PROGRAMMA 2020

  • Sort Portfolio:
  • All
  • Archive Bites
  • Archive Docs
  • Art & Experimental Film
  • Cine-eccentrici
  • Diary / David Perlov
  • Fantastic Stories
  • Il binomio fantastico
  • Maya Deren. Amateur is a Lover
  • Recycled Cinema
array(53) {
  ["type"]=>
  string(8) "standard"
  ["masonry_space"]=>
  string(2) "no"
  ["pinterest_space"]=>
  string(2) "no"
  ["hover_type"]=>
  string(13) "default_hover"
  ["pinterest_hover_type"]=>
  string(0) ""
  ["portfolio_loading_type"]=>
  string(0) ""
  ["parallax_item_speed"]=>
  string(3) "0.3"
  ["parallax_item_offset"]=>
  string(1) "0"
  ["box_border"]=>
  string(0) ""
  ["box_background_color"]=>
  string(0) ""
  ["box_border_color"]=>
  string(0) ""
  ["box_border_width"]=>
  string(0) ""
  ["columns"]=>
  string(1) "3"
  ["image_size"]=>
  string(9) "landscape"
  ["order_by"]=>
  string(8) "post__in"
  ["order"]=>
  string(3) "ASC"
  ["number"]=>
  string(2) "-1"
  ["filter"]=>
  string(3) "yes"
  ["filter_position"]=>
  string(3) "top"
  ["filter_order_by"]=>
  string(4) "name"
  ["disable_filter_title"]=>
  string(2) "no"
  ["filter_title_text"]=>
  string(0) ""
  ["filter_align"]=>
  string(12) "center_align"
  ["disable_link"]=>
  string(2) "no"
  ["lightbox"]=>
  string(2) "no"
  ["show_like"]=>
  string(2) "no"
  ["category"]=>
  string(0) ""
  ["selected_projects"]=>
  string(179) "162,163,164,167,168,180,185,193,196,207,237,172,181,182,183,187,188,230,330,379,202,194,250,350,204,208,211,216,220,332,599,257,254,231,235,241,344,324,325,255,243,635,650,660,830"
  ["show_load_more"]=>
  string(2) "no"
  ["title_tag"]=>
  string(2) "h4"
  ["title_font_size"]=>
  string(0) ""
  ["text_align"]=>
  string(0) ""
  ["row_height"]=>
  string(0) ""
  ["justify_last_row"]=>
  string(9) "nojustify"
  ["justify_threshold"]=>
  float(0.75)
  ["edition"]=>
  string(13) "edizione-2020"
  ["thisObject"]=>
  object(Stockholm\Shortcodes\PortfolioList\PortfolioList)#11179 (1) {
    ["base":"Stockholm\Shortcodes\PortfolioList\PortfolioList":private]=>
    string(14) "portfolio_list"
  }
  ["portfolio_qode_like"]=>
  string(3) "off"
  ["portfolio_list_hide_category"]=>
  bool(false)
  ["portfolio_filter_class"]=>
  string(17) "without_separator"
  ["filter_title"]=>
  string(15) "Sort Portfolio:"
  ["_type_class"]=>
  string(9) " standard"
  ["_portfolio_space_class"]=>
  string(39) "portfolio_with_space portfolio_standard"
  ["_portfolio_masonry_with_space_class"]=>
  string(0) ""
  ["_portfolio_masonry_class"]=>
  string(0) ""
  ["_loading_class"]=>
  string(0) ""
  ["filter_position_class"]=>
  array(1) {
    [0]=>
    string(24) "qode-filter-position-top"
  }
  ["thumb_size_class"]=>
  string(25) "portfolio_landscape_image"
  ["portfolio_box_style"]=>
  string(0) ""
  ["portfolio_description_class"]=>
  string(0) ""
  ["query_results"]=>
  object(WP_Query)#16456 (58) {
    ["query"]=>
    array(7) {
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["post_type"]=>
      string(14) "portfolio_page"
      ["orderby"]=>
      string(8) "post__in"
      ["order"]=>
      string(3) "ASC"
      ["posts_per_page"]=>
      string(2) "-1"
      ["paged"]=>
      int(1)
      ["post__in"]=>
      array(45) {
        [0]=>
        string(3) "162"
        [1]=>
        string(3) "163"
        [2]=>
        string(3) "164"
        [3]=>
        string(3) "167"
        [4]=>
        string(3) "168"
        [5]=>
        string(3) "180"
        [6]=>
        string(3) "185"
        [7]=>
        string(3) "193"
        [8]=>
        string(3) "196"
        [9]=>
        string(3) "207"
        [10]=>
        string(3) "237"
        [11]=>
        string(3) "172"
        [12]=>
        string(3) "181"
        [13]=>
        string(3) "182"
        [14]=>
        string(3) "183"
        [15]=>
        string(3) "187"
        [16]=>
        string(3) "188"
        [17]=>
        string(3) "230"
        [18]=>
        string(3) "330"
        [19]=>
        string(3) "379"
        [20]=>
        string(3) "202"
        [21]=>
        string(3) "194"
        [22]=>
        string(3) "250"
        [23]=>
        string(3) "350"
        [24]=>
        string(3) "204"
        [25]=>
        string(3) "208"
        [26]=>
        string(3) "211"
        [27]=>
        string(3) "216"
        [28]=>
        string(3) "220"
        [29]=>
        string(3) "332"
        [30]=>
        string(3) "599"
        [31]=>
        string(3) "257"
        [32]=>
        string(3) "254"
        [33]=>
        string(3) "231"
        [34]=>
        string(3) "235"
        [35]=>
        string(3) "241"
        [36]=>
        string(3) "344"
        [37]=>
        string(3) "324"
        [38]=>
        string(3) "325"
        [39]=>
        string(3) "255"
        [40]=>
        string(3) "243"
        [41]=>
        string(3) "635"
        [42]=>
        string(3) "650"
        [43]=>
        string(3) "660"
        [44]=>
        string(3) "830"
      }
    }
    ["query_vars"]=>
    array(68) {
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["post_type"]=>
      string(14) "portfolio_page"
      ["orderby"]=>
      string(8) "post__in"
      ["order"]=>
      string(0) ""
      ["posts_per_page"]=>
      int(-1)
      ["paged"]=>
      int(1)
      ["post__in"]=>
      array(45) {
        [0]=>
        int(162)
        [1]=>
        int(163)
        [2]=>
        int(164)
        [3]=>
        int(167)
        [4]=>
        int(168)
        [5]=>
        int(180)
        [6]=>
        int(185)
        [7]=>
        int(193)
        [8]=>
        int(196)
        [9]=>
        int(207)
        [10]=>
        int(237)
        [11]=>
        int(172)
        [12]=>
        int(181)
        [13]=>
        int(182)
        [14]=>
        int(183)
        [15]=>
        int(187)
        [16]=>
        int(188)
        [17]=>
        int(230)
        [18]=>
        int(330)
        [19]=>
        int(379)
        [20]=>
        int(202)
        [21]=>
        int(194)
        [22]=>
        int(250)
        [23]=>
        int(350)
        [24]=>
        int(204)
        [25]=>
        int(208)
        [26]=>
        int(211)
        [27]=>
        int(216)
        [28]=>
        int(220)
        [29]=>
        int(332)
        [30]=>
        int(599)
        [31]=>
        int(257)
        [32]=>
        int(254)
        [33]=>
        int(231)
        [34]=>
        int(235)
        [35]=>
        int(241)
        [36]=>
        int(344)
        [37]=>
        int(324)
        [38]=>
        int(325)
        [39]=>
        int(255)
        [40]=>
        int(243)
        [41]=>
        int(635)
        [42]=>
        int(650)
        [43]=>
        int(660)
        [44]=>
        int(830)
      }
      ["error"]=>
      string(0) ""
      ["m"]=>
      string(0) ""
      ["p"]=>
      int(0)
      ["post_parent"]=>
      string(0) ""
      ["subpost"]=>
      string(0) ""
      ["subpost_id"]=>
      string(0) ""
      ["attachment"]=>
      string(0) ""
      ["attachment_id"]=>
      int(0)
      ["name"]=>
      string(0) ""
      ["pagename"]=>
      string(0) ""
      ["page_id"]=>
      int(0)
      ["second"]=>
      string(0) ""
      ["minute"]=>
      string(0) ""
      ["hour"]=>
      string(0) ""
      ["day"]=>
      int(0)
      ["monthnum"]=>
      int(0)
      ["year"]=>
      int(0)
      ["w"]=>
      int(0)
      ["category_name"]=>
      string(0) ""
      ["tag"]=>
      string(0) ""
      ["cat"]=>
      string(0) ""
      ["tag_id"]=>
      string(0) ""
      ["author"]=>
      string(0) ""
      ["author_name"]=>
      string(0) ""
      ["feed"]=>
      string(0) ""
      ["tb"]=>
      string(0) ""
      ["meta_key"]=>
      string(0) ""
      ["meta_value"]=>
      string(0) ""
      ["preview"]=>
      string(0) ""
      ["s"]=>
      string(0) ""
      ["sentence"]=>
      string(0) ""
      ["title"]=>
      string(0) ""
      ["fields"]=>
      string(0) ""
      ["menu_order"]=>
      string(0) ""
      ["embed"]=>
      string(0) ""
      ["category__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["category__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["category__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["post__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_name__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag_slug__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag_slug__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_parent__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_parent__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["author__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["author__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tax_query"]=>
      array(1) {
        [0]=>
        array(4) {
          ["taxonomy"]=>
          string(8) "language"
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
          ["terms"]=>
          int(39)
          ["operator"]=>
          string(2) "IN"
        }
      }
      ["update_post_term_cache"]=>
      bool(true)
      ["ignore_sticky_posts"]=>
      bool(false)
      ["suppress_filters"]=>
      bool(false)
      ["cache_results"]=>
      bool(true)
      ["lazy_load_term_meta"]=>
      bool(true)
      ["update_post_meta_cache"]=>
      bool(true)
      ["nopaging"]=>
      bool(true)
      ["comments_per_page"]=>
      string(2) "50"
      ["no_found_rows"]=>
      bool(false)
      ["taxonomy"]=>
      string(8) "language"
      ["term_id"]=>
      int(39)
    }
    ["tax_query"]=>
    object(WP_Tax_Query)#16404 (6) {
      ["queries"]=>
      array(1) {
        [0]=>
        array(5) {
          ["taxonomy"]=>
          string(8) "language"
          ["terms"]=>
          array(1) {
            [0]=>
            int(39)
          }
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
          ["operator"]=>
          string(2) "IN"
          ["include_children"]=>
          bool(true)
        }
      }
      ["relation"]=>
      string(3) "AND"
      ["table_aliases":protected]=>
      array(1) {
        [0]=>
        string(21) "aa_term_relationships"
      }
      ["queried_terms"]=>
      array(1) {
        ["language"]=>
        array(2) {
          ["terms"]=>
          array(1) {
            [0]=>
            int(39)
          }
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
        }
      }
      ["primary_table"]=>
      string(8) "aa_posts"
      ["primary_id_column"]=>
      string(2) "ID"
    }
    ["meta_query"]=>
    object(WP_Meta_Query)#16318 (9) {
      ["queries"]=>
      array(0) {
      }
      ["relation"]=>
      NULL
      ["meta_table"]=>
      NULL
      ["meta_id_column"]=>
      NULL
      ["primary_table"]=>
      NULL
      ["primary_id_column"]=>
      NULL
      ["table_aliases":protected]=>
      array(0) {
      }
      ["clauses":protected]=>
      array(0) {
      }
      ["has_or_relation":protected]=>
      bool(false)
    }
    ["date_query"]=>
    bool(false)
    ["request"]=>
    string(700) "SELECT   aa_posts.* FROM aa_posts  LEFT JOIN aa_term_relationships ON (aa_posts.ID = aa_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND aa_posts.ID IN (162,163,164,167,168,180,185,193,196,207,237,172,181,182,183,187,188,230,330,379,202,194,250,350,204,208,211,216,220,332,599,257,254,231,235,241,344,324,325,255,243,635,650,660,830) AND ( 
  aa_term_relationships.term_taxonomy_id IN (39)
) AND aa_posts.post_type = 'portfolio_page' AND ((aa_posts.post_status = 'publish')) GROUP BY aa_posts.ID ORDER BY FIELD(aa_posts.ID,162,163,164,167,168,180,185,193,196,207,237,172,181,182,183,187,188,230,330,379,202,194,250,350,204,208,211,216,220,332,599,257,254,231,235,241,344,324,325,255,243,635,650,660,830) "
    ["posts"]=>
    array(45) {
      [0]=>
      object(WP_Post)#20702 (24) {
        ["ID"]=>
        int(162)
        ["post_author"]=>
        string(1) "1"
        ["post_date"]=>
        string(19) "2020-10-22 17:50:16"
        ["post_date_gmt"]=>
        string(19) "2020-10-22 15:50:16"
        ["post_content"]=>
        string(1782) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Sobborghi di New York, metà anni ‘60. Rob Niosi e i suoi amici non sono neppure adolescenti quando iniziano a filmare per gioco con le cineprese casalinghe rubate in famiglia, sperimentando a più non posso i generi cinematografici - l’horror, lo splatter, la fantascienza - e le tecniche di animazione, i trucchi, le riprese dal basso e gli effetti speciali. Crescendo, il gioco diventa più serio e il loro stile irriverente se non ribelle. Più tardi, alcuni di loro diventeranno artisti: Niosi lavorerà nel cinema d’animazione, nella pubblicità e nei videoclip (con Peter Gabriel). L’ossessione di Niosi per H.G. Wells è rimasta intatta da quando era ragazzino: già evidente nell’animazione con plastilina di The shape of the things to come che dà il titolo alla selezione, si è concretizzata nel progetto lungo una vita: la costruzione di una Time Machine che ricalca fedelmente quella vista nel film di fantascienza del ‘60. Questa compilation, tracciando l’evoluzione del percorso di Niosi&friends fino al 1970 circa, presenta spezzoni, prove, estratti, pellicole incompiute e due perle integrali: “The History of the American Negro”, la storia dei neri dallo schiavismo a Malcolm X attraverso foto animate, e “Empire”, irriverente e ribelle nei confronti di un simbolo del potere americano.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "The shape of things to come" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "the-shape-of-things-to-come" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=162" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [1]=> object(WP_Post)#20701 (24) { ["ID"]=> int(163) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:33:04" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:33:04" ["post_content"]=> string(3225) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Capitolo 1 - 1973-1977  Mira e le gemelle: Yael e Naomi. La Guerra del Kippur. Tornare a San Paolo dopo vent’anni. Insegnare alla Tel Aviv University. Klaus Kinski. Nathan Zach, Isaac Stern. Il nuovo appartamento. Fela canta. Con Mira a Eilat. Romaine nel Midi, Marguerite, Abrasza, Saadat in Israele. La marcia verso Gerusalemme. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Diary #1 : 1973-1977" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "diary-1-1973-1977" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=163" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [2]=> object(WP_Post)#20700 (24) { ["ID"]=> int(164) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:00:37" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:00:37" ["post_content"]=> string(1959) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_column_text]
scorri la pagina per vedere l'incontro "la factory di robert niosi"
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Nonostante le location e i mezzi non propriamente kubrickiani, la cosa più notevole di questo film, realizzato da un gruppo di studenti newyorkesi, è tutto sommato la sua fedeltà all’originale, con l’aggiunta di un tocco di fantasia. In definitiva, Niosi&Co guardano in faccia Kubrick, senza timori reverenziali, ma di soppiatto strizzano l’occhio a Méliès e a tutta la storia del cinema.   La giustapposizione delle immagini di Niosi, con i suoni che riportano al capolavoro di Kubrick, è una scelta di sonorizzazione atta a sottolineare maggiormente la sovrapposizione di alcune sequenze chiave e l’abilità dei ragazzi nel ricrearlo. Gli amanti dell’originale si divertiranno, gli studiosi di cinema si interrogheranno.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Nel seguente video La factory di Robert Niosi, Massimo Benvegnù e Paolo Simoni dialogano attorno alle opere che compongono la sezione Fantastic Stories.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/491776242"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(26) "Experiment 2001: a failure" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "experiment-2001-a-failure" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=164" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [3]=> object(WP_Post)#20699 (24) { ["ID"]=> int(167) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:36:42" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:36:42" ["post_content"]=> string(3131) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Capitolo 4 - 1982 - 1983  La guerra in Libano. Cantata Alexander Nevski. Goya, il più grande reporter di guerra. Il compleanno di Yael. Funerali. Sabra e Shatila. Cent’anni di solitudine. Yael parla del suo servizio militare. Sharon si rifiuta di dimettersi. Naomi in riva al mare. Emil Greentweig. Un arcobaleno. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Diary #4 : 1982-1983" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "diary-4-1982-1983" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=167" ["menu_order"]=> int(8) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [4]=> object(WP_Post)#20698 (24) { ["ID"]=> int(168) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:07:43" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:07:43" ["post_content"]=> string(1321) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

 

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Questo Super8 inedito è un’autentica scoperta. Si tratta di un cortometraggio realizzato da un gruppo di liceali ormai perfettamente consapevoli del linguaggio e delle tecniche del cinema e soprattutto spinti da una verve creativa inarrestabile, che si affida a soluzioni sceniche, visive e sonore davvero sorprendenti e a dialoghi divertenti. A ciò si aggiunge l’interpretazione di Ron Bucalo, la cui presenza scenica è dirompente.   Dentro c’è di tutto (persino un esilarante omaggio a Sergio Leone come esergo), a partire dalla storia dell’origine di Superman dal pianeta Krypton e del suo arrivo sulla terra (come parodia della serie televisiva). Il tono è comico, lo stile surrealista, il ritmo da slapstick, le interruzioni tutte da gustare, le citazioni da cogliere. E con un messaggio democratico di fondo: siamo tutti superman![/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(13) "It’s a bird" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(10) "its-a-bird" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=168" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [5]=> object(WP_Post)#20697 (24) { ["ID"]=> int(180) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:32:21" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:32:21" ["post_content"]=> string(3092) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text] Capitolo 2 - 1978-1980 Il cimitero dei pionieri. Yael e Naomi si arruolano nell’esercito. L’aria di Bach e i tre bambini. Lo specialista dell’occhio e Bonnard. Un film sul Ladino. Ancora “Angelitos Negros”. Naomi parla di Piero della Francesca. Yael tradita. Con Mira a Creta. La donna mulatta. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Diary #2 : 1978-1980" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "diary-2-1978-1980" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=180" ["menu_order"]=> int(6) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [6]=> object(WP_Post)#20696 (24) { ["ID"]=> int(185) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:35:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:35:49" ["post_content"]=> string(3197) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text] Capitolo 3 - 1981 - 1982 Le elezioni. Naomi parla de “Le Sang des bêtes”. Il suicidio di Abrasza. Pierre Goldman. Joris Ivens. Yael parla di montaggio cinematografico. La riva del mare. Julio e Fela ancora a Tel Aviv. Batucada. Naomi e Jean Marc. La lezione di francese. La prima protesta contro la guerra in Libano.  [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Diary #3 : 1981-1982" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "diary-3-1981-1982" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=185" ["menu_order"]=> int(7) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [7]=> object(WP_Post)#20695 (24) { ["ID"]=> int(193) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:37:21" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:37:21" ["post_content"]=> string(3147) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Capitolo 5 - 1983  Poissoniere St. - la sinagoga e la chiesa. Koln, Amsterdam, Londra. La convalescenza. Irving Howe. Gare de l’Est. Naomi alla Scola Cantorum. Giochi d’azzardo con la macchina da presa.  Yael lavora a “Shoah”. Claude Lanzmann. Andre Schwartz-Bart. Yael si trasferisce vicino a Notre Dame. Parigi in agosto. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(15) "Diary #5 : 1983" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "diary-5-1983" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=193" ["menu_order"]=> int(9) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [8]=> object(WP_Post)#20694 (24) { ["ID"]=> int(196) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:38:51" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:38:51" ["post_content"]=> string(3088) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_column_text]Capitolo 6 - 1983  San Paolo. Il quartiere ebraico. Jardim da Luz e la stazione ferroviaria. Fawzi - l’amico libanese. Rio de Janeiro. Una processione religiosa. Ouro Preto. Tiradentes, Aleijadinho. Tornare a  Belo Horizonte. I tram di Lisbona. Ave Maria.   [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(15) "Diary #6 : 1983" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "diary-6-1983" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=196" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [9]=> object(WP_Post)#20693 (24) { ["ID"]=> int(207) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:35:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:35:49" ["post_content"]=> string(1531) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

 

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Gianni Rodari visita la Scuola dell'Infanzia Diana nel 1972 in occasione degli "Incontri della Fantastica" organizzati da Loris Malaguzzi e dal Comune di Reggio Emilia come momento di riflessione e formazione per gli insegnanti. Grazie a questi incontri e a questi momenti, unici nel panorama educativo infantile nazionale, nacque un testo oggi di fama internazionale: "Grammatica della fantasia". Dalle parole dei bambini che accolsero Gianni Rodari come uno di loro, colpisce vederlo seduto su una piccola sedia circondato dai bambini. I giovani narratori generarono spunti di riflessione e di analisi divenuti in seguito celebri grazie alla diffusione del libro. In una delle clip, è Rodari a raccontare ai bimbi “Il Re dei Topi”, mentre nell’altra è uno dei bambini che si offre volontario per raccontare ai suoi compagni e a Rodari “Il bambino, il lupo e il cancello”.   Le immagini inedite contenute in questo breve montaggio sono frutto delle riprese effettuate al tempo da Franco Cigarini, allora cineoperatore del Comune di Reggio Emilia.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(36) "I cantastorie. Gianni Rodari Inedito" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(35) "i-cantastorie-gianni-rodari-inedito" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=207" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [10]=> object(WP_Post)#20692 (24) { ["ID"]=> int(237) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:54:55" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:54:55" ["post_content"]=> string(1248) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][vc_column_text]Giulia Notari, insegnante presso la Scuola dell'Infanzia Diana di Reggio Emilia per oltre trent'anni, è stata una dei protagonisti degli "Incontri con la Fantastica", esperienza di formazione sull'educazione della prima infanzia voluta da Loris Malaguzzi e dal Comune di Reggio Emilia e diretta da Gianni Rodari come ospite d'onore. Durante queste giornate dedicate alla Fantastica, le insegnanti la mattina mettevano in pratica le tecniche "per inventare storie" proposte da Gianni Rodari negli incontri pomeridiani. Alcuni di questi momenti sono stati impressi su pellicola Super8 dal cineoperatore del Comune di Reggio Emilia Franco Cigarini, immagini inedite che Giulia ha visto per la prima volta dal 1972 e che ci ha raccontato ricordando il fermento e i cambiamenti che hanno caratterizzato quei momenti[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_video link="https://vimeo.com/471655989"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Memorie di una maestra" ["post_excerpt"]=> string(93) "Tracce di ricordi sugli "Incontri della Fantastica". Video intervista e materiale d'archivio." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "memorie-di-una-maestra" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=237" ["menu_order"]=> int(13) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [11]=> object(WP_Post)#20691 (24) { ["ID"]=> int(172) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:21:04" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:21:04" ["post_content"]=> string(1462) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Chi per scelta o necessità economica ha optato per il formato ridotto ha spesso condannando la sua opera all’invisibilità e poi all’oblio, anche se avrebbe meritato un destino diverso. È il caso di Mauro Mingardi, autore di un cinema “minore”, ma solo per il formato: l’8mm e il Super8. Eccentrico, perché oltre gli schemi del cinema amatoriale, ma anche perché lontano dal centro della produzione cinematografica. Con Vita di artista, girato in Super8, questo raffinatissimo “artigiano” del cinema - che faceva tutto da solo avvalendosi di amici sapientemente diretti - realizza una delle sue pellicole più riuscite e spassose. Il racconto in prima persona di un pluriomicida è infatti l’occasione per Mingardi di sfoggiare un’invenzione dopo l’altra. Finalmente oggi possiamo apprezzare Vita di artista, che come altri film di Mingardi ebbe una circolazione minima (e fuori dalla distribuzione commerciale), pur suscitando entusiasmo e ricevendo premi nei festival del cinema indipendente.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(16) "Vita d’artista" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(13) "vita-dartista" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=172" ["menu_order"]=> int(32) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [12]=> object(WP_Post)#20690 (24) { ["ID"]=> int(181) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:16:39" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:16:39" ["post_content"]=> string(919) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

25 ottobre, ore 16:00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere il video dell'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]L'archivio dalla A alla Z. La tradizionale visita guidata su appuntamento e con posti limitati quest'anno è degnamente sostituita da una visita virtuale che abbiamo preparato per voi. Un percorso ravvicinato tra gli scaffali dei film, nel laboratorio di restauro e negli altri spazi dell'Archivio Nazionale del Film di Famiglia.   [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_video link="https://vimeo.com/471730884"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(29) "Visita guidata all’archivio" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(50) "home-movie-day-visita-guidata-virtuale-allarchivio" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=181" ["menu_order"]=> int(14) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [13]=> object(WP_Post)#20689 (24) { ["ID"]=> int(182) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:20:20" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:20:20" ["post_content"]=> string(1292) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il tempo nel muro è il film rivelazione che ha fatto scoprire Mingardi ai suoi ammiratori nel mondo del cinema professionale, come Roberto Rossellini. Un mondo nel quale Mingardi non è mai voluto entrare, restio a lasciare la sua Bologna di quartiere. Unica eccezione fu la collaborazione con Marco Ferreri, che gli affidò le riprese in esterno di Chiedo asilo, girato proprio a Bologna. Il film, girato in 8mm, senza dialoghi, costruito con inquadrature in bianco e nero che richiamano l’espressionismo e con suoni iperrealisti, racconta la storia di un giovane che accudisce il padre infermo e vive giornate scandite da stridenti suoni di sveglia e sirena in fabbrica. Un sogno di amore sarà solo l’illusione di un’altra vita, presto l’incubo e la follia prenderanno il sopravvento (magnifica la rilettura de Il cuore rivelatore di Poe).[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(17) "Il tempo nel muro" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "il-tempo-nel-muro" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=182" ["menu_order"]=> int(15) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [14]=> object(WP_Post)#20688 (24) { ["ID"]=> int(183) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:24:50" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:24:50" ["post_content"]=> string(1232) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La scommessa di Mingardi? Proporre un’idea di cinema personale e coerente, aspirare a un cinema “grande”, pur rimanendo piccolo: nel formato, nella durata, nella povertà dei mezzi utilizzati. Mingardi porta questa sfida sul suo terreno e la vince, rielaborando con estrema originalità e ironia l’immaginario filmico e la cultura popolare. Quest ’irregolare del panorama cinematografico italiano ci regala Raptus, esempio di meccanismo narrativo ingegnoso, con uno sdoppiamento (e ribaltamento) del punto di vista, vertigini ed evidenti riferimenti hitchcockiani, ma anche ai criminali letterari e cinematografici. Il plot è inizialmente semplice e lineare: un uomo uccide una donna e ne occulta il cadavere. La polizia brancola nel buio e l’assassino sembra farla franca...[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(6) "Raptus" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(6) "raptus" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=183" ["menu_order"]=> int(17) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [15]=> object(WP_Post)#20687 (24) { ["ID"]=> int(187) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:29:09" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:29:09" ["post_content"]=> string(1633) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Gli elementi narrativi e visivi di questo cortometraggio horror sono quanto di più essenziale: un ragazzo e una ragazza in gita fuori città, lei che rimane sola e viene attratta da una casa abbandonata, il pericolo, una salvezza ormai insperata. Rimane una sospensione inquietante tra il sogno e la realtà. Ci svegliamo mai veramente dai nostri incubi? Il gioco con i generi di Mingardi non è mai fine a se stesso, è piuttosto una continua ricerca interiore, alla ricerca dell’impossibile... E il divertimento e il godimento di filmare come rare volte succede sono trasmessi dall’autore allo spettatore. Questo probabilmente è il suo segreto, esattamente lo stesso di cineasti molto più conosciuti di lui. Mingardi conosce bene i limiti tecnici dell’8mm e della recitazione amatoriale. E quindi fa di necessità virtù: nei suoi primi film la narrazione è puramente visiva, tuttavia il filmmaker non si limita a fare film muti: l’uso della musica e del suono nel cinema di Mingardi svolge sempre un ruolo fondamentale, che col tempo si raffina sempre di più. Qui Mingardi adotta la Danse macabre (1874) di Camille Saint-Saëns, che sembra proprio composta per il suo film.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(31) "Alla ricerca dell’impossibile" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(28) "alla-ricerca-dellimpossibile" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=187" ["menu_order"]=> int(16) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [16]=> object(WP_Post)#20686 (24) { ["ID"]=> int(188) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:57:45" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:57:45" ["post_content"]=> string(1619) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un uomo si trasferisce a Bologna assieme alla moglie, al figlio e al cane nella casa che fu dei suoi nonni. Una serie di accadimenti inspiegabili sconvolge i nuovi abitanti: la casa, una villetta a schiera di tre piani inizio Novecento, è invasa da strane presenze e apparizioni. A un certo punto l’uomo viene lasciato da solo di fronte ai fantasmi del suo passato. La casa è la casa della famiglia di Mingardi, il protagonista si chiama Mauro come lui, il bambino è suo figlio Lorenzo, le fotografie, gli oggetti, gli aneddoti e le storie, tra la realtà e la fantasia, appartengono al suo passato. Con questo film Mingardi, che non abbandona mai i toni ironici e grotteschi (aiutato dallo scrittore Sandro Toni, autore di dialoghi brillanti), crea un ingegnoso meccanismo di rielaborazione della memoria personale e storica: una delle invenzioni mingardiane più riuscite. Rievocati attraverso l’archivio di famiglia sono episodi dimenticati come l’intervento dei pompieri bolognesi, tra i primi a soccorrere Messina dopo il terribile terremoto del 1908. Il testo di Ludwig Rellstab, scritto per un lied di Franz Schubert, viene utilizzato come elemento narrativo.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(24) "Gli usignoli di Rellstab" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(24) "gli-usignoli-di-rellstab" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=188" ["menu_order"]=> int(18) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [17]=> object(WP_Post)#20685 (24) { ["ID"]=> int(230) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:41:34" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:41:34" ["post_content"]=> string(3719) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

25 Ottobre - ore 11:00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Gianni è venuto da noi per raccontarci due storie, ma è venuto anche per sentirci raccontare delle storie. Altrimenti pensa che non sia vero che noi raccontiamo storie..." - Insegnante "Invece usiamo una parola, due parole.." - Bambino 1 "Certo intanto facciamo questa" - Gianni Rodari "Prima però ci deve dare anche il tempo per pensare.."  - Bambino 2   Reggio Emilia, 1972     Gianni Rodari visita la Scuola dell'Infanzia Diana nel 1972 in occasione degli Incontri della Fantastica organizzati da Loris Malaguzzi e dal Comune di Reggio Emilia come momento di riflessione e formazione per gli insegnanti. Grazie a questi incontri e a questi momenti, unici nel panorama educativo infantile nazionale, nacque un testo oggi di fama internazionale: Grammatica della fantasia. Dalle parole dei bambini che accolsero Gianni Rodari come uno di loro, colpisce vederlo seduto su una piccola sedia circondato dai bambini, si evince come gli stimoli lanciati dall'autore incontrarono un terreno fertile, i giovani narratori generarono spunti di riflessione e di analisi divenuti in seguito celebri grazie alla diffusione del libro.   "Non basta un polo elettrico a suscitare una scintilla, ce ne vogliono due" spiega Rodari nei primi capitoli di Grammatica della Fantasia, attraverso questo "binomio fantastico" le parole non sono prese nel loro significato quotidiano, ma "estraniate", "spaesate" messe l'una contro l'altra "in un cielo mai visto prima". Ecco questa situazione è per Rodari una delle condizioni migliori per "generare una storia".   Questa storia nacque non da due parole ma dall'incontro di due menti rivoluzionarie, da un lato Rodari, grande scrittore per l'infanzia e intellettuale che grazie alle sue invenzioni linguistiche e a una idea di immaginazione come strumento di libertà ha fornito una nuova visione del mondo; dall'altro Loris Malaguzzi, che attraverso un costruttivo rapporto con il territorio, inizia a mettere "il bambino al centro". Il bambino con i suoi cento linguaggi, perché il bambino è fatto di cento, scrive Malaguzzi in una celebre poesia, ma "di cento gliene rubano novantanove e ne rimane solo uno. E invece il cento c'è...e i bambini lo sanno bene". Inizia a crescere una nuova consapevolezza del bambino e si costruisce un nuovo modo di relazione con il mondo dell'infanzia, attraverso le istituzioni scolastiche e una nuova idea di genitorialità.   Grazie all'analisi di filmati e audio inediti, che documentano parte di quei momenti, e ai racconti di esperti e testimoni si cercherà di ripercorrere l'incontro tra questi "due poli" e ciò che da essi si è generato.     I materiali inediti mostrati durante l'incontro sono tratti dall'Archivio Audiovisivo Franco Cigarini, conservato presso la Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia e digitalizzato da Home Movies.   [/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480256505"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(59) "Due parole... Binomio fantastico. Gianni Rodari va a scuola" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(55) "due-parole-binomio-fantastico-gianni-rodari-va-a-scuola" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=230" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [18]=> object(WP_Post)#20684 (24) { ["ID"]=> int(330) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-24 20:03:43" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-24 18:03:43" ["post_content"]=> string(529) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_column_text][/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il racconto della parabola di Mingardi filmmaker tratto dal documentario biografico a lui dedicato.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_video link="https://vimeo.com/471763620"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(24) "Un western senza cavalli" ["post_excerpt"]=> string(99) "Il racconto della parabola di Mingardi filmmaker tratto dal documentario biografico a lui dedicato." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(24) "un-western-senza-cavalli" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=330" ["menu_order"]=> int(13) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [19]=> object(WP_Post)#20683 (24) { ["ID"]=> int(379) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-26 09:52:32" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-26 08:52:32" ["post_content"]=> string(1286) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

26 ottobre, ore 18:30 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]

Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il programma è dedicato alle pratiche amatoriali e sperimentali dell'immediato dopoguerra, con l'obiettivo di tracciare continuità e fratture nelle pratiche, tra prima e dopo la guerra. In particolare si rifletterà sulla riorganizzazione delle strutture associazionistiche e alla complessa gestione dell'eredità dell'esperienza fascista: gruppi, tecnologie, personalità e nuovo strategie politiche ci raccontano una delle stagioni più complesse e controverse della storia del cinema a passo ridotto italiano.   [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480275854"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(23) "I destini di un formato" ["post_excerpt"]=> string(103) "Politiche e culture del passo ridotto nell’Italia del dopoguerra. Incontro a cura di Andrea Mariani" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "i-destini-di-un-formato-2" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=379" ["menu_order"]=> int(19) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [20]=> object(WP_Post)#20682 (24) { ["ID"]=> int(202) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:06:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:06:49" ["post_content"]=> string(1286) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 27 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]A dieci anni dalla scomparsa di Marcella Di Folco, Archivio Aperto celebra la sua figura con Una nobile rivoluzione, una storia di resistenza e lotta per i diritti civili che racconta la vita di una delle figure italiane più importanti del movimento LGBT degli ultimi quarant’anni. Un umano ritratto che parla di Marcella, leader del MIT (Movimento Identità Transessuale), attraverso lo sguardo e i ricordi del regista e amico Simone Cangelosi in un viaggio che da Bologna lo porta a Roma, città di provenienza della protagonista. Una vasta eterogeneità di materiali audiovisivi e sonori celebrano intimamente la grande vita di Marcella in tutta la sua complessità, mostrando i suoi lati più forti, scoperchiando delicatamente quelli più vulnerabili. Una potente storia politica e personale, di amore, generosità e ineguagliabile coraggio.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Una nobile rivoluzione" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "una-nobile-rivoluzione" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=202" ["menu_order"]=> int(34) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [21]=> object(WP_Post)#20681 (24) { ["ID"]=> int(194) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:51:46" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:51:46" ["post_content"]=> string(2695) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

28 ottobre, ore 18:30 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_column_text]L’incontro ruoterà intorno a due materiali video. De Bello Irakeno (Collettivo del Videogiornale del DAMS Occupato, 1991, 17’) è un cut-up video realizzato da collettivo del Videogiornale del DAMS Occupato e sonorizzato dal laboratorio di Musica e Immagine. Ha come oggetto la riflessione sulla I Guerra del Golfo e la sua rappresentazione, concentrandosi in maniera particolare sull’overload informativo a cui si è assistito nelle prime fasi del conflitto. Nato per essere sonorizzato dal vivo al festival Unabhaengige Films di Augsburg (Germania), il video affastella immagini televisive dell’epoca, dando corpo a un détournement visivo di straordinaria efficacia.  Blue Movie (Lino Greco, Daniele Del Pozzo, 1993, 7’), invece, è una sperimentazione di found-footage in cui vecchie immagini softcore in pellicola vengono rimediate in video e commentate musicalmente dallo score elaborato da Pedro Elias. Al suo interno si affastellano immagini di corpi provenienti da un altro formato, da altre storie e da altri tempi. Nel 1993 questo lavoro partecipò all’11° Festival Internazionale Cinema Giovani, diretto da Alberto Barbera, all’interno della sezione Video Magazine.     [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480314097"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(31) "La voglia giovane, parte quinta" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(30) "la-voglia-giovane-parte-quinta" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=194" ["menu_order"]=> int(20) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [22]=> object(WP_Post)#20680 (24) { ["ID"]=> int(250) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 20:32:52" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 18:32:52" ["post_content"]=> string(2695) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 29 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_column_text]
scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un affresco di ricordi, speranze e sogni che attraversa generazioni diverse, così nasce Nella buona e nella cattiva sorte. Conversazioni con Sara che ripercorre con immagini e parole l’immaginario matrimoniale delle donne. Il documentario unisce in maniera evocativa le interviste realizzate nel 2008 da Sara Iommi a una decina di donne di età compresa tra i 20 e gli 80 anni, tutte abitanti nella zona tra Collecchio e Fornovo Taro (PR), e le immagini provenienti dai filmati amatoriali e famigliari di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia.  Da una parte, la dimensione intima di una “chiacchierata tra donne”, fra una giovane intervistatrice e le donne che un po’ schermendosi, un po’ ridendo, un po’ commuovendosi, le affidano i ricordi di un passaggio epocale delle loro vite. Dall’altra, il rito ripreso dalle cineprese amatoriali, che si vorrebbe molto preciso e cerimoniale, da cui però “scappano” volti, sguardi furtivi, complicità e desideri.   Al centro, la storia delle donne e dell’immaginario condiviso su un rito desiderato, contestato, temuto, sperato. Un intreccio di immagini e di racconti che attraversa quasi sessanta anni di storia del nostro paese, e delle donne che lo abitano.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_column_text]Nel video seguente, Lucia Tralli ed Elena Marcheschi dialogano attorno all'opera.   [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/491779108"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(33) "Nella buona e nella cattiva sorte" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(33) "nella-buona-e-nella-cattiva-sorte" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=250" ["menu_order"]=> int(24) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [23]=> object(WP_Post)#20679 (24) { ["ID"]=> int(350) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 17:38:04" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 15:38:04" ["post_content"]=> string(3100) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

30 ottobre, ore 18:30 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Incontro con Yael Perlov - montatrice, docente e produttrice - che ci parlerà del suo lavoro di montaggio per la monumentale opera del padre: Diary (1973-1983), ma anche anche del documentario come forma politica e poetica, pratica di narrazione del sé, intreccio con la letteratura e le arti.
A cura di Giulia Simi. L'incontro sarà in lingua inglese.
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Yael Perlov è un’affermata produttrice e montatrice di lungometraggi, nello specifico documentari. Tra questi: Diary, (David Perlov 1973-83), Late Marriage, (Dover Kosashvili, 2001), The Settlers (Ruth walk, 2003), A Room of Your Own – Women Writers (2003-2009) e Ben-Gurion, epilogue (2017), che riporta alla luce un'intervista perduta con uno dei più importanti politici della storia del dopoguerra. È anche direttrice artistica e co-produttrice di Jerusalem Moments (2009-2010), una serie di dieci documentari girati da palestinesi e israeliani e Coffee between Imagination and Reality (2010), una serie di cortometraggi di studenti, prodotti dall’Università di Tel Aviv. Il progetto Water, realizzato da studenti israeliani e palestinesi, ha aperto la Settimana della Critica al Festival del Cinema di Venezia nel 2012.
Dal 1994, tiene workshop e insegna montaggio presso il Dipartimento di Cinema della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tel Aviv. Dal 2005, Yael Perlov si occupa della conservazione e della promozione delle opere del padre.
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
On Diary Pubblicato da Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia su Venerdì 30 ottobre 2020
[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(34) "On Diary. Incontro con Yael Perlov" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(33) "on-diary-incontro-con-yael-perlov" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=350" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [24]=> object(WP_Post)#20678 (24) { ["ID"]=> int(204) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:03:32" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:03:32" ["post_content"]=> string(1496) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies 

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un film autoironico sulle sculture di Arnaldo Pomodoro e sull’arte come “merce”, realizzato con Francesco Leonetti e Ugo Mulas. Il film, girato in 16mm, era inizialmente destinata alle gallerie statunitensi, ma a differenza di molte pratiche di registrazione delle immagini artistiche dell’epoca il film non documenta (e nemmeno finge di mostrare) il lavoro manuale dell’artista, ma tenta di astrarne criticamente il significato. Ogni riferimento al periodo presente nel film non è quindi contenutistico, ma simbolico. Non si vedono studenti in piazza, né l'iconografia politica…. ma le colonne trionfalistiche “del potere” vengono infine “spaccate” in due sculture e l'asta di misurazione (rossa) viene infine imbracciata dall’artista come fucile.   Restauro a cura di Home Movies e Kinè in collaborazione con la Fondazione Arnaldo Pomodoro e con il contributo del MiBACT. Per la proiezione Courtesy Archivio Ugo Mulas, Milano.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(36) "Shaping Negation / La forma negativa" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(16) "shaping-negation" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=204" ["menu_order"]=> int(28) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [25]=> object(WP_Post)#20677 (24) { ["ID"]=> int(208) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:08:12" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:08:12" ["post_content"]=> string(1559) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Girato in 8mm, è considerato il primo film indipendente italiano, la risposta  underground a Prima della rivoluzione e a I pugni in tasca. L’ultimo giorno nella vita di Paul, visto attraverso il suo sguardo di ragazzo tanto furioso quanto incantato. La sua stanza, le strade della città, la splendida Mara, incontrata e amata per l’ultima volta, sfilano sulle note di Ornette Coleman, John Coltrane e Thelonious Monk. Girato da Massimo Bacigalupo nella primavera del 1966 mentre preparava l'esame di maturità, Quasi una tangente fu un’autentica rivelazione. Vincitore del primo premio al Festival di Montecatini, il film è qui presentato nella riedizione del 2018, curata da Home Movies insieme all’autore.   [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "Quasi una tangente" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(18) "quasi-una-tangente" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=208" ["menu_order"]=> int(33) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [26]=> object(WP_Post)#20676 (24) { ["ID"]=> int(211) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:12:19" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:12:19" ["post_content"]=> string(1180) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un film Super8 “performativo” in cui l’artista progressivamente si appropria dell’identità del più grande rivoluzionario del XX secolo. Il complesso rapporto con l'ideologia è il tema dominante dell'arte di Fernando De Filippi per tutti gli anni '70 e, di riflesso, della sua coeva produzione filmica. L'immagine di Lenin da icona pop protagonista dei suoi dipinti diventa icona privata, quando l’artista se ne appropria, letteralmente sostituendosi ad essa. Il processo di ‘sostituzione’ immortalato nell'omonimo film è parte di un rituale irreversibile, compiuto nel tentativo di azzerare la propria identità nel nome di un ideale.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(12) "Sostituzione" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "cosa-succede-in-periferia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=211" ["menu_order"]=> int(31) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [27]=> object(WP_Post)#20675 (24) { ["ID"]=> int(216) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:24:37" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:24:37" ["post_content"]=> string(1265) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un’ode alla vita, alla luce e alle ombre, ai colori della Roma barocca, a Campo de’ Fiori, al suo mercato e ai personaggi che vi gravitano, e in particolare al Valentino del titolo, mimo di strada e suonatore di flauto, che cattura l’attenzione della cinepresa. Filmata da Castagnoli la sua compagna, la poetessa Patrizia Vicinelli. Le riprese Super8 sono magnifiche e vorticosamente montate, il Canone di Pachelbel fa da pendant musicale. L’artista Gianni Castagnoli è stato uno dei più importanti cineasti sperimentali italiani. Ancora troppo poco conosciuta è la sua produzione (tutta in Super8) che fu apprezzata soprattutto in Francia, un paese dove il cinema sperimentale è stato tradizionalmente valorizzato da case di distribuzione indipendenti e gallerie, ma anche da importanti cineteche e musei.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(14) "Valentino Moon" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(14) "valentino-moon" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=216" ["menu_order"]=> int(30) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [28]=> object(WP_Post)#20674 (24) { ["ID"]=> int(220) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:30:17" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:30:17" ["post_content"]=> string(1147) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il tema della sopraffazione nel film sperimentale (e politico) di un’artista che guarda a Dziga Vertov e alle avanguardie storiche. Strettamente legato alla coeva ricerca plastica e grafica dell’artista, questo film Super8 di Valentina Berardinone, come le altre sue pellicole dello stesso periodo, verte sull’immagine della scala intesa come “dispositivo” del potere. In Urbana la scala vomita implacabile e ordinata gli uomini-fantasmi schiacciati dalla routine cittadina. Una mano pulisce continuamente un vetro nel tentativo di “fare luce”, mentre un corteo di operai scende in sciopero per le strade.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(6) "Urbana" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(6) "urbana" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=220" ["menu_order"]=> int(29) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [29]=> object(WP_Post)#20673 (24) { ["ID"]=> int(332) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 16:29:26" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 14:29:26" ["post_content"]=> string(1355) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies 

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una pellicola Super8 di animazione dissacratoria e coinvolgente, realizzata da uno dei massimi esponenti del cinema d’artista italiano. Protagonista del cinema d’artista italiano degli anni Settanta, ambito nel quale ha anche scritto testi critici e curato rassegne sia in Italia che all'estero, Andrea Granchi gira, tra la fine degli anni '60 e i primi '70 una serie di ironici film in Super 8. Cosa succede in periferia? è un divertissement dissacratorio realizzato a passo-uno nel quale celebri capolavori del passato vengono sovvertiti dall'intrusione di elementi della contemporaneità. Il film utilizza in animazione disegni, fotografie, sagome di presepe, ritagli da riviste e fotoromanzi, foto di dipinti e i Paesaggi per avventure (1970-71), dello stesso Granchi, come scenario di questo strano 'teatro' surrealista.        [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(26) "Cosa succede in periferia?" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "cosa-succede-in-periferia-2" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=332" ["menu_order"]=> int(28) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [30]=> object(WP_Post)#20672 (24) { ["ID"]=> int(599) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-11-19 14:56:57" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-11-19 13:56:57" ["post_content"]=> string(2014) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

1 novembre, ore 18.00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La pellicola e il re-enactment del cinema amatoriale e sperimentale. Intervengono i curatori del progetto: Jennifer Malvezzi, Mirco Santi e Paolo Simoni. Conduce: Rossella Catanese   Stabilire quali percorsi di valorizzazione intraprendere all’interno della pratica curatoriale d’archivio contemporanea è una delle questioni maggiormente dibattute e quanto mai necessaria. Mostrare oggi i materiali della grande stagione sperimentale e d’artista italiana significa innanzitutto recuperarne il loro intrinseco carattere performativo e restituirne l’esperienza originaria: si tratta di opere che spesso venivano proiettate in un unico esemplare per le quali il pubblico - e il regista - con la sua presenza, costituiva parte essenziale di quella performance.   Proiettare queste opere in pellicola risulta essenziale non solo per trasmetterne il senso percettivo ed estetico, bensì anche tecnologico, in riferimento ad un supporto tanto dimenticato quanto fragile. Ma non solo: nel momento in cui un gruppo di persone si raccoglie in una stanza - che solitamente non è quella di un cinema - attorno a un proiettore, davanti a uno schermo, il cinema svolge a pieno la sua funzione culturale e sociale. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480663603"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(60) "La pellicola e il re-enactment
del cinema sperimentale" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(54) "la-pellicola-e-il-re-enactment-del-cinema-sperimentale" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=599" ["menu_order"]=> int(29) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [31]=> object(WP_Post)#20671 (24) { ["ID"]=> int(257) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 21:08:44" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 19:08:44" ["post_content"]=> string(1312) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

2 novembre | Cinema Lumière, Bologna, h. 21

[/vc_column_text][vc_column_text]
Proiezione annullata in linea con in dcpm del 25/10
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]In collaborazione con Visioni Italiane. Il racconto degli anni giovanili di Pier Paolo Pasolini, della sua formazione, della scoperta del paesaggio friulano, della lingua e delle tradizioni del mondo contadino, dell’impegno politico e pedagogico e dei suoi primi scandali. Un docu-film che ricostruisce da un lato il racconto biografico dell’artista, attraverso i documenti e la testimonianza di Nico Naldini, poeta e cugino di Pasolini scomparso lo scorso settembre, e dall’altro rievoca la dimensione poetica dei suoi testi attraverso una partitura visiva – quasi musicale – costruita attraverso le tante e suggestive immagini d’archivio.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(19) "In un futuro aprile" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(19) "in-un-futuro-aprile" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=257" ["menu_order"]=> int(22) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [32]=> object(WP_Post)#20670 (24) { ["ID"]=> int(254) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 20:48:38" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 18:48:38" ["post_content"]=> string(1671) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 6 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]How we live intraprende un viaggio fra reperti filmici amatoriali raccolti tra Austria, Italia, Olanda e Inghilterra, viaggiando da Boston all'Italia, dagli USA al Burgenland austriaco, dal Maryland alla Grecia, e poi Vienna, Sydney, la Svizzera. Il film impiega un'ampia varietà media-archeologica traducendola nella forma scritta della lettera: dai primi film a colori alle immagini riprese da videocamere, dai cellulari e da Skype. Le registrazioni familiari che strutturano il film sono come cartoline in movimento, che raccontano tante vite e percorsi attraverso il ventesimo secolo. Ma parlano anche del medium filmico come strumento nella vita quotidiana, alla sua funzione di superamento delle distanze che ha reso possibile la “famiglia dell'uomo” come comunità, in cui le singole biografie sono sempre più marcate dalle rotte migratorie. Il film è stato realizzato in collaborazione con Austrian Film Museum, Centre of South Asian Studies/ University of Cambridge, EYE Film Museum, Film Archive Austria, Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia, North West Film Archive at Manchester Metropolitan University. [/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(35) "How we live. Messages to the family" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(32) "how-we-live-mssage-to-the-family" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=254" ["menu_order"]=> int(23) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [33]=> object(WP_Post)#20669 (24) { ["ID"]=> int(231) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:48:54" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:48:54" ["post_content"]=> string(1175) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 13 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Da dove ripartire, se non dalla nostra memoria, per immaginare il futuro dopo questa emergenza globale? Nel periodo di isolamento causato dal Covid-19, in cui tutti siamo stati testimoni di un tempo tanto duro quanto sospeso, sette autori provano a loro modo a interrogarsi lasciandosi ispirare da questo presente fragile, guardando al passato senza nostalgia per riflettere su quello che ci è stato negato e immaginare il mondo come sarà, ovvero Le storie che saremo. Con l’invito a non realizzare nuove immagini, intime e domestiche, ma a lavorare partendo da materiali già esistenti, messi a disposizione dagli archivi dei film di famiglia, questo breve film esplicita il potenziale del cinema documentario, vicino al mondo ma lontano dall’attualità. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Le storie che saremo" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(20) "le-storie-che-saremo" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=231" ["menu_order"]=> int(25) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [34]=> object(WP_Post)#20668 (24) { ["ID"]=> int(235) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:58:57" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:58:57" ["post_content"]=> string(2006) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 13 al 16 novembre | Disponibile su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro tra Luca Ferri e Giuseppe Previtali
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un'esplorazione sperimentale del concetto di assenza, in un lento crescendo di tre linguaggi: musica, vecchie immagini e parole. Un signore di mezza età osserva una serie di immagini enciclopediche della creazione del cosmo, nelle quali l’essere umano è assente, se non per alcune sue opere e rovine. Addormentatosi cullato da una reclame, precipiterà in un incubo di cacciatori artici intenti ad uccidere orsi polari. Nel mentre, due brani di musica contemporanea del maestro Agazzi ed un testo riferito ad un episodio suicida realmente accaduto nella fanciullezza del regista, ci invitano a “scrivere una volta, cancellare due volte”. Presentato alla 77a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, sezione "Orizzonti".  [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Nel video seguente il regista e Giuseppe Previtali (Università degli Studi di Bergamo) dialogano attorno all'opera ripercorrendo le strutture del cinema di Luca Ferri, passate e future. Dalla diretta Facebook del 13/11. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480032683"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(9) "Sì / Yes" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(6) "si-yes" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=235" ["menu_order"]=> int(26) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [35]=> object(WP_Post)#20667 (24) { ["ID"]=> int(241) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 20:05:38" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 18:05:38" ["post_content"]=> string(1456) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 13 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Qualcuno inserisce una VHS in un videoregistratore. La cassetta va in play, sullo schermo compaiono immagini di ogni tipo. Le immagini sono rovinate, spesso indecifrabili. Sono i ricordi d’ infanzia di Beatrice. Come le VHS inevitabilmente rovinate dal tempo, allo stesso modo lo sono i suoi ricordi d’infanzia. Inizia così un percorso di elaborazione personale in cui rivive il rapporto con la madre malata. La ricerca è faticosa, le immagini si mischiano e si ricompongono assumendo significati del tutto nuovi. Grazie a questa dolorosa ricerca, ricostruisce la propria narrazione più intima per ritrovare ciò che aveva perduto. "Supereroi senza superpoteri" è vincitore del Premio Zavattini 2019 ed è stato selezionato alla 76a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, sezione "Orizzonti".  In collaborazione con il Premio Zavattini     [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "Supereroi senza superpoteri" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "supereroi-senza-superpoteri" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=241" ["menu_order"]=> int(27) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [36]=> object(WP_Post)#20666 (24) { ["ID"]=> int(344) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 17:01:08" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 15:01:08" ["post_content"]=> string(1311) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

14 novembre, ore 18:00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Recycled Cinema è una  sezione dedicata a una serie di film italiani contemporanei che fanno ampio uso di archivi privati.   Incontro con gli autori e le autrici di Le storie che saremo (Daniele Atzeni, Marco Bertozzi, Claudio Casazza, Giulia Cosentino, Irene Dionisio, Martina Melilli, Matteo Zadra), la casa di produzione Ginko Film e gli archivi audiovisivi coinvolti nel progetto: 8mmezzo, Cinescatti Lab80, Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, Paesaggi di famiglia, RI-PRESE, Superottimisti.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480670395"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(48) "Lavorare con gli archivi al tempo della pandemia" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(48) "lavorare-con-gli-archivi-al-tempo-della-pandemia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=344" ["menu_order"]=> int(25) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [37]=> object(WP_Post)#20665 (24) { ["ID"]=> int(324) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 11:04:55" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 09:04:55" ["post_content"]=> string(3691) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 21 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]  L’autore del film, realizzato in 9,5mm per la 3° Sezione Fotografi – Comando 8° Armata, è il sottotenente Enrico Chierici (1914- 2001), fotografo e cineamatore genovese che nell’esercito italiano prestò servizio presso il Genio Fotografi. Questa, come altre pellicole 9,5mm e 16mm che riguardano la spedizione in Russia, fa parte del Fondo Fratelli Chierici conservato dall’Archivio Nazionale del Film di Famiglia. Un film inedito, filmato e poi montato da Chierici che ha conservato la pellicola originale. Gli scenari dell’invasione, i luoghi che il convoglio attraversa, portano i segni della distruzione, ma quello scenario di guerra è ritratto anche e soprattutto nei volti e negli sguardi di soldati, prigionieri e deportati finiti sotto l’occhio della cinepresa. Le immagini, infatti, mostrano il viaggio che parte da Bologna il 9 giugno 1942 e ne documentano le tappe attraverso varie regioni e località in Austria, Germania, Polonia, Bielorussia e Ucraina.Le riprese del paesaggio e delle stazioni si alternano con scene di vita militare. La cinepresa indugia poi sui giovani prigionieri adibiti ai lavori nelle stazioni, prima di documentare l’ingresso del convoglio nella stazione di Brest-Litovsk, in Bielorussia, il 13 giugno, e l’attraversamento del fiume Bug. Durante una sosta sono riprese squadre di ragazze che lavorano lungo i binari. [/vc_column_text][vc_column_text] A Stolpce si cominciano a vedere i primi segni tragici della guerra, che seguiranno per tutto il resto del percorso, inquadratura dopo inquadratura. Il convoglio attraversa la stazione di Niegoraloje, nei pressi di Minsk, completamente distrutta. Poi le immagini dei resti di due treni, uno tedesco e l’altro russo, che saltando in aria hanno raso al suolo la stazione. Seguono inquadrature del barbiere della sezione al lavoro durante una sosta e dell’autocarro laboratorio fotografico. Il viaggio prosegue e gli scenari mutano: la campagna e i villaggi prima di Bobruisk, dove si giunge il 14 giugno. Qui un treno carico di deportati ebrei russi, uomini, donne e bambini è fermo alla stazione. Chierici li filma. Sono attraversati i fiumi Beresina e Druc: dappertutto i resti di carri ferroviari sparsi per i campi. Ancora ponti sia stradali che ferroviari abbattuti dai russi durante il ripiegamento sul fiume Dnepr, in prossimità della città di Shlobin. Il convoglio entra nella stazione di Gomel, al confine con l’Ucraina, il 14 giugno. Due aerei che sorvolano il campo di aviazione. Si passa la zona industriale: ancora carri ferroviari carichi di rottami di treni. L’ultima parte del film è girata in Ucraina: il convoglio attraversa la stazione di Merefa, a sud di Charkov, il 16 giugno, e arriva nell’area industriale di Dnepropetrovsk, il 20 giugno. Sono riprese prima le fabbriche, gli impianti industriali, i silos e i mulini per il grano, poi il mercato e la campagna circostante. Il viaggio proseguirà ancora fino a Stalino e a Makejenka dove il convoglio giunge il 22 giugno alle 20. Il viaggio da Bologna a Makejenka in Ucraina durò 15 giorni, per coprire la distanza di circa 3.500 chilometri. [/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Da Bologna a Stalino" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(20) "da-bologna-a-stalino" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=324" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [38]=> object(WP_Post)#20664 (24) { ["ID"]=> int(325) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 11:09:07" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 09:09:07" ["post_content"]=> string(1551) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 29 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Le condizioni dei lavoratori italiani in Svizzera nella pellicola di un cineasta che ha vissuto la condizione di migrante proprio nel paese elvetico, dove ha scoperto il cinema e l’impegno politico. Film a soggetto imperniato su un lavoratore italiano emigrato in Svizzera come operaio stagionale il quale, dopo la morte di sua moglie in Italia, si vede costretto di portare con in Svizzera il proprio figlio di sei anni. Questa decisione lo mette subito a confronto con il famigerato statuto dei lavoratori stagionali che vieta a questa categoria di lavoratori il ricongiungimento familiare. Con altri lavoratori stagionali inizia una lotta contro questa grave discriminazione. Girato in Super8, il film fu realizzato dal cineasta indipendente Alvaro Bizzarri, con l’aiuto della Libera Colonia Italiana di Bienne. Gian Maria Volontè fu molto colpito dal film e contribuì a realizzarne un’edizione in 16mm per favorirne la diffuse.   Il recente restauro dell'opera è stato curato della Cinémathèque suisse.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(13) "Lo stagionale" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(13) "lo-stagionale" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-08-01 18:49:52" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-08-01 16:49:52" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=325" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [39]=> object(WP_Post)#20663 (24) { ["ID"]=> int(255) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 21:00:51" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 19:00:51" ["post_content"]=> string(1533) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 4 al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una selezione di archivio sonorizzata dal vivo realizzato a margine del progetto Memoryscapes, la piattaforma di Home Movies per l’accesso al cinema privato.   Il lavoro delle donne catturato dagli sguardi di cineamatrici e cineamatori nel corso del Novecento: la fabbrica, i campi, la casa, gli uffici, la scuola. Il gesto delle donne, a lungo invisibile, riemerge con la forza delle immagini private. Gesto della cura, della precisione, della gioia. Gesto di una memoria che riscrive il presente.

Le immagini sono tratte da 25 fondi filmici conservati da Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia (a eccezione del Fondo Franco Cigarini conservato alla Biblioteca Panizzi).

  Il gesto delle donne è una produzione di Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia con il sostegno di MAST – Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia e la collaborazione di Kinè.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(35) "Memoryscapes - Il gesto delle donne" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(70) "memoryscapes-il-gesto-delle-donne-sonorizzazione-live-di-effetto-brama" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=255" ["menu_order"]=> int(35) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [40]=> object(WP_Post)#20662 (24) { ["ID"]=> int(243) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 20:21:22" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 18:21:22" ["post_content"]=> string(1371) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dall'11 al 14 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una scrittura di finzione costruita visivamente con archivi audiovisivi della Seconda guerra mondiale, provenienti dall’Archivio Nazionale del Film di Famiglia - Home Movies e dall’Istituto Luce, e appoggiandosi a fonti scritte memorialistiche. 1941, un soldato italiano parte per il fronte sovietico. L'esercito fascista è alleato di quello nazista, la vittoria appare vicina. Il convoglio procede tra i canti e le speranze. La mente del soldato torna alla malinconia delle favole raccontategli dalla madre russa. A differenza di molti giovani commilitoni, lui ha già conosciuto la guerra, in Africa, e la teme. Il treno attraversa mezza Europa, avventurandosi nello sterminato territorio ucraino. All'arrivo dell'inverno l'entusiasmo cade sotto i colpi dei primi morti, del gelo e della neve. I desideri si fanno semplici: non più la vittoria, ma un letto caldo, del cibo, tornare a casa. L'immensa steppa spazzata dalla tormenta sembra popolata da fantasmi.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(8) "Il Varco" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(8) "il-varco" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=243" ["menu_order"]=> int(21) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [41]=> object(WP_Post)#20661 (24) { ["ID"]=> int(635) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-11-27 14:21:26" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-11-27 13:21:26" ["post_content"]=> string(2426) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

12 dicembre, ore 15.00 | Workshop online

[/vc_column_text][vc_column_text]
in collaborazione con AIPH
[/vc_column_text][vc_column_text]
scorri la pagina per vedere il video del workshop
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il workshop, in concomitanza con lo streaming de Il varco per Archivio Aperto 2020, intende ripercorrere le tappe del processo creativo e produttivo di un film che interroga le immagini d'archivio mantenendosi in equilibrio tra esattezza storica e reinvenzione narrativa. Immagini amatoriali, testimonianze frammentarie del fascismo e della guerra, sono iscritte in un racconto in dialogo con il passato, il presente e il futuro. Il caso de Il varco offre l'occasione di riflettere sulle tecniche e le strategie di ricollocazione contemporanea delle immagini d'archivio. Interverranno il produttore di Kinè Claudio Giapponesi, il curatore dell'Archivio Home Movies Paolo Simoni e i registi Federico Ferrone e Michele Manzolini. Introduce e coordina la storica Elena Pirazzoli.   Il workshop si terrà in modalità online e a numero chiuso. Uno spazio sarà dedicato alle Q&A con i partecipanti. Gli iscritti potranno richiedere un attestato di partecipazione.   Iscrizione gratuita e obbligatoria, posti limitati - massimo 30 partecipanti. Per info e iscrizioni (entro il 9/12): homemovies.archivioaperto@gmail.com[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/491770174"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(72) "Re-writing history. Le fonti e la scrittura
de Il varco | Workshop" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(63) "re-writing-history-le-fonti-e-la-scrittura-de-il-varco-workshop" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=635" ["menu_order"]=> int(29) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [42]=> object(WP_Post)#20660 (24) { ["ID"]=> int(650) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-12-03 17:51:34" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-12-03 16:51:34" ["post_content"]=> string(2660) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

13 dicembre, ore 18:00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
scorri la pagina per vedere il video dell'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il gesto delle donne - percorsi tra archivi, immagini e storia: tavola rotonda. L'incontro è un'occasione per riflettere e approfondire i temi e gli immaginari che emergono dalla selezione d'archivio Il gesto delle donne: dai cambiamenti sul piano giuridico e normativo, alle forme dell'(auto)rappresentazione del corpo femminile al lavoro; dalla porosità tra lavoro pagato e non pagato, fino all'esplorazione della cura come luogo quotidiano del pensiero, dell'azione, della pratica del lavoro delle donne.   Alla tavola rotonda, a cura di Giulia Simi (Università di Sassari) partecipano Lucia Cardone (docente di storia del cinema, fondatrice di FAScinA, Forum Annuale delle Studiose di Cinema e Audiovisivi, Università di Sassari), Vincenza Perilli (studiosa indipendente, network InteRGRace) e Alessandra Pescarolo (sociologa e storica, autrice del volume Il lavoro delle donne nell’Italia contemporanea, 2019).     – Il gesto delle donne è una selezione d’archivio sul lavoro delle donne che, a lungo invisibile, riemerge con la forza delle immagini private e d’impresa: pubblico e privato si intrecciano e disegnano la genealogia di un fare che è gesto della cura, della precisione, della condivisione, gesto di una memoria che riscrive il presente.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/491770745"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(67) "Il gesto delle donne. Percorsi tra
archivi, immagini e storia" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(59) "il-gesto-delle-donne-percorsi-tra-archivi-immagini-e-storia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=650" ["menu_order"]=> int(35) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [43]=> object(WP_Post)#20659 (24) { ["ID"]=> int(660) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-12-17 11:40:58" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-12-17 10:40:58" ["post_content"]=> string(1878) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

20 dicembre, ore 17.30 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Memoryscapes. Il vero cinema siamo noi   Come possono le immagini private d'archivio aiutarci a ricordare il nostro passato e a raccontare chi siamo oggi? Abbiamo posto questa domanda ad  Alessandro Vanoli, storico e scrittore, autore di emozionanti storie degli oggetti di uso quotidiano, del tempo ciclico delle stagioni, del Mediterraneo come crocevia di civiltà e di viaggi. Vanoli ci accompagnerà in un viaggio nel tempo tra le immagini e le storie che affiorano dalle memorie in pellicola. Il workshop sarà l'occasione per presentare le nuove sezioni e i contenuti 2020 di Memoryscapes. Il cinema privato online, la prima piattaforma digitale dedicata ai film di famiglia italiani.   Un progetto di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia realizzato con il contributo di Regione Emilia-Romagna e MiBACT.
  In collaborazione con Kilowatt.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(44) "Memoryscapes. Il vero cinema
siamo noi" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(37) "memoryscapes-il-vero-cinema-siamo-noi" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=660" ["menu_order"]=> int(35) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [44]=> object(WP_Post)#20658 (24) { ["ID"]=> int(830) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-08 16:13:52" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-08 14:13:52" ["post_content"]=> string(3474) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h00 | Serre dei Giardini margherita, B
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Tre film concepiti e lasciati senza sonoro da Maya Deren (At Land, 1944; A Study in Choreography for Camera, 1945; Ritual in Transfigured Time, 1946) offrono l’occasione per le due musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) di creare un dialogo con Deren attraverso synth, batteria e voce.
    Un progetto per Archivio Aperto nato per rispondere a una interrogativo per la curatela: quanto attenersi alla filologia e quanto spingersi verso il terreno della sperimentazione che Deren stessa ispira con la sua opera?   L’idea della scelta che abbiamo fatto dopo esserci confrontati con Pip Chodorov e Tavia Ito, è che una cosa non escluda l’altra - basta dichiararne le intenzioni - perchè anche se l’opera di Deren si rompesse come uno specchio in mille pezzi non finiremmo mai di specchiarci nei suoi frammenti.   E le intenzioni di Francesca Bono sono chiare: “Ho capito quasi subito cosa volevo realizzare, mi sono bastati pochi fotogrammi, ho immediatamente preso degli appunti sonori e pensato che la mia amica Vittoria Burattini sarebbe stata una perfetta "partner in crime" per creare un suono onirico e surreale. Abbiamo confidenza e c'è stima reciproca. Volevo cioè rendere omaggio a Deren, artista straordinaria che ha ispirato alcuni dei miei registi preferiti, insieme a un'altra musicista che ammiro e con cui condivido un certo tipo di poetica. Cercavo un sabba sensoriale, un'immersione nell'ossessivo. Volevo che fosse chiaro un messaggio: Donne che creano.”         Francesca Bono e Vittoria Burattini  
    La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti EventbritePer accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(26) "SOUND IN TRANSFIGURED TIME" ["post_excerpt"]=> string(177) "La sonorizzazione live di At Land, A Study in Choreography for Camera e Ritual in Transfigured Time a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume)." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "sound-in-transigured-time" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:42:46" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:42:46" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=830" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } } ["post_count"]=> int(45) ["current_post"]=> int(-1) ["in_the_loop"]=> bool(false) ["post"]=> object(WP_Post)#20702 (24) { ["ID"]=> int(162) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 17:50:16" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 15:50:16" ["post_content"]=> string(1782) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Sobborghi di New York, metà anni ‘60. Rob Niosi e i suoi amici non sono neppure adolescenti quando iniziano a filmare per gioco con le cineprese casalinghe rubate in famiglia, sperimentando a più non posso i generi cinematografici - l’horror, lo splatter, la fantascienza - e le tecniche di animazione, i trucchi, le riprese dal basso e gli effetti speciali. Crescendo, il gioco diventa più serio e il loro stile irriverente se non ribelle. Più tardi, alcuni di loro diventeranno artisti: Niosi lavorerà nel cinema d’animazione, nella pubblicità e nei videoclip (con Peter Gabriel). L’ossessione di Niosi per H.G. Wells è rimasta intatta da quando era ragazzino: già evidente nell’animazione con plastilina di The shape of the things to come che dà il titolo alla selezione, si è concretizzata nel progetto lungo una vita: la costruzione di una Time Machine che ricalca fedelmente quella vista nel film di fantascienza del ‘60. Questa compilation, tracciando l’evoluzione del percorso di Niosi&friends fino al 1970 circa, presenta spezzoni, prove, estratti, pellicole incompiute e due perle integrali: “The History of the American Negro”, la storia dei neri dallo schiavismo a Malcolm X attraverso foto animate, e “Empire”, irriverente e ribelle nei confronti di un simbolo del potere americano.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "The shape of things to come" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "the-shape-of-things-to-come" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=162" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } ["comment_count"]=> int(0) ["current_comment"]=> int(-1) ["found_posts"]=> int(45) ["max_num_pages"]=> int(0) ["max_num_comment_pages"]=> int(0) ["is_single"]=> bool(false) ["is_preview"]=> bool(false) ["is_page"]=> bool(false) ["is_archive"]=> bool(true) ["is_date"]=> bool(false) ["is_year"]=> bool(false) ["is_month"]=> bool(false) ["is_day"]=> bool(false) ["is_time"]=> bool(false) ["is_author"]=> bool(false) ["is_category"]=> bool(false) ["is_tag"]=> bool(false) ["is_tax"]=> bool(false) ["is_search"]=> bool(false) ["is_feed"]=> bool(false) ["is_comment_feed"]=> bool(false) ["is_trackback"]=> bool(false) ["is_home"]=> bool(false) ["is_privacy_policy"]=> bool(false) ["is_404"]=> bool(false) ["is_embed"]=> bool(false) ["is_paged"]=> bool(false) ["is_admin"]=> bool(false) ["is_attachment"]=> bool(false) ["is_singular"]=> bool(false) ["is_robots"]=> bool(false) ["is_favicon"]=> bool(false) ["is_posts_page"]=> bool(false) ["is_post_type_archive"]=> bool(true) ["query_vars_hash":"WP_Query":private]=> string(32) "ae23b537c4e60e78e8aceb58b1736461" ["query_vars_changed":"WP_Query":private]=> bool(true) ["thumbnails_cached"]=> bool(false) ["stopwords":"WP_Query":private]=> NULL ["compat_fields":"WP_Query":private]=> array(2) { [0]=> string(15) "query_vars_hash" [1]=> string(18) "query_vars_changed" } ["compat_methods":"WP_Query":private]=> array(2) { [0]=> string(16) "init_query_flags" [1]=> string(15) "parse_tax_query" } ["tribe_is_event"]=> bool(false) ["tribe_is_multi_posttype"]=> bool(false) ["tribe_is_event_category"]=> bool(false) ["tribe_is_event_venue"]=> bool(false) ["tribe_is_event_organizer"]=> bool(false) ["tribe_is_event_query"]=> bool(false) ["tribe_is_past"]=> bool(false) } ["slug_list_"]=> string(20) "pretty_photo_gallery" ["title"]=> string(26) "SOUND IN TRANSFIGURED TIME" }

The shape of things to come

Antologia a cura di Home Movies di estratti dai film di Roberto Niosi sonorizzata dall'ensemble Effetto Brama
In Fantastic Stories 24.10 / 20.12.2020

Diary #1 : 1973-1977

Un opera monumentle di David Perlov che racconta la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983
In Diary / David Perlov 24.10 / 15.11.2020

Experiment 2001: a failure

di Robert Niosi, Mike Becker - Fiction. La parodia Super8 di 2001 girata a casa + "La factory di Robert Niosy", incontro a cura di Massimo Benvegnù e Paolo Simoni
In Fantastic Stories 24.10 / 20.12.2020

Diary #4 : 1982-1983

Un opera monumentle di David Perlov che racconta la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983
In Diary / David Perlov 24.10 / 15.11.2020

It’s a bird

di Ron Bucalo, Robert Niosi, Nicola Scaramozzino - Fiction. Superman, oltre ogni immaginazione
In Fantastic Stories 24.10 / 20.12.2020

Diary #2 : 1978-1980

Un opera monumentle di David Perlov che racconta la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983
In Diary / David Perlov 24.10 / 15.11.2020

Diary #3 : 1981-1982

Un opera monumentle di David Perlov che racconta la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983
In Diary / David Perlov 24.10 / 15.11.2020

Diary #5 : 1983

Un opera monumentle di David Perlov che racconta la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983
In Diary / David Perlov 24.10 / 15.11.2020

Diary #6 : 1983

Un opera monumentle di David Perlov che racconta la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983
In Diary / David Perlov 24.10 / 15.11.2020

Memorie di una maestra

Tracce di ricordi suglu "Incontri della Fantastica". Videointervista e materiali d'archivio.
In Il binomio fantastico 24.10 / 20.12.2020

Vita d’artista

di Mauro Mingardi - Grottesco. Le eccentriche vicende di un serial killer
In Cine-eccentrici 25.10 / 20.12.2020

Il tempo nel muro

di Mauro Mingardi - Grottesco. Sagace reinterpretazione di un racconto di E.A. Poe
In Cine-eccentrici 25.10 / 20.12.2020

Raptus

di Mauro Mingardi - Grottesco. La storia di un delitto perfetto
In Cine-eccentrici 25.10 / 20.12.2020

Un western senza cavalli

di Davide Rizzo, Marzia Toscano - documentario. Un estratto dal biopic dedicato a Mauro Mingardi
In Cine-eccentrici 25.10 / 20.12.2020

I destini di un formato

I destini di un formato. Politica e culture del passo ridotto nell'Italia del dopoguerra. Incontro a cura di Andrea Mariani
In Archive Bites 26.10.2020

Una nobile rivoluzione

di Simone Cangelosi - Documentario. A dieci anni dalla scomparsa di Marcella di Folco
In Archive Docs 27.10 / 20.12.2020

La voglia giovane, parte quinta

La voglia giovane, parte quinta. Videomaking militante e sperimentale nella Bologna dei primi anni '90. In contro a cura di Diego Cavallotti e Lina Greco
In Archive Bites 28.10.2020

Nella buona e nella cattiva sorte

di Lucia Tralli, Sara Iommi - Documentario. L'immaginario matrimoniale delle donne attraverso le generazioni. Una tradizione condivisa, desiderata, contestata + "Presentazione di Nella buona e nella cattiva sorte", incontro a cura di Elena Marcherschi e Lucia Tralli
In Archive Docs 29.10 / 20.12.2020

Shaping Negation / La forma negativa

di Arnaldo Pomodoro, Francesco Leonetti, Ugo Mulas - Sperimentale. Un film autoironico sull'arte come merce
In Art & Experimental Film 31.10 / 20.12.2020

Quasi una tangente

di Massimo Bacigalupo - Sperimentale. Girato in 8mm, è considerato il primo film indipendente italiano
In Art & Experimental Film 31.10 / 20.12.2020

Sostituzione

di Fernando De Filippi - Sperimentale. L'artista si appropria dell'identità del più grande rivoluzionario del Novecento
In Art & Experimental Film 31.10 / 20.12.2020

Valentino Moon

di Gianni Castagnoli - Sperimentale. Un'ode alla vita, alla luce, alle ombre
In Art & Experimental Film 31.10 / 20.12.2020

Urbana

di Valentina Berardinone - Sperimentale. L'immagine delle scale concepita come un "dispositivo" del potere
In Art & Experimental Film 31.10 / 20.12.2020

Cosa succede in periferia?

di Andrea Granchi - Sperimentale. Un film Super8 di animazione dissacratoria e coinvolgente
In Art & Experimental Film 31.10 / 20.12.2020

In un futuro aprile

di Francesco Costabile, Federico Savonitto - Documentario. Il racconto degli anni giovanili di Pier Paolo Pasolini
In Archive Docs 02.11.2020

Le storie che saremo

di Daniele Atzeni, Marco Bertozzi, Claudio Casazza, Giulia Cosentino, Irene Dionisio, Martina Melilli, Matteo Zadra. Una nuova memoria collettiva dopo la quarantena
In Recycled Cinema 13.11 / 20.12.2020

Sì / Yes

di Luca Ferri - Sperimentale.Un'esplorazione sperimentale del concetto di assenza, in un lento crescendo di tre linguaggi: musica, vecchie immagini e parole
In Recycled Cinema 13.11 / 16.11.2020

Supereroi senza superpoteri

di Beatrice Baldacci - Documentario. Un percorso di rielaborazione personale attraverso vecchie VHS
In Recycled Cinema 13.11 / 20.12.2020

Da Bologna a Stalino

di Enrico Chierici - Documentario. Un viaggio che parte da Bologna, il 2 giugno 1942
In Archive Bites 21.11 / 20.12.2020

Lo stagionale

di Alvaro Bizzarri - Documentario. Storia di un lavoratore italiano emigrato in Svizzera
In Archive Bites 29.11 / 20.12.2020

Il Varco

di Federico Ferrone, Michele Manzolini - Documentario. 1941, un soldato italiano parte per il fronte sovietico
In Archive Docs 11.12 / 14.12.2020

SOUND IN TRANSFIGURED TIME

Progetto speciale, La sonorizzazione live di At Land, A Study in Choreography for Camera e Ritual in Transfigured Time a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume).
In Maya Deren. Amateur is a Lover 16.09 / 07.11.2021
array(54) {
  ["type"]=>
  string(8) "standard"
  ["masonry_space"]=>
  string(2) "no"
  ["pinterest_space"]=>
  string(2) "no"
  ["hover_type"]=>
  string(13) "default_hover"
  ["pinterest_hover_type"]=>
  string(0) ""
  ["portfolio_loading_type"]=>
  string(0) ""
  ["parallax_item_speed"]=>
  string(3) "0.3"
  ["parallax_item_offset"]=>
  string(1) "0"
  ["box_border"]=>
  string(0) ""
  ["box_background_color"]=>
  string(0) ""
  ["box_border_color"]=>
  string(0) ""
  ["box_border_width"]=>
  string(0) ""
  ["columns"]=>
  string(1) "3"
  ["image_size"]=>
  string(9) "landscape"
  ["order_by"]=>
  string(8) "post__in"
  ["order"]=>
  string(3) "ASC"
  ["number"]=>
  string(2) "-1"
  ["filter"]=>
  string(3) "yes"
  ["filter_position"]=>
  string(3) "top"
  ["filter_order_by"]=>
  string(4) "name"
  ["disable_filter_title"]=>
  string(2) "no"
  ["filter_title_text"]=>
  string(0) ""
  ["filter_align"]=>
  string(12) "center_align"
  ["disable_link"]=>
  string(2) "no"
  ["lightbox"]=>
  string(2) "no"
  ["show_like"]=>
  string(2) "no"
  ["category"]=>
  string(0) ""
  ["selected_projects"]=>
  string(179) "162,163,164,167,168,180,185,193,196,207,237,172,181,182,183,187,188,230,330,379,202,194,250,350,204,208,211,216,220,332,599,257,254,231,235,241,344,324,325,255,243,635,650,660,830"
  ["show_load_more"]=>
  string(2) "no"
  ["title_tag"]=>
  string(2) "h4"
  ["title_font_size"]=>
  string(0) ""
  ["text_align"]=>
  string(0) ""
  ["row_height"]=>
  string(0) ""
  ["justify_last_row"]=>
  string(9) "nojustify"
  ["justify_threshold"]=>
  float(0.75)
  ["edition"]=>
  string(13) "edizione-2020"
  ["thisObject"]=>
  object(Stockholm\Shortcodes\PortfolioList\PortfolioList)#11179 (1) {
    ["base":"Stockholm\Shortcodes\PortfolioList\PortfolioList":private]=>
    string(14) "portfolio_list"
  }
  ["portfolio_qode_like"]=>
  string(3) "off"
  ["portfolio_list_hide_category"]=>
  bool(false)
  ["portfolio_filter_class"]=>
  string(17) "without_separator"
  ["filter_title"]=>
  string(15) "Sort Portfolio:"
  ["_type_class"]=>
  string(9) " standard"
  ["_portfolio_space_class"]=>
  string(39) "portfolio_with_space portfolio_standard"
  ["_portfolio_masonry_with_space_class"]=>
  string(0) ""
  ["_portfolio_masonry_class"]=>
  string(0) ""
  ["_loading_class"]=>
  string(0) ""
  ["filter_position_class"]=>
  array(1) {
    [0]=>
    string(24) "qode-filter-position-top"
  }
  ["thumb_size_class"]=>
  string(25) "portfolio_landscape_image"
  ["portfolio_box_style"]=>
  string(0) ""
  ["portfolio_description_class"]=>
  string(0) ""
  ["query_results"]=>
  object(WP_Query)#16456 (58) {
    ["query"]=>
    array(7) {
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["post_type"]=>
      string(14) "portfolio_page"
      ["orderby"]=>
      string(8) "post__in"
      ["order"]=>
      string(3) "ASC"
      ["posts_per_page"]=>
      string(2) "-1"
      ["paged"]=>
      int(1)
      ["post__in"]=>
      array(45) {
        [0]=>
        string(3) "162"
        [1]=>
        string(3) "163"
        [2]=>
        string(3) "164"
        [3]=>
        string(3) "167"
        [4]=>
        string(3) "168"
        [5]=>
        string(3) "180"
        [6]=>
        string(3) "185"
        [7]=>
        string(3) "193"
        [8]=>
        string(3) "196"
        [9]=>
        string(3) "207"
        [10]=>
        string(3) "237"
        [11]=>
        string(3) "172"
        [12]=>
        string(3) "181"
        [13]=>
        string(3) "182"
        [14]=>
        string(3) "183"
        [15]=>
        string(3) "187"
        [16]=>
        string(3) "188"
        [17]=>
        string(3) "230"
        [18]=>
        string(3) "330"
        [19]=>
        string(3) "379"
        [20]=>
        string(3) "202"
        [21]=>
        string(3) "194"
        [22]=>
        string(3) "250"
        [23]=>
        string(3) "350"
        [24]=>
        string(3) "204"
        [25]=>
        string(3) "208"
        [26]=>
        string(3) "211"
        [27]=>
        string(3) "216"
        [28]=>
        string(3) "220"
        [29]=>
        string(3) "332"
        [30]=>
        string(3) "599"
        [31]=>
        string(3) "257"
        [32]=>
        string(3) "254"
        [33]=>
        string(3) "231"
        [34]=>
        string(3) "235"
        [35]=>
        string(3) "241"
        [36]=>
        string(3) "344"
        [37]=>
        string(3) "324"
        [38]=>
        string(3) "325"
        [39]=>
        string(3) "255"
        [40]=>
        string(3) "243"
        [41]=>
        string(3) "635"
        [42]=>
        string(3) "650"
        [43]=>
        string(3) "660"
        [44]=>
        string(3) "830"
      }
    }
    ["query_vars"]=>
    array(68) {
      ["post_status"]=>
      string(7) "publish"
      ["post_type"]=>
      string(14) "portfolio_page"
      ["orderby"]=>
      string(8) "post__in"
      ["order"]=>
      string(0) ""
      ["posts_per_page"]=>
      int(-1)
      ["paged"]=>
      int(1)
      ["post__in"]=>
      array(45) {
        [0]=>
        int(162)
        [1]=>
        int(163)
        [2]=>
        int(164)
        [3]=>
        int(167)
        [4]=>
        int(168)
        [5]=>
        int(180)
        [6]=>
        int(185)
        [7]=>
        int(193)
        [8]=>
        int(196)
        [9]=>
        int(207)
        [10]=>
        int(237)
        [11]=>
        int(172)
        [12]=>
        int(181)
        [13]=>
        int(182)
        [14]=>
        int(183)
        [15]=>
        int(187)
        [16]=>
        int(188)
        [17]=>
        int(230)
        [18]=>
        int(330)
        [19]=>
        int(379)
        [20]=>
        int(202)
        [21]=>
        int(194)
        [22]=>
        int(250)
        [23]=>
        int(350)
        [24]=>
        int(204)
        [25]=>
        int(208)
        [26]=>
        int(211)
        [27]=>
        int(216)
        [28]=>
        int(220)
        [29]=>
        int(332)
        [30]=>
        int(599)
        [31]=>
        int(257)
        [32]=>
        int(254)
        [33]=>
        int(231)
        [34]=>
        int(235)
        [35]=>
        int(241)
        [36]=>
        int(344)
        [37]=>
        int(324)
        [38]=>
        int(325)
        [39]=>
        int(255)
        [40]=>
        int(243)
        [41]=>
        int(635)
        [42]=>
        int(650)
        [43]=>
        int(660)
        [44]=>
        int(830)
      }
      ["error"]=>
      string(0) ""
      ["m"]=>
      string(0) ""
      ["p"]=>
      int(0)
      ["post_parent"]=>
      string(0) ""
      ["subpost"]=>
      string(0) ""
      ["subpost_id"]=>
      string(0) ""
      ["attachment"]=>
      string(0) ""
      ["attachment_id"]=>
      int(0)
      ["name"]=>
      string(0) ""
      ["pagename"]=>
      string(0) ""
      ["page_id"]=>
      int(0)
      ["second"]=>
      string(0) ""
      ["minute"]=>
      string(0) ""
      ["hour"]=>
      string(0) ""
      ["day"]=>
      int(0)
      ["monthnum"]=>
      int(0)
      ["year"]=>
      int(0)
      ["w"]=>
      int(0)
      ["category_name"]=>
      string(0) ""
      ["tag"]=>
      string(0) ""
      ["cat"]=>
      string(0) ""
      ["tag_id"]=>
      string(0) ""
      ["author"]=>
      string(0) ""
      ["author_name"]=>
      string(0) ""
      ["feed"]=>
      string(0) ""
      ["tb"]=>
      string(0) ""
      ["meta_key"]=>
      string(0) ""
      ["meta_value"]=>
      string(0) ""
      ["preview"]=>
      string(0) ""
      ["s"]=>
      string(0) ""
      ["sentence"]=>
      string(0) ""
      ["title"]=>
      string(0) ""
      ["fields"]=>
      string(0) ""
      ["menu_order"]=>
      string(0) ""
      ["embed"]=>
      string(0) ""
      ["category__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["category__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["category__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["post__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_name__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag_slug__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tag_slug__and"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_parent__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["post_parent__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["author__in"]=>
      array(0) {
      }
      ["author__not_in"]=>
      array(0) {
      }
      ["tax_query"]=>
      array(1) {
        [0]=>
        array(4) {
          ["taxonomy"]=>
          string(8) "language"
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
          ["terms"]=>
          int(39)
          ["operator"]=>
          string(2) "IN"
        }
      }
      ["update_post_term_cache"]=>
      bool(true)
      ["ignore_sticky_posts"]=>
      bool(false)
      ["suppress_filters"]=>
      bool(false)
      ["cache_results"]=>
      bool(true)
      ["lazy_load_term_meta"]=>
      bool(true)
      ["update_post_meta_cache"]=>
      bool(true)
      ["nopaging"]=>
      bool(true)
      ["comments_per_page"]=>
      string(2) "50"
      ["no_found_rows"]=>
      bool(false)
      ["taxonomy"]=>
      string(8) "language"
      ["term_id"]=>
      int(39)
    }
    ["tax_query"]=>
    object(WP_Tax_Query)#16404 (6) {
      ["queries"]=>
      array(1) {
        [0]=>
        array(5) {
          ["taxonomy"]=>
          string(8) "language"
          ["terms"]=>
          array(1) {
            [0]=>
            int(39)
          }
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
          ["operator"]=>
          string(2) "IN"
          ["include_children"]=>
          bool(true)
        }
      }
      ["relation"]=>
      string(3) "AND"
      ["table_aliases":protected]=>
      array(1) {
        [0]=>
        string(21) "aa_term_relationships"
      }
      ["queried_terms"]=>
      array(1) {
        ["language"]=>
        array(2) {
          ["terms"]=>
          array(1) {
            [0]=>
            int(39)
          }
          ["field"]=>
          string(16) "term_taxonomy_id"
        }
      }
      ["primary_table"]=>
      string(8) "aa_posts"
      ["primary_id_column"]=>
      string(2) "ID"
    }
    ["meta_query"]=>
    object(WP_Meta_Query)#16318 (9) {
      ["queries"]=>
      array(0) {
      }
      ["relation"]=>
      NULL
      ["meta_table"]=>
      NULL
      ["meta_id_column"]=>
      NULL
      ["primary_table"]=>
      NULL
      ["primary_id_column"]=>
      NULL
      ["table_aliases":protected]=>
      array(0) {
      }
      ["clauses":protected]=>
      array(0) {
      }
      ["has_or_relation":protected]=>
      bool(false)
    }
    ["date_query"]=>
    bool(false)
    ["request"]=>
    string(700) "SELECT   aa_posts.* FROM aa_posts  LEFT JOIN aa_term_relationships ON (aa_posts.ID = aa_term_relationships.object_id) WHERE 1=1  AND aa_posts.ID IN (162,163,164,167,168,180,185,193,196,207,237,172,181,182,183,187,188,230,330,379,202,194,250,350,204,208,211,216,220,332,599,257,254,231,235,241,344,324,325,255,243,635,650,660,830) AND ( 
  aa_term_relationships.term_taxonomy_id IN (39)
) AND aa_posts.post_type = 'portfolio_page' AND ((aa_posts.post_status = 'publish')) GROUP BY aa_posts.ID ORDER BY FIELD(aa_posts.ID,162,163,164,167,168,180,185,193,196,207,237,172,181,182,183,187,188,230,330,379,202,194,250,350,204,208,211,216,220,332,599,257,254,231,235,241,344,324,325,255,243,635,650,660,830) "
    ["posts"]=>
    array(45) {
      [0]=>
      object(WP_Post)#20702 (24) {
        ["ID"]=>
        int(162)
        ["post_author"]=>
        string(1) "1"
        ["post_date"]=>
        string(19) "2020-10-22 17:50:16"
        ["post_date_gmt"]=>
        string(19) "2020-10-22 15:50:16"
        ["post_content"]=>
        string(1782) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Sobborghi di New York, metà anni ‘60. Rob Niosi e i suoi amici non sono neppure adolescenti quando iniziano a filmare per gioco con le cineprese casalinghe rubate in famiglia, sperimentando a più non posso i generi cinematografici - l’horror, lo splatter, la fantascienza - e le tecniche di animazione, i trucchi, le riprese dal basso e gli effetti speciali. Crescendo, il gioco diventa più serio e il loro stile irriverente se non ribelle. Più tardi, alcuni di loro diventeranno artisti: Niosi lavorerà nel cinema d’animazione, nella pubblicità e nei videoclip (con Peter Gabriel). L’ossessione di Niosi per H.G. Wells è rimasta intatta da quando era ragazzino: già evidente nell’animazione con plastilina di The shape of the things to come che dà il titolo alla selezione, si è concretizzata nel progetto lungo una vita: la costruzione di una Time Machine che ricalca fedelmente quella vista nel film di fantascienza del ‘60. Questa compilation, tracciando l’evoluzione del percorso di Niosi&friends fino al 1970 circa, presenta spezzoni, prove, estratti, pellicole incompiute e due perle integrali: “The History of the American Negro”, la storia dei neri dallo schiavismo a Malcolm X attraverso foto animate, e “Empire”, irriverente e ribelle nei confronti di un simbolo del potere americano.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "The shape of things to come" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "the-shape-of-things-to-come" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=162" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [1]=> object(WP_Post)#20701 (24) { ["ID"]=> int(163) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:33:04" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:33:04" ["post_content"]=> string(3225) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Capitolo 1 - 1973-1977  Mira e le gemelle: Yael e Naomi. La Guerra del Kippur. Tornare a San Paolo dopo vent’anni. Insegnare alla Tel Aviv University. Klaus Kinski. Nathan Zach, Isaac Stern. Il nuovo appartamento. Fela canta. Con Mira a Eilat. Romaine nel Midi, Marguerite, Abrasza, Saadat in Israele. La marcia verso Gerusalemme. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Diary #1 : 1973-1977" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "diary-1-1973-1977" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=163" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [2]=> object(WP_Post)#20700 (24) { ["ID"]=> int(164) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:00:37" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:00:37" ["post_content"]=> string(1959) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_column_text]
scorri la pagina per vedere l'incontro "la factory di robert niosi"
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Nonostante le location e i mezzi non propriamente kubrickiani, la cosa più notevole di questo film, realizzato da un gruppo di studenti newyorkesi, è tutto sommato la sua fedeltà all’originale, con l’aggiunta di un tocco di fantasia. In definitiva, Niosi&Co guardano in faccia Kubrick, senza timori reverenziali, ma di soppiatto strizzano l’occhio a Méliès e a tutta la storia del cinema.   La giustapposizione delle immagini di Niosi, con i suoni che riportano al capolavoro di Kubrick, è una scelta di sonorizzazione atta a sottolineare maggiormente la sovrapposizione di alcune sequenze chiave e l’abilità dei ragazzi nel ricrearlo. Gli amanti dell’originale si divertiranno, gli studiosi di cinema si interrogheranno.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Nel seguente video La factory di Robert Niosi, Massimo Benvegnù e Paolo Simoni dialogano attorno alle opere che compongono la sezione Fantastic Stories.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/491776242"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(26) "Experiment 2001: a failure" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "experiment-2001-a-failure" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=164" ["menu_order"]=> int(3) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [3]=> object(WP_Post)#20699 (24) { ["ID"]=> int(167) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:36:42" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:36:42" ["post_content"]=> string(3131) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Capitolo 4 - 1982 - 1983  La guerra in Libano. Cantata Alexander Nevski. Goya, il più grande reporter di guerra. Il compleanno di Yael. Funerali. Sabra e Shatila. Cent’anni di solitudine. Yael parla del suo servizio militare. Sharon si rifiuta di dimettersi. Naomi in riva al mare. Emil Greentweig. Un arcobaleno. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Diary #4 : 1982-1983" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "diary-4-1982-1983" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=167" ["menu_order"]=> int(8) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [4]=> object(WP_Post)#20698 (24) { ["ID"]=> int(168) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:07:43" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:07:43" ["post_content"]=> string(1321) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

 

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Questo Super8 inedito è un’autentica scoperta. Si tratta di un cortometraggio realizzato da un gruppo di liceali ormai perfettamente consapevoli del linguaggio e delle tecniche del cinema e soprattutto spinti da una verve creativa inarrestabile, che si affida a soluzioni sceniche, visive e sonore davvero sorprendenti e a dialoghi divertenti. A ciò si aggiunge l’interpretazione di Ron Bucalo, la cui presenza scenica è dirompente.   Dentro c’è di tutto (persino un esilarante omaggio a Sergio Leone come esergo), a partire dalla storia dell’origine di Superman dal pianeta Krypton e del suo arrivo sulla terra (come parodia della serie televisiva). Il tono è comico, lo stile surrealista, il ritmo da slapstick, le interruzioni tutte da gustare, le citazioni da cogliere. E con un messaggio democratico di fondo: siamo tutti superman![/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(13) "It’s a bird" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(10) "its-a-bird" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=168" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [5]=> object(WP_Post)#20697 (24) { ["ID"]=> int(180) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:32:21" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:32:21" ["post_content"]=> string(3092) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text] Capitolo 2 - 1978-1980 Il cimitero dei pionieri. Yael e Naomi si arruolano nell’esercito. L’aria di Bach e i tre bambini. Lo specialista dell’occhio e Bonnard. Un film sul Ladino. Ancora “Angelitos Negros”. Naomi parla di Piero della Francesca. Yael tradita. Con Mira a Creta. La donna mulatta. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Diary #2 : 1978-1980" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "diary-2-1978-1980" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=180" ["menu_order"]=> int(6) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [6]=> object(WP_Post)#20696 (24) { ["ID"]=> int(185) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:35:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:35:49" ["post_content"]=> string(3197) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text] Capitolo 3 - 1981 - 1982 Le elezioni. Naomi parla de “Le Sang des bêtes”. Il suicidio di Abrasza. Pierre Goldman. Joris Ivens. Yael parla di montaggio cinematografico. La riva del mare. Julio e Fela ancora a Tel Aviv. Batucada. Naomi e Jean Marc. La lezione di francese. La prima protesta contro la guerra in Libano.  [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Diary #3 : 1981-1982" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "diary-3-1981-1982" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=185" ["menu_order"]=> int(7) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [7]=> object(WP_Post)#20695 (24) { ["ID"]=> int(193) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:37:21" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:37:21" ["post_content"]=> string(3147) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Capitolo 5 - 1983  Poissoniere St. - la sinagoga e la chiesa. Koln, Amsterdam, Londra. La convalescenza. Irving Howe. Gare de l’Est. Naomi alla Scola Cantorum. Giochi d’azzardo con la macchina da presa.  Yael lavora a “Shoah”. Claude Lanzmann. Andre Schwartz-Bart. Yael si trasferisce vicino a Notre Dame. Parigi in agosto. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(15) "Diary #5 : 1983" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "diary-5-1983" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=193" ["menu_order"]=> int(9) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [8]=> object(WP_Post)#20694 (24) { ["ID"]=> int(196) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:38:51" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:38:51" ["post_content"]=> string(3088) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 15 novembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Opera monumentale di David Perlov (1930-2003), che racconta in forma intima la complessa storia di Israele dal 1973 al 1983, attraverso gli occhi di un grande documentarista, che si confronta con i drammi della sua epoca, le guerre e la difficoltà (e la gioia) di vivere della sua famiglia, Diary si apre con riprese dalla finestra di casa a Tel Aviv e con queste parole: “Maggio 1973, compro una cinepresa. Voglio filmare da solo e per me stesso. Il cinema professionale non mi attrae più. Cerco qualcosa d’altro. Voglio avvicinarmi al quotidiano. Soprattutto, nell’anonimato. Ci vuol tempo per imparare a farlo.” Le riprese dalla finestra con la cinepresa 16mm saranno ricorrenti nel film in 6 parti di un’ora ciascuno, co-prodotto e trasmesso per la prima volta da Channel 4, un capitolo al giorno per una settimana. Un film-fiume intimista e universale (che oggi paradossalmente via web può essere fruito al pari di un’appassionante serie-tv), dove i drammi della storia s’incrociano con le vicende personali con la moglie  Mira e le due figlie Yael e Naomi che crescono davanti alla cinepresa, gli amori, i tradimenti, i dilemmi esistenziali, i viaggi ricorrenti (in Brasile, dove Perlov è nato, a Parigi, dove si è formato artisticamente e dove è diventato cineasta), gli incontri con artisti, intellettuali, cineasti mitici (come K. Kinski, J. Ivens, C. Lanzmann) e amici di tutto il mondo. La figlia Yael, oggi cineasta impegnata, racconterà durante Archivio Aperto l’esperienza unica umana e produttiva di Diary, un’opera appassionante e ricca di suggestioni, molto amata in tutto il mondo dagli studenti di cinema per le continue riflessioni sull’atto di filmare. Per Archivio Aperto Diary rappresenta un’altra tappa nell’esplorazione della forma diaristica nel cinema internazionale, dopo gli omaggi degli anni scorsi a Jonas Mekas, Boris Lehman e altri cineasti che hanno sperimentato la forma diaristica.[/vc_column_text][vc_column_text]Capitolo 6 - 1983  San Paolo. Il quartiere ebraico. Jardim da Luz e la stazione ferroviaria. Fawzi - l’amico libanese. Rio de Janeiro. Una processione religiosa. Ouro Preto. Tiradentes, Aleijadinho. Tornare a  Belo Horizonte. I tram di Lisbona. Ave Maria.   [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(15) "Diary #6 : 1983" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(12) "diary-6-1983" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=196" ["menu_order"]=> int(10) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [9]=> object(WP_Post)#20693 (24) { ["ID"]=> int(207) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:35:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:35:49" ["post_content"]=> string(1531) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

 

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Gianni Rodari visita la Scuola dell'Infanzia Diana nel 1972 in occasione degli "Incontri della Fantastica" organizzati da Loris Malaguzzi e dal Comune di Reggio Emilia come momento di riflessione e formazione per gli insegnanti. Grazie a questi incontri e a questi momenti, unici nel panorama educativo infantile nazionale, nacque un testo oggi di fama internazionale: "Grammatica della fantasia". Dalle parole dei bambini che accolsero Gianni Rodari come uno di loro, colpisce vederlo seduto su una piccola sedia circondato dai bambini. I giovani narratori generarono spunti di riflessione e di analisi divenuti in seguito celebri grazie alla diffusione del libro. In una delle clip, è Rodari a raccontare ai bimbi “Il Re dei Topi”, mentre nell’altra è uno dei bambini che si offre volontario per raccontare ai suoi compagni e a Rodari “Il bambino, il lupo e il cancello”.   Le immagini inedite contenute in questo breve montaggio sono frutto delle riprese effettuate al tempo da Franco Cigarini, allora cineoperatore del Comune di Reggio Emilia.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(36) "I cantastorie. Gianni Rodari Inedito" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(35) "i-cantastorie-gianni-rodari-inedito" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=207" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [10]=> object(WP_Post)#20692 (24) { ["ID"]=> int(237) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:54:55" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:54:55" ["post_content"]=> string(1248) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text][/vc_column_text][vc_column_text]Giulia Notari, insegnante presso la Scuola dell'Infanzia Diana di Reggio Emilia per oltre trent'anni, è stata una dei protagonisti degli "Incontri con la Fantastica", esperienza di formazione sull'educazione della prima infanzia voluta da Loris Malaguzzi e dal Comune di Reggio Emilia e diretta da Gianni Rodari come ospite d'onore. Durante queste giornate dedicate alla Fantastica, le insegnanti la mattina mettevano in pratica le tecniche "per inventare storie" proposte da Gianni Rodari negli incontri pomeridiani. Alcuni di questi momenti sono stati impressi su pellicola Super8 dal cineoperatore del Comune di Reggio Emilia Franco Cigarini, immagini inedite che Giulia ha visto per la prima volta dal 1972 e che ci ha raccontato ricordando il fermento e i cambiamenti che hanno caratterizzato quei momenti[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_video link="https://vimeo.com/471655989"][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Memorie di una maestra" ["post_excerpt"]=> string(93) "Tracce di ricordi sugli "Incontri della Fantastica". Video intervista e materiale d'archivio." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "memorie-di-una-maestra" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=237" ["menu_order"]=> int(13) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [11]=> object(WP_Post)#20691 (24) { ["ID"]=> int(172) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:21:04" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:21:04" ["post_content"]=> string(1462) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Chi per scelta o necessità economica ha optato per il formato ridotto ha spesso condannando la sua opera all’invisibilità e poi all’oblio, anche se avrebbe meritato un destino diverso. È il caso di Mauro Mingardi, autore di un cinema “minore”, ma solo per il formato: l’8mm e il Super8. Eccentrico, perché oltre gli schemi del cinema amatoriale, ma anche perché lontano dal centro della produzione cinematografica. Con Vita di artista, girato in Super8, questo raffinatissimo “artigiano” del cinema - che faceva tutto da solo avvalendosi di amici sapientemente diretti - realizza una delle sue pellicole più riuscite e spassose. Il racconto in prima persona di un pluriomicida è infatti l’occasione per Mingardi di sfoggiare un’invenzione dopo l’altra. Finalmente oggi possiamo apprezzare Vita di artista, che come altri film di Mingardi ebbe una circolazione minima (e fuori dalla distribuzione commerciale), pur suscitando entusiasmo e ricevendo premi nei festival del cinema indipendente.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(16) "Vita d’artista" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(13) "vita-dartista" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=172" ["menu_order"]=> int(32) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [12]=> object(WP_Post)#20690 (24) { ["ID"]=> int(181) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:16:39" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:16:39" ["post_content"]=> string(919) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

25 ottobre, ore 16:00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere il video dell'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]L'archivio dalla A alla Z. La tradizionale visita guidata su appuntamento e con posti limitati quest'anno è degnamente sostituita da una visita virtuale che abbiamo preparato per voi. Un percorso ravvicinato tra gli scaffali dei film, nel laboratorio di restauro e negli altri spazi dell'Archivio Nazionale del Film di Famiglia.   [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_video link="https://vimeo.com/471730884"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(29) "Visita guidata all’archivio" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(50) "home-movie-day-visita-guidata-virtuale-allarchivio" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=181" ["menu_order"]=> int(14) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [13]=> object(WP_Post)#20689 (24) { ["ID"]=> int(182) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:20:20" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:20:20" ["post_content"]=> string(1292) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il tempo nel muro è il film rivelazione che ha fatto scoprire Mingardi ai suoi ammiratori nel mondo del cinema professionale, come Roberto Rossellini. Un mondo nel quale Mingardi non è mai voluto entrare, restio a lasciare la sua Bologna di quartiere. Unica eccezione fu la collaborazione con Marco Ferreri, che gli affidò le riprese in esterno di Chiedo asilo, girato proprio a Bologna. Il film, girato in 8mm, senza dialoghi, costruito con inquadrature in bianco e nero che richiamano l’espressionismo e con suoni iperrealisti, racconta la storia di un giovane che accudisce il padre infermo e vive giornate scandite da stridenti suoni di sveglia e sirena in fabbrica. Un sogno di amore sarà solo l’illusione di un’altra vita, presto l’incubo e la follia prenderanno il sopravvento (magnifica la rilettura de Il cuore rivelatore di Poe).[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(17) "Il tempo nel muro" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(17) "il-tempo-nel-muro" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=182" ["menu_order"]=> int(15) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [14]=> object(WP_Post)#20688 (24) { ["ID"]=> int(183) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:24:50" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:24:50" ["post_content"]=> string(1232) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La scommessa di Mingardi? Proporre un’idea di cinema personale e coerente, aspirare a un cinema “grande”, pur rimanendo piccolo: nel formato, nella durata, nella povertà dei mezzi utilizzati. Mingardi porta questa sfida sul suo terreno e la vince, rielaborando con estrema originalità e ironia l’immaginario filmico e la cultura popolare. Quest ’irregolare del panorama cinematografico italiano ci regala Raptus, esempio di meccanismo narrativo ingegnoso, con uno sdoppiamento (e ribaltamento) del punto di vista, vertigini ed evidenti riferimenti hitchcockiani, ma anche ai criminali letterari e cinematografici. Il plot è inizialmente semplice e lineare: un uomo uccide una donna e ne occulta il cadavere. La polizia brancola nel buio e l’assassino sembra farla franca...[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(6) "Raptus" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(6) "raptus" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=183" ["menu_order"]=> int(17) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [15]=> object(WP_Post)#20687 (24) { ["ID"]=> int(187) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:29:09" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:29:09" ["post_content"]=> string(1633) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Gli elementi narrativi e visivi di questo cortometraggio horror sono quanto di più essenziale: un ragazzo e una ragazza in gita fuori città, lei che rimane sola e viene attratta da una casa abbandonata, il pericolo, una salvezza ormai insperata. Rimane una sospensione inquietante tra il sogno e la realtà. Ci svegliamo mai veramente dai nostri incubi? Il gioco con i generi di Mingardi non è mai fine a se stesso, è piuttosto una continua ricerca interiore, alla ricerca dell’impossibile... E il divertimento e il godimento di filmare come rare volte succede sono trasmessi dall’autore allo spettatore. Questo probabilmente è il suo segreto, esattamente lo stesso di cineasti molto più conosciuti di lui. Mingardi conosce bene i limiti tecnici dell’8mm e della recitazione amatoriale. E quindi fa di necessità virtù: nei suoi primi film la narrazione è puramente visiva, tuttavia il filmmaker non si limita a fare film muti: l’uso della musica e del suono nel cinema di Mingardi svolge sempre un ruolo fondamentale, che col tempo si raffina sempre di più. Qui Mingardi adotta la Danse macabre (1874) di Camille Saint-Saëns, che sembra proprio composta per il suo film.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(31) "Alla ricerca dell’impossibile" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(28) "alla-ricerca-dellimpossibile" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=187" ["menu_order"]=> int(16) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [16]=> object(WP_Post)#20686 (24) { ["ID"]=> int(188) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:57:45" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:57:45" ["post_content"]=> string(1619) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 25 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un uomo si trasferisce a Bologna assieme alla moglie, al figlio e al cane nella casa che fu dei suoi nonni. Una serie di accadimenti inspiegabili sconvolge i nuovi abitanti: la casa, una villetta a schiera di tre piani inizio Novecento, è invasa da strane presenze e apparizioni. A un certo punto l’uomo viene lasciato da solo di fronte ai fantasmi del suo passato. La casa è la casa della famiglia di Mingardi, il protagonista si chiama Mauro come lui, il bambino è suo figlio Lorenzo, le fotografie, gli oggetti, gli aneddoti e le storie, tra la realtà e la fantasia, appartengono al suo passato. Con questo film Mingardi, che non abbandona mai i toni ironici e grotteschi (aiutato dallo scrittore Sandro Toni, autore di dialoghi brillanti), crea un ingegnoso meccanismo di rielaborazione della memoria personale e storica: una delle invenzioni mingardiane più riuscite. Rievocati attraverso l’archivio di famiglia sono episodi dimenticati come l’intervento dei pompieri bolognesi, tra i primi a soccorrere Messina dopo il terribile terremoto del 1908. Il testo di Ludwig Rellstab, scritto per un lied di Franz Schubert, viene utilizzato come elemento narrativo.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(24) "Gli usignoli di Rellstab" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(24) "gli-usignoli-di-rellstab" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=188" ["menu_order"]=> int(18) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [17]=> object(WP_Post)#20685 (24) { ["ID"]=> int(230) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:41:34" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:41:34" ["post_content"]=> string(3719) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

25 Ottobre - ore 11:00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Gianni è venuto da noi per raccontarci due storie, ma è venuto anche per sentirci raccontare delle storie. Altrimenti pensa che non sia vero che noi raccontiamo storie..." - Insegnante "Invece usiamo una parola, due parole.." - Bambino 1 "Certo intanto facciamo questa" - Gianni Rodari "Prima però ci deve dare anche il tempo per pensare.."  - Bambino 2   Reggio Emilia, 1972     Gianni Rodari visita la Scuola dell'Infanzia Diana nel 1972 in occasione degli Incontri della Fantastica organizzati da Loris Malaguzzi e dal Comune di Reggio Emilia come momento di riflessione e formazione per gli insegnanti. Grazie a questi incontri e a questi momenti, unici nel panorama educativo infantile nazionale, nacque un testo oggi di fama internazionale: Grammatica della fantasia. Dalle parole dei bambini che accolsero Gianni Rodari come uno di loro, colpisce vederlo seduto su una piccola sedia circondato dai bambini, si evince come gli stimoli lanciati dall'autore incontrarono un terreno fertile, i giovani narratori generarono spunti di riflessione e di analisi divenuti in seguito celebri grazie alla diffusione del libro.   "Non basta un polo elettrico a suscitare una scintilla, ce ne vogliono due" spiega Rodari nei primi capitoli di Grammatica della Fantasia, attraverso questo "binomio fantastico" le parole non sono prese nel loro significato quotidiano, ma "estraniate", "spaesate" messe l'una contro l'altra "in un cielo mai visto prima". Ecco questa situazione è per Rodari una delle condizioni migliori per "generare una storia".   Questa storia nacque non da due parole ma dall'incontro di due menti rivoluzionarie, da un lato Rodari, grande scrittore per l'infanzia e intellettuale che grazie alle sue invenzioni linguistiche e a una idea di immaginazione come strumento di libertà ha fornito una nuova visione del mondo; dall'altro Loris Malaguzzi, che attraverso un costruttivo rapporto con il territorio, inizia a mettere "il bambino al centro". Il bambino con i suoi cento linguaggi, perché il bambino è fatto di cento, scrive Malaguzzi in una celebre poesia, ma "di cento gliene rubano novantanove e ne rimane solo uno. E invece il cento c'è...e i bambini lo sanno bene". Inizia a crescere una nuova consapevolezza del bambino e si costruisce un nuovo modo di relazione con il mondo dell'infanzia, attraverso le istituzioni scolastiche e una nuova idea di genitorialità.   Grazie all'analisi di filmati e audio inediti, che documentano parte di quei momenti, e ai racconti di esperti e testimoni si cercherà di ripercorrere l'incontro tra questi "due poli" e ciò che da essi si è generato.     I materiali inediti mostrati durante l'incontro sono tratti dall'Archivio Audiovisivo Franco Cigarini, conservato presso la Biblioteca Panizzi di Reggio Emilia e digitalizzato da Home Movies.   [/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480256505"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(59) "Due parole... Binomio fantastico. Gianni Rodari va a scuola" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(55) "due-parole-binomio-fantastico-gianni-rodari-va-a-scuola" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=230" ["menu_order"]=> int(11) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [18]=> object(WP_Post)#20684 (24) { ["ID"]=> int(330) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-24 20:03:43" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-24 18:03:43" ["post_content"]=> string(529) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_column_text][/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il racconto della parabola di Mingardi filmmaker tratto dal documentario biografico a lui dedicato.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_video link="https://vimeo.com/471763620"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(24) "Un western senza cavalli" ["post_excerpt"]=> string(99) "Il racconto della parabola di Mingardi filmmaker tratto dal documentario biografico a lui dedicato." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(24) "un-western-senza-cavalli" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=330" ["menu_order"]=> int(13) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [19]=> object(WP_Post)#20683 (24) { ["ID"]=> int(379) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-26 09:52:32" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-26 08:52:32" ["post_content"]=> string(1286) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

26 ottobre, ore 18:30 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]

Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il programma è dedicato alle pratiche amatoriali e sperimentali dell'immediato dopoguerra, con l'obiettivo di tracciare continuità e fratture nelle pratiche, tra prima e dopo la guerra. In particolare si rifletterà sulla riorganizzazione delle strutture associazionistiche e alla complessa gestione dell'eredità dell'esperienza fascista: gruppi, tecnologie, personalità e nuovo strategie politiche ci raccontano una delle stagioni più complesse e controverse della storia del cinema a passo ridotto italiano.   [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480275854"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(23) "I destini di un formato" ["post_excerpt"]=> string(103) "Politiche e culture del passo ridotto nell’Italia del dopoguerra. Incontro a cura di Andrea Mariani" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "i-destini-di-un-formato-2" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=379" ["menu_order"]=> int(19) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [20]=> object(WP_Post)#20682 (24) { ["ID"]=> int(202) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:06:49" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:06:49" ["post_content"]=> string(1286) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 27 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]A dieci anni dalla scomparsa di Marcella Di Folco, Archivio Aperto celebra la sua figura con Una nobile rivoluzione, una storia di resistenza e lotta per i diritti civili che racconta la vita di una delle figure italiane più importanti del movimento LGBT degli ultimi quarant’anni. Un umano ritratto che parla di Marcella, leader del MIT (Movimento Identità Transessuale), attraverso lo sguardo e i ricordi del regista e amico Simone Cangelosi in un viaggio che da Bologna lo porta a Roma, città di provenienza della protagonista. Una vasta eterogeneità di materiali audiovisivi e sonori celebrano intimamente la grande vita di Marcella in tutta la sua complessità, mostrando i suoi lati più forti, scoperchiando delicatamente quelli più vulnerabili. Una potente storia politica e personale, di amore, generosità e ineguagliabile coraggio.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(22) "Una nobile rivoluzione" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(22) "una-nobile-rivoluzione" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=202" ["menu_order"]=> int(34) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [21]=> object(WP_Post)#20681 (24) { ["ID"]=> int(194) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 18:51:46" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 16:51:46" ["post_content"]=> string(2695) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

28 ottobre, ore 18:30 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_column_text]L’incontro ruoterà intorno a due materiali video. De Bello Irakeno (Collettivo del Videogiornale del DAMS Occupato, 1991, 17’) è un cut-up video realizzato da collettivo del Videogiornale del DAMS Occupato e sonorizzato dal laboratorio di Musica e Immagine. Ha come oggetto la riflessione sulla I Guerra del Golfo e la sua rappresentazione, concentrandosi in maniera particolare sull’overload informativo a cui si è assistito nelle prime fasi del conflitto. Nato per essere sonorizzato dal vivo al festival Unabhaengige Films di Augsburg (Germania), il video affastella immagini televisive dell’epoca, dando corpo a un détournement visivo di straordinaria efficacia.  Blue Movie (Lino Greco, Daniele Del Pozzo, 1993, 7’), invece, è una sperimentazione di found-footage in cui vecchie immagini softcore in pellicola vengono rimediate in video e commentate musicalmente dallo score elaborato da Pedro Elias. Al suo interno si affastellano immagini di corpi provenienti da un altro formato, da altre storie e da altri tempi. Nel 1993 questo lavoro partecipò all’11° Festival Internazionale Cinema Giovani, diretto da Alberto Barbera, all’interno della sezione Video Magazine.     [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480314097"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(31) "La voglia giovane, parte quinta" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(30) "la-voglia-giovane-parte-quinta" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=194" ["menu_order"]=> int(20) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [22]=> object(WP_Post)#20680 (24) { ["ID"]=> int(250) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 20:32:52" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 18:32:52" ["post_content"]=> string(2695) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 29 ottobre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_column_text]
scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un affresco di ricordi, speranze e sogni che attraversa generazioni diverse, così nasce Nella buona e nella cattiva sorte. Conversazioni con Sara che ripercorre con immagini e parole l’immaginario matrimoniale delle donne. Il documentario unisce in maniera evocativa le interviste realizzate nel 2008 da Sara Iommi a una decina di donne di età compresa tra i 20 e gli 80 anni, tutte abitanti nella zona tra Collecchio e Fornovo Taro (PR), e le immagini provenienti dai filmati amatoriali e famigliari di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia.  Da una parte, la dimensione intima di una “chiacchierata tra donne”, fra una giovane intervistatrice e le donne che un po’ schermendosi, un po’ ridendo, un po’ commuovendosi, le affidano i ricordi di un passaggio epocale delle loro vite. Dall’altra, il rito ripreso dalle cineprese amatoriali, che si vorrebbe molto preciso e cerimoniale, da cui però “scappano” volti, sguardi furtivi, complicità e desideri.   Al centro, la storia delle donne e dell’immaginario condiviso su un rito desiderato, contestato, temuto, sperato. Un intreccio di immagini e di racconti che attraversa quasi sessanta anni di storia del nostro paese, e delle donne che lo abitano.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_column_text]Nel video seguente, Lucia Tralli ed Elena Marcheschi dialogano attorno all'opera.   [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/491779108"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(33) "Nella buona e nella cattiva sorte" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(33) "nella-buona-e-nella-cattiva-sorte" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=250" ["menu_order"]=> int(24) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [23]=> object(WP_Post)#20679 (24) { ["ID"]=> int(350) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 17:38:04" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 15:38:04" ["post_content"]=> string(3100) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

30 ottobre, ore 18:30 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Incontro con Yael Perlov - montatrice, docente e produttrice - che ci parlerà del suo lavoro di montaggio per la monumentale opera del padre: Diary (1973-1983), ma anche anche del documentario come forma politica e poetica, pratica di narrazione del sé, intreccio con la letteratura e le arti.
A cura di Giulia Simi. L'incontro sarà in lingua inglese.
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Yael Perlov è un’affermata produttrice e montatrice di lungometraggi, nello specifico documentari. Tra questi: Diary, (David Perlov 1973-83), Late Marriage, (Dover Kosashvili, 2001), The Settlers (Ruth walk, 2003), A Room of Your Own – Women Writers (2003-2009) e Ben-Gurion, epilogue (2017), che riporta alla luce un'intervista perduta con uno dei più importanti politici della storia del dopoguerra. È anche direttrice artistica e co-produttrice di Jerusalem Moments (2009-2010), una serie di dieci documentari girati da palestinesi e israeliani e Coffee between Imagination and Reality (2010), una serie di cortometraggi di studenti, prodotti dall’Università di Tel Aviv. Il progetto Water, realizzato da studenti israeliani e palestinesi, ha aperto la Settimana della Critica al Festival del Cinema di Venezia nel 2012.
Dal 1994, tiene workshop e insegna montaggio presso il Dipartimento di Cinema della Facoltà di Lettere e Filosofia dell’Università di Tel Aviv. Dal 2005, Yael Perlov si occupa della conservazione e della promozione delle opere del padre.
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
On Diary Pubblicato da Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia su Venerdì 30 ottobre 2020
[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(34) "On Diary. Incontro con Yael Perlov" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(33) "on-diary-incontro-con-yael-perlov" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=350" ["menu_order"]=> int(5) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [24]=> object(WP_Post)#20678 (24) { ["ID"]=> int(204) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:03:32" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:03:32" ["post_content"]=> string(1496) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies 

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un film autoironico sulle sculture di Arnaldo Pomodoro e sull’arte come “merce”, realizzato con Francesco Leonetti e Ugo Mulas. Il film, girato in 16mm, era inizialmente destinata alle gallerie statunitensi, ma a differenza di molte pratiche di registrazione delle immagini artistiche dell’epoca il film non documenta (e nemmeno finge di mostrare) il lavoro manuale dell’artista, ma tenta di astrarne criticamente il significato. Ogni riferimento al periodo presente nel film non è quindi contenutistico, ma simbolico. Non si vedono studenti in piazza, né l'iconografia politica…. ma le colonne trionfalistiche “del potere” vengono infine “spaccate” in due sculture e l'asta di misurazione (rossa) viene infine imbracciata dall’artista come fucile.   Restauro a cura di Home Movies e Kinè in collaborazione con la Fondazione Arnaldo Pomodoro e con il contributo del MiBACT. Per la proiezione Courtesy Archivio Ugo Mulas, Milano.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(36) "Shaping Negation / La forma negativa" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(16) "shaping-negation" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=204" ["menu_order"]=> int(28) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [25]=> object(WP_Post)#20677 (24) { ["ID"]=> int(208) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:08:12" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:08:12" ["post_content"]=> string(1559) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Girato in 8mm, è considerato il primo film indipendente italiano, la risposta  underground a Prima della rivoluzione e a I pugni in tasca. L’ultimo giorno nella vita di Paul, visto attraverso il suo sguardo di ragazzo tanto furioso quanto incantato. La sua stanza, le strade della città, la splendida Mara, incontrata e amata per l’ultima volta, sfilano sulle note di Ornette Coleman, John Coltrane e Thelonious Monk. Girato da Massimo Bacigalupo nella primavera del 1966 mentre preparava l'esame di maturità, Quasi una tangente fu un’autentica rivelazione. Vincitore del primo premio al Festival di Montecatini, il film è qui presentato nella riedizione del 2018, curata da Home Movies insieme all’autore.   [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(18) "Quasi una tangente" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(18) "quasi-una-tangente" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=208" ["menu_order"]=> int(33) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [26]=> object(WP_Post)#20676 (24) { ["ID"]=> int(211) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:12:19" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:12:19" ["post_content"]=> string(1180) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un film Super8 “performativo” in cui l’artista progressivamente si appropria dell’identità del più grande rivoluzionario del XX secolo. Il complesso rapporto con l'ideologia è il tema dominante dell'arte di Fernando De Filippi per tutti gli anni '70 e, di riflesso, della sua coeva produzione filmica. L'immagine di Lenin da icona pop protagonista dei suoi dipinti diventa icona privata, quando l’artista se ne appropria, letteralmente sostituendosi ad essa. Il processo di ‘sostituzione’ immortalato nell'omonimo film è parte di un rituale irreversibile, compiuto nel tentativo di azzerare la propria identità nel nome di un ideale.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(12) "Sostituzione" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "cosa-succede-in-periferia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=211" ["menu_order"]=> int(31) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [27]=> object(WP_Post)#20675 (24) { ["ID"]=> int(216) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:24:37" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:24:37" ["post_content"]=> string(1265) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un’ode alla vita, alla luce e alle ombre, ai colori della Roma barocca, a Campo de’ Fiori, al suo mercato e ai personaggi che vi gravitano, e in particolare al Valentino del titolo, mimo di strada e suonatore di flauto, che cattura l’attenzione della cinepresa. Filmata da Castagnoli la sua compagna, la poetessa Patrizia Vicinelli. Le riprese Super8 sono magnifiche e vorticosamente montate, il Canone di Pachelbel fa da pendant musicale. L’artista Gianni Castagnoli è stato uno dei più importanti cineasti sperimentali italiani. Ancora troppo poco conosciuta è la sua produzione (tutta in Super8) che fu apprezzata soprattutto in Francia, un paese dove il cinema sperimentale è stato tradizionalmente valorizzato da case di distribuzione indipendenti e gallerie, ma anche da importanti cineteche e musei.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(14) "Valentino Moon" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(14) "valentino-moon" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=216" ["menu_order"]=> int(30) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [28]=> object(WP_Post)#20674 (24) { ["ID"]=> int(220) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:30:17" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:30:17" ["post_content"]=> string(1147) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il tema della sopraffazione nel film sperimentale (e politico) di un’artista che guarda a Dziga Vertov e alle avanguardie storiche. Strettamente legato alla coeva ricerca plastica e grafica dell’artista, questo film Super8 di Valentina Berardinone, come le altre sue pellicole dello stesso periodo, verte sull’immagine della scala intesa come “dispositivo” del potere. In Urbana la scala vomita implacabile e ordinata gli uomini-fantasmi schiacciati dalla routine cittadina. Una mano pulisce continuamente un vetro nel tentativo di “fare luce”, mentre un corteo di operai scende in sciopero per le strade.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(6) "Urbana" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(6) "urbana" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=220" ["menu_order"]=> int(29) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [29]=> object(WP_Post)#20673 (24) { ["ID"]=> int(332) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 16:29:26" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 14:29:26" ["post_content"]=> string(1355) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 31 ottobre al 20 dicembre | su MyMovies 

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una pellicola Super8 di animazione dissacratoria e coinvolgente, realizzata da uno dei massimi esponenti del cinema d’artista italiano. Protagonista del cinema d’artista italiano degli anni Settanta, ambito nel quale ha anche scritto testi critici e curato rassegne sia in Italia che all'estero, Andrea Granchi gira, tra la fine degli anni '60 e i primi '70 una serie di ironici film in Super 8. Cosa succede in periferia? è un divertissement dissacratorio realizzato a passo-uno nel quale celebri capolavori del passato vengono sovvertiti dall'intrusione di elementi della contemporaneità. Il film utilizza in animazione disegni, fotografie, sagome di presepe, ritagli da riviste e fotoromanzi, foto di dipinti e i Paesaggi per avventure (1970-71), dello stesso Granchi, come scenario di questo strano 'teatro' surrealista.        [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(26) "Cosa succede in periferia?" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "cosa-succede-in-periferia-2" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=332" ["menu_order"]=> int(28) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [30]=> object(WP_Post)#20672 (24) { ["ID"]=> int(599) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-11-19 14:56:57" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-11-19 13:56:57" ["post_content"]=> string(2014) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

1 novembre, ore 18.00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]La pellicola e il re-enactment del cinema amatoriale e sperimentale. Intervengono i curatori del progetto: Jennifer Malvezzi, Mirco Santi e Paolo Simoni. Conduce: Rossella Catanese   Stabilire quali percorsi di valorizzazione intraprendere all’interno della pratica curatoriale d’archivio contemporanea è una delle questioni maggiormente dibattute e quanto mai necessaria. Mostrare oggi i materiali della grande stagione sperimentale e d’artista italiana significa innanzitutto recuperarne il loro intrinseco carattere performativo e restituirne l’esperienza originaria: si tratta di opere che spesso venivano proiettate in un unico esemplare per le quali il pubblico - e il regista - con la sua presenza, costituiva parte essenziale di quella performance.   Proiettare queste opere in pellicola risulta essenziale non solo per trasmetterne il senso percettivo ed estetico, bensì anche tecnologico, in riferimento ad un supporto tanto dimenticato quanto fragile. Ma non solo: nel momento in cui un gruppo di persone si raccoglie in una stanza - che solitamente non è quella di un cinema - attorno a un proiettore, davanti a uno schermo, il cinema svolge a pieno la sua funzione culturale e sociale. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480663603"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(60) "La pellicola e il re-enactment
del cinema sperimentale" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(54) "la-pellicola-e-il-re-enactment-del-cinema-sperimentale" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=599" ["menu_order"]=> int(29) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [31]=> object(WP_Post)#20671 (24) { ["ID"]=> int(257) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 21:08:44" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 19:08:44" ["post_content"]=> string(1312) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

2 novembre | Cinema Lumière, Bologna, h. 21

[/vc_column_text][vc_column_text]
Proiezione annullata in linea con in dcpm del 25/10
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]In collaborazione con Visioni Italiane. Il racconto degli anni giovanili di Pier Paolo Pasolini, della sua formazione, della scoperta del paesaggio friulano, della lingua e delle tradizioni del mondo contadino, dell’impegno politico e pedagogico e dei suoi primi scandali. Un docu-film che ricostruisce da un lato il racconto biografico dell’artista, attraverso i documenti e la testimonianza di Nico Naldini, poeta e cugino di Pasolini scomparso lo scorso settembre, e dall’altro rievoca la dimensione poetica dei suoi testi attraverso una partitura visiva – quasi musicale – costruita attraverso le tante e suggestive immagini d’archivio.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(19) "In un futuro aprile" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(19) "in-un-futuro-aprile" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=257" ["menu_order"]=> int(22) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [32]=> object(WP_Post)#20670 (24) { ["ID"]=> int(254) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 20:48:38" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 18:48:38" ["post_content"]=> string(1671) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 6 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]How we live intraprende un viaggio fra reperti filmici amatoriali raccolti tra Austria, Italia, Olanda e Inghilterra, viaggiando da Boston all'Italia, dagli USA al Burgenland austriaco, dal Maryland alla Grecia, e poi Vienna, Sydney, la Svizzera. Il film impiega un'ampia varietà media-archeologica traducendola nella forma scritta della lettera: dai primi film a colori alle immagini riprese da videocamere, dai cellulari e da Skype. Le registrazioni familiari che strutturano il film sono come cartoline in movimento, che raccontano tante vite e percorsi attraverso il ventesimo secolo. Ma parlano anche del medium filmico come strumento nella vita quotidiana, alla sua funzione di superamento delle distanze che ha reso possibile la “famiglia dell'uomo” come comunità, in cui le singole biografie sono sempre più marcate dalle rotte migratorie. Il film è stato realizzato in collaborazione con Austrian Film Museum, Centre of South Asian Studies/ University of Cambridge, EYE Film Museum, Film Archive Austria, Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia, North West Film Archive at Manchester Metropolitan University. [/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(35) "How we live. Messages to the family" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(32) "how-we-live-mssage-to-the-family" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=254" ["menu_order"]=> int(23) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [33]=> object(WP_Post)#20669 (24) { ["ID"]=> int(231) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:48:54" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:48:54" ["post_content"]=> string(1175) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 13 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Da dove ripartire, se non dalla nostra memoria, per immaginare il futuro dopo questa emergenza globale? Nel periodo di isolamento causato dal Covid-19, in cui tutti siamo stati testimoni di un tempo tanto duro quanto sospeso, sette autori provano a loro modo a interrogarsi lasciandosi ispirare da questo presente fragile, guardando al passato senza nostalgia per riflettere su quello che ci è stato negato e immaginare il mondo come sarà, ovvero Le storie che saremo. Con l’invito a non realizzare nuove immagini, intime e domestiche, ma a lavorare partendo da materiali già esistenti, messi a disposizione dagli archivi dei film di famiglia, questo breve film esplicita il potenziale del cinema documentario, vicino al mondo ma lontano dall’attualità. [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Le storie che saremo" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(20) "le-storie-che-saremo" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=231" ["menu_order"]=> int(25) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [34]=> object(WP_Post)#20668 (24) { ["ID"]=> int(235) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 19:58:57" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 17:58:57" ["post_content"]=> string(2006) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 13 al 16 novembre | Disponibile su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro tra Luca Ferri e Giuseppe Previtali
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Un'esplorazione sperimentale del concetto di assenza, in un lento crescendo di tre linguaggi: musica, vecchie immagini e parole. Un signore di mezza età osserva una serie di immagini enciclopediche della creazione del cosmo, nelle quali l’essere umano è assente, se non per alcune sue opere e rovine. Addormentatosi cullato da una reclame, precipiterà in un incubo di cacciatori artici intenti ad uccidere orsi polari. Nel mentre, due brani di musica contemporanea del maestro Agazzi ed un testo riferito ad un episodio suicida realmente accaduto nella fanciullezza del regista, ci invitano a “scrivere una volta, cancellare due volte”. Presentato alla 77a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, sezione "Orizzonti".  [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Nel video seguente il regista e Giuseppe Previtali (Università degli Studi di Bergamo) dialogano attorno all'opera ripercorrendo le strutture del cinema di Luca Ferri, passate e future. Dalla diretta Facebook del 13/11. [/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480032683"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(9) "Sì / Yes" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(6) "si-yes" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=235" ["menu_order"]=> int(26) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [35]=> object(WP_Post)#20667 (24) { ["ID"]=> int(241) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 20:05:38" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 18:05:38" ["post_content"]=> string(1456) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 13 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Qualcuno inserisce una VHS in un videoregistratore. La cassetta va in play, sullo schermo compaiono immagini di ogni tipo. Le immagini sono rovinate, spesso indecifrabili. Sono i ricordi d’ infanzia di Beatrice. Come le VHS inevitabilmente rovinate dal tempo, allo stesso modo lo sono i suoi ricordi d’infanzia. Inizia così un percorso di elaborazione personale in cui rivive il rapporto con la madre malata. La ricerca è faticosa, le immagini si mischiano e si ricompongono assumendo significati del tutto nuovi. Grazie a questa dolorosa ricerca, ricostruisce la propria narrazione più intima per ritrovare ciò che aveva perduto. "Supereroi senza superpoteri" è vincitore del Premio Zavattini 2019 ed è stato selezionato alla 76a Mostra Internazionale d'Arte Cinematografica di Venezia, sezione "Orizzonti".  In collaborazione con il Premio Zavattini     [/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "Supereroi senza superpoteri" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "supereroi-senza-superpoteri" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:17" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:17" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=241" ["menu_order"]=> int(27) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [36]=> object(WP_Post)#20666 (24) { ["ID"]=> int(344) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 17:01:08" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 15:01:08" ["post_content"]=> string(1311) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

14 novembre, ore 18:00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
Scorri la pagina per vedere l'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Recycled Cinema è una  sezione dedicata a una serie di film italiani contemporanei che fanno ampio uso di archivi privati.   Incontro con gli autori e le autrici di Le storie che saremo (Daniele Atzeni, Marco Bertozzi, Claudio Casazza, Giulia Cosentino, Irene Dionisio, Martina Melilli, Matteo Zadra), la casa di produzione Ginko Film e gli archivi audiovisivi coinvolti nel progetto: 8mmezzo, Cinescatti Lab80, Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia, Paesaggi di famiglia, RI-PRESE, Superottimisti.[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/480670395"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(48) "Lavorare con gli archivi al tempo della pandemia" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(48) "lavorare-con-gli-archivi-al-tempo-della-pandemia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=344" ["menu_order"]=> int(25) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [37]=> object(WP_Post)#20665 (24) { ["ID"]=> int(324) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 11:04:55" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 09:04:55" ["post_content"]=> string(3691) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 21 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]  L’autore del film, realizzato in 9,5mm per la 3° Sezione Fotografi – Comando 8° Armata, è il sottotenente Enrico Chierici (1914- 2001), fotografo e cineamatore genovese che nell’esercito italiano prestò servizio presso il Genio Fotografi. Questa, come altre pellicole 9,5mm e 16mm che riguardano la spedizione in Russia, fa parte del Fondo Fratelli Chierici conservato dall’Archivio Nazionale del Film di Famiglia. Un film inedito, filmato e poi montato da Chierici che ha conservato la pellicola originale. Gli scenari dell’invasione, i luoghi che il convoglio attraversa, portano i segni della distruzione, ma quello scenario di guerra è ritratto anche e soprattutto nei volti e negli sguardi di soldati, prigionieri e deportati finiti sotto l’occhio della cinepresa. Le immagini, infatti, mostrano il viaggio che parte da Bologna il 9 giugno 1942 e ne documentano le tappe attraverso varie regioni e località in Austria, Germania, Polonia, Bielorussia e Ucraina.Le riprese del paesaggio e delle stazioni si alternano con scene di vita militare. La cinepresa indugia poi sui giovani prigionieri adibiti ai lavori nelle stazioni, prima di documentare l’ingresso del convoglio nella stazione di Brest-Litovsk, in Bielorussia, il 13 giugno, e l’attraversamento del fiume Bug. Durante una sosta sono riprese squadre di ragazze che lavorano lungo i binari. [/vc_column_text][vc_column_text] A Stolpce si cominciano a vedere i primi segni tragici della guerra, che seguiranno per tutto il resto del percorso, inquadratura dopo inquadratura. Il convoglio attraversa la stazione di Niegoraloje, nei pressi di Minsk, completamente distrutta. Poi le immagini dei resti di due treni, uno tedesco e l’altro russo, che saltando in aria hanno raso al suolo la stazione. Seguono inquadrature del barbiere della sezione al lavoro durante una sosta e dell’autocarro laboratorio fotografico. Il viaggio prosegue e gli scenari mutano: la campagna e i villaggi prima di Bobruisk, dove si giunge il 14 giugno. Qui un treno carico di deportati ebrei russi, uomini, donne e bambini è fermo alla stazione. Chierici li filma. Sono attraversati i fiumi Beresina e Druc: dappertutto i resti di carri ferroviari sparsi per i campi. Ancora ponti sia stradali che ferroviari abbattuti dai russi durante il ripiegamento sul fiume Dnepr, in prossimità della città di Shlobin. Il convoglio entra nella stazione di Gomel, al confine con l’Ucraina, il 14 giugno. Due aerei che sorvolano il campo di aviazione. Si passa la zona industriale: ancora carri ferroviari carichi di rottami di treni. L’ultima parte del film è girata in Ucraina: il convoglio attraversa la stazione di Merefa, a sud di Charkov, il 16 giugno, e arriva nell’area industriale di Dnepropetrovsk, il 20 giugno. Sono riprese prima le fabbriche, gli impianti industriali, i silos e i mulini per il grano, poi il mercato e la campagna circostante. Il viaggio proseguirà ancora fino a Stalino e a Makejenka dove il convoglio giunge il 22 giugno alle 20. Il viaggio da Bologna a Makejenka in Ucraina durò 15 giorni, per coprire la distanza di circa 3.500 chilometri. [/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(20) "Da Bologna a Stalino" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(20) "da-bologna-a-stalino" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=324" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [38]=> object(WP_Post)#20664 (24) { ["ID"]=> int(325) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-23 11:09:07" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-23 09:09:07" ["post_content"]=> string(1551) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 29 novembre al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Le condizioni dei lavoratori italiani in Svizzera nella pellicola di un cineasta che ha vissuto la condizione di migrante proprio nel paese elvetico, dove ha scoperto il cinema e l’impegno politico. Film a soggetto imperniato su un lavoratore italiano emigrato in Svizzera come operaio stagionale il quale, dopo la morte di sua moglie in Italia, si vede costretto di portare con in Svizzera il proprio figlio di sei anni. Questa decisione lo mette subito a confronto con il famigerato statuto dei lavoratori stagionali che vieta a questa categoria di lavoratori il ricongiungimento familiare. Con altri lavoratori stagionali inizia una lotta contro questa grave discriminazione. Girato in Super8, il film fu realizzato dal cineasta indipendente Alvaro Bizzarri, con l’aiuto della Libera Colonia Italiana di Bienne. Gian Maria Volontè fu molto colpito dal film e contribuì a realizzarne un’edizione in 16mm per favorirne la diffuse.   Il recente restauro dell'opera è stato curato della Cinémathèque suisse.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(13) "Lo stagionale" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(13) "lo-stagionale" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-08-01 18:49:52" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-08-01 16:49:52" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=325" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [39]=> object(WP_Post)#20663 (24) { ["ID"]=> int(255) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 21:00:51" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 19:00:51" ["post_content"]=> string(1533) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 4 al 20 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una selezione di archivio sonorizzata dal vivo realizzato a margine del progetto Memoryscapes, la piattaforma di Home Movies per l’accesso al cinema privato.   Il lavoro delle donne catturato dagli sguardi di cineamatrici e cineamatori nel corso del Novecento: la fabbrica, i campi, la casa, gli uffici, la scuola. Il gesto delle donne, a lungo invisibile, riemerge con la forza delle immagini private. Gesto della cura, della precisione, della gioia. Gesto di una memoria che riscrive il presente.

Le immagini sono tratte da 25 fondi filmici conservati da Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia (a eccezione del Fondo Franco Cigarini conservato alla Biblioteca Panizzi).

  Il gesto delle donne è una produzione di Home Movies – Archivio Nazionale del Film di Famiglia con il sostegno di MAST – Manifattura di Arti, Sperimentazione e Tecnologia e la collaborazione di Kinè.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(35) "Memoryscapes - Il gesto delle donne" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(70) "memoryscapes-il-gesto-delle-donne-sonorizzazione-live-di-effetto-brama" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=255" ["menu_order"]=> int(35) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [40]=> object(WP_Post)#20662 (24) { ["ID"]=> int(243) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 20:21:22" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 18:21:22" ["post_content"]=> string(1371) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dall'11 al 14 dicembre | su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Una scrittura di finzione costruita visivamente con archivi audiovisivi della Seconda guerra mondiale, provenienti dall’Archivio Nazionale del Film di Famiglia - Home Movies e dall’Istituto Luce, e appoggiandosi a fonti scritte memorialistiche. 1941, un soldato italiano parte per il fronte sovietico. L'esercito fascista è alleato di quello nazista, la vittoria appare vicina. Il convoglio procede tra i canti e le speranze. La mente del soldato torna alla malinconia delle favole raccontategli dalla madre russa. A differenza di molti giovani commilitoni, lui ha già conosciuto la guerra, in Africa, e la teme. Il treno attraversa mezza Europa, avventurandosi nello sterminato territorio ucraino. All'arrivo dell'inverno l'entusiasmo cade sotto i colpi dei primi morti, del gelo e della neve. I desideri si fanno semplici: non più la vittoria, ma un letto caldo, del cibo, tornare a casa. L'immensa steppa spazzata dalla tormenta sembra popolata da fantasmi.[/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(8) "Il Varco" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(8) "il-varco" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:16" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:16" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=243" ["menu_order"]=> int(21) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [41]=> object(WP_Post)#20661 (24) { ["ID"]=> int(635) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-11-27 14:21:26" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-11-27 13:21:26" ["post_content"]=> string(2426) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

12 dicembre, ore 15.00 | Workshop online

[/vc_column_text][vc_column_text]
in collaborazione con AIPH
[/vc_column_text][vc_column_text]
scorri la pagina per vedere il video del workshop
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il workshop, in concomitanza con lo streaming de Il varco per Archivio Aperto 2020, intende ripercorrere le tappe del processo creativo e produttivo di un film che interroga le immagini d'archivio mantenendosi in equilibrio tra esattezza storica e reinvenzione narrativa. Immagini amatoriali, testimonianze frammentarie del fascismo e della guerra, sono iscritte in un racconto in dialogo con il passato, il presente e il futuro. Il caso de Il varco offre l'occasione di riflettere sulle tecniche e le strategie di ricollocazione contemporanea delle immagini d'archivio. Interverranno il produttore di Kinè Claudio Giapponesi, il curatore dell'Archivio Home Movies Paolo Simoni e i registi Federico Ferrone e Michele Manzolini. Introduce e coordina la storica Elena Pirazzoli.   Il workshop si terrà in modalità online e a numero chiuso. Uno spazio sarà dedicato alle Q&A con i partecipanti. Gli iscritti potranno richiedere un attestato di partecipazione.   Iscrizione gratuita e obbligatoria, posti limitati - massimo 30 partecipanti. Per info e iscrizioni (entro il 9/12): homemovies.archivioaperto@gmail.com[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/491770174"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(72) "Re-writing history. Le fonti e la scrittura
de Il varco | Workshop" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(63) "re-writing-history-le-fonti-e-la-scrittura-de-il-varco-workshop" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:30" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:30" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=635" ["menu_order"]=> int(29) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [42]=> object(WP_Post)#20660 (24) { ["ID"]=> int(650) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-12-03 17:51:34" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-12-03 16:51:34" ["post_content"]=> string(2660) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

13 dicembre, ore 18:00 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_column_text]
scorri la pagina per vedere il video dell'incontro
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Il gesto delle donne - percorsi tra archivi, immagini e storia: tavola rotonda. L'incontro è un'occasione per riflettere e approfondire i temi e gli immaginari che emergono dalla selezione d'archivio Il gesto delle donne: dai cambiamenti sul piano giuridico e normativo, alle forme dell'(auto)rappresentazione del corpo femminile al lavoro; dalla porosità tra lavoro pagato e non pagato, fino all'esplorazione della cura come luogo quotidiano del pensiero, dell'azione, della pratica del lavoro delle donne.   Alla tavola rotonda, a cura di Giulia Simi (Università di Sassari) partecipano Lucia Cardone (docente di storia del cinema, fondatrice di FAScinA, Forum Annuale delle Studiose di Cinema e Audiovisivi, Università di Sassari), Vincenza Perilli (studiosa indipendente, network InteRGRace) e Alessandra Pescarolo (sociologa e storica, autrice del volume Il lavoro delle donne nell’Italia contemporanea, 2019).     – Il gesto delle donne è una selezione d’archivio sul lavoro delle donne che, a lungo invisibile, riemerge con la forza delle immagini private e d’impresa: pubblico e privato si intrecciano e disegnano la genealogia di un fare che è gesto della cura, della precisione, della condivisione, gesto di una memoria che riscrive il presente.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][vc_video link="https://vimeo.com/491770745"][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(67) "Il gesto delle donne. Percorsi tra
archivi, immagini e storia" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(59) "il-gesto-delle-donne-percorsi-tra-archivi-immagini-e-storia" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=650" ["menu_order"]=> int(35) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [43]=> object(WP_Post)#20659 (24) { ["ID"]=> int(660) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-12-17 11:40:58" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-12-17 10:40:58" ["post_content"]=> string(1878) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

20 dicembre, ore 17.30 | su Facebook Live

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Memoryscapes. Il vero cinema siamo noi   Come possono le immagini private d'archivio aiutarci a ricordare il nostro passato e a raccontare chi siamo oggi? Abbiamo posto questa domanda ad  Alessandro Vanoli, storico e scrittore, autore di emozionanti storie degli oggetti di uso quotidiano, del tempo ciclico delle stagioni, del Mediterraneo come crocevia di civiltà e di viaggi. Vanoli ci accompagnerà in un viaggio nel tempo tra le immagini e le storie che affiorano dalle memorie in pellicola. Il workshop sarà l'occasione per presentare le nuove sezioni e i contenuti 2020 di Memoryscapes. Il cinema privato online, la prima piattaforma digitale dedicata ai film di famiglia italiani.   Un progetto di Home Movies - Archivio Nazionale del Film di Famiglia realizzato con il contributo di Regione Emilia-Romagna e MiBACT.
  In collaborazione con Kilowatt.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(44) "Memoryscapes. Il vero cinema
siamo noi" ["post_excerpt"]=> string(0) "" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(37) "memoryscapes-il-vero-cinema-siamo-noi" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:31" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:31" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=660" ["menu_order"]=> int(35) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } [44]=> object(WP_Post)#20658 (24) { ["ID"]=> int(830) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2021-09-08 16:13:52" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2021-09-08 14:13:52" ["post_content"]=> string(3474) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][/vc_column][/vc_row][vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Giovedì 16 settembre, 20h00 | Serre dei Giardini margherita, B
Dal 16 settembre al 7 novembre | online su MyMovies
[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]
Tre film concepiti e lasciati senza sonoro da Maya Deren (At Land, 1944; A Study in Choreography for Camera, 1945; Ritual in Transfigured Time, 1946) offrono l’occasione per le due musiciste Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume) di creare un dialogo con Deren attraverso synth, batteria e voce.
    Un progetto per Archivio Aperto nato per rispondere a una interrogativo per la curatela: quanto attenersi alla filologia e quanto spingersi verso il terreno della sperimentazione che Deren stessa ispira con la sua opera?   L’idea della scelta che abbiamo fatto dopo esserci confrontati con Pip Chodorov e Tavia Ito, è che una cosa non escluda l’altra - basta dichiararne le intenzioni - perchè anche se l’opera di Deren si rompesse come uno specchio in mille pezzi non finiremmo mai di specchiarci nei suoi frammenti.   E le intenzioni di Francesca Bono sono chiare: “Ho capito quasi subito cosa volevo realizzare, mi sono bastati pochi fotogrammi, ho immediatamente preso degli appunti sonori e pensato che la mia amica Vittoria Burattini sarebbe stata una perfetta "partner in crime" per creare un suono onirico e surreale. Abbiamo confidenza e c'è stima reciproca. Volevo cioè rendere omaggio a Deren, artista straordinaria che ha ispirato alcuni dei miei registi preferiti, insieme a un'altra musicista che ammiro e con cui condivido un certo tipo di poetica. Cercavo un sabba sensoriale, un'immersione nell'ossessivo. Volevo che fosse chiaro un messaggio: Donne che creano.”         Francesca Bono e Vittoria Burattini  
    La prenotazione è gratuita e obbligatoria. Acquista il tuo biglietto nei circuiti EventbritePer accedere all’incontro è necessario esibire la certificazione verde Covid-19.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(26) "SOUND IN TRANSFIGURED TIME" ["post_excerpt"]=> string(177) "La sonorizzazione live di At Land, A Study in Choreography for Camera e Ritual in Transfigured Time a cura di Francesca Bono (Ofeliadorme) e Vittoria Burattini (Massimo Volume)." ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(25) "sound-in-transigured-time" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-10-25 13:42:46" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-10-25 11:42:46" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(66) "https://www.archivioaperto.it/?post_type=portfolio_page&p=830" ["menu_order"]=> int(2) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } } ["post_count"]=> int(45) ["current_post"]=> int(-1) ["in_the_loop"]=> bool(false) ["post"]=> object(WP_Post)#20702 (24) { ["ID"]=> int(162) ["post_author"]=> string(1) "1" ["post_date"]=> string(19) "2020-10-22 17:50:16" ["post_date_gmt"]=> string(19) "2020-10-22 15:50:16" ["post_content"]=> string(1782) "[vc_row row_type="row" use_row_as_full_screen_section="no" type="full_width" text_align="left" background_animation="none" css_animation=""][vc_column][rev_slider slidertitle="Evento 01" alias="evento-01"][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]

Dal 24 ottobre al 20 dicembre | Su Mymovies

[/vc_column_text][vc_empty_space height="50px"][vc_column_text]Sobborghi di New York, metà anni ‘60. Rob Niosi e i suoi amici non sono neppure adolescenti quando iniziano a filmare per gioco con le cineprese casalinghe rubate in famiglia, sperimentando a più non posso i generi cinematografici - l’horror, lo splatter, la fantascienza - e le tecniche di animazione, i trucchi, le riprese dal basso e gli effetti speciali. Crescendo, il gioco diventa più serio e il loro stile irriverente se non ribelle. Più tardi, alcuni di loro diventeranno artisti: Niosi lavorerà nel cinema d’animazione, nella pubblicità e nei videoclip (con Peter Gabriel). L’ossessione di Niosi per H.G. Wells è rimasta intatta da quando era ragazzino: già evidente nell’animazione con plastilina di The shape of the things to come che dà il titolo alla selezione, si è concretizzata nel progetto lungo una vita: la costruzione di una Time Machine che ricalca fedelmente quella vista nel film di fantascienza del ‘60. Questa compilation, tracciando l’evoluzione del percorso di Niosi&friends fino al 1970 circa, presenta spezzoni, prove, estratti, pellicole incompiute e due perle integrali: “The History of the American Negro”, la storia dei neri dallo schiavismo a Malcolm X attraverso foto animate, e “Empire”, irriverente e ribelle nei confronti di un simbolo del potere americano.[/vc_column_text][vc_column_text][/vc_column_text][/vc_column][/vc_row]" ["post_title"]=> string(27) "The shape of things to come" ["post_excerpt"]=> string(19) "riassunto evento #1" ["post_status"]=> string(7) "publish" ["comment_status"]=> string(6) "closed" ["ping_status"]=> string(6) "closed" ["post_password"]=> string(0) "" ["post_name"]=> string(27) "the-shape-of-things-to-come" ["to_ping"]=> string(0) "" ["pinged"]=> string(0) "" ["post_modified"]=> string(19) "2021-07-21 10:34:15" ["post_modified_gmt"]=> string(19) "2021-07-21 08:34:15" ["post_content_filtered"]=> string(0) "" ["post_parent"]=> int(0) ["guid"]=> string(73) "https://archivioaperto.rogertango.it/?post_type=portfolio_page&p=162" ["menu_order"]=> int(0) ["post_type"]=> string(14) "portfolio_page" ["post_mime_type"]=> string(0) "" ["comment_count"]=> string(1) "0" ["filter"]=> string(3) "raw" } ["comment_count"]=> int(0) ["current_comment"]=> int(-1) ["found_posts"]=> int(45) ["max_num_pages"]=> int(0) ["max_num_comment_pages"]=> int(0) ["is_single"]=> bool(false) ["is_preview"]=> bool(false) ["is_page"]=> bool(false) ["is_archive"]=> bool(true) ["is_date"]=> bool(false) ["is_year"]=> bool(false) ["is_month"]=> bool(false) ["is_day"]=> bool(false) ["is_time"]=> bool(false) ["is_author"]=> bool(false) ["is_category"]=> bool(false) ["is_tag"]=> bool(false) ["is_tax"]=> bool(false) ["is_search"]=> bool(false) ["is_feed"]=> bool(false) ["is_comment_feed"]=> bool(false) ["is_trackback"]=> bool(false) ["is_home"]=> bool(false) ["is_privacy_policy"]=> bool(false) ["is_404"]=> bool(false) ["is_embed"]=> bool(false) ["is_paged"]=> bool(false) ["is_admin"]=> bool(false) ["is_attachment"]=> bool(false) ["is_singular"]=> bool(false) ["is_robots"]=> bool(false) ["is_favicon"]=> bool(false) ["is_posts_page"]=> bool(false) ["is_post_type_archive"]=> bool(true) ["query_vars_hash":"WP_Query":private]=> string(32) "ae23b537c4e60e78e8aceb58b1736461" ["query_vars_changed":"WP_Query":private]=> bool(true) ["thumbnails_cached"]=> bool(false) ["stopwords":"WP_Query":private]=> NULL ["compat_fields":"WP_Query":private]=> array(2) { [0]=> string(15) "query_vars_hash" [1]=> string(18) "query_vars_changed" } ["compat_methods":"WP_Query":private]=> array(2) { [0]=> string(16) "init_query_flags" [1]=> string(15) "parse_tax_query" } ["tribe_is_event"]=> bool(false) ["tribe_is_multi_posttype"]=> bool(false) ["tribe_is_event_category"]=> bool(false) ["tribe_is_event_venue"]=> bool(false) ["tribe_is_event_organizer"]=> bool(false) ["tribe_is_event_query"]=> bool(false) ["tribe_is_past"]=> bool(false) } ["slug_list_"]=> string(20) "pretty_photo_gallery" ["title"]=> string(26) "SOUND IN TRANSFIGURED TIME" ["item_classes"]=> array(1) { [0]=> string(22) "portfolio_category_137" } }