(2642) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 17 al 27 ottobre | online su MyMovies
disponibile solo in italia
proiezione live + incontro con regista domenica 17 ottobre | anteprima mondiale
18h30, chiostro dell'ex chiesa di san mattia, via sant'isaia 20
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]A metà tra il documentario e l’installazione artistica, Heimat, a partire dalla frammentazione creativa delle Ultime lettere da Stalingrado, una raccolta di lettere scritte nel dicembre 1942 da soldati tedeschi assediati nella  sacca di Stalingrado, è un’indagine sensoriale ed universale di quell’oggetto così misterioso che è il ricordo di Casa: un oggetto misterioso, sfuggente, sempre sull’orlo della dissolvenza.   In Heimat convivono la pasta di vecchi film di famiglia, pennellate di colore e residui chimici della pellicola in decomposizione. Una realtà che diventa onirica, quasi allucinazione. Le immagini e i suoni in Heimat esprimono tutta la loro materialità, il loro essere oggetti segnati dal tempo, consumati e rovinati. Un’esperienza cinematografica estremamente sensoriale per riflettere sul ricordo, su ciò che ci lega ai nostri affetti, su tutto ciò che chiamiamo Casa. In una parola: il nostro Heimat.   Il film è tra i vincitori del Premio Zavattini 2020/21, prodotto dalla Fondazione Aamod e messo a punto nell'ambito del percorso di formazione e sviluppo previsto dal Premio Zavattini.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(6) "Heimat" ["post_excerpt"]=> string(138) "di Giovanni Montagnana - Un soldato circondato dal Nemico e intrappolato definitivamente nella Città scrive la sua ultima lettera a Casa." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(6) "heimat" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-14 10:28:59" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-14 08:28:59" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1049" ["menu_order"]=> int(4) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [43]=> object(WP_Post)#16624 (24) { ["ID"]=> int(1042) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 22:28:17" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 20:28:17" ["post_content"]=> string(1535) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 20 al 27 ottobre | online su MyMovies
DISPONIBILE SOLO IN ITALIA
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Presentato alla scorsa Settimana Internazionale della Critica di Venezia, ne L'incanto le voci di cinque donne riempiono lo spazio sonoro del film tessendo i fili di una trama : una donna legge i tarocchi; la sopravvissuta del “Massacro del Circeo”, uno degli episodi di rapimento e violenza più efferati della cronaca nera italiana, risponde alla domande di un giornalista; una donna accusata dell’omicidio di quattro persone viene interrogata dai magistrati; una donna racconta del suo rapporto con la morte,  mentre un'altra cerca nella pratica religiosa una risposta alla violenza. Queste voci fanno emergere, in modi diversi, il rapporto alla vita attraverso il discorso della morte. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(9) "L'incanto" ["post_excerpt"]=> string(213) "di Chiara Caterina - Frammenti di voci recuperati da differenti archivi evocano, insieme ad immagini realizzate interamente interamente in 16mm e Super8, scenari lontani e oscuri, macchie difficili da cancellare. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(8) "lincanto" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-08 09:41:33" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-08 07:41:33" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1042" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [44]=> object(WP_Post)#16623 (24) { ["ID"]=> int(1101) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-15 10:42:08" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-15 08:42:08" ["post_content"]=> string(3144) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
venerdì 22 ottobre, 18h00 | live su fb 
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
In quali linguaggi e poetiche risuonano ancora le ricerche pionieristiche della madrina dell'avanguardia americana? Una conversazione a partire da Maya Deren – Amateur is a Lover, la rassegna organizzata da Archivio Aperto sulla leggendaria filmmaker. Al suo sguardo rivoluzionario dobbiamo una visione ancora viva del cinema e dell'immagine in movimento come atto poetico e come traccia di una relazione con il mondo a partire dal corpo.   La conversazione sarà occasione per presentare anche il volume "Le Sperimentali. Cinema, videoarte e nuovi media nella prospettiva internazionale dagli anni Venti a oggi", a cura di Elena Marcheschi e Giulia Simi (ETS – collana FAScinA, 2020). L'evento si inserisce anche all'interno di Visioni Periferiche, ciclo di incontri della rivista Arabeschi dedicato a testi che attraversano i confini dei singoli media, invitandoci a riflettere sul rapporto fra le arti.   In collaborazione con FAScinA - Forum Annuale delle Studiose di Cinema e Audiovisivi.
 
Puoi seguire l'incontro in diretta, venerdì 22 alle 18, in una di queste tre modalità:    – La pagina Facebook di Home Movies – La pagina Facebook di Arabeschi – il canale YouTube di Arabeschi  
    [/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(108) "Maya e le altre – l'eredità di
Maya Deren nel cinema sperimentale
e nella videoarte delle donne" ["post_excerpt"]=> string(133) "Incontro online - In quali linguaggi e poetiche risuonano ancora le ricerche pionieristiche della madrina dell'avanguardia americana?" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(15) "maya-e-le-altre" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-30 17:17:10" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-30 15:17:10" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1101" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [45]=> object(WP_Post)#16622 (24) { ["ID"]=> int(770) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-01 14:00:33" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-01 12:00:33" ["post_content"]=> string(4394) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Sabato 23 ottobre, 16:30 | Sala Refettorio, Istituto Storico Parri - Via Sant'Isaia 20, Bologna[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
(Non) sempre ricordano. Tavola rotonda sulla poesia di Patrizia Vicinelli.
  Una tavola rotonda per dialogare e riflettere sulla presenza dell’opera di Patrizia Vicinelli all’interno del contesto poetico contemporaneo. L’incontro è a cura di Lorenzo Mari, traduttore e poeta, e Beatrice Seligardi, studiosa di letterature comparate, e vedrà la partecipazione delle poete Loredana Magazzeni e Rosaria Lo Russo, della ricercatrice Marzia D'Amico e del poeta Alberto Masala.     Lorenzo Mari vive e lavora a Bologna. Ha pubblicato alcuni libri di poesia, tra cui Querencia (Oèdipus, 2019) e Tarsia/Coro (Zacinto, 2021). Ha curato ZURITA. 4 poemi (Valigie Rosse, 2019; trad. Alberto Masala) del poeta cileno Raúl Zurita e ha tradotto Trilce del poeta peruviano César Vallejo (Argo, 2021).   Beatrice Seligardi è studiosa di letterature comparate e si occupa, principalmente, del rapporto tra letteratura e cultura visuale. È autrice di articoli e saggi, tra cui Lightfossil. Sentimento del tempo in fotografia e letteratura (Postmedia Books, 2020). Ha collaborato con la Cineteca di Bologna in qualità di tutor didattica. Attualmente è docente a contratto presso l’Università di Parma.   Marzia D’Amico è ricercatrice Junior (FCT) al Centro di Studi Comparati (CEC) dell’Università di Lisbona. Ha conseguito un dottorato presso l'University of Oxford (2019) con una tesi dal titolo Figlie di Omero. Verso un'epica femminile, una riflessione su genere letterario e gender a partire dall'esperienza poematica di Amelia Rosselli e Patrizia Vicinelli. È co- fondatrice della newsletter Ghinea, progetto gratuito di diffusione di cultura transfemminista, e ha pubblicato poesie, traduzioni, e contributi di vario genere su diverse riviste, inglesi e italiane.   Rosaria Lo Russo, poeta, performer, traduttrice, saggista, è nata a Firenze, dove abita, nel 1964. Insegna, legge, scrive e commenta criticamente poesie sue e altrui - in questo caso recitandole riscrive con la voce -: la poesia è la sua arte e il suo artigianato, la sua esperienza spirituale e materiale.   Loredana Magazzeni vive a Bologna e si occupa di gender studies, poesia e traduzione. Ha pubblicato raccolte di poesia e curato diverse sillogi dedicate alla poesia femminile. È nella redazione della rivista letteraria «Le Voci della Luna» e «Poesia condivisa in Poesia 2.0». Ha partecipato a festival di poesia a Roma, Trieste, Modena, Bologna. Fa parte del Gruppo ‘98 di Poesia e collabora con la Libreria delle Donne e la Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna.   Alberto Masala, sardo, vive a Bologna. È poeta e scrittore plurilingue. Ha pubblicato in Italia, Stati Uniti, Francia. È presente in antologie in Italia, Francia, Spagna, Germania, Ungheria, Russia, Albania, Bosnia, USA, Iraq. È traduttore (Kerouac, Ferlinghetti, Pey, Malina, Mereu, Hawad, Zurita). Nel suo percorso, oltre alla direzione di progetti artistici in Europa (Berlino, Amsterdam, Salonicco, Bologna, Sardegna), ha partecipato a realizzazioni di teatro, cinema, radio. Ha scritto opere musicali e collabora con musicisti di varie parti del mondo con cui lavora in concerto dal vivo.    
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite, cliccando qui. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(88) "(Non) sempre ricordano.
Tavola rotonda sulla poesia di
Patrizia Vicinelli." ["post_excerpt"]=> string(145) "Una tavola rotonda per dialogare e riflettere sulla presenza dell’opera di Patrizia Vicinelli all’interno del contesto poetico contemporaneo." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(70) "non-sempre-ricordano-tavola-rotonda-sulla-poesia-di-patrizia-vicinelli" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-15 10:53:07" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-15 08:53:07" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=770" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [46]=> object(WP_Post)#16621 (24) { ["ID"]=> int(1113) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-18 11:16:05" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-18 09:16:05" ["post_content"]=> string(6872) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
mercoledì 27 ottobre, dalle 15.00 alle 17.30
online, in diretta sulla pagina facebook di home movies - archivio nazionale del film di famiglia
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Verso il Centenario del Pathé Baby. Il patrimonio audiovisivo italiano in 9,5mm World Day for Audiovisual Heritage UNESCO
 
Con lo slogan ‘le cinéma chez soi’, il cinema a casa tua, ormai cento anni fa il formato ridotto comincia a diffondersi nelle famiglie. Una vera rivoluzione e un’utopia che con il tempo diviene realtà, il cinema a portata di tutti, dal film di famiglia a tutte le forme dell’home movie e del cinema amatoriale e sperimentale.   La giornata dedicata al 9,5mm alla vigilia del centenario della sua invenzione, 1922-2022, intende infatti presentare i primi risultati del censimento del patrimonio filmico italiano in 9,5mm, una ricerca condotta da Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, in collaborazione con l’Università di Udine e INEDITS - Amaterus Films / Memory of Europe, che ad oggi ha coinvolto le cineteche e gli archivi italiani.   A cura di Mirco Santi, Paolo Simoni e Andrea Mariani nell’ambito del progetto homemovies100.    
IL PROGRAMMA DETTAGLIATO DELLA GIORNATA
 
15:00-17:00 | Tavola rotonda. Presentazione dei risultati del censimento del patrimonio cinematografico in 9,5mm conservato dalla cineteche italiane.   Introducono i curatori Mirco Santi (Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia), Paolo Simoni (Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia), Andrea Mariani (Università di Udine).   Intervengono le cineteche e gli archivi che hanno aderito al progetto: Maria Assunta Pimpinelli, Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale Elena Testa, CSC - Archivio Nazionale Cinema Impresa Andrea Meneghelli - Cineteca di Bologna Paolo Cherchi Usai e Alice Rispoli - Cineteca del Friuli Matteo Pavesi - Cineteca Italiana di Milano Stefania Carta e Anna Sperone - Museo Nazionale del Cinema di Torino Ilaria Ferretti - Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia Ha partecipato al censimento anche AAMOD - Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico di Roma.     17:00-17:30 | Proiezione speciale con sonorizzazione dal vivo.   Memoryscapes 9,5mm. Una selezione di 9,5mm amatoriali degli anni ‘20 e ‘30 della piattaforma Memoryscapes / Il cinema privato online sonorizzata dal vivo daFrancesca Baccolini, contrabbasso e synth.
 
  Francesca Baccolini è contrabbassista, compositrice e musicista sperimentale. Interessata all’improvvisazione quanto allo studio delle musiche tradizionali, fonda il suo linguaggio sull’intreccio di field recordings, sintetizzatori e contrabbasso. Vive a Bologna dove ha compiuto gli studi in musica Jazz presso il Conservatorio G.B.Martini. Collabora stabilmente con Andrea Belfi e Rocco Marchi con i quali, nel 2011, dà vita a Hobocombo, gruppo dedito alla reinterpretazione del vasto repertorio del musicista e compositore Moondog. Artista internazionale affermata, si è esibita in svariati club e teatri di Berlino e diversi festival in Germania, insieme a Simon James Philips, Shigheru Ishiara, Ayumi Paul, Kathy Alberici, F.S.Blumm. Accanto a musicisti della scena indipendente italiana quali Enrico Gabrielli, Sebastiano de Gennaro, Rodrigo D'Erasmo, anima il progetto di musica da ballo del '900 L'Orchestrina di Molto Agevole. Nel 2014 partecipa all'orchestra del Club Tenco a Sanremo. Dal 2013 collabora con Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, sonorizzando dal vivo pellicole in 8mm e Pathé Baby.   L'intera giornata sarà trasmessa in diretta Facebook sulla pagina di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia.
[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_empty_space height="50px"][vc_video link="https://vimeo.com/638577703"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(89) "Verso il Centenario del Pathè Baby
Il patrimonio audiovisivo italiano
in 9,5mm" ["post_excerpt"]=> string(183) "In occasione del World day for audiovisual heritage UNESCO, una giornata di incontri con una sonorizzazione dal vivo alla vigilia del centenario dell'invenzione del 9,5. Live e online" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(19) "verso-il-centenario" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 15:22:24" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 13:22:24" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1113" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [47]=> object(WP_Post)#16620 (24) { ["ID"]=> int(1126) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-26 08:24:07" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 06:24:07" ["post_content"]=> string(5195) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
dal 27 ottobre  al 7 novembre | su mymovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]È la fine del 1966 quando Patrizia Vicinelli (Bologna, 1943 – 1991) pubblica la sua  prima raccolta di poesia visiva e sonora, à, a. A,. Sono gli anni delle neovanguardie  e del Gruppo 63, che incontra grazie a Emilio Villa – «amico re», lo chiamerà più tardi –  voce eretica e in bilico tra le arti.     In uno sguardo che fin da subito eccede i contorni della parola scritta, Vicinelli  frequenta, negli stessi anni, l’ambiente del teatro e del cinema sperimentale. Insieme  ad Alberto Grifi partecipa ai laboratori di Aldo Braibanti, intellettuale scomodo e  visionario con cui esplora i confini di un linguaggio pre-verbale immerso in una visione  non antropocentrica e radicata nella memoria della «costa dei millenni», un mondo  passato che affiora e persiste nel presente.     Dopo la cesura della latitanza, da cui scaturisce il suo capolavoro verbovisivo  Apotheosys of schizoid woman (1969-70) – «nel visivo c’è la parte acuminata della  scrittura», sosteneva – Vicinelli entra negli anni Settanta in un nomadismo geografico  ed esistenziale condiviso con Gianni Castagnoli, con cui collabora ad alcuni film. Inizia  allora ad elaborare con grande lucidità una poetica e un’etica della viandanza per un  soggetto che cerca nel transito e nella metamorfosi il passo di un’esistenza percorsa  negli attriti di una «strada impraticabile». È sul mito dell’erranza che Vicinelli basa  buona parte delle sue opere letterarie e performative nell’ultimo decennio di attività,  tra cui i poemi epici Non sempre ricordano (1985) e I fondamenti dell’essere (pubblicato  postumo). Tra le sue ultime ricerche performative, l’incontro con la musica di Paolo  Fresu nello spettacolo Majakovskij il tredicesimo apostolo (1989).     Ai margini e al tempo stesso al cuore pulsante del proprio presente, Vicinelli ha messo a rischio tutto, vivendo senza tregua l'utopia della poesia totale e immergendosi in un intreccio tra arte e vita fino all'ultimo respiro. Militante, libera, spericolata, la sua poesia ha ancora la forza per vibrare e scuote il nostro tempo.   Giulia Simi  
  In transito – 5 movimenti  per Patrizia Vicinelli  Paolo Fresu – tromba, filicorno, effetti, live electronics. Patrizia Vicinelli – parole, immagini, voce.  
  1. Seven poems, 1966-1978  
Futura: poesia sonora – Cramps Records,  1978.   Poesie visuali da à, a. A,   Lerici poesia, 1966.    
  1. Ritratti  
Scatti realizzati da Alberto Grifi.  Anni Sessanta.   
  1. Apotheosys of schizoid woman
 Diapositive a colori da taccuino perduto,  1969-70.    
  1. Non sempre ricordano, 1987 
Video-performance dal poema omonimo.  Regia: Gianni Castagnoli.    
  1. Patrizia – close-up  
Pellicola Super8, inedita. 1975.  Riprese: Gianni Castagnoli. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(53) "In transito - 5 movimenti per
Patrizia Vicinelli" ["post_excerpt"]=> string(179) "La tromba di Paolo Fresu ci accompagna in un viaggio d’archivio tra le opere di Patrizia Vicinelli, tra le voci più rivoluzionarie della poesia del Secondo Novecento in Italia." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(46) "in-transito-5-movimenti-per-patrizia-vicinelli" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-30 16:45:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-30 14:45:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1126" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [48]=> object(WP_Post)#16619 (24) { ["ID"]=> int(1135) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-11-02 16:24:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-11-02 15:24:49" ["post_content"]=> string(3957) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
giovedì 3 novembre, ore 19.00 | live su fb Home Movies - Archivio nazionale del film di famiglia
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Jennifer Malvezzi e Mirco Santi, curatori della sezione Art & Experimental Film, in conversazione con Nicola Pellegrini e Bianca Trevisan della Galleria Milano attorno al documentario Comitati politici – Testimonianze sulle lotte operaie in Italia nella primavera del ’71 realizzato da Enzo Mari e dal Gruppo di Lavoro.
 
La Galleria Milano nel 2020 ha dedicato una personale a Enzo Mari, un remake dell’importante mostra Falce e martello, tenutasi nella stessa galleria nel 1973. Falce e martello è un momento cruciale della ricerca di Mari in quanto unisce alla progettazione l’impegno politico verso la società. All’epoca venne presentato anche il film Comitati politici, diretto dallo stesso designer insieme al “Gruppo di lavoro”, composto dai suoi allievi al Centro sperimentale di cinematografia di Roma.
 
La pellicola è stata girata in diverse città d’Italia nell’aprile del 1971 (Bologna, Verbania e Mestre) e comprende in sei interviste dirette a camera fissa le testimonianze di rappresentanti dei sindacati, impiegati e operai delle fabbriche Minganti, Sasib, Comi Rhodiatoce, Châtillon e Petrolchimico.
 
La storia del film è ricostruita anche in un volume pubblicato per l’occasione della mostra alla Galleria Milano del 2020, a cura di Nicola Pellegrini e con testi di Bianca Trevisan e Riccardo Venturi: Enzo Mari. Falce e martello / The Hammer and Sickle, Humboldt Books, Milano 2020.
  In collaborazione con Galleria Milano.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(78) "Comitati politici. Enzo Mari e il
Gruppo di Lavoro | incontro
online" ["post_excerpt"]=> string(115) "Un incontro online attorno al documentario Comitati politici di Enzo Mari, in collaborazione con Galleria Milano " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(65) "comitati-politici-enzo-mari-e-il-gruppo-di-lavoro-incontro-online" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-11-02 16:33:59" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-11-02 15:33:59" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1135" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [49]=> object(WP_Post)#16618 (24) { ["ID"]=> int(1131) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-11-01 15:08:05" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-11-01 14:08:05" ["post_content"]=> string(3111) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
venerdì 5 novembre, dalle 9:00 alle 13:00
dal vivo presso l'università degli studi di firenze (Aula 8, Via Capponi 9) e online
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Omaggio a Luca Ferro - Seminario internazionale di studi a cura di Cristina Jandelli e Chiara Petrucci   Una mattinata d'incontri dedicata al filmmaker Luca Ferro, al quale Archivio Aperto ha dedicato la sezione Cinema Privato. Il seminario è organizzato dall'Università degli Studi di Firenze (Dipartimento SAGAS), Dottorato regionale Pegaso in Storia delle Arti e dello Spettacolo e Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia.   Il programma del seminario   Chair - Caterina Pagnini, Università degli Studi di Firenze   Rosanna Maule, Concordia University, Montreal La sfera privata nel cinema amatorialeLGBTQI, tra attivismo e vulnerabilità: il caso del Lesbian Home Movies Project (LHMP)   Paolo Simoni, Home Movies – Archivio Nazionale delFilm di Famiglia, Bologna “Dimensione Super8”. Le pratiche e le utopie del formato ridotto (1965-1975)   Cristina Jandelli, Università degli Studi di Firenze Il cinema a-professionale di Luca Ferro fra didattica e ricerca accademica-   Chiara Petrucci, Università degli Studi di Firenze Forme del film di famiglia nella produzione di Luca Ferro     Per ricevere il link per seguire il seminario online, scrivere a omaggio.lucaferro@gmail.com.
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(35) "Omaggio a Luca Ferro
Seminario" ["post_excerpt"]=> string(140) "Una giornata di studi dedicata la Cinema Privato di Luca Ferro. Live e online, in collaborazione con l'Università degli Studi di Firenze. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(20) "omaggio-a-luca-ferro" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-11-01 15:30:01" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-11-01 14:30:01" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1131" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } } ["post_count"]=> int(50) ["current_post"]=> int(-1) ["in_the_loop"]=> bool(false) ["post"]=> object(WP_Post)#16667 (24) { ["ID"]=> int(775) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-03 11:04:24" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-03 09:04:24" ["post_content"]=> string(2963) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Dal 1° al 30 Settembre | Bologna [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Patrizia Vicinelli sui muri di Bologna, tra le vite che si succedono - senza tregua - per le strade della sua città.
Dal 1° al 30 settembre la poesia di Patrizia Vicinelli risuonerà anche negli spazi urbani della città grazie all’affissione di poster di CHEAP in 19 bacheche sparse nelle strade di Bologna saranno visibili manifesti con parole e immagini tratte dai testi dell’autrice nello spirito di una poesia in transito che celebra l’epica e l’etica della viandanza cara alla poeta.   All'interno del progetto Patrizia Vicinelli – In Transito (a cura di Giulia Simi, Università di Sassari).[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]STRADA MAGGIORE GRANDE Soltanto l'amore soltanto l'amore da ogni paura ti libererà Patrizia Vicinelli, Cenerentola (1978)   SAN VITALE un desiderio di felicità La forza d'ottener la libertà. Patrizia Vicinelli, Cenerentola (1977-78)   VIA D'AZEGLIO Non c’è arrivo non c’è sosta non c’è partenza, ma il succedersi senza tregua Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   VIA CA' SELVATICA La memoria è la trama dell'universo / La memoria è il trauma dell'universo Patrizia Vicinelli, diario (1969-70)   VIA SANT'APOLLONIA Durante la costa dei millenni Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   NAZARIO SAURO La coincidenza dell'essere Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   VIA SANT'ISAIA Hai sparso sorriso e io sono virgola Patrizia Vicinelli, La premessa è (1964)   BACHECA VIA DELL'ABBADIA Patrizia Vicinelli, Apotheosys of schizoid woman (1969-70)     Ogni bacheca è provvista di QR Code. Scansionandolo accederai alla selezione d'archivio online di Archivio Aperto dedicata a Patrizia Vicinelli.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(55) "Patrizia Vicinelli
Poster Art
CHEAP FESTIVAL" ["post_excerpt"]=> string(121) "La poesia di Patrizia Vicinelli per le strade di Bologna. Un progetto di Poster Art in collaborazione con Cheap Festival." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(44) "patrizia-vicinelli-poster-art-cheap-festival" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-28 16:48:27" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-28 14:48:27" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=775" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } ["comment_count"]=> int(0) ["current_comment"]=> int(-1) ["found_posts"]=> int(50) ["max_num_pages"]=> int(0) ["max_num_comment_pages"]=> int(0) ["is_single"]=> bool(false) ["is_preview"]=> bool(false) ["is_page"]=> bool(false) ["is_archive"]=> bool(true) ["is_date"]=> bool(false) ["is_year"]=> bool(false) ["is_month"]=> bool(false) ["is_day"]=> bool(false) ["is_time"]=> bool(false) ["is_author"]=> bool(false) ["is_category"]=> bool(false) ["is_tag"]=> bool(false) ["is_tax"]=> bool(false) ["is_search"]=> bool(false) ["is_feed"]=> bool(false) ["is_comment_feed"]=> bool(false) ["is_trackback"]=> bool(false) ["is_home"]=> bool(false) ["is_privacy_policy"]=> bool(false) ["is_404"]=> bool(false) ["is_embed"]=> bool(false) ["is_paged"]=> bool(false) ["is_admin"]=> bool(false) ["is_attachment"]=> bool(false) ["is_singular"]=> bool(false) ["is_robots"]=> bool(false) ["is_favicon"]=> bool(false) ["is_posts_page"]=> bool(false) ["is_post_type_archive"]=> bool(true) ["query_vars_hash":"WP_Query":private]=> string(32) "b0d596f8232c378fc227a426d9c713f9" ["query_vars_changed":"WP_Query":private]=> bool(true) ["thumbnails_cached"]=> bool(false) ["stopwords":"WP_Query":private]=> NULL ["compat_fields":"WP_Query":private]=> array(2) { [0]=> string(15) "query_vars_hash" [1]=> string(18) "query_vars_changed" } ["compat_methods":"WP_Query":private]=> array(2) { [0]=> string(16) "init_query_flags" [1]=> string(15) "parse_tax_query" } } ["slug_list_"]=> string(20) "pretty_photo_gallery" ["title"]=> string(35) "Omaggio a Luca Ferro
Seminario" }

Lecture di Niva Lorenzini

Niva Lorenzini, docente di poesia italiana del Novecento e tra le maggiori studiose dell’opera di Vicinelli, darà vita a una lecture che ricostruisce e analizza l’opera rivoluzionaria della poeta.
In Patrizia Vicinelli 03.09 / 03.09.2021

Meshes of the Afternoon

di Maya Deren - Uno psicodramma poetico e surreale ritratto sulle sfaccettature dell'identità femminile: Meshes of the Afternoon è il primo film del cinema sperimentale americano moderno.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

At Land

di Maya Deren - Una narrazione onirica in cui una donna, Maya Deren, si ritrova su una spiaggia, per compiere un viaggio alla ricerca della propria identità.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

A Study in Choreography for Camera

di Maya Deren - Una danza aspaziale e atemporale tra il ballerino Talley Beatty e la cinepresa di Maya Deren, nel primo esperimento di coreocinema.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

Ritual in Transfigured Time

di Maya Deren. - La cinepresa di Deren segue silenziosa l’avanzare fluttuante della ballerina Rita Christiani, in un rituale in cui tempo e spazio avanzano mutevolmente.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

Meditation on Violence

di Maya Deren - Maya Deren segue il gesto performativo di un boxeur instaurando con il suo corpo e il suo movimento una riflessione visiva sull’espressione della violenza.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

The Very Eye of Night

di Maya Deren -Una coreografia cinematografica del cosmo, un viaggio notturno che attraverso l’infinità esplora l’universo interiore dell’uomo nel momento in cui si addormenta.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

The Witch’s Cradle

di Maya Deren - Film incompiuto, con la partecipazione di Marcel Duchamp: esoterismo e mondo occulto si intrecciano tra loro, come i fili nelle mani dell’artista francese.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

The Private Life of a Cat

di Maya Deren - Un ritratto da vicino dei comportamenti di un mondo felino incontaminato, attraverso la gatta della regista, Glamour Girl.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

In the Mirror of Maya Deren

di Martina Kudláček - Un affascinante e ipnotico ritratto di Maya Deren attraverso la testimonianza delle persone che l’hanno conosciuta, incontrata e lavorato con lei. Online su MyMovies.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

Invocation: Maya Deren

di Jo Ann Kaplan - Il primo lungometraggio dedicato alla vita e all’opera di Maya Deren: un’invocazione alla madrina del cinema d’avanguardia americano. Online su MyMovies.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

Divine Horsemen
The living God of Haiti

di Maya Deren - Una ricerca intima e pionieristica sulla danza e i riti di possessione voodoo della cultura haitiana, montata postuma da Teiji Ito.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

Maya Deren in 16mm

Amateur is a Lover è la sezione di Archivio Aperto 2021 dedicata al cinema di Maya Deren. Scopri le proiezioni live in 16mm alle Serre dei Giardini Margherita
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 18.09.2021

SOUND IN TRANSFIGURED TIME

Progetto speciale, La sonorizzazione live di At Land, A Study in Choreography for Camera e Ritual in Transfigured Time a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume).
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

Glamour Cats
Before and after Maya

Un omaggio ai gatti filmati prima e dopo Maya, attraverso le immagini d'archivio feline di Home Movies.
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

Essential Deren. La vita

"Sono come una vite che tenta di diffondersi nell’universo, perché amo ogni cosa, ma le radici sono affondate in un luogo dell’universo" - Maya Deren
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021

Dusi and Jenő

di Péter Forgács - Il diario privato di una coppia in una Budapest spettrale prima, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale, tra poesia e rievocazione storica.
In Péter Forgács. Hidden Histories 01.10 / 07.11.2021

Wittgenstein Tractatus

di Péter Forgács - Frammenti di film amatoriali rielaborati con i testi del filosofo: un’opera potente che riflette sul linguaggio, l’immagine e la parola.
In Péter Forgács. Hidden Histories 01.10 / 07.11.2021

Free Fall

di Péter Forgács - Attraverso i film del rampollo di una famiglia ebrea ungherese assistiamo, tra le speranze e le disillusioni, all’avanzare della Storia e alla sua caduta.
In Péter Forgács. Hidden Histories 01.10 / 07.11.2021

The Maelstrom – A Family Chronicle

di Péter Forgács - La cronaca filmata di una famiglia ebrea olandese che inconsapevolmente finisce nel vortice della distruzione nazista.
In Péter Forgács. Hidden Histories 01.10 / 07.11.2021

The Danube Exodus

di Péter Forgács - Storie di guerra: l’esodo, filmato dal capitano di una nave, di un gruppo ebrei del centro Europa lungo il Danubio verso il Mar Nero e il percorso opposto di contadini tedeschi rimpatriati in Germania dall’Unione Sovietica.
In Péter Forgács. Hidden Histories 01.10 / 07.11.2021

Angelos’ Film

di Péter Forgács - La resistenza greca all’occupazione nazista nelle immagini di un patriota di Atene che filma di nascosto le atrocità sulla popolazione compiute dai tedeschi.
In Péter Forgács. Hidden Histories 01.10 / 07.11.2021

Hunky Blues – The American Dream

di Péter Forgács - Il racconto corale dell’emigrazione ungherese negli Stati Uniti tra speranze, illusioni e opportunità, attraverso immagini d’archivio e testimonianze orali.
In Péter Forgács. Hidden Histories 01.10 / 07.11.2021

Impressioni a distanza

di Luca Ferro - Partendo da attimi privati, tre racconti per immagini, distanti nel tempo e nello spazio, si uniscono per narrare una storia più ampia.
In Cinema Privato. Luca Ferro 08.10 / 07.11.2021

Trascorrere con Laura

di Luca Ferro - Attimi di vita, impressi nel loro naturale e imprevedibile “trascorrere”: Luca Ferro filma la moglie Laura, a partire da quella primavera del 1974.
In Cinema Privato. Luca Ferro 08.10 / 07.11.2021

Coniglio, Leoni & circostanze varie

di Luca Ferro - Il passato si confronta con il presente (e viceversa), riflettendosi nelle evoluzioni del supporto cinematografico, nella necessità di trasmettere un personale, quanto comune, vissuto famigliare.
In Cinema Privato. Luca Ferro 08.10 / 07.11.2021

Inchiesta di famiglia

di Luca Ferro - Un viaggio audiovisivo alla scoperta delle radici della propria famiglia, tra scontro e sovrapposizione, in un intreccio tra immaginario e testimonianza vera.
In Cinema Privato. Luca Ferro 08.10 / 07.11.2021

Hai presente?

di Luca Ferro - Contenuto extra. Il volto di Laura, in pochi secondi resi eterni.
In Cinema Privato. Luca Ferro 08.10 / 07.11.2021

Comitati politici

di Enzo Mari - Realizzato nel 1971, Comitati politici raccoglie alcune esclusive testimonianze dei rappresentanti dei sindacati, degli impiegati e degli operai delle fabbriche dell'epoca. In collaborazione con Galleria Milano
In Art & Experimental Film 09.10 / 07.11.2021

Hidden Histories. Proiezione live
con Péter Forgács

Incontro e proiezione con Péter Forgács - A Bologna l'11 ottobre la presentazione in anteprima italiana degli ultimi due film della serie Private Hungary: Kemény György e Venom – A Diva in Exile.
In Péter Forgács. Hidden Histories 11.10 / 11.10.2021

Fantasmi a Ferrania

di Diego Scarponi - Ferrania è un luogo, una fabbrica, un marchio riconosciuto in tutto il mondo che, per decenni, ha fatto la storia della fotografia e del cinema in Italia: cosa è rimasto oggi di Ferrania?
In Home Movie Day. Ferrania 16.10 / 07.11.2021

Le grand viveur

di Perla Sardella - Attraverso le immagini dell’archivio Superottimisti, Perla Sardella rievoca la visione di Mario Lorenzini: operaio, escursionista, inconsapevole documentarista della sua comunità.
In Recycled Cinema 17.10 / 27.10.2021

Castelli di sabbia

di Lilian Sassanelli - Stati d’animo passati e presenti emergono e si sovrappongono nelle immagini dell’archivio privato dei genitori della regista, tra relazioni che ripercorrono gli stessi inspiegabili passi.
In Recycled Cinema 17.10 / 27.10.2021

Miraggi di pianura

di Maurizio Finotto - La Via Emilia si trasforma e diventa un museo a cielo aperto: installazioni nascoste - eppur architettonicamente imponenti - ci invitano a cambiare prospettiva, a ripensare viaggi che credevamo di conoscere a memoria.
In Super8 17.10 / 07.11.2021

Heimat

di Giovanni Montagnana - Un soldato circondato dal Nemico e intrappolato definitivamente nella Città scrive la sua ultima lettera a Casa.
In Recycled Cinema 17.10 / 27.10.2021

L’incanto

di Chiara Caterina - Frammenti di voci recuperati da differenti archivi evocano, insieme ad immagini realizzate interamente interamente in 16mm e Super8, scenari lontani e oscuri, macchie difficili da cancellare.
In Recycled Cinema 20.10 / 27.10.2021

In transito – 5 movimenti per
Patrizia Vicinelli

La tromba di Paolo Fresu ci accompagna in un viaggio d’archivio tra le opere di Patrizia Vicinelli, tra le voci più rivoluzionarie della poesia del Secondo Novecento in Italia.
In Patrizia Vicinelli 27.10 / 07.11.2021

Omaggio a Luca Ferro
Seminario

Una giornata di studi dedicata la Cinema Privato di Luca Ferro. Live e online, in collaborazione con l'Università degli Studi di Firenze.
In Cinema Privato. Luca Ferro 05.11 / 05.11.2021
array(54) {
  ["type"]=>
  string(8) "standard"
  ["masonry_space"]=>
  string(2) "no"
  ["pinterest_space"]=>
  string(2) "no"
  ["hover_type"]=>
  string(13) "default_hover"
  ["pinterest_hover_type"]=>
  string(0) ""
  ["portfolio_loading_type"]=>
  string(0) ""
  ["parallax_item_speed"]=>
  string(3) "0.3"
  ["parallax_item_offset"]=>
  string(1) "0"
  ["box_border"]=>
  string(0) ""
  ["box_background_color"]=>
  string(0) ""
  ["box_border_color"]=>
  string(0) ""
  ["box_border_width"]=>
  string(0) ""
  ["columns"]=>
  string(1) "3"
  ["image_size"]=>
  string(9) "landscape"
  ["order_by"]=>
  string(8) "post__in"
  ["order"]=>
  string(3) "ASC"
  ["number"]=>
  string(2) "-1"
  ["filter"]=>
  string(3) "yes"
  ["filter_position"]=>
  string(3) "top"
  ["filter_order_by"]=>
  string(4) "name"
  ["disable_filter_title"]=>
  string(2) "no"
  ["filter_title_text"]=>
  string(0) ""
  ["filter_align"]=>
  string(12) "center_align"
  ["disable_link"]=>
  string(2) "no"
  ["lightbox"]=>
  string(2) "no"
  ["show_like"]=>
  string(2) "no"
  ["category"]=>
  string(0) ""
  ["selected_projects"]=>
  string(216) "775,692,712,781,783,787,789,793,795,797,800,802,804,809,818,820,830,849,886,757,931,933,935,937,939,941,943,945,948,950,1017,1020,1023,1025,1030,1033,954,957,1036,1040,1044,1046,1049,1042,1101,770,1113,1126,1135,1131"
  ["show_load_more"]=>
  string(2) "no"
  ["title_tag"]=>
  string(2) "h4"
  ["title_font_size"]=>
  string(0) ""
  ["text_align"]=>
  string(0) ""
  ["row_height"]=>
  string(0) ""
  ["justify_last_row"]=>
  string(9) "nojustify"
  ["justify_threshold"]=>
  float(0.75)
  ["edition"]=>
  string(13) "edizione-2021"
  ["thisObject"]=>
  object(Stockholm\Shortcodes\PortfolioList\PortfolioList)#6811 (1) {
    ["base":"Stockholm\Shortcodes\PortfolioList\PortfolioList":private]=>
    string(14) "portfolio_list"
  }
  ["portfolio_qode_like"]=>
  string(3) "off"
  ["portfolio_list_hide_category"]=>
  bool(false)
  ["portfolio_filter_class"]=>
  string(17) "without_separator"
  ["filter_title"]=>
  string(15) "Sort Portfolio:"
  ["_type_class"]=>
  string(9) " standard"
  ["_portfolio_space_class"]=>
  string(39) "portfolio_with_space portfolio_standard"
  ["_portfolio_masonry_with_space_class"]=>
  string(0) ""
  ["_portfolio_masonry_class"]=>
  string(0) ""
  ["_loading_class"]=>
  string(0) ""
  ["filter_position_class"]=>
  array(1) {
    [0]=>
    string(24) "qode-filter-position-top"
  }
  ["thumb_size_class"]=>
  string(25) "portfolio_landscape_image"
  ["portfolio_box_style"]=>
  string(0) ""
  ["portfolio_description_class"]=>
  string(0) ""
  ["query_results"]=>
  object(WP_Query)#16718 (51) {
    ["query"]=>
    array(7) {
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["post_type"]=>
      string(14) "portfolio_page"
      ["orderby"]=>
      string(8) "post__in"
      ["order"]=>
      string(3) "ASC"
      ["posts_per_page"]=>
      string(2) "-1"
      ["paged"]=>
      int(1)
      ["post__in"]=>
      array(50) {
        [0]=>
        string(3) "775"
        [1]=>
        string(3) "692"
        [2]=>
        string(3) "712"
        [3]=>
        string(3) "781"
        [4]=>
        string(3) "783"
        [5]=>
        string(3) "787"
        [6]=>
        string(3) "789"
        [7]=>
        string(3) "793"
        [8]=>
        string(3) "795"
        [9]=>
        string(3) "797"
        [10]=>
        string(3) "800"
        [11]=>
        string(3) "802"
        [12]=>
        string(3) "804"
        [13]=>
        string(3) "809"
        [14]=>
        string(3) "818"
        [15]=>
        string(3) "820"
        [16]=>
        string(3) "830"
        [17]=>
        string(3) "849"
        [18]=>
        string(3) "886"
        [19]=>
        string(3) "757"
        [20]=>
        string(3) "931"
        [21]=>
        string(3) "933"
        [22]=>
        string(3) "935"
        [23]=>
        string(3) "937"
        [24]=>
        string(3) "939"
        [25]=>
        string(3) "941"
        [26]=>
        string(3) "943"
        [27]=>
        string(3) "945"
        [28]=>
        string(3) "948"
        [29]=>
        string(3) "950"
        [30]=>
        string(4) "1017"
        [31]=>
        string(4) "1020"
        [32]=>
        string(4) "1023"
        [33]=>
        string(4) "1025"
        [34]=>
        string(4) "1030"
        [35]=>
        string(4) "1033"
        [36]=>
        string(3) "954"
        [37]=>
        string(3) "957"
        [38]=>
        string(4) "1036"
        [39]=>
        string(4) "1040"
        [40]=>
        string(4) "1044"
        [41]=>
        string(4) "1046"
        [42]=>
        string(4) "1049"
        [43]=>
        string(4) "1042"
        [44]=>
        string(4) "1101"
        [45]=>
        string(3) "770"
        [46]=>
        string(4) "1113"
        [47]=>
        string(4) "1126"
        [48]=>
        string(4) "1135"
        [49]=>
        string(4) "1131"
      }
    }
    ["query_vars"]=>
    array(68) {
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["post_type"]=>
      string(14) "portfolio_page"
      ["orderby"]=>
      string(8) "post__in"
      ["order"]=>
      string(0) ""
      ["posts_per_page"]=>
      int(-1)
      ["paged"]=>
      int(1)
      ["post__in"]=>
      array(50) {
        [0]=>
        int(775)
        [1]=>
        int(692)
        [2]=>
        int(712)
        [3]=>
        int(781)
        [4]=>
        int(783)
        [5]=>
        int(787)
        [6]=>
        int(789)
        [7]=>
        int(793)
        [8]=>
        int(795)
        [9]=>
        int(797)
        [10]=>
        int(800)
        [11]=>
        int(802)
        [12]=>
        int(804)
        [13]=>
        int(809)
        [14]=>
        int(818)
        [15]=>
        int(820)
        [16]=>
        int(830)
        [17]=>
        int(849)
        [18]=>
        int(886)
        [19]=>
        int(757)
        [20]=>
        int(931)
        [21]=>
        int(933)
        [22]=>
        int(935)
        [23]=>
        int(937)
        [24]=>
        int(939)
        [25]=>
        int(941)
        [26]=>
        int(943)
        [27]=>
        int(945)
        [28]=>
        int(948)
        [29]=>
        int(950)
        [30]=>
        int(1017)
        [31]=>
        int(1020)
        [32]=>
        int(1023)
        [33]=>
        int(1025)
        [34]=>
        int(1030)
        [35]=>
        int(1033)
        [36]=>
        int(954)
        [37]=>
        int(957)
        [38]=>
        int(1036)
        [39]=>
        int(1040)
        [40]=>
        int(1044)
        [41]=>
        int(1046)
        [42]=>
        int(1049)
        [43]=>
        int(1042)
        [44]=>
        int(1101)
        [45]=>
        int(770)
        [46]=>
        int(1113)
        [47]=>
        int(1126)
        [48]=>
        int(1135)
        [49]=>
        int(1131)
      }
      ["error"]=>
      string(0) ""
      ["m"]=>
      string(0) ""
      ["p"]=>
      int(0)
      ["post_parent"]=>
      string(0) ""
      ["subpost"]=>
      string(0) ""
      ["subpost_id"]=>
      string(0) ""
      ["attachment"]=>
      string(0) ""
      ["attachment_id"]=>
      int(0)
      ["name"]=>
      string(0) ""
      ["pagename"]=>
      string(0) ""
      ["page_id"]=>
      int(0)
      ["second"]=>
      string(0) ""
      ["minute"]=>
      string(0) ""
      ["hour"]=>
      string(0) ""
      ["day"]=>
      int(0)
      ["monthnum"]=>
      int(0)
      ["year"]=>
      int(0)
      ["w"]=>
      int(0)
      ["category_name"]=>
      string(0) ""
      ["tag"]=>
      string(0) ""
      ["cat"]=>
      string(0) ""
      ["tag_id"]=>
      string(0) ""
      ["author"]=>
      string(0) ""
      ["author_name"]=>
      string(0) ""
      ["feed"]=>
      string(0) ""
      ["tb"]=>
      string(0) ""
      ["meta_key"]=>
      string(0) ""
      ["meta_value"]=>
      string(0) ""
      ["preview"]=>
      string(0) ""
      ["s"]=>
      string(0) ""
      ["sentence"]=>
      string(0) ""
      ["title"]=>
      string(0) ""
      ["fields"]=>
      string(0) ""
      ["menu_order"]=>
      string(0) ""
      ["embed"]=>
      string(0) ""
      ["category__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["category__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["category__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["post__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_name__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag_slug__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag_slug__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_parent__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_parent__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["author__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["author__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tax_query"]=>
      array(1) {
        [0]=>
        array(4) {
          ["taxonomy"]=>
          string(8) "language"
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
          ["terms"]=>
          int(39)
          ["operator"]=>
          string(2) "IN"
        }
      }
      ["update_post_term_cache"]=>
      bool(true)
      ["ignore_sticky_posts"]=>
      bool(false)
      ["suppress_filters"]=>
      bool(false)
      ["cache_results"]=>
      bool(true)
      ["lazy_load_term_meta"]=>
      bool(true)
      ["update_post_meta_cache"]=>
      bool(true)
      ["nopaging"]=>
      bool(true)
      ["comments_per_page"]=>
      string(2) "50"
      ["no_found_rows"]=>
      bool(false)
      ["taxonomy"]=>
      string(8) "language"
      ["term_id"]=>
      int(39)
    }
    ["tax_query"]=>
    object(WP_Tax_Query)#16720 (6) {
      ["queries"]=>
      array(1) {
        [0]=>
        array(5) {
          ["taxonomy"]=>
          string(8) "language"
          ["terms"]=>
          array(1) {
            [0]=>
            int(39)
          }
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
          ["operator"]=>
          string(2) "IN"
          ["include_children"]=>
          bool(true)
        }
      }
      ["relation"]=>
      string(3) "AND"
      ["table_aliases":protected]=>
      array(1) {
        [0]=>
        string(21) "aa_term_relationships"
      }
      ["queried_terms"]=>
      array(1) {
        ["language"]=>
        array(2) {
          ["terms"]=>
          array(1) {
            [0]=>
            int(39)
          }
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
        }
      }
      ["primary_table"]=>
      string(8) "aa_posts"
      ["primary_id_column"]=>
      string(2) "ID"
    }
    ["meta_query"]=>
    object(WP_Meta_Query)#16719 (9) {
      ["queries"]=>
      array(0) {
      }
      ["relation"]=>
      NULL
      ["meta_table"]=>
      NULL
      ["meta_id_column"]=>
      NULL
      ["primary_table"]=>
      NULL
      ["primary_id_column"]=>
      NULL
      ["table_aliases":protected]=>
      array(0) {
      }
      ["clauses":protected]=>
      array(0) {
      }
      ["has_or_relation":protected]=>
      bool(false)
    }
    ["date_query"]=>
    bool(false)
    ["request"]=>
    string(774) "SELECT   aa_posts.* FROM aa_posts  LEFT JOIN aa_term_relationships ON (aa_posts.ID = aa_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND aa_posts.ID IN (775,692,712,781,783,787,789,793,795,797,800,802,804,809,818,820,830,849,886,757,931,933,935,937,939,941,943,945,948,950,1017,1020,1023,1025,1030,1033,954,957,1036,1040,1044,1046,1049,1042,1101,770,1113,1126,1135,1131) AND ( 
  aa_term_relationships.term_taxonomy_id IN (39)
) AND aa_posts.post_type = 'portfolio_page' AND ((aa_posts.post_status = 'publish')) GROUP BY aa_posts.ID ORDER BY FIELD(aa_posts.ID,775,692,712,781,783,787,789,793,795,797,800,802,804,809,818,820,830,849,886,757,931,933,935,937,939,941,943,945,948,950,1017,1020,1023,1025,1030,1033,954,957,1036,1040,1044,1046,1049,1042,1101,770,1113,1126,1135,1131) "
    ["posts"]=>
    array(50) {
      [0]=>
      object(WP_Post)#16667 (24) {
        ["ID"]=>
        int(775)
        ["post_author"]=>
        string(1) "1"
        ["post_date"]=>
        string(19) "2021-09-03 11:04:24"
        ["post_date_gmt"]=>
        string(19) "2021-09-03 09:04:24"
        ["post_content"]=>
        string(2963) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Dal 1° al 30 Settembre | Bologna [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Patrizia Vicinelli sui muri di Bologna, tra le vite che si succedono - senza tregua - per le strade della sua città.
Dal 1° al 30 settembre la poesia di Patrizia Vicinelli risuonerà anche negli spazi urbani della città grazie all’affissione di poster di CHEAP in 19 bacheche sparse nelle strade di Bologna saranno visibili manifesti con parole e immagini tratte dai testi dell’autrice nello spirito di una poesia in transito che celebra l’epica e l’etica della viandanza cara alla poeta.   All'interno del progetto Patrizia Vicinelli – In Transito (a cura di Giulia Simi, Università di Sassari).[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]STRADA MAGGIORE GRANDE Soltanto l'amore soltanto l'amore da ogni paura ti libererà Patrizia Vicinelli, Cenerentola (1978)   SAN VITALE un desiderio di felicità La forza d'ottener la libertà. Patrizia Vicinelli, Cenerentola (1977-78)   VIA D'AZEGLIO Non c’è arrivo non c’è sosta non c’è partenza, ma il succedersi senza tregua Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   VIA CA' SELVATICA La memoria è la trama dell'universo / La memoria è il trauma dell'universo Patrizia Vicinelli, diario (1969-70)   VIA SANT'APOLLONIA Durante la costa dei millenni Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   NAZARIO SAURO La coincidenza dell'essere Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   VIA SANT'ISAIA Hai sparso sorriso e io sono virgola Patrizia Vicinelli, La premessa è (1964)   BACHECA VIA DELL'ABBADIA Patrizia Vicinelli, Apotheosys of schizoid woman (1969-70)     Ogni bacheca è provvista di QR Code. Scansionandolo accederai alla selezione d'archivio online di Archivio Aperto dedicata a Patrizia Vicinelli.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(55) "Patrizia Vicinelli
Poster Art
CHEAP FESTIVAL" ["post_excerpt"]=> string(121) "La poesia di Patrizia Vicinelli per le strade di Bologna. Un progetto di Poster Art in collaborazione con Cheap Festival." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(44) "patrizia-vicinelli-poster-art-cheap-festival" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-28 16:48:27" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-28 14:48:27" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=775" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [1]=> object(WP_Post)#16666 (24) { ["ID"]=> int(692) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-08-01 18:28:31" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-08-01 16:28:31" ["post_content"]=> string(5643) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
"Non c’è arrivo non c’è sosta non c’è partenza, ma il succedersi senza tregua"
Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere    Poeta, performer, artista, filmmaker sperimentale bolognese: a trent’anni dalla sua scomparsa, Archivio Aperto celebra la poesia di Patrizia Vicinelli (1943-1991) con Patrizia Vicinelli - In transito, un progetto composito curato da Giulia Simi dedicato alla ri-scoperta della sua figura, tra eventi, proiezioni, letture ed esposizioni.   Evento di apertura della XIV edizione di Archivio Aperto, Patrizia Vicinelli - In transito avrà inizio giovedì 2 settembre al Teatro Comunale di Bologna quando le sue immagini, la sua voce e le sue parole incontreranno dal vivo la tromba di Paolo Fresu, uno dei più noti jazzisti a livello internazionale. Una sonorizzazione inedita durante la quale sarà visibile, per la prima volta a colori, l’opera Apotheosys of schizoid woman, una plaquette di poesia visuale realizzata tra il 1969 e il 1970 durante l'esilio della poetessa in Marocco e pubblicata nel 1979 in bianco e nero sulla rivista d’avanguardia «Tau/ma», fondata e diretta da Mario Diacono e Claudio Parmiggiani. La plaquette riemerge grazie a uno scavo d’archivio che ha portato alla luce 27 diapositive realizzate con il compagno Gianni Castagnoli e si espande nella sua ricchezza poliedrica di segni e materie: il tratto grafico, il collage, il prelievo da quotidiani, le riviste, i telegrammi, le scatole di medicinali convivono con le fotografie di famiglia e il pensiero di Vicinelli.    Alla plaquette si intrecceranno immagini inedite provenienti dagli archivi filmici di Home Movies – una pellicola Super8 degli anni Settanta e un estratto della video performance Non sempre ricordano (1987), entrambi girati da Castagnoli – e le fotografie di Alberto Grifi, custodite dall’omonima associazione. Non è la prima volta che le parole di Vicinelli e la tromba di Fresu si incontrano: i due, realizzarono nel 1989 lo spettacolo Majakovskij il Tredicesimo apostolo, un concerto per voci e tromba poi pubblicato in CD dall’etichetta Cramps Records, oggi introvabile.     La prenotazione allo spettacolo è obbligatoria e i posti sono limitati. Puoi acquistare il tuo biglietto nei circuiti Vivaticket a questo link. La vendita dal vivo avverrà solo il 2 settembre, direttamente al Teatro Comunale di Bologna, a partire dalle ore 18. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
  Patrizia Vicinelli – In transito   Un progetto di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia Nell’ambito di Archivio Aperto 2021 e di Bologna Estate 2021, il cartellone di attività promosso e coordinato dal Comune di Bologna e dalla Città metropolitana di Bologna - Destinazione Turistica.   Con il sostegno di Comune di Bologna, Regione Emilia Romagna, MiC. In collaborazione con Comunicamente, Kiné, Cheap, Associazione Alberto Grifi, Patto per la Lettura, Inosservanza – Archivio Zeta, Istituto Parri. Con il contributo di Unipol, Coop Fond, Lavoropiù.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(67) "Opening Archivio Aperto 2021
Patrizia Vicinelli – In transito" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(30) "patrizia-vicinelli-in-transito" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-30 17:25:55" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 15:25:55" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=692" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [2]=> object(WP_Post)#16665 (24) { ["ID"]=> int(712) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-08-26 15:02:03" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-08-26 13:02:03" ["post_content"]=> string(2546) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Venerdì 3 Settembre, 17:30 | Biblioteca Stabat Mater
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Ci ha raggiunto l’ora di cambiare le parti. Trasgressiva e magmatica: la poesia di Patrizia Vicinelli
  Nella sala Stabat Mater, all'interno della Biblioteca dell’Archiginnasio di Bologna, Niva Lorenzini, docente di poesia italiana del Novecento e tra le maggiori studiose dell’opera di Vicinelli, darà vita a una lecture che ricostruisce e analizza l’opera rivoluzionaria della poeta.   Nelle pagine di Patrizia Vicinelli si riversa un materiale che pulsa e esplode oltre i margini della pagina, sconfinando verso una gestualità e un'oralità sottoposte a ritmo di morte e rinascita, in trasformazione incessante. – Niva Lorenzini, prefazione al volume Patrizia Vicinelli: Non sempre ricordano. Poesia, prosa, performance (a cura di Cecilia Bello Minciacchi, Le Lettere, 2009).     Niva Lorenzini è docente di poesia italiana del Novecento e tra le maggiori studiose dell'opera di Patrizia Vicinelli, a cui ha dedicato numerose pubblicazioni. Direttrice del corso di laurea DAMS dell'Università di Bologna nel triennio 2004-2007 e direttrice del Dipartimento di Italianistica dal 2008 al 2011, ha tenuto lezioni e conferenze presso numerose università straniere. E' nei comitati direttivi dell'Istituto Gramsci di Bologna e dell'Associazione degli Italianisti (ADI). Fa parte della redazione di numerose riviste, tra cui «Il verri». Tra le sue pubblicazioni, La poesia: tecniche di ascolto. Ungaretti, Rosselli, Sereni, Zanzotto, Sanguineti, Porta (Manni, 2003); Dire il silenzio: la poesia di Andrea Zanzotto (Carocci, 2014); La poesia italiana del Novecento (Il Mulino, terza edizione 2018).  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(25) "Lecture di Niva Lorenzini" ["post_excerpt"]=> string(202) "Niva Lorenzini, docente di poesia italiana del Novecento e tra le maggiori studiose dell’opera di Vicinelli, darà vita a una lecture che ricostruisce e analizza l’opera rivoluzionaria della poeta. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "lecture-di-niva-lorenzini" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-20 09:46:46" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-20 07:46:46" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=712" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [3]=> object(WP_Post)#16664 (24) { ["ID"]=> int(781) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 10:22:30" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 08:22:30" ["post_content"]=> string(2325) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h00 - proiezione live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, Bo
Dal 16 settembre al 7 novembre | su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Meshes of the Afternoon è il mio punto di partenza [...] In un modo tale che non fu tanto scoprire un nuovo medium quanto arrivare finalmente a casa, in un mondo il cui vocabolario, sintassi, grammatica erano la mia lingua madre; che capivo e in cui pensavo.  
Girato in muto - la colonna sonora composta da Teiji Ito è stata aggiunta nel 1959 - Meshes of the Afternoon è un ansiogeno e surreale ritratto delle sfaccettature interiori di un individuo: associazioni nevrotiche, giochi di ombre e specchi esplorano come mai prima i fantasmi della psiche e dell’identità - sessualità compresa - femminile. Uno psicodramma poetico la cui narrazione centripeta si modella sui movimento degli alter ego della regista - in un continuo richiamo extra corporeo tra il sé e l’Altro - all’interno di uno spazio domestico soffocante. Un inseguimento ossessivo che termina con una liberazione, dalla quale emerge la sua esperienza soggettiva del mondo e il desiderio di rivendicazione del potere femminile.    
  La prenotazione per la serata dal vivo è gratuita ma obbligatoria: prenota il tuo posto all’interno dei circuiti Eventbrite. Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.   In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(23) "Meshes of the Afternoon" ["post_excerpt"]=> string(173) "Uno psicodramma poetico e surreale ritratto sulle sfaccettature dell'identità femminile: Meshes of the Afternoon è il primo film del cinema sperimentale americano moderno." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(23) "meshes-of-the-afternoon" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:42:02" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:42:02" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=781" ["menu_order"]=> int(4) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [4]=> object(WP_Post)#16663 (24) { ["ID"]=> int(783) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 10:16:18" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 08:16:18" ["post_content"]=> string(2604) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h00 – sonorizzazione live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre – versione originale | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Quello che faccio con i miei film..Io credo che siano i film di una donna, e penso che la loro specifica qualità temporale sia la qualità del tempo di una donna.  
At Land è una narrazione onirica in cui un personaggio femminile - interpretato dalla regista - si ritrova improvvisamente su una spiaggia per compiere un viaggio, un détour alla ricerca della propria identità, incontrando altre persone e diverse versioni di sé. Depositata in riva al mare dalle onde, i cui moti sono governati da leggi contrarie, Deren si alza per addentrarsi nel mondo terreno: alternando spazi anacronistici, il subconscio della protagonista si trova costretto a fare i conti con la miope visione maschile che domina la società e il sistema cinematografico dominante.     Il film nasce intenzionalmente senza audio. Lo presentiamo live alle Serre dei Giardini Margherita in una versione sonorizzata dalle musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) all'interno del progetto SOUND IN TRANSFIGURED TIME, in una libera ispirazione al mondo onirico e surreale di Maya Deren.    
  La prenotazione per la serata dal vivo è gratuita ma obbligatoria: prenota il tuo posto all'interno dei circuiti Eventbrite. Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.   In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(7) "At Land" ["post_excerpt"]=> string(144) "Una narrazione onirica in cui una donna - Maya Deren - si ritrova su una spiaggia, per compiere un viaggio alla ricerca della propria identità." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(7) "at-land" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:44:45" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:44:45" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=783" ["menu_order"]=> int(7) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [5]=> object(WP_Post)#16662 (24) { ["ID"]=> int(787) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 10:50:31" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 08:50:31" ["post_content"]=> string(2909) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h30 – sonorizzazione live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre – versione originale | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Sempre più ho iniziato a pensare di lavorare con il movimento formalizzato, stilizzato della danza, di portare il danzatore fuori dal teatro e di dargli il mondo come palcoscenico.
  A Study in Choreography for Camera segna, secondo la critica, la nascita del «coreocinema»: Maya Deren indaga e studia il rapporto diretto tra movimento - protagonista assoluto - spazio e macchina da presa insieme al ballerino e coreografo Talley Beatty, in un aspaziale e atemporale moto perpetuo reso da precise tecniche di ripresa e montaggio. La Bolex 16mm ruota di 360 gradi in “fraseggi” - così come li definisce Deren - divenendo essa stessa partner di Beatty e  la collaborazione tra regista e interprete è estremamente intensa:  in soli tre minuti i due hanno la capacità di liberare il corpo umano dai confini del reale, tra interno ed esterno, esplorando nuove possibilità di percezione.     
Il film nasce intenzionalmente senza audio. Lo presentiamo live alle Serre dei Giardini Margherita in una versione sonorizzata dalle musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) all’interno del progetto SOUND IN TRANSFIGURED TIME, in una libera ispirazione al mondo onirico e surreale di Maya Deren.    
  La prenotazione per la serata dal vivo è gratuita ma obbligatoria: prenota il tuo posto all’interno dei circuiti Eventbrite. Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.   In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(34) "A Study in Choreography for Camera" ["post_excerpt"]=> string(133) "Una danza aspaziale e atemporale tra il ballerino Talley Beatty e la cinepresa di Maya Deren, nel primo esperimento di coreocinema. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(34) "a-study-in-choreography-for-camera" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:45:20" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:45:20" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=787" ["menu_order"]=> int(8) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [6]=> object(WP_Post)#16661 (24) { ["ID"]=> int(789) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 10:58:19" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 08:58:19" ["post_content"]=> string(2355) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h30 – sonorizzazione live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre – versione originale | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La fluidità sperimentata in A Study in Choreography for Camera accresce in Ritual in Transfigured Time, quarto film di Maya Deren. L’illusione del moto costante non è più data dalla danza della cinepresa ma dal silenzioso inseguire e galleggiare di Rita Christiani (anch’essa ballerina) che da un rituale domestico passa a una scena di festa, una danza ipnotica seguita da una caduta perpetua nel mondo marino. Definito «trance-film» da Paul Adams Sitney, il film è orchestrato sui movimenti di interazione di Christiani con gli altri personaggi - Deren compresa - anch’essi ballerini, in «un rituale cinematografico che si ottiene non solo in termini spaziali, ma in termini di un Tempo creato dalla cinepresa».     Il film nasce intenzionalmente senza audio. Lo presentiamo live alle Serre dei Giardini Margherita in una versione sonorizzata dalle musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) all’interno del progetto SOUND IN TRANSFIGURED TIME, in una libera ispirazione al mondo onirico e surreale di Maya Deren.     In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "Ritual in Transfigured Time" ["post_excerpt"]=> string(155) "La cinepresa di Deren segue silenziosa l’avanzare fluttuante della ballerina Rita Christiani, in un rituale in cui tempo e spazio avanzano mutevolmente. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "ritual-in-transfigured-time" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:46:32" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:46:32" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=789" ["menu_order"]=> int(9) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [7]=> object(WP_Post)#16660 (24) { ["ID"]=> int(793) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 13:34:12" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 11:34:12" ["post_content"]=> string(2283) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Venerdì 17 settembre, 20h30 – live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Stan Brakhage lo ha definito uno dei film più personali di Maya Deren: «She is the camera, she’s moving, she’s breathing in relation to this dancer». In Meditation on Violence la cinepresa di Maya Deren trova la propria guida nel gesto performativo del boxeur cinese Chao Li Chi, in una performance che vede l’alternarsi degli allenamenti tradizionali delle scuole Wu-Tang e Shao-Lin. Una meditazione metafisica che si realizza attraverso la forma, intesa come un tutto, tra rallentamenti, fermi immagine e impercettibili reiterazioni. «Il massimo di un estremo diventa il suo opposto. Qui il massimo della violenza è la paralisi», spiega Deren: i concetti metafisici legati alla boxe cinese si materializzano con eleganza nel gesto stesso e nel suo farsi, mezzo privilegiato di espressione visiva.     In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Meditation on Violence" ["post_excerpt"]=> string(162) "Maya Deren segue il gesto performativo di un boxeur instaurando con il suo corpo e il suo movimento una riflessione visiva sull’espressione della violenza. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "meditation-on-violence" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:47:08" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:47:08" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=793" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [8]=> object(WP_Post)#16659 (24) { ["ID"]=> int(795) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 13:41:06" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 11:41:06" ["post_content"]=> string(2171) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Venerdì 17 settembre, 20h30 – live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text] The Very Eye of Night fu l’ultimo film che Maya Deren riuscì a portare a termine, nonché il più lungo e costoso della sua carriera: le riprese iniziarono nel 1952 ma il film fu completato solo 7 anni dopo. L’opera è una coreografia stilizzata, un «balletto celestiale» realizzato con gli allievi della Metropolitan Opera Ballet School di New York che ritrae la navigazione di individui cosmici danzare - nuotare, volare - nella notte.   Per rendere l’atmosfera notturna, Deren stampa tutto il film in negativo: «Se la terra è tonda e gira ciò che di giorno è abisso, di notte è cielo; e la vita del giorno e quella della notte sono una il negativo dell’altra». Musicato da Teiji Ito, The Very Eye of the Night è a tutti gli effetti una poesia visiva metafisica che, influenzata anche dalla cultura haitiana, abbraccia una nuova forma di sperimentalismo dalla quale emerge il primato dell’immaginazione.     In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Prenota il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(21) "The Very Eye of Night" ["post_excerpt"]=> string(174) "Una coreografia cinematografica del cosmo, un viaggio notturno che attraverso l’infinità esplora l’universo interiore dell’uomo nel momento in cui si addormenta. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(21) "the-very-eye-of-night" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:48:29" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:48:29" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=795" ["menu_order"]=> int(12) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [9]=> object(WP_Post)#16658 (24) { ["ID"]=> int(797) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 13:52:45" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 11:52:45" ["post_content"]=> string(2594) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 settembre al 7 novembre  | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]The Witch's Cradle fu girato alla Guggenheim Gallery durante la mostra surrealista "Art of this Century" e fu assemblato molto tempo dopo la morte della regista dal personale dell’Anthology Film Archives.   Fu realizzato nel 1943 in collaborazione con Marcel Duchamp, che compare insieme all’attrice e protagonista Pajorita Matta: esoterismo, mondo occulto e stregoneria si intrecciano tra loro, come lo spago che maneggia il pittore francese. La cinepresa è già coreografa e segue Matta, che forse interpreta il ruolo di una strega (o di una posseduta?) portare impresso sulla fronte un marchio con una scritta ripetibile all’infinito: «The end is the beginning is the end..», nell’evocazione di quell’atmosfera misteriosa e divinatoria che sarà timbro dei suoi futuri film.   La genesi del film trae sicuramente ispirazione dall'esperienza di Deren, da sempre affascinata dagli stati di alterazione della coscienza e interessata ai labirinti psichici. Nell'autunno del 1939 iniziò infatti a lavorare per lo scrittore statunitesnse William Seabrook, il quale le commissionò alcune ricerche sulla stregoneria. La loro collaborazione durò molto poco e si interruppe dopo un soggiorno presso la tenuta dello scrittore. Come racconta in una lettera, a Deren venne chiesto di sottoporsi ad alcune pratiche di presunto occultismo che la turbarono molto: tra queste, quella  di restare seduti a cavalcioni per ore sulla «witch's cradle» di Seabrook «una sorta di sedia medievale molto stretta in cui le apprendiste streghe dovevano restare sedute per poter essere in grado di cavalcare una scopa».     In collaborazione con Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "The Witch's Cradle" ["post_excerpt"]=> string(159) "Film incompiuto, con la partecipazione di Marcel Duchamp: esoterismo e mondo occulto si intrecciano tra loro, come i fili nelle mani dell’artista francese. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "the-witchs-cradle" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:49:25" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:49:25" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=797" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [10]=> object(WP_Post)#16657 (24) { ["ID"]=> int(800) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 14:04:02" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 12:04:02" ["post_content"]=> string(1554) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Tutte le sere, prima di andare a letto, intorno alle due, Maya Deren andava a passeggiare con i suoi gatti lungo il fiume Hudson. Anticipazione dei cat videos odierni, The Private Life of a Cat fu diretto con il marito Sasha Hammid ed è uno «studio intimo» sul parto della loro gatta Glamour Girl e sull’accudimento della sua quarta cucciolata nel loro appartamento newyorkese di Morton Street.   Girato interamente all’altezza dell’occhio del gatto, i primi piani escludono intenzionalmente ogni presenza umana e restituiscono un mondo felino autonomo, libero, capace di sopravvivere e generare vita senza l’ausilio di padroni o proprietari.      In collaborazione con Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(25) "The Private Life of a Cat" ["post_excerpt"]=> string(118) "Un ritratto da vicino dei comportamenti di un mondo felino incontaminato, attraverso la gatta di Deren, Glamour Girl. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "the-private-life-of-a-cat" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:50:01" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:50:01" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=800" ["menu_order"]=> int(6) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [11]=> object(WP_Post)#16656 (24) { ["ID"]=> int(802) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 14:18:34" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 12:18:34" ["post_content"]=> string(2008) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
 Non sono avida. Non cerco di impadronirmi della maggior parte dei tuoi giorni. Sono contenta se, in quelle rare occasioni la cui verità può essere affermata soltanto dalla poesia, tu forse ricorderai un'immagine, anche solamente l'aura dei miei film - Maya Deren  
Martina Kudláček percorre la biografia di Maya Deren attraverso la testimonianza delle persone che l’hanno conosciuta e hanno lavorato da vicino con lei. Da Jonas Mekas a Sasha Hammid, Katherine Dunham, Miriam Arsham, Graeme Ferguson, Marcia e Amos Vogel, Rita Christiani, Chao-Li Chi, Judith Malina e Stan Brakhage: sotto il loro sguardo viene delineato il ritratto ipnotico e intimo di «un mito moderno», capace di raffigurarne i lati più celati della sua personalità, necessarie per comprendere le complesse metamorfosi legate all’esperienza haitiana.     Martina Kudláček è nata a Vienna nel 1965. Ha studiato cinematografia, specializzandosi nel genere documentario, alla Film and Television Academy FAMU di Praga. Regista affermata, si occupa principalmente di ricerca e archiviazione. Nel 2004 ha ricevuto il Film Preservation Award dall'Anthology Film Archives di New York.   In collaborazione con SixPackFilm.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "In the Mirror of Maya Deren" ["post_excerpt"]=> string(168) "Un affascinante e ipnotico ritratto di Maya Deren attraverso la testimonianza delle persone che l’hanno conosciuta, incontrata e lavorato con lei. Online su MyMovies." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "in-the-mirror-of-maya-deren" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:50:36" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:50:36" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=802" ["menu_order"]=> int(14) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [12]=> object(WP_Post)#16655 (24) { ["ID"]=> int(804) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 14:38:46" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 12:38:46" ["post_content"]=> string(2083) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Invocation: Maya Deren è il primo lungometraggio dedicato alla vita e all’opera di Deren. Realizzato per la BBC nel 1988 dalla regista britannica Jo Ann Kaplan, il documentario biografico ne ripercorre la filmografia attraverso la narrazione dell’attrice Helen Mirren, le registrazioni originali di Deren e le interviste a Hella Hammid, Sasha Hammid, Amos e Marcia Vogel, Stan Brakhage, Jonas Mekas e Joseph Campbell. Un racconto corale che si intreccia alle sequenze dei suoi film: per ognuno di essi vengono ripercorse le intenzioni di Maya Deren, la genesi e i significati più profondi legati alle scelte narrative e registiche, tra simbologia e resistenza cinematografica, in un mosaico inedito di tutta la sua opera artistica.     Jo Ann Kaplan (1945-2016) fu originaria di New York ed ha studiato arte all'Hunter College di NY. Ha iniziato a fare film nel 1969. Ha vissuto e lavorato nel Regno Unito a partire dal 1974 dirigendo film e programmi televisivi sui più svariati soggetti (principalmente femminili) e in differenti formati, spaziando tra animazione, danza e film sperimentali, documentari e pittura. Ha insegnato montaggio alla National Film and Television School, al Royal College of Art, al Goldsmiths College Department of Media and Communications, e in altri college di arte nel Regno Unito.   In collaborazione con Women Make Movies.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Invocation: Maya Deren" ["post_excerpt"]=> string(159) "Il primo lungometraggio dedicato alla vita e all’opera di Maya Deren: un’invocazione alla madrina del cinema d’avanguardia americano. Online su MyMovies." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(21) "invocation-maya-deren" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:51:22" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:51:22" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=804" ["menu_order"]=> int(13) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [13]=> object(WP_Post)#16654 (24) { ["ID"]=> int(809) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-06 16:05:35" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-06 14:05:35" ["post_content"]=> string(4860) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Sabato 18 settembre, 20h30 – live 16mm | Serre dei Giardini Margherita, BO
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Divine Horsemen. The living God of Haiti esce postumo, nel 1977: montato da Teiji Ito e dalla moglie, racchiude in un’operazione artistica estremamente rischiosa e delicata, 50 minuti delle quattro ore di materiali girati da Maya Deren - l’Haitian Film Footage - durante i soggiorni haitiani, in particolare quelli del 1947 e del 1949.   Il progetto e l’ambizione haitiana di Deren ha origini lontane, radicate in maniere primitiva nella sua sensibilità e predisposizione alla scoperta, fascinazione verso il mondo dei riti e della tradizione haitiana, scosse fin dalla sua collaborazione con Katherine Dunham. Le prime intenzioni di Deren di compiere il viaggio caraibico risalgono al 1941 e trovano concretizzazione 5 anno dopo, quando nel 1946 conosce gli antropologi Gregory Bateson e Margaret Mead: in quel periodo, danno un forte impulso alla ricerca cinematografica in campo etnografico, convinti che il film sia un importante strumento di analisi antropologico.   Nel 1947 Maya Deren compie il primo viaggio con lo scopo di realizzare un film capace di porre in relazione l’aspetto ritualistico dei giochi infantili occidentali e i riti tradizionali haitiani. La volontà di filmare “la logica del voodoo” - in un progetto al confine tra il cinematografico e il metafisico - la porta ad un ridimensionamento del suo desiderio iniziale, in un progetto ben più grande che prenderà il già citato nome di Haitian Film Footage, il quale comprendeva anche l’idea pionieristica di fondare nell’isola caraibica un’industria cinematografica indipendente per film in 16mm. Vi tornerà altre tre volte, per un totale di 21 mesi (l’ultimo viaggio all’inizio del 1955) e nel 1953 ultima il ricco libro antropologico Divine Horsemen. The Living God of Haiti.   Durante questo lungo periodo, il vissuto antropologico di Derne si fa, quasi inevitabilmente, esperienza totale, in sintonia con le attitudini esplorative della regista accompagnata dalla sua profonda e quasi ossessiva volontà di comprendere a fondo i dettami di quella cultura - non a caso sarà la prima donna bianca ad essere iniziata alla religione voodoo e le verrà assegnato anche uno spirito guida, Erzulie, la divinità dell’amore - senza mai tradirla.   Deren segna una modalità filmica antropologica nuova, del tutto autoriale, che poteva realizzarsi solo attraverso di lei, in nome di un attraversamento fisico, di un corpo che viene sempre posto al centro: discostata quanto basta dalla teoria e dalla pratica scientifica, vicina con ogni senso in quella mitologica, quasi come se fosse lei stessa una divine horse-woman, passaggio (unico) e intimo portale tra il mondo haitiano e occidentale. Cattura principalmente le danze, le cerimonie di possessione, le feste (il Mardi Gras): disegna di volta in volta un ritmo e un’energia propria, fatto di ralenti - sugli spasmi dei corpi posseduti - e durate dilatate, sperimentando nuovamente sul tempo filmico e le possibilità motorie della sua Bolex.   La cinepresa è infatti mobile ed avanza circolarmente, totalmente immersa nella comunità: proprio questa immersione, quasi una devozione, è una delle cause - oltre a quella economica - che non hanno mai permesso alla regista di mettere la parola fine al suo progetto, nell’estrema difficoltà data dal come montare e presentare, eticamente e moralmente, tutto quel girato senza tradire mai le logiche spirituali della comunità haitiana di cui ormai faceva parte, in una piena consaevolezza del peso e responsabilità del proprio agire artistico.     In collaborazione con Light Cone e Re:Voir.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(43) "Divine Horsemen
The living God of Haiti" ["post_excerpt"]=> string(136) "Una ricerca intima e pionieristica sulla danza e i riti di possessione voodoo della cultura haitiana, montata postuma da Teiji Ito. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(39) "divine-horseman-the-living-god-of-haiti" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:51:42" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:51:42" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=809" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [14]=> object(WP_Post)#16653 (24) { ["ID"]=> int(818) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-07 17:04:56" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-07 15:04:56" ["post_content"]=> string(5742) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

AMATEUR IS A LOVER

Ritorno a Maya Deren e al cinema libero

  Filmmaker, teorica, attivista, danzatrice, antropologa, nella sua breve e intensa esistenza Maya Deren ha aperto strade e indicato vie prima di lei mai percorse. Considerata la madrina del cinema d’avanguardia americano, il suo lavoro è stato una fonte di ispirazione incredibile per diverse generazioni di artisti e la sua influenza è tuttora fortissima. Oggi più che mai è riconosciuta come filmmaker donna capace di affermarsi giovanissima in un mondo maschile, un’anticipatrice che sfugge alle definizioni e quindi scomoda.   Deren, figura gigantesca del Novecento di europea trapiantata in America tra le due guerre, oggi come ieri è punto di ritorno continuo e fonte di ispirazione inesauribile per produrre immagini, pensiero, arte. Per questa XIV edizione, Archivio Aperto omaggia il suo cinema con una sezione a lei dedicata, Amateur is a lover. Il titolo riprende appunto l'deologia di Maya Deren sulla libertà, sia artistica che fisica, di un cinema senza le costrizioni dell’industria e realizzato con una cinepresa leggera, il proprio corpo, i sensi, la mente.   Amateur is a Lover ripercorre la sua filmografia completa nella migliore edizione restaurata disponibile, con proiezioni live in pellicola e online su MyMovies: tra le opere, un lavoro incompiuto girato alla Guggenheim Gallery di New York, un “film di famiglia” con la gatta protagonista, un opera “postuma” realizzata con il girato dell'incredibile esperienza ad Haiti su danze e riti vudù, due documentari dedicati a vita e opere di Deren, un intervento musicale su tre delle sue pellicole concepite senza sonoro e una rilettura di un suo testo folgorante, attraverso le immagini d’archivio.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
MAYA DEREN IN 16MM - LIVE ALLE SERRE DEI GIARDINI MARGHERITA
  Giovedì 16 settembre, ore 20.00 - prenota il tuo biglietto | SERATA RINVIATA AL 17/09 CAUSA PIOGGIA Meshes of the Afternoon - 1943, 14' At Land - 1944, 14' | sonorizzazione live a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) A Study in Choreography for Camera - 1945, 3' | sonorizzazione live a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) Ritual in Transfigured Time - 1946, 14' | sonorizzazione live a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) Le sonorizzazioni live rientrano all'interno del progetto speciale Sound in Transfigured Time.   Venerdì 17 settembre, ore 20.00 - prenota il tuo biglietto Amateur is a Lover. Reading Amateur vs Professional  - 2021, 5' | selezione d'archivio a cura di Home Movies. Voce e suoni a cura di Francesca Bomo. Meditation on Violence - 1948, 12' The Very Eye of Night - 1958, 15'   Sabato 18 settembre, ore 20.00 - prenota il tuo biglietto Divine Horsemen. The living God of Haiti - 1947-54, 1977, 50' (v.o. con sottotitoli in italiano)  
 
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria per ogni serata. Puoi prenotare il tuo il tuo posto all'interno dei circuiti Eventbrite.  Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.     In collaborazione con Light Cone.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "Maya Deren in 16mm" ["post_excerpt"]=> string(159) "Amateur is a Lover è la sezione di Archivio Aperto 2021 dedicata al cinema di Maya Deren. Scopri le proiezioni live in 16mm alle Serre dei Giardini Margherita" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(15) "maya-deren-16mm" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-16 17:49:00" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-16 15:49:00" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=818" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [15]=> object(WP_Post)#16652 (24) { ["ID"]=> int(820) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-07 19:02:33" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-07 17:02:33" ["post_content"]=> string(8631) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Venerdì 17 settembre, 20h00 | Serre dei Giardini margherita, BO
Dal 22 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Amateur “means one who does something for the love of the thing rather than for economic reasons or necessity”
  Con Amateur Versus Professional (1959), breve mitico testo che ha influenzato generazioni di cineasti, Maya Deren propone un manifesto del cinema amatoriale, che unisce i toni politici e poetici a esortazioni e suggerimenti pratici. Giustapponendo le parole di Deren a immagini di film amatoriali - precedenti, coevi e successivi allo scritto e provenienti dal contesto italiano - questo piccolo video a cura di Home Movies è un tentativo anti didascalico di visualizzare le idee di Deren sulla libertà di fare cinema senza condizionamenti economici e mezzi tecnici pesanti e sull’uso della cinepresa come estensione del proprio corpo.  
  [/vc_column_text][vc_column_text]
Amateur Versus Professional Maya Deren
  «The major obstacle for amateur film-makers is their own sense of inferiority vis-a-vis professional productions. The very classification “amateur” has an apologetic ring. But that very word - from the Latin “amateur” - “lover” means one who does something for the love of the thing rather than for economic reasons or necessity. And this is the meaning from which the amateur film-maker should take his clue. Instead of envying the script and dialogue writers, the trained actors, the elaborate staff and sets, the enormous production budgets of the professional film, the amateur should make use of the one great advantage which all professionals envy him, namely, freedom - both artistic and physical.   Artistic freedom means that the amateur film-maker is never forced to sacrifice visual drama and beauty to a stream of words, words, words, words, to the relentless activity and explanations of a plot, or to the amateur production expected to return profit on a huge investment by holding the attention of a massive and motley audience for 90 minutes.   Like the amateur still-photographer, the amateur film-maker can devote himself to capturing the poetry and beauty of places and events and, since he is using a motion picture camera, he can explore the vast world of the beauty of movement. (One of the films winning Honorable Mention in the 1958 Creative Film Awards was ROUND AND SQUARE, a poetic, rhythmic treatment of the dancing lights of cars as they streamed down highways, under bridges, etc.) Instead of trying to invent a plot that moves, use the movement or wind, or water, children, people, elevators, balls, etc. as a poem might celebrate these. And use your freedom to experiment with visual ideas; your mistakes will not get you fired.    Physical freedom includes time freedom - a freedom from budget imposed deadlines. But above all, the amateur film-maker, with his small, light-weight equipment, has an inconspicuousness (for candid shooting) and a physical mobility which is well the envy of most professionals, burdened as they are by their many-ton monsters, cables and crews. Don’t forget that no tripod has yet been built which is as miraculously versatile in movement as the complex system of supports, joints, muscles, and nerves which is the human body, which, with a bit of practice, makes possible the enormous variety of camera angles and visual action. You have all this, and a brain too, in one neat, compact, mobile package. Cameras do not make films; film-makers make films. Improve your films not by adding more equipment and personnel but by using what you have to its fullest capacity.    The most important part of your equipment is yourself: your mobile body, your imaginative mind, and your freedom to use both. Make sure you do use them».  

---

  «L’ostacolo più grande per il filmmaker amatoriale è il suo stesso senso di inferiorità verso le produzioni professionali. La stessa classificazione di “amatoriale” ha un tono remissivo. Ma questa parola - dal latino “amator”, “amante” - indica qualcuno che fa qualcosa per amore verso la cosa, piuttosto che per motivi economici o per necessità. E questo è il significato da cui il filmmaker amatoriale dovrebbe trarre un indizio. Invece di invidiare gli sceneggiatori e i dialoghisti, gli attori formati, i set e le troupe elaborati, gli enormi budget di produzione dei film professionali, l’amatore dovrebbe sfruttare uno dei grandi vantaggi che tutti i professionisti gli invidiano, ovvero la libertà - sia artistica che corporea.     La libertà artistica vuol dire che il filmmaker amatoriale non è mai costretto a sacrificare la drammaticità e bellezza dell’immagine per un flusso di parole, parole, parole, parole, per l’incessante azione e spiegazione della trama, né per una produzione amatoriale da cui ci si aspetta, dopo un grosso investimento, un profitto, intrattenendo un pubblico vasto e variegato per 90 minuti.    Come il fotoamatore, il filmmaker amatoriale può dedicarsi a immortalare la poesia e la bellezza di luoghi ed eventi e, poiché utilizza una cinepresa, può esplorare il vasto mondo della bellezza del movimento. (Uno dei film a ottenere una Menzione d’Onore ai Creative Film Awards nel 1958 fu proprio ROUND AND SQUARE, un’operazione ritmica e poetica sulle luci danzante delle automobili mente scivolano lungo l’autostrada, sotto i ponti, etc.). Invece di provare a inventarsi una trama che progredisca, usate il movimento o il vento, o l’acqua, bambini, persone, ascensori, balli, etc. nel modo in cui una poesia potrebbe celebrarli. E usate la vostra libertà di sperimentare con idee visive; i vostri errori non vi faranno licenziare.   La libertà corporea include la libertà temporale - una libertà dalle scadenze comandate dal budget. Ma soprattutto il filmmaker amatoriale, con il suo equipaggiamento ridotto e leggero, ha una capacità di mimetizzarsi (per filmati spontanei) e una mobilità che fa invidia alla maggioranza dei professionisti, intralciati come sono dai loro pesantissimi mostri, dai cavi e dalla troupe. Non dimenticate che non è stato ancora costruito un treppiede così miracolosamente versatile nel movimento quanto lo è l’intricato sistema di supporti, giunture, muscoli e nervi del corpo umano, il quale, con un po’ di pratica, rende possibile un’enorme varietà di angoli di ripresa e azione visiva. Voi avete tutto questo, e un cervello, per di più, in un solo involucro mobile, compatto e ordinato. Non sono le cineprese a fare i film; i filmmaker fanno i film. Migliorate i vostri film non aggiungendo equipaggiamento e manodopera, ma usando ciò che avete al meglio delle vostre possibilità.   La parte più importante del vostro equipaggiamento siete voi: il vostro corpo semovente, la vostra mente immaginifica e la vostra libertà di usarli entrambi. Assicuratevi, allora, di usarli.»  
  La prenotazione per la serata dal vivo è gratuita ma obbligatoria: prenota il tuo posto all’interno dei circuiti Eventbrite. Per accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.   In collaborazione con Light Cone e Re:Voir Video.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(59) "Amateur is a Lover
Reading Amateur Versus Professional" ["post_excerpt"]=> string(158) "Amateur Vs Professional, manifesto di Maya Deren del cinema amatoriale mondiale, letto da Francesca Bono sulle immagini amatoriali d'archivio di Home Movies. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(52) "amateur-is-the-lover-reading-amateur-vs-professional" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:43:43" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:43:43" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=820" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [16]=> object(WP_Post)#16651 (24) { ["ID"]=> int(830) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-08 16:13:52" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-08 14:13:52" ["post_content"]=> string(3474) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h00 | Serre dei Giardini margherita, B
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Tre film concepiti e lasciati senza sonoro da Maya Deren (At Land, 1944; A Study in Choreography for Camera, 1945; Ritual in Transfigured Time, 1946) offrono l’occasione per le due musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) di creare un dialogo con Deren attraverso synth, batteria e voce.
    Un progetto per Archivio Aperto nato per rispondere a una interrogativo per la curatela: quanto attenersi alla filologia e quanto spingersi verso il terreno della sperimentazione che Deren stessa ispira con la sua opera?   L’idea della scelta che abbiamo fatto dopo esserci confrontati con Pip Chodorov e Tavia Ito, è che una cosa non escluda l’altra - basta dichiararne le intenzioni - perchè anche se l’opera di Deren si rompesse come uno specchio in mille pezzi non finiremmo mai di specchiarci nei suoi frammenti.   E le intenzioni di Francesca Bono sono chiare: “Ho capito quasi subito cosa volevo realizzare, mi sono bastati pochi fotogrammi, ho immediatamente preso degli appunti sonori e pensato che la mia amica Vittoria Burattini sarebbe stata una perfetta "partner in crime" per creare un suono onirico e surreale. Abbiamo confidenza e c'è stima reciproca. Volevo cioè rendere omaggio a Deren, artista straordinaria che ha ispirato alcuni dei miei registi preferiti, insieme a un'altra musicista che ammiro e con cui condivido un certo tipo di poetica. Cercavo un sabba sensoriale, un'immersione nell'ossessivo. Volevo che fosse chiaro un messaggio: Donne che creano.”         Francesca Bono e Vittoria Burattini  
    La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti EventbritePer accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(26) "SOUND IN TRANSFIGURED TIME" ["post_excerpt"]=> string(177) "La sonorizzazione live di At Land, A Study in Choreography for Camera e Ritual in Transfigured Time a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume)." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "sound-in-transigured-time" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:42:46" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:42:46" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=830" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [17]=> object(WP_Post)#16650 (24) { ["ID"]=> int(849) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-09 08:17:12" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-09 06:17:12" ["post_content"]=> string(1828) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
immersa , tra il verde delle serre dei giardini margherita
su www.archivioaperto.it
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Un omaggio ai gatti filmati prima e dopo Maya.
  The private life of a cat è il punto di partenza di una selezione di gattini dall’Archivio di Home Movies, filmati tra gli anni Trenta e Ottanta. Siamo noi umani a illuderci di avere addomesticato il gatto o non è forse il gatto ad averci totalmente conquistato? Un omaggio alla grande passione felina di Maya Deren.   La selezione è stata presentata come installazione collaterale alle proiezioni in presenza alle Serre dei Giardini Margherita.   Dedicato a Maya, MagnifiCat.    
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(39) "Glamour Cats
Before and after Maya" ["post_excerpt"]=> string(103) "Un omaggio ai gatti filmati prima e dopo Maya, attraverso le immagini d'archivio feline di Home Movies." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(34) "glamour-cats-before-and-after-maya" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:52:19" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:52:19" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=849" ["menu_order"]=> int(15) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [18]=> object(WP_Post)#16649 (24) { ["ID"]=> int(886) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-13 17:56:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-13 15:56:49" ["post_content"]=> string(8927) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Maya Deren, nata Eleonora Derenkovskaya, in omaggio a Eleonora Duse, è nata il 29 aprile 1917 a Kiev nell'anno della rivoluzione bolscevica. La madre Marie Fiedler proveniva da una famiglia benestante, era una donna dallo spirito indipendente, intelligente, colta ed istruita (studiò al conservatorio). Il padre, Solomon Derenkovskaya era uno psichiatra: severo ed austero, con lui Eleonora ebbe sempre un rapporto conflittuale, di amore e odio. In Maya Deren emergono entrambi gli spiriti, a loro modo ribelli, di questi due genitori spesso ingombranti: la vitalità della madre e il rigore del padre.   Nel 1922, i pogrom, l'economia e la vicinanza politica di Solomon a Trotsky costringono la famiglia ebrea a fuggire dalla Russia. Si stabiliscono insieme allo zio paterno a Syracuse, New York, dove i Derenskovsky abbreviano il loro nome in Deren. In seguito a forti crisi tra Marie e Solomon, Deren si trasferisce con la madre a Ginevra per tre anni (nel 1930) dove frequenta la prestigiosa Ecole Internationale della Società delle Nazioni. Qui studia francese, tedesco e russo: durante questo periodo occupa di scrittura, in particolare sulle riviste studentesche dell’Ecole.   Nel 1933 torna negli Stati Uniti e nei sei anni successivi studia giornalismo e scienze politiche alla Syracuse University. E proprio in questo periodo che incontra Gregory Bardecke (allora studente e poi sindacalista) con il quale si sposa, appena diciottenne, nel 1935. In quello stesso anno i due si trasferiscono a New York, nel Greenwich Village. Nello stesso anno Maya diviene segretaria nazionale della Young People’s Socialist League, il dipartimento universitario del settore giovanile del Partito Socialista statunitense: seguirà un periodo di forte militanza politica all’interno della sinistra americana fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Nell'autunno del 1938 (anno in cui divorzia con Bardecke) si trasferisce allo Smith College, vicino a Boston: dalla politica passa alla poesia, in particolare quella simbolista francese, ma su di lei esercita anche una forte influenza lo studio di T.S. Eliot.   Terminati gli studi, Deren torna a New York, mantenendosi come assistente editoriale a una cerchia di scrittori statunitensi, tra i quali Max Eastman e William Seabrook. In questo periodo si dedica anche alla stesura di una detective story con la seconda moglie del padre (i genitori si separano pochi anni prima) dal titolo Double or Nothing. Sono anche gli anni della scoperta e dell'avvicinamento alla cultura ritualistica africana ed haitiana - anche se l’interesse per l’antropologia era già affiorato seguendo alcuni corsi all’università - con l’inizio del nuovo lavoro come segretaria e attiva assistente editoriale (una vera e propria manager) per la coreografa, ballerina, antropologa Katherine Dunham, pioniera della danza afroamericana. Proprio in quell’anno scrive Religious in Possession Dancing, uno studio antropologico sulla danza: il rapporto con Dunham influenzerà tutta la sua opera futura.   É con Dunham a Los Angeles quando incontra il regista ceco Alexander Hackenschmied, più tardi Hammid, che sposerà poco tempo dopo. Questo incontro sarà fondamentale per lo sviluppo della carriera cinematografica di Deren: con lui si applica per la prima volta alla fotografia e sperimenta la cinepresa realizzando nel 1943 il primo film con il nome Maya (“illusione”) Deren, Meshes of the Afternoon, realizzato con una Bolex 16mm di seconda mano acquistata a Hollywood per 300 dollari, con la piccola eredità lasciata da sua padre.   Nell’autunno dello stesso anno la coppia si trasferisce a New York, ancora nel Greenwich Village: anticonformista e anticipatrice nel look (con abiti ideati e cuciti da lei) e nei comportamenti, in quel periodo Deren scrive articoli e pubblica fotografie. La casa nel Village diventa ben presto luogo di ritrovo per alcuni artisti dell’epoca, da Stan Brakhage a Harrison Starr: lì mostrava anche i suoi film, in proiezioni private che in poco tempo attirano anche l’attenzione di centri e istituzioni culturali: da qui l’idea di impegnarsi in una diffusione regolare delle sue opere e non solo, di gettare le basi per la creazione di un circuito distributivo indipendente contro Hollywood (ce la farà, ispirando nel 1947 la creazione della Cinema 16 Film Society, di Amos e Marcia Vogel). Nel febbraio del 1946, alla Provincetown Playhouse del Greenwhich Village si svolge la proiezione pubblica dei primi tre film completati da Deren fino a quel momento (Meshes of the Afternoon, At Land, A study in Choreography for camera) con un grande successo di pubblico e il titolo simbolico Three Abandoned Films: «E così questi film sono stati portati ciascuno a una fine, per poter meglio essere abbandonati».   Nello stesso anno riceve la borsa di studio Creative Work in the Field of Motion Pictures della Guggenheim Foundation: è la prima cineasta donna a vincere il premio. Le sue fotografie e i suoi saggi, tra cui An Anagram of Ideas on Art, Form and Film, cominciano ad apparire nella stampa underground. Nel 1947 riceve anche il "Grand Prix International for 16mm Film, Experimental Class" al Festival di Cannes per Meshes of the Afternoon ed è la prima volta che questo premio viene assegnato agli Stati Uniti e a una regista donna. Deren continua a portare avanti, con la caparbietà e militanza che la contraddistinguono, il sostegno della circolazione delle opere indipendenti e sperimentali, in particolare attraverso raccolte fondi per aumentare le copie dei film, cosciente di tutti gli ostacoli economici. Scrive Deren in una domanda per borsa di studio: «Se ricevessi da qualche fonte anche una piccola assistenza, significherebbe più di un altro 16mm; servirebbe come motivo di speranza e di incoraggiamento per tutti quei silenziosi e latenti talenti cinematografici, dai quali dipende a lungo termine lo sviluppo del cinema».   Tra il 1947 e il 1955, Deren trascorre circa 21 mesi ad Haiti, filmando i rituali e la danza Vodou, che cambieranno per sempre la sua visione e approccio artistico e spirituale. Il materiale - circa quattro ore di girato costituenti l’Haitian Film Footage - rimane incompiuto e verrà montato postumo nel 1977. Sotto la tutela dell’antropologo Joseph Campbell, Deren scrive nel 1953 uno studio etnografico dettagliato e senza precedenti sulla religione Voodoo, intitolato Divine Horsemen: The Living Gods of Haiti. Nel 1953 Deren incontra per caso nel Greenwich il giovanissimo musicista giapponese Teijo Ito, con il quale si fidanza e si sposerà nove anni dopo: al momento dell'incontro, Deren gli propone di fare le musiche per quello che sarà il suo ultimo film, The Very Eye of the Night (nel 1959 comporrà anche la colonna sonora di Meshes).   Il 13 ottobre 1961, Maya Deren muore improvvisamente per un'emorragia cerebrale all'età di quarantaquattro anni. Lascia una colonia di gatti (circa venti) - saggi, articoli, due libri - e una visione cinematografica - umana, artistica - che ha continuato e continua ad influenzare i cineasti e le cineaste venute dopo di lei. Nel 1985, l'American Film Institute ha istituito il Maya Deren Award per onorare il contributo e l'importanza del suo lavoro nel sostegno dei film indipendenti. All’Anthology Film Archives di New York, un teatro - il Maya Deren Theatre - porta il suo nome. Il suo lavoro è studiato nelle più prestigiose scuole e università di cinema del mondo e non smette di raggiungere un pubblico sempre più vasto, sia grazie alle edizioni in DVD, alla diffusione online della sua opera, la pubblicazione dei suoi testi e degli studi su di essa (tra cui l’importante monografia italiana Sulle tracce di Maya Deren. Il cinema come progetto e avventura di Anita Trivelli, 2003, Lindau).   Un anno dopo la sua scomparsa, nell'anno di massima esplosione del New American Cinema (NAC), Jonas Mekas, Shirley Clarke, Stan Brakhage, Gregory Markopoulos, e altri fondano la Film-Makers’ Cooperative, cambiando per sempre il futuro del cinema indipendente e sperimentale americano: tutti loro avevano conosciuto Maya Deren, «Goddess of the spring, goddess of the NAC» (G. Markopoulos).[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(24) "Essential Deren. La vita" ["post_excerpt"]=> string(155) ""Sono come una vite che tenta di diffondersi nell’universo, perché amo ogni cosa, ma le radici sono affondate in un luogo dell’universo" - Maya Deren" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(23) "essential-deren-la-vita" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:54:56" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:54:56" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=886" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [19]=> object(WP_Post)#16648 (24) { ["ID"]=> int(757) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-08-31 16:57:41" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-08-31 14:57:41" ["post_content"]=> string(7093) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Mercoledì 22 Settembre, 17:30 | Biblioteca Stabat Mater
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Patrizia Vicinellii. Una fragile guerriera
Incontro con Daniela Rossi e Jonida Prifti
Introduce Giulia Simi, curatrice del progetto Patrizia Vicinelli – in transito.  
Passato e futuro delle parola poetica come parola che fonda una nuova realtà e nuove consapevolezze. La poeta – performer è l'emblema di una guerriera: a lei si deve una rinascita, una fondazione.
 
Disse che anche la poesia andava detta in un altro modo perché servisse ad altre schiere, e perché diventasse movimento attivo – Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)
  La voce più singolare e intensa tra i poeti legati alla neo-avanguardia è indubbiamente quella di Patrizia Vicinelli: in lei più forte che in altri è il legame tra le inquietudini e il dolore di una vita vissuta pericolosamente e conclusa tragicamente, e una ricerca poetica incandescente e tormentata. Non a caso nel suo poema epico  Non sempre ricordano –  scritto nel 1974 -75, ma pubblicato dieci anni dopo dalla casa Editrice Aelia Laelia e da ed. Le Lettere nel 2009 – vi è una esplicita presa di distanza da coloro che dimenticando non riescono ad entrare nella vita, perché non sapendo guardare al proprio passato, non riescono neppure a rientrare dentro di sé e quindi a conoscersi veramente. Con il potente slancio epico di Vicinelli, nella seconda metà del secolo scorso si inaugura un nuovo corso, maturo e consapevole, che nasce e si sviluppa all’ insegna del furore epico femminile, della poematicità orale, che ci riporta ai fondamenti dell’ essere stesso della poesia, alle sue stesse ragioni d’ essere, vitali ed esistenziali, a un coinvolgimento totale. Essendo la poesia delle donne un fenomeno nuovo nella storia della letteratura del 900, la poeta performer è l’ emblema di un guerriero, a lei si deve una rinascita, una fondazione. Usare la voce significa assumersi responsabilità della parola poetica come parola che fonda una nuova realtà. Queste caratteristiche di straordinaria intensità si colgono con grande nettezza nei dischi di poesia sonora, nelle poesie visive, nelle performances dei video che testimoniano la sua presenza in importanti Festival in Italia e in tutto il mondo. Patrizia cominciò giovanissima a partecipare all’attività poetica della neo-avanguardia proprio nel ’63, avvertendo il bisogno di dare voce poetica, sin da allora, ad una esistenza tesa e tormentata. Sino alla fine la poesia infatti ha segnato il suo viaggio esistenziale avventuroso e trasgressivo rispetto al perbenismo borghese e al quadro culturale tradizionale. Intessuta insieme di asprezza e amore, di tensione profonda e grande tenerezza, tutta la sua opera scandisce un racconto epico-poetico fatto di molti episodi, che disfano e poi intrecciano la trama della vita, la raccolgono e la dilatano in sequenze che sembrano non finire mai e tuttavia spesso si chiudono improvvisamente. È un io poetante – quello di Patrizia Vicinelli – che ci interroga sulla coraggiosa fragilità del Sé femminile, totalmente immerso nella realtà e quindi del tutto lontano da ogni possibile tentazione di estetismo e di compiacenza stilistica. Lei stessa però, recensendo il mio Festival di Parma dell’86, dichiara che «nessun poeta ha il diritto di leggere da solo» e quindi lega strettamente il proprio itinerario poetico alla ricerca e al confronto con quella di altri poeti, a lei più affini sul piano della sperimentazione e della contaminazione tra i diversi generi artistici. Vicinelli era infatti assai sensibile e attenta agli umori e ai gusti del suo pubblico: in questo rapporto emergono infatti le sue grandi doti di attrice, che realizza con la voce e con tutto il corpo un ritmo incalzante, che spesso si dilata nell’urlo fragoroso e nell’invettiva bruciante. – Daniela Rossi  
Daniela Rossi dal 1980 si occupa di poesia dal vivo; ha fondato il circolo di poesia Malombra a Parma e tra gi anni '80 e il 2010 ha organizzato eventi e Festival di Poesia internazionali (Di Versi In Versi, Parmapoesia, Parole Migranti - Bolzanopoesia, Lirici a Lerici, ecc…) e collaborato ai Festival internazionali di poesia di Milano, Roma, Firenze, Napoli, Venezia, Parigi, ecc. Nel 1983 ha fondato, con gli amici scrittori e poeti Carlo Bordini, Giorgio Messori, Beppe Sebaste e altri, la casa editrice Aelia Laelia, pubblicando tra gli altri le poete Amelia Rosselli e Patrizia Vicinelli. Nel 2008 e 2009 ha curato, per la collana Fuoriformato di Andrea Cortellessa, nelle antologie The Complete Films. Prosa poesia e performance di Corrado Costa (Le Lettere) e Non sempre ricordano di Patrizia Vicinelli, i DVD allegati, dai materiali del suo archivio video Di Versi In Versi. Nel 2010 ha pubblicato con Campanotto editore La repubblica dei poeti, sugli anni del Mulino di Bazzano e la neoavanguardia. Dal 2008 cura per il Museo Uomo Ambiente di Bazzano (PR) l’ archivio video di poesia La Repubblica dei Poeti e gli eventi ad esso legati.   Jonida Prifti, poeta/performer, nata a Berat (Albania) nel 1982, è emigrata in Italia (Roma) nel 2001. Ha pubblicato vari libri di poesia e saggi critici tra cui Non voglio partorire un corpo di plastica (Alfabeta2, 2010), Ajenk (Transeuropa2011), il saggio Patrizia Vicinelli. La poesia e l’azione (Onyx, 2014), Rivestrane (Selva ed. 2017), Stazione degli occhi (Kurumuny ed. 2020). Nel 2008, ha fondato il duo di poesia sonora Acchiappashpirt con il musicista Stefano Di Trapani di cui contano una serie di pubblicazioni grafiche/sonore. Nutre altri due progetti femminili poetici/dadaisti/visionari: J A (con la musicista Eva Geist) e Alfabeti Barbarici (con l’esperta di culture arabe Donatella Della Ratta). Dal 2012 al 2015 è stata voce solista nella band Shesh. Dal 2016 al 2019 ha fatto parte del duo elettro pop Opa Opa insieme alla musicista serba Iva Stanisic.  
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(41) "Patrizia Vicinelli. Una fragile guerriera" ["post_excerpt"]=> string(108) "Un incontro con Daniela Rossi e Jonida Prifti sugli aspetti performativi della poesia di Patrizia Vicinelli." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(40) "patrizia-vicinelli-una-fragile-guerriera" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-20 09:46:48" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-20 07:46:48" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=757" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [20]=> object(WP_Post)#16647 (24) { ["ID"]=> int(931) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:19:52" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:19:52" ["post_content"]=> string(2635) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il diario cinematografico 8mm di una coppia, girato tra il 1936 e il 1966. Budapest è una città spettrale, dove ombre fantasmatiche si muovono in un paesaggio innevato, stretto nella morsa del gelo e del vento. Jenö è un banchiere che vive nei quartieri eleganti della città, insieme alla moglie Dusi e al loro cane di razza. Dal 1936 Jenö tiene un diario cinematografico con cui registra preferibilmente i momenti passati insieme alla moglie e ai suoceri, ma anche visioni della città e della sua vita mondana: l’ingresso di un grande albergo, la folla davanti al cinema, le vetture eleganti per le strade.   Jenö che, secondo Forgács “sarebbe potuto essere il miglior cameraman del suo tempo, se non avesse lavorato fino al 1945 come commesso alla General Mortgage Credit Bank”, gira lunghe panoramiche lungo il fiume, compone cartoline dei monumenti più importanti, fissa la bellezza dei ponti sul Danubio. Ma il lavoro di rielaborazione condotto da Forgács con l’ausilio delle musiche di Tibor Szemzö, ricolloca questi quadretti di piccole gioie private nella prospettiva più ampia di una memoria storica.   Il risultato è una struggente elegia funebre, l’inquietante danza di morte di una società prossima al disastro e di un paese su cui incombe l’incubo dell’occupazione nazista. Il grande protagonista del film è il cane di Dusi, focalizzatore dello sguardo della cinepresa e punto di riferimento affettivo della giovane coppia senza figli. La piccola tragedia della sua morte e la successiva cerimonia di sepoltura, costituiscono l’apice drammatico della vicenda e il disvelamento di un dolore sordo, che lavora sotto la superficie dell’immagine. Alla fine della guerra Jenö continua, imperturbabile, a filmare la routine della sua vita quotidiana e la nuova realtà di una città in rovina.   Il film costitusice il secondo episodio della serie Private Hungary, iniziata da Forgács alla fine degli anni Ottanta e continuata fino a oggi.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(14) "Dusi and Jenő" ["post_excerpt"]=> string(146) "Il diario privato di una coppia in una Budapest spettrale prima, durante e dopo la Seconda Guerra Mondiale, tra poesia e rievocazione storica. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(13) "dusi-and-jeno" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:43:21" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:43:21" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=931" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [21]=> object(WP_Post)#16646 (24) { ["ID"]=> int(933) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:29:20" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:29:20" ["post_content"]=> string(1260) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Everything we see could also be otherwise. Everything we can describe at all could also be otherwise. Pèter Forgács
  L’opera è composta da sette brevi video-saggi che riprendono alcuni paragrafi del Tractatus Logico Philosophicus di Ludwig Wittgenstein, pubblicato per la prima volta nel 1921, insieme ad altri testi del filosofo austriaco. Brevi sequenze, frammenti di film amatoriali che rappresentano un singolo momento, un gesto banale e quotidiano, costituiscono la materia che Forgács plasma per agganciare le teorie di Wittgenstein su logica, linguaggio, realtà e rappresentazione. Un film filosofico e una chiave di lettura del cinema d’archivio di Forgács. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Wittgenstein Tractatus" ["post_excerpt"]=> string(144) "Frammenti di film amatoriali rielaborati con i testi del filosofo: un’opera potente che riflette sul linguaggio, l’immagine e la parola. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "wittgenstein-tractatus" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:43:58" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:43:58" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=933" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [22]=> object(WP_Post)#16645 (24) { ["ID"]=> int(935) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:40:05" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:40:05" ["post_content"]=> string(2583) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Attraverso gli home movies in 8mm di György Pet, realizzati a partire dal 1938, Free Fall ripercorre i tempi che precedono la Shoah, ricostruendo le illusioni di una famiglia ebrea ungherese, erose passo dopo passo dall’oscuro avanzare della Storia.    György Petö, ebreo di estrazione altoborghese e di eccellenti frequentazioni, prende in mano la gestione della banca di famiglia alla morte del padre, nel 1936. Appassionato di musica e di barche, Petö acquista una cinepresa 8 mm alla fine degli anni trenta e diventa rapidamente un prolifico produttore di home movies, su cui fissa il suo amore per la fidanzata Eva Lengyel, le spedizioni in barca, le vacanze, gli anniversari, le amicizie (tra i suoi amici compare anche il grande direttore d’orchestra Ferenc Fricsay), il suo matrimonio nel 1941. Intanto, lentamente ma inesorabilmente, si installano le leggi antisemite: “La vita sociale, le cerimonie, l’amore, il divertimento, sono ritmati da una voce salmodiante che “canta” le leggi sempre più restrittive nei confronti del popolo di Israele, consegnandoci volti, sguardi e corpi caparbiamente ignari del vortice che li sta inghiottendo, di una tragedia incombente a cui suggello simbolico intervengono i versi solenni del poeta Janos Pilinsky” (Paolo Vecchi). Nonostante l’alleanza dell’Ungheria con la Germania nazista, la comunità ebraica ungherese rimane più o meno intatta fino alla primavera del 1944, anno in cui si interrompono le memorie cinematografiche di Petö. Forgács installa un’incessante andirivieni tra gli avvenimenti politici e quelli privati, immergendo entrambi nel flusso musicale malinconico e grave – il suono stridente e cristallino – di Tibor Szemzö.   Free Fall è parte della serie Private Hungary.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(9) "Free Fall" ["post_excerpt"]=> string(162) "Attraverso i film del rampollo di una famiglia ebrea ungherese assistiamo, tra le speranze e le disillusioni, all’avanzare della Storia e alla sua caduta. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(9) "free-fall" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:44:38" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:44:38" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=935" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [23]=> object(WP_Post)#16644 (24) { ["ID"]=> int(937) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:40:27" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:40:27" ["post_content"]=> string(1221) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text] La saga di quattro generazioni di una dinastia di pittrici ungheresi, a partire dalla metà del XIX secolo. Al centro dell’epopea familiare c'è la pittrice-filmmaker Mária Gánoczy, brillante artista ultra novantenne che ha cresciuto ben nove figli.   Picturesque Epochs è un viaggio nel tempo attraverso duecento anni di arte e storia ungherese, visti dall'occhio di chi dipinge. Forgács aggiunge alle immagini i commenti dello storico dell'arte Géza Perneczky. Questa storia monumentale e intima, fonde la pittura e il cinema, così come la vita privata e pubblica, attraverso la drammatica storia dell'Ungheria. È parte della serie Private Hungary.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(71) "Picturesque Epochs - The life of Mária Gánóczy painter and filmmaker" ["post_excerpt"]=> string(139) "Un viaggio nel tempo attraverso duecento anni di arte e storia ungherese, visti dall'occhio di quattro generazioni di pittrici. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(18) "picturesque-epochs" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:45:59" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:45:59" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=937" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [24]=> object(WP_Post)#16643 (24) { ["ID"]=> int(939) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-27 08:44:59" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-27 06:44:59" ["post_content"]=> string(2398) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]I Peeremboom sono una numerosa famiglia di ebrei olandesi; The Maelestrom – A Family Chronicle riutilizza e monta immagini tratte in prevalenza dalla loro collezione di home movie che documentano gli avvenimenti della loro vita famigliare dal 1933 al 1942: esattamente il giro di anni che vede la nascita e la crescita del nazismo in Europa. Nel 1940 i Paesi Bassi vengono invasi dalle truppe di Hitler; di tutti i membri della famiglia solo uno di loro sopravviverà alla deportazione e ai campi di concentramento. Parallelamente alla storia dei Peeremboom – che si filmano fino al giorno in cui sono costretti a lasciare la loro casa confiscata dai tedeschi – il montaggio alterna le memorie filmiche di Seyss-Inquart, commissario nazista per i territori occupati olandesi.   L’opposto destino delle due famiglie - una condannata allo sterminio, l’altra alla colpa dei carnefici - attribuisce una qualità diversa alle due serie di immagini, straordinariamente simili nel mostrare quadretti di serena vita quotidiana. Il materiale d’archivio, nel lavoro di Forgács, diventa in alcuni momenti squisitamente cinematografico: l’utilizzo dello stop-frame blocca l’immagine nel momento della sua perfezione, cogliendo l’attimo in cui l’inquadratura raggiunge la “giustezza” della composizione. In alcuni casi la presenza della gag innalza il filmino amatoriale alla qualità di un vero e proprio film; ma la consapevolezza di trovarsi davanti a uno dei più straordinari documenti storici sull’olocausto ebraico costringe lo sguardo dello spettatore a una distanza etica e alla inesausta riflessione su ciò che è impresso sulla pellicola.   Nel magistrale lavoro di Forgács la dimensione privata del racconto della Shoah è dirompente e inedita, ed emerge come mai era accaduto prima nel cinema, sia fiction che documentario. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(34) "The Maelstrom - A Family Chronicle" ["post_excerpt"]=> string(127) "La cronaca filmata di una famiglia ebrea olandese che inconsapevolmente finisce nel vortice della distruzione nazista. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(30) "the-maelstrom-a-family-chronic" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:47:06" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:47:06" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=939" ["menu_order"]=> int(4) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [25]=> object(WP_Post)#16642 (24) { ["ID"]=> int(941) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:48:43" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:48:43" ["post_content"]=> string(2615) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Corre l’anno 1938 e Hitler estende la sua influenza sulla Cecoslovacchia e l’Austria; il governo fantoccio cecoslovacco diventa rapidamente anti-ebraico e Aron Grünhut, presidente della comunità ebrea ortodossa di Bratislava, organizza la fuga di circa 900 ebrei su due navi: una di queste è la Queen Elisabeth. L’intero viaggio, che porta il suo carico di esiliati da Bratislava fino al Mar Nero seguendo il corso del Danubio, viene documentato dal capitano Nándor Andrásovits che tiene un suo “diario di bordo” con una cinepresa amatoriale.   Su un’altra nave, la Noemi Julia, i viaggiatori arriveranno alla meta finale: la Palestina. Intanto Hitler firma l’alleanza con Stalin; il patto tra le due nazioni prevede la cessione di una parte della Romania (la Bessarabia) all’Unione Sovietica. La popolazione tedesca che vive in quella regione deve essere rimpatriata in Germania e il comando nazista affitta la Queen Elisabeth per riportare i cittadini tedeschi in patria. Sul ponte della medesima nave si incrociano i destini di due popoli; il dramma di persone costrette a lasciare la loro terra per fare spazio alle ragioni della Storia.   Le immagini d’archivio recuperate e montate da Forgács, delineano un viaggio a metà strada tra l’esodo biblico e la spensieratezza di un’avventura imprevista. I volti, davanti alla cinepresa di Andrásovitz si aprono in un sorriso, incuriositi. I filmini fissano i momenti di spensieratezza: un matrimonio, le danze sul ponte, qualcuno che prende il sole, la bellezza delle ragazze. Sono invece le immagini del paesaggio a delineare un universo fatto d’acqua e di cielo, spazio del racconto mitico in cui rinnovare il cammino verso la terra promessa. Ed è la musica di Tibor Szemzö a fare un lavoro di scavo sulle immagini e a portare in superficie il sentimento della nostalgia e il dolore per la patria perduta. In The Danube Exodus l’esodo diventa la figura chiave per interpretare la storia del secondo conflitto mondiale e per leggere l’identità del popolo ebraico. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(17) "The Danube Exodus" ["post_excerpt"]=> string(462) "Storie di guerra: l’esodo, filmato dal capitano di una nave, di un gruppo ebrei del centro Europa lungo il Danubio verso il Mar Nero e il percorso opposto di contadini tedeschi rimpatriati in Germania dall’Unione Sovietica. Storie di guerra: l’esodo, filmato dal capitano di una nave, di un gruppo ebrei del centro Europa lungo il Danubio verso il Mar Nero e il percorso opposto di contadini tedeschi rimpatriati in Germania dall’Unione Sovietica. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "the-danube-exodus" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:47:27" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:47:27" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=941" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [26]=> object(WP_Post)#16641 (24) { ["ID"]=> int(943) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:53:51" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:53:51" ["post_content"]=> string(2620) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Grecia, 1940: le truppe italiane entrano ad Atene, seguite sei mesi dopo dall’esercito tedesco. L’occupazione straniera dà luogo a un movimento clandestino di resistenza greco che innesca una sanguinosa guerra civile. La tragedia della seconda guerra mondiale e gli effetti dell’occupazione nazi-fascista su territorio greco sarebbero stati privi di immagini se il signor Angelos Papanasstassiou, prima agente di cambio, poi imprenditore e infine consigliere comunale ad Atene, non avesse avuto la passione del film amatoriale.   Passione che coincise col coraggio, in un’ epoca in cui il semplice atto di fotografare era punibile con la morte. Mettendo a rischio la propria vita Angelos filma le atrocità naziste, l’orrore delle fosse comuni, i partigiani impiccati per strada, le esecuzioni di massa, la fame della popolazione, i corpi torturati dei sopravvissuti e quelli dei morti. Contemporaneamente, con la sua piccola cinepresa, documenta la sua vita famigliare: la nascita della figlia, il sorriso della moglie, le feste con gli amici. Alla fine della guerra Angelos consegna alle autorità i suoi “war-films”, che verranno poi utilizzati come prove dei crimini commessi dai nazisti durante il processo di Norimberga.   Forgács, dopo un capillare lavoro di ricerca, monta le riprese rubate alla guerra con quelle girate in famiglia, facendo collidere la grande storia con quella privata: con uno stridore agghiacciante vediamo i gerarchi nazisti posare 3622 davanti alle colonne del Partenone affiancate alla documentazione dei primi passi della figlia di Papanasstassiou. Nel film di Forgács l’occhio che guarda è un organo bifronte, che rovescia continuamente il suo statuto e il suo punto di vista: gli home-movies hanno la felicità come oggetto, il documento storico attesta la paura del corpo sociale. In questo modo la vita e la morte, la gioia e l’orrore stanno fermi, uno di fronte all’altro, si accerchiano in assedio; le immagini fanno battere il cuore del singolo e quello della storia.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(15) "Angelos’ Film" ["post_excerpt"]=> string(162) "La resistenza greca all’occupazione nazista nelle immagini di un patriota di Atene che filma di nascosto le atrocità sulla popolazione compiute dai tedeschi. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "angelos-film" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:48:02" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:48:02" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=943" ["menu_order"]=> int(6) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [27]=> object(WP_Post)#16640 (24) { ["ID"]=> int(945) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:54:48" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:54:48" ["post_content"]=> string(1562) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La Spagna degli anni Trenta e della Guerra Civile vista con gli occhi di due cineamatori. Il primo è Joan Salvans, figlio di un ricco industriale catalano, e filmaker di talento, che il 24 Luglio del 1936, sei giorni dopo lo scoppio della guerra civile, viene trovato morto insieme a suo padre, ucciso per mano di un militante anarchico. Il secondo è un altro giovane filmmaker, Ernesto Diaz Noriega, studente della media borghesia madrilena di simpatie repubblicane che viene arrestato e rinchiuso in carcere. Ernesto riesce a filmare la prigionia, il suo successivo rilascio e il ritorno a Madrid.   Forgács, attraverso le immagini di Joan ed Ernesto e altri materiali filmici in gran parte inediti, ripercorre il caos della Spagna di quegli anni dove le immagini del conflitto scorrono accanto ai matrimoni, alle nascite, alle scene di strada, le vedute di un paese diviso tra arretratezza e modernità. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(56) "El Perro Negro - Stories from the
Spanish Civil War" ["post_excerpt"]=> string(116) "Un affresco delle Spagna della Guerra Civile attraverso i film di cineamatori dai due fronti contrapposti. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(51) "el-perro-negro-stories-from-the-spanish-civil-war-2" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:48:53" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:48:53" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=945" ["menu_order"]=> int(7) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [28]=> object(WP_Post)#16639 (24) { ["ID"]=> int(948) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:55:13" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:55:13" ["post_content"]=> string(1505) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La storia di Lisl Goldarbeiter, la ragazza più bella del mondo. Cresciuta a Vienna in un ambiente familiare povero, fin da giovanissima vince concorsi e nel 1929 viene eletta all’unanimità Miss Universo, la prima e unica austriaca. Improvvisamente famosa in tutto il mondo, viaggia e riceve numerose offerte di lavoro, anche da Hollywood, tuttavia alla fine preferisce rimanere nel suo paese, sposandosi con un ricco viennese.   Suo cugino, Marci, da sempre perdutamente innamorato di lei, è un appassionato cineamatore che riprende lei e la sua famiglia. Con l’annessione dell’Austria da parte della Germania (1938) e la guerra, gli eventi precipitano drammaticamente. A resistere nel tempo  è l’amore romantico. Grazie alle immagini amatoriali di Marci Tenczer e al magistrale lavoro di Forgács, una storia bellissima può essere finalmente raccontata. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(58) "Miss Universe 1929
Lisl Goldarbeiter. A Queen in Wien" ["post_excerpt"]=> string(137) "La storia di una ragazza semplice che divenne Miss Universo e di suo cugino che non smise mai di filmarla, amandola in segreto. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(52) "miss-universe-1929-lisl-goldarbeiter-a-queen-in-wien" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:49:22" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:49:22" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=948" ["menu_order"]=> int(8) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [29]=> object(WP_Post)#16638 (24) { ["ID"]=> int(950) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 07:56:01" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 05:56:01" ["post_content"]=> string(1139) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_column_text]
Dall'1 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il destino di centinaia di migliaia di uomini e donne ungheresi emigrati negli Stati Uniti tra il 1890 e il 1921. Per raccontare la loro storia, Forgács ha intessuto una grande epopea utilizzando archivi filmici pubblici e privati, tra cui immagini delle origini del cinema americano, rielaborandoli con fotografie e testimonianze orali. Questo documentario poetico rievoca i momenti difficili dell'arrivo, dell'integrazione e dell'assimilazione, che hanno posto le basi del futuro delle generazioni successive e del loro sogno americano, reale e illusorio allo stesso tempo.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(32) "Hunky Blues - The American Dream" ["post_excerpt"]=> string(173) "Il racconto corale dell’emigrazione ungherese negli Stati Uniti tra speranze, illusioni e opportunità, attraverso immagini d’archivio e testimonianze orali. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(30) "hunky-blues-the-american-dream" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-26 10:49:57" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 08:49:57" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=950" ["menu_order"]=> int(9) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [30]=> object(WP_Post)#16637 (24) { ["ID"]=> int(1017) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 15:15:53" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 13:15:53" ["post_content"]=> string(2558) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Tre blocchi di pellicole domestiche 8mm single8, girate a vent’anni di distanza l’una dall’altra e digitalmente riunite in un unico quadro, parlano, ora singolarmente - ora simultaneamente (in split screen) dell’evolversi dell’occhio cinematografico privato, dei supporti e delle tecniche amatoriali. Dell’eterno fluire delle generazioni, della prepotenza della memoria e delle fatali insidie della nostalgia. Le tre realizzazioni, sono arricchite del testo della lettera con la quale nel 1935, il padre di Luca Ferro, giovane ufficiale in Etiopia, stabilì il primo contatto con sua madre.  
Luca Ferro su Impressioni a distanza e il Cinema Privato
  «Considero questo lavoro come un'esemplificazione paradigmatica del fare Cinema Privato. Nel caso di Impressioni a distanza ho ripreso in mano una antica realizzazione (1976) e l'ho rielaborata utilizzando gli strumenti dell'editing digitale, riducendola rispetto alla durata iniziale e arricchendola del testo della lettera attraverso cui mio padre nel 1935, giovane ufficiale in Etiopia, stabilì il primo contatto con mia madre. Ho aggiunto anche una traccia musicale. Insomma ho messo in pratica quello di cui da sempre sono convinto: che il Cinema Privato accoglie quei rifacimenti, quelle varianti che il passare del tempo, a ragione o a torto, suggerisce, consentendo di riposizionare il proprio sguardo, di dare nuove connotazioni ad intuizioni e sentimenti precedenti. Trent’anni fa ero molto più radicale ed astratto; meno disponibile, rispetto ad oggi, agli incanti delle memorie e della nostalgia».   [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Impressioni a distanza" ["post_excerpt"]=> string(159) "di Luca Ferro - Partendo da attimi privati, tre racconti per immagini, distanti nel tempo e nello spazio, si uniscono per narrare una storia più ampia. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "impressioni-a-distanza" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:54:54" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:54:54" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1017" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [31]=> object(WP_Post)#16636 (24) { ["ID"]=> int(1020) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 19:38:30" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 17:38:30" ["post_content"]=> string(4815) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Le immagini che accompagnano Trascorrere con Laura sono state per la maggior parte riprese nella primavera del 1974: in una rielaborazione digitale del 2004, se ne sono aggiunte altre, sovraimpresse, alcune ricavate da pellicole appena precedenti, altre da quelle di qualche anno successive. In questa versione, nella parte finale, Luca Ferro ha aggiunto pochi fotogrammi, rivelatori delle due diverse espressioni del volto di Laura. Come un’opera in continuum che si modifica e accresce al variare delle esperienze della vita. Mutevole, come il sentimento verso chi si ama, quando si trascorre un’esistenza intera fianco a fianco. Dalla consapevolezza di questa mutevolezza, sorge la necessità di imprimere quegli attimi, a partire dalla prima esperienza di attesa, di nascita e di accudimento del loro primo figlio. Il tutto, ripreso nel suo naturale e inaspettato “trascorrere”.   Luca Ferro, il primo settembre 2021: «Oggi, 1 settembre 2021 ore 18:20 che inizio questo testo, sono esattamente 41 giorni 15 ore e cinque minuti che Laura non c'è più. Le immagini che accompagnano questa mia realizzazione sono state, per la maggior parte riprese nella primavera del 1974. Poi altre, in una rielaborazione digitale del 2004, si sono sovrimpresse, alcune ricavate da pellicole di poco precedenti, altre da quelle di qualche anno successive. Nella colonica adiacente alla fonte, che occupa il centro della scena, viveva all’epoca Laura, psicologa fresca di laurea, che avevo conosciuto l’anno precedente. Insieme, come testimoniato dai fotogrammi, stavamo affrontando la nostra prima esperienza di attesa, di nascita e di accudimento di un primo figlio. Le riprese al lavatoio-abbeveratoio non nascevano da uno specifico progetto ma piuttosto dalla suggestione di accostare al naturale fluire del ciclo dell’acqua quello della nostre esistenze: un divenire complesso ma di insita necessità, di giocosa e felice naturalezza.   Non avevamo ancora concluso i vent’anni, che altro dire! Il titolo “Trascorrere con Laura” derivò proprio da questa esperienza del “trascorrere” nella sua duplice accezione: di condividere “il tempo dei giorni” ma anche di un accordarsi al fluire della vita, di un abbandonarsi con fiducia ad un disegno superiore di cui ignoravamo gli “esiti” e che tuttavia istintivamente ci “urgeva”, non privo di ambivalenze, dentro. Poi, nel 2014 appunto, ho avvertito che le immagini di quel presente già inglobassero le conseguenze del precedente passato e le anticipazioni di un successivo futuro che si sarebbe rivelato sotto la duplice specie di “miracolo”, la nascita del figlio, e di tragedia, la morte in giovane età di un carissimo amico.   E dunque, con la consapevolezza della maturità e la convinzione che l’espressione audiovisiva privata debba accogliere quelle varianti dello sguardo che il filtro della memoria e dell’evolversi dei sentimenti ci impone, senza rinnegare o stabilire un’assurda gerarchia tra “realizzazioni” di epoche diverse, avevo provveduto ad adeguare il precedente lavoro alla mia nuova percezione. Finché, oggi 2021, nella circostanza di rendere, per la prima volta, quelle remote immagini disponibili per tutti, aggiungo pochi fotogrammi nella parte finale che rivelano come già allora due diverse espressioni del volto di Laura, fossero in grado di anticipare la “verità profonda” di una relazione vissuta, per cinque lunghi decenni nel segno di una ricorrente altalena emotiva e tuttavia contraddistinta da una solida, consapevole, reciproca, inesaurita “passione”. Spesso disperatamente felice o conflittualmente “innamorata”. Costante nella sua precarietà. Sempre ostinatamente impegnativa. Che può riassumersi in un unico aggettivo: intensa.»[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(21) "Trascorrere con Laura" ["post_excerpt"]=> string(169) "di Luca Ferro - Attimi di vita, impressi nel loro naturale e imprevedibile “trascorrere”: Luca Ferro filma la moglie Laura, a partire da quella primavera del 1974. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(21) "trascorrere-con-laura" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:55:33" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:55:33" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1020" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [32]=> object(WP_Post)#16635 (24) { ["ID"]=> int(1023) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:02:43" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:02:43" ["post_content"]=> string(4335) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Due cugini, rigorosamente fuori campo, con una videocamera digitale puntata su di un malfunzionante televisore registrano - commentandole - alcune immagini tratte da vecchi film 8mm della propria famiglia. Il risultato è una video-lettera, un esperimento metalinguistico realizzato su richiesta dell’amico Allaman, per essere inviata a suoi lontani parenti australiani mai conosciuti. Ne deriva un'involontaria ma incisiva esegesi sulla natura del cinema familiare, sullo straordinario intrecciarsi di memoria e presente.  
Luca Ferro, una riflessione su Coniglio, Leoni & circostanze varie
  «Non è forse un caso che per individuare la forma del mio lavoro sia dovuto ricorrere al termine inedito di Cinema Privato. Quando porto a termine un video spero sempre che possa risultare interessante per il maggior numero di persone e tuttavia sono assolutamente consapevole che per apprezzarlo  - ammesso che ne valga la pena -  lo spettatore deve concedersi/concedermi uno scialo di tempo di cui non tutti  - ammesso che lo desiderino - sono, in un qualsiasi frangente della loro esistenza, nella condizione di disporre. Dunque realisticamente non aspiro ad un pubblico ma tutt’al più ad un certo numero di spettatori , che più volentieri denominerei videolettori se questo termine non corresse il rischio d’ingenerare possibili fraintendimenti.  Videolettori in che senso? Provo a spiegarmi: questo video Coniglio, Leoni & circostanze varie ha una sua densità pienamente decifrabile solo in seguito ad una  pluralità di letture.  Ma posso io verosimilmente pretendere da chicchessia una tale disponibilità? Non credo proprio. Tutt’al più posso augurarmi che il mio lavoro, invece d’incrociare lo sguardo-panzer dello spettatore che macina unidirezionalmente i 25 frames al secondo,  incontri l’occhio démodé (o prémodé) di un  lettore/visore uso alla pausa riflessiva, col gusto a riconsiderare i segni pregressi alla luce di uno scarto del testo e che non esita, all’occorrenza, a interrompere il flusso d’immagini per riavviarlo a partire da un punto precedente».
Luca Ferro, considerazioni via mail dopo il telecinema effettuato da Home Movies
« (...) La copia è nuova perché una parte delle immagini di cui il video si compone sono frutto di un telecinema fatto a dovere e non della digitalizzazione di immagini da nastro VHS (a sua volta derivato da un pessimo tele cinema). Motivo per cui se nella versione precedente l’idea era già tutta presente e articolata in un suo dipanarsi  tra strati e piani capaci di sorprendere innanzitutto il suo autore (o come più appropriatamente  mi piace considerarmi: la sua levatrice) in questa versione, nuova in alcuni momenti anche per le immagini utilizzate, meglio spicca il contrasto materico tra la qualità 8mm delle sequenze a schermo pieno  e  la struttura narrativa di base (audio e visiva) piuttosto desolante sotto il profilo strettamente estetico ma ricca di suggestioni e di stimoli per ciò che s’intravede e s’intrasente». [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(35) "Coniglio, Leoni & circostanze varie" ["post_excerpt"]=> string(216) "di Luca Ferro - Il passato si confronta con il presente (e viceversa), riflettendosi nelle evoluzioni del supporto cinematografico, nella necessità di trasmettere un personale, quanto comune, vissuto famigliare. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(32) "coniglio-leoni-circostanze-varie" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:56:20" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:56:20" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1023" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [33]=> object(WP_Post)#16634 (24) { ["ID"]=> int(1025) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:04:55" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:04:55" ["post_content"]=> string(2909) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una ricerca familiare che abbraccia Monferrato e Canavese nei decenni a cavallo tra fine '800 e primi '900 e ruota attorno a Erminio Ferro, fondatore dello stabilimento omonimo in Cuorgné. Le storie degli avi, nella loro infinita singolarità, finiscono quasi sempre per assomigliarsi: recuperarle, o forse più verosimilmente, fornirsi di una ricostruzione in larga misura immaginaria può illuminare posteri, presenti e futuri, sul senso della loro vita ma soprattutto dare una giustificazione plausibile al nostro esistere. La cifra stilistica, necessariamente e deliberatamente a-professionale, s'inquadra nella logica e nella poetica del Cinema Privato di Luca Ferro.  
Luca Ferro, una riflessione su Inchiesta di famiglia
  «Non è l'alta qualità professionale dell'immagini e del suono che m'interessa, anzi per certi versi prediligo, una predilezione in parte obbligata dai miei limiti e tuttavia reale, l'imperfezione e quella che mi piace individuare come l' a-professionalità (cosa un po' diversa dall' amatorialità di stampo brakhagiano).   Non è solo un trucco per fare di necessità virtù. Col tempo mi sono reso conto che è anche un valore aggiunto, voglio dire che può essere anche considerato come valore aggiunto. In particolare quando la rinuncia alla levigatezza ed ai livelli fondamentali che definiscono la professionalità concorrono a dare rilievo all'immediatezza della pratica video-cinematografica, nel senso letterale di far cadere i tradizionali filtri che (mediando) occultano la realtà della relazione tra filmante e filmato (nella doppia valenza di persona filmata e di materiale prodotto), restituendo così all'opera,  specie in circostanze come questa dove il coinvolgimento personale è massimo, una rappresentazione anche autoetnografica e dunque per certi versi “autentica”, nei limiti in cui possiamo utilizzare tale aggettivo rispetto alle manipolazioni connaturate alla pratica audiovisiva.»[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(21) "Inchiesta di famiglia" ["post_excerpt"]=> string(176) "di Luca Ferro - Un viaggio audiovisivo alla scoperta delle radici della propria famiglia, tra scontro e sovrapposizione, in un intreccio tra immaginario e testimonianza vera. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(21) "inchiesta-di-famiglia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:53:55" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:53:55" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1025" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [34]=> object(WP_Post)#16633 (24) { ["ID"]=> int(1030) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:24:14" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:24:14" ["post_content"]=> string(1670) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dall'8 ottobre al 7 novembre | online sul sito di archivio aperto - contenuto extra
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Per l’esuberanza  appannavano i cristalli dell’auto in primavera. Hai presente? Allora.. Quando l’autunno apparteneva ad un altro pianeta.     Il volto di Laura, in un attimo di complicità fugace ed eterna.     
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(13) "Hai presente?" ["post_excerpt"]=> string(80) "di Luca Ferro - Contenuto extra. Il volto di Laura, in pochi attimi resi eterni." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "hai-presente" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 11:52:04" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 09:52:04" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1030" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [35]=> object(WP_Post)#16632 (24) { ["ID"]=> int(1033) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:45:44" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:45:44" ["post_content"]=> string(1464) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 9 al 27 ottobre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Presentato la prima volta alla Galleria Milano in occasione dell’inaugurazione della mostra Falce e martello nel 1973, Comitati Politici - Testimonianze sulle lotte operaie in Italia nella primavera del '71 è un film in 16mm è realizzato da Enzo Mari con il gruppo di lavoro degli allievi del Centro Sperimentale di Cinematografia. La pellicola raccoglie le esclusive testimonianze dei rappresentanti dei sindacati, degli impiegati e degli operai delle fabbriche Minganti, Sasib, Comi Rhodiatoce, Châtillon e del Petrolchimico di Porto Marghera.    Restauro a cura di Home Movies. In collaborazione con Galleria Milano.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(17) "Comitati politici" ["post_excerpt"]=> string(227) "di Enzo Mari - Realizzato nel 1971, Comitati politici raccoglie alcune esclusive testimonianze dei rappresentanti dei sindacati, degli impiegati e degli operai delle fabbriche dell'epoca. In collaborazione con Galleria Milano " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "comitati-politici" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-11-02 16:36:54" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-11-02 15:36:54" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1033" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [36]=> object(WP_Post)#16631 (24) { ["ID"]=> int(954) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-29 19:22:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-29 17:22:49" ["post_content"]=> string(2949) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
11 ottobre, ore 21.00  | Auditorium DAMSLab - Piazzetta P. P. Pasolini 5b, Bologna
incontro e proiezione con Péter Forgács
  [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Considerato un maestro del found footage film e pioniere nell’archiviazione e rielaborazione dei film amatoriali, Péter Forgács sarà a Bologna l'11 ottobre per presentare in anteprima italiana gli ultimi due film della serie Private Hungary: Kemény György e Venom – A Diva in Exile    Kemény György | 68', 2017, Ungheria L'appassionante ritratto dell’artista pop ungherese György Kemény, molto conosciuto nel suo paese per i poster, le copertine degli album, la grafica e le pubblicità “sociale”. Kemény è anche scultore e autore di installazioni moderne e di performance. Come con altri protagonisti dei suoi film, Forgács ci propone un attraversamento del Novecento e delle “storie nascoste” del secolo, con la vita dell’ottantenne Kemény, in questo caso raccontata da lui in prima persona. Racconto contrappuntato delle riprese private e da un ricchissimo materiale iconografico, contestualizzato à la Forgács. È il capitolo XIX della serie Private Hungary, la grande opera in progress che Forgács ha iniziato nel 1988.   Venom – A Diva in Exile | 29’, 2018, Ungheria Venom – A Diva in Exile è basato sull'omonimo racconto della scrittrice Zsófia Bán, sulla travagliata storia della cantante e star del cinema ungherese Katalin Karády. Diva nell’era di Horthy fu accusata di spionaggio durante la guerra, imprigionata, torturata e bandita alla radio e nei teatri nel suo paese d'origine. Dopo il suo rilascio, si prodigò per salvare numerose famiglie ebree, mentre la scomparsa dell’uomo a cui era legata, prima arrestato dai nazisti e poi dai sovietici, la gettò nella disperazione. Con il cuore spezzato, emarginata e bandita nel nuovo regime comunista, andò in esilio nel 1951, trascorrendo quindici anni a San Paolo, in Brasile, per non recitare mai più in un film o sul palco. Poi visse a New York fino alla sua morte (1990).   In collaborazione con Dams50.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(58) "Hidden Histories. Proiezione live
con Péter Forgács" ["post_excerpt"]=> string(203) "Incontro e proiezione con Péter Forgács - A Bologna l'11 ottobre la presentazione in anteprima italiana degli ultimi due film della serie Private Hungary: Kemény György e Venom – A Diva in Exile. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(50) "hidden-histories-proiezione-live-con-peter-forgacs" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-06 10:58:21" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-06 08:58:21" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=954" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [37]=> object(WP_Post)#16630 (24) { ["ID"]=> int(957) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-30 09:30:07" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 07:30:07" ["post_content"]=> string(2537) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Tuesday, 12 October - 3.30 PM  | Sala Refettorio, Istituto Storico Parri - Bologna
live and online 
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]An afternoon with Péter Forgács to deepen with him his more than thirty years of artistic work of recontextualizing private footage for his films and installations. How did this artistic path originate and how does a private archive lend itself to reflection on memory? How to interrogate these images today? How to transfigure them from a private and intimate dimension to a public and collective dimension? Which alternate history is possible? To what extent can the filmmaker himself consider himself in a certain way an anthropologist or a historian? Forgács will be asked to answer these questions and to talk about films and installations of such great impact.   HOW TO PARTECIPATE The workshop will be held in English and will take place through a hybrid modality:
  • in-person, in the Refettorio room of the Istituto Storico Parri - Bologna
  • online, in a virtual room
  The in-person course has a maximum of 25 participants - Green Pass is required. The online course is worldwide and open to all: it will be reserved for a maximum of 25 participants too. You will receive a link to the virtural room 48h before the workshop.   Sign up to the workshop here.   The workshop is free. Registration is necessary for both modes - deadline Sunday, 10 October. For further information write to info@homemovies.it   In collaboration with Istituto Storico Parri.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(59) "Between Private and Public
Workshop by Péter Forgács" ["post_excerpt"]=> string(33) "A workshop with Péter Forgács " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(52) "between-private-and-public-workshop-by-peter-forgacs" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-30 13:46:10" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-30 11:46:10" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=957" ["menu_order"]=> int(12) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [38]=> object(WP_Post)#16629 (24) { ["ID"]=> int(1036) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 21:49:50" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 19:49:50" ["post_content"]=> string(2472) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 16 ottobre  al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Ferrania è un luogo, una fabbrica, un marchio riconosciuto in tutto il mondo che, per decenni, ha fatto la storia della fotografia e del cinema in Italia. Ma Ferrania oggi è un territorio desolato, in cui vivono numerosi ex lavoratori dello stabilimento, in cerca di una nuova direzione.   La storia della Ferrania, la fabbrica delle pellicole impiantata in un piccolo borgo dell’entroterra ligure, ha compiuto cento anni. È al tempo stesso la storia di un enorme stabilimento, di una società, di un marchio, di un territorio: un’intera vallata coinvolta nella chimica del fotosensibile, generazioni di uomini e donne che, al buio, hanno creato rullini fotografici, pellicole cinematografiche, radiografie, lastre per la stampa. Una fabbrica tecnologicamente avanzata, racchiusa dentro palazzi di gusto liberty, circondata dai villaggi operai, attraversata dal fiume Bormida e lambita dalla ferrovia, immersa fra i boschi dell’Adelasia.   Dall’installazione nella frazione di Ferrania di una fabbrica di esplosivi nel 1915, passando per il fascismo, la lunga fase contrassegnata dalla dirigenza dell’Ingegner Luigi Schiatti, l’acquisizione da parte degli americani della 3M, le lotte sindacali, le speculazioni e gli errori, si arriva fino allo scenario di abbandono, quasi lunare, dove si muovono i protagonisti del film e dove, nonostante tutto, ci sono attività imprenditoriali che cercano di rinascere.   Una produzione Kiné. In associazione con Gargàgnanfilm.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(19) "Fantasmi a Ferrania" ["post_excerpt"]=> string(209) "di Diego Scarponi - Ferrania è un luogo, una fabbrica, un marchio riconosciuto in tutto il mondo che, per decenni, ha fatto la storia della fotografia e del cinema in Italia: cosa è rimasto oggi di Ferrania?" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(8) "ferrania" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:39:36" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:39:36" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1036" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [39]=> object(WP_Post)#16628 (24) { ["ID"]=> int(1040) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 22:12:30" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 20:12:30" ["post_content"]=> string(1591) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 17 al 27 ottobre | online su MyMovies
DISPONIBILE SOLO IN EUROPA
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Mario Lorenzini era un operaio, un escursionista, un cacciatore e un membro della comunità Walser piemontese della Valsesia. Negli anni ‘70 compra una cinepresa super8 e inizia a filmare la realtà che lo circonda. Attraverso la sua lente vediamo le stagioni passare a Priami, il suo piccolo paese al confine tra Svizzera e Italia.   Mentre con la sua macchina da presa, Lorenzini esplora la sua comunità, nel film emerge un secondo punto di vista che ci dà l’interpretazione del suo mondo, della sua vita e della sua idea di cinema. La sua relazione con la mascolinità e la mancata relazione con il mondo femminile è spesso sottolineata, generando un conflitto tra le aspettative della sua comunità e la realtà di non poterle esaudire.  [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(15) "Le grand viveur" ["post_excerpt"]=> string(202) "di Perla Sardella - Attraverso le immagini dell’archivio Superottimisti, Perla Sardella rievoca la visione di Mario Lorenzini: operaio, escursionista, inconsapevole documentarista della sua comunità." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(15) "le-grand-viveur" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-08 09:53:50" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-08 07:53:50" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1040" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [40]=> object(WP_Post)#16627 (24) { ["ID"]=> int(1044) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 22:33:00" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 20:33:00" ["post_content"]=> string(1381) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 17 al 27 ottobre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una lunga telefonata d’amore tra la regista e il suo ragazzo rivela le difficoltà della loro relazione, lunghe pause fra una frase e l’altra denotano una forte incomprensione reciproca. La tendenza a portare avanti relazioni tossiche è forse frutto di un esempio dato dalla famiglia? La regista cerca una risposta.   Attraverso l’archivio privato dei genitori, e le conversazioni con la mamma e la nonna si compie un viaggio, che sembra però tornare sempre al punto di partenza. Come in un limbo la regista e i suoi genitori sembrano non trovare una meta e la vita sembra non cambiare mai.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "Castelli di sabbia" ["post_excerpt"]=> string(215) "di Lilian Sassanelli - Stati d’animo passati e presenti emergono e si sovrappongono nelle immagini dell’archivio privato dei genitori della regista, tra relazioni che ripercorrono gli stessi inspiegabili passi. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(18) "castelli-di-sabbia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-08 09:39:51" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-08 07:39:51" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1044" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [41]=> object(WP_Post)#16626 (24) { ["ID"]=> int(1046) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 22:43:35" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 20:43:35" ["post_content"]=> string(2076) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 17 ottobre al 7 novembre | online su MyMovies
disponibile solo in italia
proiezione live + incontro con regista domenica 17 ottobre | anteprima mondiale
ore 18h30, chiostro dell'ex chiesa di san mattia, via sant'isaia 20
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Miraggi di pianura è un un road movie girato lungo la trasversale della via Emilia. Protagonisti del film sono i monumenti che svettano sulle rotatorie posizionate lungo le arterie stradali della pianura padana, dei miraggi a 360 gradi che appaiono davanti agli occhi stanchi degli automobilisti che si trovano ad attraversare un paesaggio industrializzato  senza soluzione di continuità. Queste opere sono una sorta di periferico, ingenuo e sorprendente drive in dell’arte in cui le auto sono per giunta in movimento e dunque il loro tempo di visione è breve, talvolta brevissimo. A seconda dell'uscita che si deve prendere, possono assumere persino il carattere del sogno e ci chiediamo increduli: ho visto davvero quello che ho visto?   Realizzato in collaborazione con Accademia di Belle Arti di Bologna e Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "Miraggi di pianura" ["post_excerpt"]=> string(242) "di Maurizio Finotto - La Via Emilia si trasforma e diventa un museo a cielo aperto: installazioni nascoste - eppur architettonicamente imponenti - ci invitano a cambiare prospettiva, a ripensare viaggi che credevamo di conoscere a memoria. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(18) "miraggi-di-pianura" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:56:50" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:56:50" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1046" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [42]=> object(WP_Post)#16625 (24) { ["ID"]=> int(1049) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-06 11:44:10" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-06 09:44:10" ["post_content"]=> string(2642) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 17 al 27 ottobre | online su MyMovies
disponibile solo in italia
proiezione live + incontro con regista domenica 17 ottobre | anteprima mondiale
18h30, chiostro dell'ex chiesa di san mattia, via sant'isaia 20
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]A metà tra il documentario e l’installazione artistica, Heimat, a partire dalla frammentazione creativa delle Ultime lettere da Stalingrado, una raccolta di lettere scritte nel dicembre 1942 da soldati tedeschi assediati nella  sacca di Stalingrado, è un’indagine sensoriale ed universale di quell’oggetto così misterioso che è il ricordo di Casa: un oggetto misterioso, sfuggente, sempre sull’orlo della dissolvenza.   In Heimat convivono la pasta di vecchi film di famiglia, pennellate di colore e residui chimici della pellicola in decomposizione. Una realtà che diventa onirica, quasi allucinazione. Le immagini e i suoni in Heimat esprimono tutta la loro materialità, il loro essere oggetti segnati dal tempo, consumati e rovinati. Un’esperienza cinematografica estremamente sensoriale per riflettere sul ricordo, su ciò che ci lega ai nostri affetti, su tutto ciò che chiamiamo Casa. In una parola: il nostro Heimat.   Il film è tra i vincitori del Premio Zavattini 2020/21, prodotto dalla Fondazione Aamod e messo a punto nell'ambito del percorso di formazione e sviluppo previsto dal Premio Zavattini.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(6) "Heimat" ["post_excerpt"]=> string(138) "di Giovanni Montagnana - Un soldato circondato dal Nemico e intrappolato definitivamente nella Città scrive la sua ultima lettera a Casa." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(6) "heimat" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-14 10:28:59" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-14 08:28:59" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1049" ["menu_order"]=> int(4) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [43]=> object(WP_Post)#16624 (24) { ["ID"]=> int(1042) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-04 22:28:17" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-04 20:28:17" ["post_content"]=> string(1535) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Dal 20 al 27 ottobre | online su MyMovies
DISPONIBILE SOLO IN ITALIA
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Presentato alla scorsa Settimana Internazionale della Critica di Venezia, ne L'incanto le voci di cinque donne riempiono lo spazio sonoro del film tessendo i fili di una trama : una donna legge i tarocchi; la sopravvissuta del “Massacro del Circeo”, uno degli episodi di rapimento e violenza più efferati della cronaca nera italiana, risponde alla domande di un giornalista; una donna accusata dell’omicidio di quattro persone viene interrogata dai magistrati; una donna racconta del suo rapporto con la morte,  mentre un'altra cerca nella pratica religiosa una risposta alla violenza. Queste voci fanno emergere, in modi diversi, il rapporto alla vita attraverso il discorso della morte. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(9) "L'incanto" ["post_excerpt"]=> string(213) "di Chiara Caterina - Frammenti di voci recuperati da differenti archivi evocano, insieme ad immagini realizzate interamente interamente in 16mm e Super8, scenari lontani e oscuri, macchie difficili da cancellare. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(8) "lincanto" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-08 09:41:33" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-08 07:41:33" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1042" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [44]=> object(WP_Post)#16623 (24) { ["ID"]=> int(1101) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-15 10:42:08" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-15 08:42:08" ["post_content"]=> string(3144) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
venerdì 22 ottobre, 18h00 | live su fb 
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
In quali linguaggi e poetiche risuonano ancora le ricerche pionieristiche della madrina dell'avanguardia americana? Una conversazione a partire da Maya Deren – Amateur is a Lover, la rassegna organizzata da Archivio Aperto sulla leggendaria filmmaker. Al suo sguardo rivoluzionario dobbiamo una visione ancora viva del cinema e dell'immagine in movimento come atto poetico e come traccia di una relazione con il mondo a partire dal corpo.   La conversazione sarà occasione per presentare anche il volume "Le Sperimentali. Cinema, videoarte e nuovi media nella prospettiva internazionale dagli anni Venti a oggi", a cura di Elena Marcheschi e Giulia Simi (ETS – collana FAScinA, 2020). L'evento si inserisce anche all'interno di Visioni Periferiche, ciclo di incontri della rivista Arabeschi dedicato a testi che attraversano i confini dei singoli media, invitandoci a riflettere sul rapporto fra le arti.   In collaborazione con FAScinA - Forum Annuale delle Studiose di Cinema e Audiovisivi.
 
Puoi seguire l'incontro in diretta, venerdì 22 alle 18, in una di queste tre modalità:    – La pagina Facebook di Home Movies – La pagina Facebook di Arabeschi – il canale YouTube di Arabeschi  
    [/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(108) "Maya e le altre – l'eredità di
Maya Deren nel cinema sperimentale
e nella videoarte delle donne" ["post_excerpt"]=> string(133) "Incontro online - In quali linguaggi e poetiche risuonano ancora le ricerche pionieristiche della madrina dell'avanguardia americana?" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(15) "maya-e-le-altre" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-30 17:17:10" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-30 15:17:10" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1101" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [45]=> object(WP_Post)#16622 (24) { ["ID"]=> int(770) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-01 14:00:33" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-01 12:00:33" ["post_content"]=> string(4394) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Sabato 23 ottobre, 16:30 | Sala Refettorio, Istituto Storico Parri - Via Sant'Isaia 20, Bologna[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
(Non) sempre ricordano. Tavola rotonda sulla poesia di Patrizia Vicinelli.
  Una tavola rotonda per dialogare e riflettere sulla presenza dell’opera di Patrizia Vicinelli all’interno del contesto poetico contemporaneo. L’incontro è a cura di Lorenzo Mari, traduttore e poeta, e Beatrice Seligardi, studiosa di letterature comparate, e vedrà la partecipazione delle poete Loredana Magazzeni e Rosaria Lo Russo, della ricercatrice Marzia D'Amico e del poeta Alberto Masala.     Lorenzo Mari vive e lavora a Bologna. Ha pubblicato alcuni libri di poesia, tra cui Querencia (Oèdipus, 2019) e Tarsia/Coro (Zacinto, 2021). Ha curato ZURITA. 4 poemi (Valigie Rosse, 2019; trad. Alberto Masala) del poeta cileno Raúl Zurita e ha tradotto Trilce del poeta peruviano César Vallejo (Argo, 2021).   Beatrice Seligardi è studiosa di letterature comparate e si occupa, principalmente, del rapporto tra letteratura e cultura visuale. È autrice di articoli e saggi, tra cui Lightfossil. Sentimento del tempo in fotografia e letteratura (Postmedia Books, 2020). Ha collaborato con la Cineteca di Bologna in qualità di tutor didattica. Attualmente è docente a contratto presso l’Università di Parma.   Marzia D’Amico è ricercatrice Junior (FCT) al Centro di Studi Comparati (CEC) dell’Università di Lisbona. Ha conseguito un dottorato presso l'University of Oxford (2019) con una tesi dal titolo Figlie di Omero. Verso un'epica femminile, una riflessione su genere letterario e gender a partire dall'esperienza poematica di Amelia Rosselli e Patrizia Vicinelli. È co- fondatrice della newsletter Ghinea, progetto gratuito di diffusione di cultura transfemminista, e ha pubblicato poesie, traduzioni, e contributi di vario genere su diverse riviste, inglesi e italiane.   Rosaria Lo Russo, poeta, performer, traduttrice, saggista, è nata a Firenze, dove abita, nel 1964. Insegna, legge, scrive e commenta criticamente poesie sue e altrui - in questo caso recitandole riscrive con la voce -: la poesia è la sua arte e il suo artigianato, la sua esperienza spirituale e materiale.   Loredana Magazzeni vive a Bologna e si occupa di gender studies, poesia e traduzione. Ha pubblicato raccolte di poesia e curato diverse sillogi dedicate alla poesia femminile. È nella redazione della rivista letteraria «Le Voci della Luna» e «Poesia condivisa in Poesia 2.0». Ha partecipato a festival di poesia a Roma, Trieste, Modena, Bologna. Fa parte del Gruppo ‘98 di Poesia e collabora con la Libreria delle Donne e la Biblioteca Italiana delle Donne di Bologna.   Alberto Masala, sardo, vive a Bologna. È poeta e scrittore plurilingue. Ha pubblicato in Italia, Stati Uniti, Francia. È presente in antologie in Italia, Francia, Spagna, Germania, Ungheria, Russia, Albania, Bosnia, USA, Iraq. È traduttore (Kerouac, Ferlinghetti, Pey, Malina, Mereu, Hawad, Zurita). Nel suo percorso, oltre alla direzione di progetti artistici in Europa (Berlino, Amsterdam, Salonicco, Bologna, Sardegna), ha partecipato a realizzazioni di teatro, cinema, radio. Ha scritto opere musicali e collabora con musicisti di varie parti del mondo con cui lavora in concerto dal vivo.    
  La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti Eventbrite, cliccando qui. Per accedere all'incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(88) "(Non) sempre ricordano.
Tavola rotonda sulla poesia di
Patrizia Vicinelli." ["post_excerpt"]=> string(145) "Una tavola rotonda per dialogare e riflettere sulla presenza dell’opera di Patrizia Vicinelli all’interno del contesto poetico contemporaneo." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(70) "non-sempre-ricordano-tavola-rotonda-sulla-poesia-di-patrizia-vicinelli" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-15 10:53:07" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-15 08:53:07" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=770" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [46]=> object(WP_Post)#16621 (24) { ["ID"]=> int(1113) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-18 11:16:05" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-18 09:16:05" ["post_content"]=> string(6872) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
mercoledì 27 ottobre, dalle 15.00 alle 17.30
online, in diretta sulla pagina facebook di home movies - archivio nazionale del film di famiglia
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Verso il Centenario del Pathé Baby. Il patrimonio audiovisivo italiano in 9,5mm World Day for Audiovisual Heritage UNESCO
 
Con lo slogan ‘le cinéma chez soi’, il cinema a casa tua, ormai cento anni fa il formato ridotto comincia a diffondersi nelle famiglie. Una vera rivoluzione e un’utopia che con il tempo diviene realtà, il cinema a portata di tutti, dal film di famiglia a tutte le forme dell’home movie e del cinema amatoriale e sperimentale.   La giornata dedicata al 9,5mm alla vigilia del centenario della sua invenzione, 1922-2022, intende infatti presentare i primi risultati del censimento del patrimonio filmico italiano in 9,5mm, una ricerca condotta da Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, in collaborazione con l’Università di Udine e INEDITS - Amaterus Films / Memory of Europe, che ad oggi ha coinvolto le cineteche e gli archivi italiani.   A cura di Mirco Santi, Paolo Simoni e Andrea Mariani nell’ambito del progetto homemovies100.    
IL PROGRAMMA DETTAGLIATO DELLA GIORNATA
 
15:00-17:00 | Tavola rotonda. Presentazione dei risultati del censimento del patrimonio cinematografico in 9,5mm conservato dalla cineteche italiane.   Introducono i curatori Mirco Santi (Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia), Paolo Simoni (Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia), Andrea Mariani (Università di Udine).   Intervengono le cineteche e gli archivi che hanno aderito al progetto: Maria Assunta Pimpinelli, Centro Sperimentale di Cinematografia - Cineteca Nazionale Elena Testa, CSC - Archivio Nazionale Cinema Impresa Andrea Meneghelli - Cineteca di Bologna Paolo Cherchi Usai e Alice Rispoli - Cineteca del Friuli Matteo Pavesi - Cineteca Italiana di Milano Stefania Carta e Anna Sperone - Museo Nazionale del Cinema di Torino Ilaria Ferretti - Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia Ha partecipato al censimento anche AAMOD - Archivio Audiovisivo del Movimento Operaio e Democratico di Roma.     17:00-17:30 | Proiezione speciale con sonorizzazione dal vivo.   Memoryscapes 9,5mm. Una selezione di 9,5mm amatoriali degli anni ‘20 e ‘30 della piattaforma Memoryscapes / Il cinema privato online sonorizzata dal vivo daFrancesca Baccolini, contrabbasso e synth.
 
  Francesca Baccolini è contrabbassista, compositrice e musicista sperimentale. Interessata all’improvvisazione quanto allo studio delle musiche tradizionali, fonda il suo linguaggio sull’intreccio di field recordings, sintetizzatori e contrabbasso. Vive a Bologna dove ha compiuto gli studi in musica Jazz presso il Conservatorio G.B.Martini. Collabora stabilmente con Andrea Belfi e Rocco Marchi con i quali, nel 2011, dà vita a Hobocombo, gruppo dedito alla reinterpretazione del vasto repertorio del musicista e compositore Moondog. Artista internazionale affermata, si è esibita in svariati club e teatri di Berlino e diversi festival in Germania, insieme a Simon James Philips, Shigheru Ishiara, Ayumi Paul, Kathy Alberici, F.S.Blumm. Accanto a musicisti della scena indipendente italiana quali Enrico Gabrielli, Sebastiano de Gennaro, Rodrigo D'Erasmo, anima il progetto di musica da ballo del '900 L'Orchestrina di Molto Agevole. Nel 2014 partecipa all'orchestra del Club Tenco a Sanremo. Dal 2013 collabora con Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, sonorizzando dal vivo pellicole in 8mm e Pathé Baby.   L'intera giornata sarà trasmessa in diretta Facebook sulla pagina di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia.
[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_empty_space height="50px"][vc_video link="https://vimeo.com/638577703"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(89) "Verso il Centenario del Pathè Baby
Il patrimonio audiovisivo italiano
in 9,5mm" ["post_excerpt"]=> string(183) "In occasione del World day for audiovisual heritage UNESCO, una giornata di incontri con una sonorizzazione dal vivo alla vigilia del centenario dell'invenzione del 9,5. Live e online" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(19) "verso-il-centenario" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 15:22:24" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 13:22:24" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1113" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [47]=> object(WP_Post)#16620 (24) { ["ID"]=> int(1126) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-10-26 08:24:07" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-10-26 06:24:07" ["post_content"]=> string(5195) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
dal 27 ottobre  al 7 novembre | su mymovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]È la fine del 1966 quando Patrizia Vicinelli (Bologna, 1943 – 1991) pubblica la sua  prima raccolta di poesia visiva e sonora, à, a. A,. Sono gli anni delle neovanguardie  e del Gruppo 63, che incontra grazie a Emilio Villa – «amico re», lo chiamerà più tardi –  voce eretica e in bilico tra le arti.     In uno sguardo che fin da subito eccede i contorni della parola scritta, Vicinelli  frequenta, negli stessi anni, l’ambiente del teatro e del cinema sperimentale. Insieme  ad Alberto Grifi partecipa ai laboratori di Aldo Braibanti, intellettuale scomodo e  visionario con cui esplora i confini di un linguaggio pre-verbale immerso in una visione  non antropocentrica e radicata nella memoria della «costa dei millenni», un mondo  passato che affiora e persiste nel presente.     Dopo la cesura della latitanza, da cui scaturisce il suo capolavoro verbovisivo  Apotheosys of schizoid woman (1969-70) – «nel visivo c’è la parte acuminata della  scrittura», sosteneva – Vicinelli entra negli anni Settanta in un nomadismo geografico  ed esistenziale condiviso con Gianni Castagnoli, con cui collabora ad alcuni film. Inizia  allora ad elaborare con grande lucidità una poetica e un’etica della viandanza per un  soggetto che cerca nel transito e nella metamorfosi il passo di un’esistenza percorsa  negli attriti di una «strada impraticabile». È sul mito dell’erranza che Vicinelli basa  buona parte delle sue opere letterarie e performative nell’ultimo decennio di attività,  tra cui i poemi epici Non sempre ricordano (1985) e I fondamenti dell’essere (pubblicato  postumo). Tra le sue ultime ricerche performative, l’incontro con la musica di Paolo  Fresu nello spettacolo Majakovskij il tredicesimo apostolo (1989).     Ai margini e al tempo stesso al cuore pulsante del proprio presente, Vicinelli ha messo a rischio tutto, vivendo senza tregua l'utopia della poesia totale e immergendosi in un intreccio tra arte e vita fino all'ultimo respiro. Militante, libera, spericolata, la sua poesia ha ancora la forza per vibrare e scuote il nostro tempo.   Giulia Simi  
  In transito – 5 movimenti  per Patrizia Vicinelli  Paolo Fresu – tromba, filicorno, effetti, live electronics. Patrizia Vicinelli – parole, immagini, voce.  
  1. Seven poems, 1966-1978  
Futura: poesia sonora – Cramps Records,  1978.   Poesie visuali da à, a. A,   Lerici poesia, 1966.    
  1. Ritratti  
Scatti realizzati da Alberto Grifi.  Anni Sessanta.   
  1. Apotheosys of schizoid woman
 Diapositive a colori da taccuino perduto,  1969-70.    
  1. Non sempre ricordano, 1987 
Video-performance dal poema omonimo.  Regia: Gianni Castagnoli.    
  1. Patrizia – close-up  
Pellicola Super8, inedita. 1975.  Riprese: Gianni Castagnoli. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(53) "In transito - 5 movimenti per
Patrizia Vicinelli" ["post_excerpt"]=> string(179) "La tromba di Paolo Fresu ci accompagna in un viaggio d’archivio tra le opere di Patrizia Vicinelli, tra le voci più rivoluzionarie della poesia del Secondo Novecento in Italia." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(46) "in-transito-5-movimenti-per-patrizia-vicinelli" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-30 16:45:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-30 14:45:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1126" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [48]=> object(WP_Post)#16619 (24) { ["ID"]=> int(1135) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-11-02 16:24:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-11-02 15:24:49" ["post_content"]=> string(3957) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
giovedì 3 novembre, ore 19.00 | live su fb Home Movies - Archivio nazionale del film di famiglia
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Jennifer Malvezzi e Mirco Santi, curatori della sezione Art & Experimental Film, in conversazione con Nicola Pellegrini e Bianca Trevisan della Galleria Milano attorno al documentario Comitati politici – Testimonianze sulle lotte operaie in Italia nella primavera del ’71 realizzato da Enzo Mari e dal Gruppo di Lavoro.
 
La Galleria Milano nel 2020 ha dedicato una personale a Enzo Mari, un remake dell’importante mostra Falce e martello, tenutasi nella stessa galleria nel 1973. Falce e martello è un momento cruciale della ricerca di Mari in quanto unisce alla progettazione l’impegno politico verso la società. All’epoca venne presentato anche il film Comitati politici, diretto dallo stesso designer insieme al “Gruppo di lavoro”, composto dai suoi allievi al Centro sperimentale di cinematografia di Roma.
 
La pellicola è stata girata in diverse città d’Italia nell’aprile del 1971 (Bologna, Verbania e Mestre) e comprende in sei interviste dirette a camera fissa le testimonianze di rappresentanti dei sindacati, impiegati e operai delle fabbriche Minganti, Sasib, Comi Rhodiatoce, Châtillon e Petrolchimico.
 
La storia del film è ricostruita anche in un volume pubblicato per l’occasione della mostra alla Galleria Milano del 2020, a cura di Nicola Pellegrini e con testi di Bianca Trevisan e Riccardo Venturi: Enzo Mari. Falce e martello / The Hammer and Sickle, Humboldt Books, Milano 2020.
  In collaborazione con Galleria Milano.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(78) "Comitati politici. Enzo Mari e il
Gruppo di Lavoro | incontro
online" ["post_excerpt"]=> string(115) "Un incontro online attorno al documentario Comitati politici di Enzo Mari, in collaborazione con Galleria Milano " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(65) "comitati-politici-enzo-mari-e-il-gruppo-di-lavoro-incontro-online" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-11-02 16:33:59" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-11-02 15:33:59" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1135" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [49]=> object(WP_Post)#16618 (24) { ["ID"]=> int(1131) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-11-01 15:08:05" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-11-01 14:08:05" ["post_content"]=> string(3111) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
venerdì 5 novembre, dalle 9:00 alle 13:00
dal vivo presso l'università degli studi di firenze (Aula 8, Via Capponi 9) e online
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Omaggio a Luca Ferro - Seminario internazionale di studi a cura di Cristina Jandelli e Chiara Petrucci   Una mattinata d'incontri dedicata al filmmaker Luca Ferro, al quale Archivio Aperto ha dedicato la sezione Cinema Privato. Il seminario è organizzato dall'Università degli Studi di Firenze (Dipartimento SAGAS), Dottorato regionale Pegaso in Storia delle Arti e dello Spettacolo e Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia.   Il programma del seminario   Chair - Caterina Pagnini, Università degli Studi di Firenze   Rosanna Maule, Concordia University, Montreal La sfera privata nel cinema amatorialeLGBTQI, tra attivismo e vulnerabilità: il caso del Lesbian Home Movies Project (LHMP)   Paolo Simoni, Home Movies – Archivio Nazionale delFilm di Famiglia, Bologna “Dimensione Super8”. Le pratiche e le utopie del formato ridotto (1965-1975)   Cristina Jandelli, Università degli Studi di Firenze Il cinema a-professionale di Luca Ferro fra didattica e ricerca accademica-   Chiara Petrucci, Università degli Studi di Firenze Forme del film di famiglia nella produzione di Luca Ferro     Per ricevere il link per seguire il seminario online, scrivere a omaggio.lucaferro@gmail.com.
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(35) "Omaggio a Luca Ferro
Seminario" ["post_excerpt"]=> string(140) "Una giornata di studi dedicata la Cinema Privato di Luca Ferro. Live e online, in collaborazione con l'Università degli Studi di Firenze. " ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(20) "omaggio-a-luca-ferro" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-11-01 15:30:01" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-11-01 14:30:01" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(67) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=1131" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } } ["post_count"]=> int(50) ["current_post"]=> int(-1) ["in_the_loop"]=> bool(false) ["post"]=> object(WP_Post)#16667 (24) { ["ID"]=> int(775) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-03 11:04:24" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-03 09:04:24" ["post_content"]=> string(2963) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Dal 1° al 30 Settembre | Bologna [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Patrizia Vicinelli sui muri di Bologna, tra le vite che si succedono - senza tregua - per le strade della sua città.
Dal 1° al 30 settembre la poesia di Patrizia Vicinelli risuonerà anche negli spazi urbani della città grazie all’affissione di poster di CHEAP in 19 bacheche sparse nelle strade di Bologna saranno visibili manifesti con parole e immagini tratte dai testi dell’autrice nello spirito di una poesia in transito che celebra l’epica e l’etica della viandanza cara alla poeta.   All'interno del progetto Patrizia Vicinelli – In Transito (a cura di Giulia Simi, Università di Sassari).[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]STRADA MAGGIORE GRANDE Soltanto l'amore soltanto l'amore da ogni paura ti libererà Patrizia Vicinelli, Cenerentola (1978)   SAN VITALE un desiderio di felicità La forza d'ottener la libertà. Patrizia Vicinelli, Cenerentola (1977-78)   VIA D'AZEGLIO Non c’è arrivo non c’è sosta non c’è partenza, ma il succedersi senza tregua Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   VIA CA' SELVATICA La memoria è la trama dell'universo / La memoria è il trauma dell'universo Patrizia Vicinelli, diario (1969-70)   VIA SANT'APOLLONIA Durante la costa dei millenni Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   NAZARIO SAURO La coincidenza dell'essere Patrizia Vicinelli, I fondamenti dell’essere (1985-87)   VIA SANT'ISAIA Hai sparso sorriso e io sono virgola Patrizia Vicinelli, La premessa è (1964)   BACHECA VIA DELL'ABBADIA Patrizia Vicinelli, Apotheosys of schizoid woman (1969-70)     Ogni bacheca è provvista di QR Code. Scansionandolo accederai alla selezione d'archivio online di Archivio Aperto dedicata a Patrizia Vicinelli.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(55) "Patrizia Vicinelli
Poster Art
CHEAP FESTIVAL" ["post_excerpt"]=> string(121) "La poesia di Patrizia Vicinelli per le strade di Bologna. Un progetto di Poster Art in collaborazione con Cheap Festival." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(44) "patrizia-vicinelli-poster-art-cheap-festival" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-09-28 16:48:27" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-09-28 14:48:27" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=775" ["menu_order"]=> int(1) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } ["comment_count"]=> int(0) ["current_comment"]=> int(-1) ["found_posts"]=> int(50) ["max_num_pages"]=> int(0) ["max_num_comment_pages"]=> int(0) ["is_single"]=> bool(false) ["is_preview"]=> bool(false) ["is_page"]=> bool(false) ["is_archive"]=> bool(true) ["is_date"]=> bool(false) ["is_year"]=> bool(false) ["is_month"]=> bool(false) ["is_day"]=> bool(false) ["is_time"]=> bool(false) ["is_author"]=> bool(false) ["is_category"]=> bool(false) ["is_tag"]=> bool(false) ["is_tax"]=> bool(false) ["is_search"]=> bool(false) ["is_feed"]=> bool(false) ["is_comment_feed"]=> bool(false) ["is_trackback"]=> bool(false) ["is_home"]=> bool(false) ["is_privacy_policy"]=> bool(false) ["is_404"]=> bool(false) ["is_embed"]=> bool(false) ["is_paged"]=> bool(false) ["is_admin"]=> bool(false) ["is_attachment"]=> bool(false) ["is_singular"]=> bool(false) ["is_robots"]=> bool(false) ["is_favicon"]=> bool(false) ["is_posts_page"]=> bool(false) ["is_post_type_archive"]=> bool(true) ["query_vars_hash":"WP_Query":private]=> string(32) "b0d596f8232c378fc227a426d9c713f9" ["query_vars_changed":"WP_Query":private]=> bool(true) ["thumbnails_cached"]=> bool(false) ["stopwords":"WP_Query":private]=> NULL ["compat_fields":"WP_Query":private]=> array(2) { [0]=> string(15) "query_vars_hash" [1]=> string(18) "query_vars_changed" } ["compat_methods":"WP_Query":private]=> array(2) { [0]=> string(16) "init_query_flags" [1]=> string(15) "parse_tax_query" } } ["slug_list_"]=> string(20) "pretty_photo_gallery" ["title"]=> string(35) "Omaggio a Luca Ferro
Seminario" ["item_classes"]=> array(1) { [0]=> string(22) "portfolio_category_210" } }